Aeroporto di Comiso, necessaria immissione di liquidità
Lug17

Aeroporto di Comiso, necessaria immissione di liquidità

“Serve una immissione di liquidità per operare nell’immediato futuro”, lo ha dichiarato al Giornale di Sicilia Giorgio Cappello, amministratore delegato della Soaco, la società di gestione aeroportuale dell’aeroporto di Comiso. Una necessaria immissione di liquidità per l’attuazione del piano industriale della società ma anche per la copertura delle perdite degli anni scorsi, ben 9,3 milioni di euro, a cui è da ggiungere anche la perdita dell’esercizio 2016 pari a 2,9 mln di euro. “Un quadro drammatico”, denuncia il deputato regionale Giorgio Assenza il quale svela anche la richiesta da parte dell’Enav di chiarimenti relativamente ai costi per i controllori di volo pari a circa un milione di euro. Non migliorerà la situazione anche per il 2017 dato che è lo stesso piano industriale a prevedere una ulteriore perdita. Nessun incremento di voli vi è stato finora e i costi fissi  sono rimasti invariati. Il pino industriale prevede un incremento di passeggeri del 20% l’anno per portarsi, ma nel 2020, a 875.000...

Leggi tutto
L’agroalimentare e le nuove tecnologie a Blue Sea Land 2017
Lug13

L’agroalimentare e le nuove tecnologie a Blue Sea Land 2017

Fervono i preparativi per la VI edizione, dal 28 settembre al 1 ottobre, di Blue Sea Land, l’Expo dei Cluster produttivi dei Paesi del Mediterraneo, dell’Africa e del Medioriente. Sono infatti numerose le aziende agro-ittico-alimentari italiane, ed in particolare siciliane, che hanno confermato la loro presenza all’interno dello villaggio espositivo che anche quest’anno verrà allestito lungo il dedalo di vicoli del centro storico di Mazara del Vallo, la cosiddetta casbah che da centinaia di anni è simbolo dell’incontro di popoli e culture. Gli espositori potranno far conoscere ai visitatori provenienti da tutte le parti del mondo i prodotti e le pietanze tipiche, far gustare le eccellenze, dai prodotti ittici, ai migliori vini e prodotti della terra di Sicilia e non solo. Il tema di Blue Sea Land 2017 è: “Green e Blue Economy: i Distretti Produttivi nell’Economia Circolare”. Pertanto troveranno spazio realtà imprenditoriali impegnate nello sviluppo di processi di rigenerazione delle risorse in termini di sostenibilità ambientale e innovazione produttiva e volti alla crescita occupazionale, alla garanzia della sicurezza alimentare e alla lotta contro gli sprechi. Blue Sea Land promuove lo strumento del Cluster, laboratori di eccellenze che rappresentano l’economia reale dei territori, un modello virtuoso di fare sistema. In parallelo all’Expo si terranno delle sessioni di incontri B2B e C2C con i buyers provenienti dagli oltre 50 Paesi partecipanti alla manifestazione. I visitatori inoltre potranno partecipare a incontri scientifici, dibattiti promossi da Enti, Istituzioni ed Organizzazioni, grandi eventi e spettacoli interculturali. Ricordiamo infine i numeri della precedente edizione di Blue Sea Land: oltre 100.000 visitatori, 1.500 incontri B2B, 350 imprese, oltre 50 delegazioni internazionali. Nel corso della manifestazione è stato realizzato il Guinness dei Primati per la “cubbaita” (dolce tipico mediterraneo) più lunga del mondo: 789,30 metri. Per tutto ciò Blue Sea Land ha ricevuto il prestigioso riconoscimento, la Targa del Presidente della Repubblica...

Leggi tutto
Sportelli bancomat nelle adv grazie alla convenzione Assoviaggi-Euronet
Lug12

Sportelli bancomat nelle adv grazie alla convenzione Assoviaggi-Euronet

Ora i contanti si potranno prelevare anche in agenzia di viaggi. Grazie alla nuova convenzione tra Assoviaggi ed Euronet, si potrà infatti usufruire di un servizio innovativo di prelievo di denaro contante presso le agenzie di viaggi aderenti all’accordo. “Per la prima volta in Italia – sottolinea il presidente di Assoviaggi Confesercenti Gianni Rebecchi – si introduce per le agenzie di viaggi un servizio nuovo e gratuito su tutto il territorio nazionale: le strutture potranno ospitare una macchina ATM offrendo, così, la disponibilità ai propri clienti ed ai turisti di prelevare contante in tutta sicurezza e comodità, con carte di credito e circuiti paralleli”. Euronet società bancaria quotata in borsa, leader mondiale nella gestione delle transazioni finanziarie elettroniche, con 20 anni di esperienza e una rete di circa 9.000 sportelli automatici in Europa e 21.000 sportelli automatici in tutto il mondo, ha una rete indipendente di ATM Euronet e fornisce servizi end-to-end, grazie alla sua piattaforma innovativa e all’avanguardia con standard di funzionamento di eccellenza. “Euronet – conclude il presidente di Assoviaggi – si farà carico di tutte le spese di gestione, compresi rifornimento, installazione, manutenzione e sicurezza degli ATM presso le agenzie che li ospitano, riconoscendo un corrispettivo vantaggio economico mensile per l’occupazione dello spazio e favorendo la visibilità e frequentazione, specialmente se l’agenzia si trova in una zona turistica: gli sportelli delle agenzie viaggi verranno, infatti, indicati da apposita segnaletica ed inseriti in Google Maps, consentendo a clienti e turisti di individuarli e raggiungerli facilmente attraverso la geolocalizzazione. Il cash point in agenzia agevolerà, inoltre, i pagamenti in contanti in tutta sicurezza, riducendo tempi e spese. L’agenzia, infine, avrà l’opportunità di utilizzarlo per fare pubblicità e promozioni tramite lo schermo o lo scontrino a colori rilasciato all’utente”. Per maggiori informazioni sul servizio e per richiedere l’installazione di un cash point Euronet ATM nella propria agenzia di viaggi visitare il...

Leggi tutto
Il consorzio turistico del Centro Sicilia inizia a prendere forma
Giu29

Il consorzio turistico del Centro Sicilia inizia a prendere forma

Il consorzio turistico del Centro Sicilia inizia a prendere forma, il  territorio del centro Sicilia le sue strutture ricettive B&B e alberghi assieme alla Uno@Uno, KaraSicilia, OmniaTurist, Pro Loco di Caltanissetta, ALFA Ricerche & Sviluppo, Confesercenti ed altre associazioni sta per diventare realtà. La scommessa era quella di far conoscere e valorizzare territori spesso fuori dai  tradizionali circuiti turistici, come la Sicilia centrale, utilizzando linguaggi e strumenti non convenzionali, ma di grande familiarità per tutti noi, e raggiungere il sold out nelle strutture turistiche, sold out raggiunto e consolidato grazie a Taste&win. Il collante che appunto ha messo assieme le strutture e gli organizzatori  del centro Sicilia è l’evento concorso “Taste&Win” lanciato dalla Uno@uno in occasione dell’esposizione della vara  de “L’ultima cena” del Biangardi nell’area del Cluster Biomediterraneo per la settimana conclusiva a Expo 2015.  I visitatori che avessero scattato un selfie dinanzi alla vara,  postandolo poi sulla pagina Facebook di Taste & Win, avrebbero partecipato all’estrazione di alcuni soggiorni premio in Sicilia. Diversi gruppi di persone,  tra italiani e stranieri,  hanno quindi potuto vincere e godere di vacanze premio che hanno offerto loro l’occasione di conoscere l’isola durante le suggestive celebrazioni della Settimana santa  o  nel pieno dell’estate.  La partecipazione è stata intensa, tanto da far conseguire il primo obiettivo, raggiungere i potenziali visitatori  “u n o ad u n o”, per citare la metodologia di comunicazione che sta alla base del format. Il centro Sicilia, le sue peculiarità, le sue bellezze, il suo passato storico possono diventare oggetto di iniziative culturali volte a veicolare la conoscenza di questo territorio da sempre trascurato dagli itinerari turistici convenzionali. La rete di operatori turistici del centro Sicilia  già operante da alcuni mesi, dopo aver partecipato alla  Bit di Milano,  è al lavoro per la realizzazione di iniziative volte a valorizzare il grande patrimonio dell’entroterra isolano.  In quest’ottica si pone l’incontro, tenutosi a Piazza Armerina, con i rappresentanti delle manifestazioni...

Leggi tutto
Sicilia Convention Bureau: nuovi soci e nuovo logo
Giu16

Sicilia Convention Bureau: nuovi soci e nuovo logo

Sono stati presentati a Palermo i ventuno operatori del settore turistico e congressuale siciliano che hanno siglato lo scorso 30 gennaio il passaggio delle quote del Bureau da parte di Unicredit, rimasto primo socio. A fianco del colosso bancario: Orazio Calabretta, Exposistem Allestimenti; Francesco Cancaro, Team Eventi; Roberto Celli, Beni Culturali; Giovanni Di Giovanni, Gruppo Alberghiero Costa degli Ulivi; Gianpaolo Galipo’, Saistours; Ornella Laneri, Fondazione Mediterraneo Antico; Daniele Murabito, Castello San Marco; Giuseppe Pagano, Travelcaf; Antonio Perdichizzi, Tree; Liliana Piccirillo, Studio Exedra; Sebastiano Russotti, Russottfinance; Nico Torrisi, Grand Hotel Baia Verde; Fabio Vajana, Servizitalia; il Verdura Resort di Sciacca; Salvo Zappala’, Saracen Sands Resort & Congress Center; e Mario Faro, Radicepura, che fara’ ingresso a breve rilevando parte delle quote rimaste a Unicredit. A questi, ciascuno con quote entro il 5%, si aggiungono i cinque membri eletti per il nuovo Consiglio di Amministrazione. Oltre allo stesso Presidente Tumminello, compongono il CdA: Laura Lo Mascolo, Interlude Hotels & Resorts; Alessia Milella, Biba Congressi; Barbara Mirabella, EXPO; Giuseppe Sezzi, Grand Hotel Villa Itria. In media sono stati 130 gli operatori del settore turistico-congressuale affiliati al Bureau nei sette anni di attivita’. Per il presidente, Vincenzo Tumminello, “a poco piu’ di 4 mesi dalla trasformazione societaria, grazie al coordinamento di Daniela Marino, Direttore Operativo del Bureau, e al lavoro dell’instancabile team, abbiamo portato avanti numerose iniziative di promozione del territorio. Tra le altre, il supporto organizzativo di due educational tour con il mercato russo, la partecipazione a workshop MICE insieme ad ENIT e il Convention Bureau Italia con il mercato corporate e associativo USA per intercettare nuova domanda, il supporto dato ad eventi fieristici di valorizzazione delle tipicita’ nostrane e l’ampliamento dello spettro d’azione che ci vede oggi sempre piu’ aperti ai comparti dell’enogastronomia e del wedding, consapevoli che aprirsi a nuovi turismi non potra’ che accrescere il ritorno economico e d’immagine della Sicilia”. In occasione della conferenza stampa di stamattina e’ stato presentato anche il nuovo logo del Sicilia Convention Bureau che ha come elemento distintivo una trinacria stilizzata....

Leggi tutto
Agriturismi al mare +30% le richieste
Giu15

Agriturismi al mare +30% le richieste

(askanews) – Il settore degli agriturismi sta vivendo un forte momento di crescita, grazie alla destagionalizzazione delle strutture che non sono più considerate appetibili solo in primavera ma che vengono sfruttate anche in estate. Sono moltissimi gli agriturismi italiani vicini al mare: secondo uno studio di Agriturismo.it partner di Casevacanza.it, e leader del settore, rispetto allo scorso anno le strutture agrituristiche a pochi passi dalla spiaggia hanno registrato un boom della domanda pari al 30%, segno che i turisti in estate non rinunciano al mare, ma nemmeno a un alloggio a contatto con la natura. L’analisi ha preso in considerazione le strutture che distano al massimo 1,8 chilometri da una spiaggia, raggiungibile quindi in bicicletta o con una camminata di circa quindici minuti. La domanda arriva sempre più anche dagli stranieri: mediamente si rileva un +7% di richieste provenienti dall’estero. In particolare, confrontando il volume delle richieste con quello del 2016, si è registrato un +15,08% dagli Stati Uniti, seguiti dagli svizzeri (+8,11%) e dai tedeschi (+5,91%). Questi ultimi, in particolare, si stanno sempre più concentrando sulla Sardegna, dove la domanda di agriturismi da parte di chi arriva dalla Germania è cresciuta dell’11,08% nell’ultimo anno. Guardando alla distribuzione degli agriturismi a un passo dal mare sul territorio italiano, si scopre che il 18,27% delle strutture che si danno visibilità online si trova in Puglia. La seconda regione con il maggior numero di agriturismi sul mare è la Liguria, con il 16,35% delle strutture, seguita dalla Calabria (11,54%), pronta a fronteggiare l’aumento delle visite dopo essere stata nominata dal New York Times meta imperdibile per l’estate 2017. Oltre il 20% delle strutture a un passo dalla spiaggia si trova equamente distribuito tra le Marche e la...

Leggi tutto
Venerdì nero per i trasporti. Stop bus, metro, treni e aerei
Giu15

Venerdì nero per i trasporti. Stop bus, metro, treni e aerei

(askanews) – Rischio paralisi, domani, per i trasporti. I sindacati di base e il Sul hanno proclamato uno stop generale “a difesa del diritto di sciopero e contro le privatizzazioni e liberalizzazioni del settore”, per l’intera giornata: si preannuncia un venerdì nero, dunque, per chi deve viaggiare in treno ed aereo e per chi si sposta con metro, tram ed autobus. TRENI. Disagi per chi utilizza il trasporto ferroviario dalle 21.00 di giovedì 15 giugno alle 21.00 di venerdì 16 giugno. Fanno eccezione le regioni Piemonte e Valle d’Aosta. Trenitalia ha fatto sapere che le Frecce circoleranno regolarmente. AEREI. Lo sciopero riguarda tutti i lavoratori del comparto aereo ed aeroportuale per 24 ore; il personale navigante gruppo Alitalia-Sai, per quattro ore, dalle 10 alle 14; il personale navigante e di terra delle compagnie aeree operanti in Italia, dalle 10 a mezzanotte. Alitalia ha attivato un piano per limitare i disagi e riproteggere sui primi voli disponibili il maggior numero di passeggeri coinvolti dalle cancellazioni. La Compagnia è stata costretta a cancellare diversi voli nazionali e internazionali programmati per la giornata di venerdì 16 giugno, oltre ad alcuni collegamenti nella mattina del 17 giugno. Opereranno regolarmente invece i voli in programma nelle fasce di garanzia: dalle 7.00 alle 10.00 e dalle 18.00 alle 21.00. TRASPORTO LOCALE. Difficile muoversi in città con i mezzi pubblici. A Roma le agitazioni interesseranno sia la rete Atac ( bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Viterbo e Termini-Centocelle) che le linee periferiche gestite dalla Roma Tpl. Per quanto riguarda lo sciopero di 24 ore saranno in vigore le fasce di garanzia: servizio regolare fino alle 8.30 e dalle 17.00 alle 20.00. L’agitazione di 4 ore, invece, sarà dalle 11.00 alle 15.00. A Milano l’agitazione è prevista dalle 8.45 alle 15.00 e dalle 18.00 al termine del...

Leggi tutto
Da domani la rivoluzione del roaming in UE, addio agli extracosti telefonic
Giu14

Da domani la rivoluzione del roaming in UE, addio agli extracosti telefonic

Scatta il conto alla rovescia: con l’arrivo dell’estate e delle vacanze, ha i giorni contati il roaming a pagamento. Da giovedì chiamate, sms e dati costeranno all’estero come a casa per chi viaggia nell’Ue. E’ l’avvio della “rivoluzione digitale” spinta dalla Commissione europea e sostenuta dall’Europarlamento che ora, dopo anni di battaglie e ritardi, arriva finalmente a compimento. Pochissime le “eccezioni” previste, con alcuni accorgimenti per evitare di danneggiare i piccoli operatori virtuali e prevenire gli abusi come il roaming permanente. Dal 15 giugno telefonare, inviare sms e navigare su internet da uno qualsiasi dei 28 Paesi Ue (più, a seguire, Norvegia, Liechtenstein e Islanda, ma attenzione, non in Svizzera) avverrà allo stesso prezzo che nel proprio, in base al piano tariffario o al costo previsto dalla scheda prepagata. E, come tale, l’intero traffico verrà contabilizzato come nazionale, quindi scalato dal proprio forfait o credito. Non ci sono limiti temporali, ma per evitare abusi come l’utilizzo di una sim straniera economica in modo permanente in un Paese dove i prezzi sono superiori, possono scattare controlli a partire almeno dal quarto mese in cui i consumi avvengono solo all’estero. L’operatore dovrà avvertire il cliente, che avrà due settimane di tempo per fornire chiarimenti. Scatterà altrimenti l’applicazione di un sovraccosto minimo, pari al costo all’ingrosso che gli operatori pagano tra di loro per la fornitura dei servizi di roaming: 3,2 centesimi al minuto per le chiamate, 1 centesimo per gli sms e 7,7 euro per giga di dati. Quest’ultimo sovraccosto diminuirà progressivamente sino a 2,5 euro nel 2022. Si tratta in ogni caso di un taglio drastico rispetto agli extracosti attuali, pari a 6,5 volte in meno per i dati (e 26 volte più basso rispetto al 2015). Questi sovraccosti potrebbero essere di applicazione anche per alcuni abbonamenti illimitati per i dati a basso costo (meno di 3,85 euro a giga nel 2017), come avviene con alcuni piccoli operatori virtuali: in tal caso, solo una parte di giga è inclusa nel roaming gratuito, pari ad almeno il doppio del volume ottenuto dividendo per 7,7 euro il prezzo del pacchetto di servizi mobili Iva esclusa. Nessun problema, invece, per i lavoratori transfrontalieri: basta un aggancio al giorno alla cella del proprio operatore nazionale perché non venga considerato roaming. Per chi ha già piani tariffari od opzioni che includono il roaming, l’operatore deve chiedere conferma o meno all’utente se intende mantenerli dopo il 15 giugno. In ogni caso, al di là di queste limitate eccezioni, le nuove regole Ue coprono quasi tutti i casi di viaggi in Ue – lavoro, vacanza, studio – dei cittadini europei e soprattutto italiani (appena 2,2 giorni all’estero...

Leggi tutto
Truffa: sequestrato villaggio turistico a Capo Passero
Giu13

Truffa: sequestrato villaggio turistico a Capo Passero

Un’area di circa 33 mila metri quadrati, sulla quale e’ in corso di realizzazione un villaggio turistico composto da 52 villette, e’ stata sottoposta a sequestro dalla Guardia di Finanza di Siracusa, su disposizione della locale Procura. Indagati per truffa e violazioni del Testo unico per l’edilizia M.G. e T.F. che, nella loro qualita’ di procuratori della societa’ Capopassero srl, con sede a Palermo, per ottenere la concessione edilizia per la realizzazione del progetto, secondo quanto reso noto dagli investigatori, avrebbero tratto in “inganno” il Comune di Portopalo di Capo Passero, in provincia di Siracusa, presentando una polizza fideiussoria falsa. Le indagini sono coordinate dal procuratore Francesco Paolo Giordano, e dirette dai sostituti Tommaso Pagano e Salvatore Grillo. Il sequestro, disposto dal gip Michele Consiglio, e’ scattato al termine di una complessa e delicata attivita’ d’indagine svolta dalle Fiamme gialle, consistente nell’esame di documenti e nell’assunzione di sommarie informazioni da persone informate sui fatti. Il documento, oltre a non essere valido, secondo quanto accertato dalla Guardia di finanza, sarebbe stato emesso presumibilmente da una societa’ finanziaria operante su tutto il territorio nazionale, a sua volta cancellata dall’elenco degli intermediari finanziari della Banca d’Italia e gia’ finita, nel corso dell’anno 2016, nella rete dei controlli della Guardia di Finanza di Milano, con un’operazione che ha portato all’arresto di 15 persone. La polizza fideiussoria e’ stata analizzata dai militari della Tenenza Noto con l’ausilio di una perizia calligrafica sulle firme che ha permesso di accertare la non genuinita’ del documento. Lo stesso documento sarebbe stato utilizzato dai rappresentanti della societa’ costruttrice del complesso immobiliare al fine di “garantire” il Comune per un importo di oltre 500 mila euro, che l’Ente avrebbe potuto richiedere a seguito di inadempienze o danni arrecati dalla societa’ proprietaria dell’area nel corso della realizzazione delle opere edilizie autorizzate....

Leggi tutto
Cdp acquisisce 5 resort turistici, investimento di 92 milioni
Giu05

Cdp acquisisce 5 resort turistici, investimento di 92 milioni

(askanews) – La Cdp acquisisce cinque resort turistici, con un investimento di 92 milioni di euro. Lo comunica la Cassa depositi e prestiti, sottolineando che “prosegue la missione di promozione e supporto dello sviluppo del paese nel quadro del piano industriale 2020, approvando tre importanti operazioni per il sostegno del settore turistico, con particolare attenzione al Mezzogiorno”. La Cassa ha acquisito cinque resort “in primarie località turistiche italiane, per un investimento totale pari a 92 milioni avviando l’operatività del Fit (Fondo investimenti per il turismo gestito da Cdp Investimenti Sgr)” e ha aumentato di altri 150 milioni “la dotazione di questo fondo per future iniziative”. Inoltre, “ha promosso due progetti di valorizzazione che prevedono la trasformazione in hotel dell’ex ospedale a mare al Lido di Venezia e dell’ex-colonia marina di Celle Ligure”. “La dimensione dei gruppi alberghieri italiani – sottolinea l’amministratore delegato Fabio Gallia – ha ancora potenzialità di crescita se paragonata a quella dei grandi gruppi internazionali. Con questa iniziativa promuoviamo un’evoluzione del modello d’impresa del settore attraverso la separazione della proprietà immobiliare dalla gestione, per liberare risorse creando al contempo dei veicoli capaci di attrarre ulteriori capitali sul mercato da impiegare in nuovi...

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com