Confartigianato, nasce categoria turismo
Nov23

Confartigianato, nasce categoria turismo

Agenzia di viaggio, bed & breakfast, ditte che si occupano dell’installazione di luci, maxi schermi e luminarie. Ma anche ristoranti, emittenti radiofoniche, organizzatori di eventi e giovani designer. Sono soltanto alcuni degli iscritti nella nuova categoria “Turismo e Spettacolo” di Confartigianato Palermo. A dare il benvenuto ai nuovi iscritti nei locali di via Emerico Amari, il presidente Giuseppe Pezzati e i vice Paolo Giusino e Matteo Pezzino. “Si tratta di una nota di colore all’interno della nostra associazione – dice Pezzati – di un settore altamente operativo che in Confartigianato porta ulteriori talenti. Il contributo artistico-culturale e’ fondamentale e sara’ inserito in un contesto in cui potra’ dialogare con tutti gli altri settori”. “La nuova categoria – aggiunge Paolo Giusino – dispone di un capitale umano che da’ vita ai mestieri culturali. Accanto alla figura dell’artista e dell’artigiano, infatti, sono oggi necessarie quelle innovative, che noi accogliamo con grande piacere. Il presidente e’ Davide Morici, che si occupa di eventi, Laura Arcilesi, titolare di un’agenzia di viaggi, e’ la sua vice: con il loro team hanno gia’ mostrato un grande entusiasmo nei confronti del ricco programma che verra’ svolto nel 2018. Siamo orgogliosi – conclude Giusino – di intraprendere questo cammino dando il via all’Artigianato culturale palermitano, che punta a qualita’, integrazione e cultura sotto il patrocinio di Confartigianato Imprese Palermo”....

Leggi tutto
“Giornate dell’economia”. Turismo siciliano come tela di Penelope, si disfa in inverno ciò che si fa in estate
Nov22

“Giornate dell’economia”. Turismo siciliano come tela di Penelope, si disfa in inverno ciò che si fa in estate

Nemico numero uno: la stagionalità e le vittorie di Pirro nel breve termine dei picchi stagionali estivi. “Il turismo come ‘volano’ dello sviluppo regionale: dalle aspettative alle politiche. A che punto siamo?” è stato il tema della sessione organizzata dall’Università degli studi di Palermo nell’ambito delle Giornate dell’economia del Mezzogiorno, sul quale si sono confrontati nel pomeriggio, nella facoltà di Giurisprudenza di Palermo, Antonio Purpura, componente del Comitato scientifico delle Giornate dell’Economia e docente all’Università di Palermo, Giuseppe Mistretta, amministratore delegato Gesap, Marco Migliore  dell’Università di Palermo, Aurelio Angelini,  direttore della Fondazione Unesco-Sicilia, Giovanni Ruggeri, presidente OTIE – Osservatorio sul Turismo delle Isole Europee, Nicola Farruggio, vicepresidente Federalberghi Sicilia, e Toti Piscopo, direttore editoriale di Travelnostop.com il portale del turismo. “Facciamo il punto sul tema centrale del ruolo del turismo, al di là delle abusate enunciazioni di principio – ha introdotto il professore Antonio Purpura -. Il percorso stenta a consolidarsi ed il titolo è volutamente ironico. Non si fa del turismo un pezzo del modello di crescita della Sicilia se non si smette di ragionare sui picchi di stagionalità. La forza del turismo va promossa e valutata nell’arco dell’intero anno. Solo la continuità produttiva e la domanda adeguata garantisce stabilità occupazionale e produttiva. Le attività dedicate nel periodo estivo, devono essere modulate diversamente negli altri periodi dell’anno. Bisogna puntare su flessibilità ed elasticità.  Non si destagionalizza se non con politiche integrate e tutto questo non è stato fatto. Fuori dal periodo estivo – ha aggiunto Purpura – dobbiamo ragionare sul turismo culturale. Sui siti Unesco materiali e immateriali ci giochiamo gran parte della partita. La stagionalità crea inefficienza di sistema e problemi di gestione anche nelle infrastrutture più importanti, come gli aeroporti”. Giovanni Ruggeri ha illustrato alcuni dati: “La Sicilia – ha detto – soffre ancora di curve accentuatissime e di picchi notevoli di stagionalità. Significa perdere in inverno ciò che si è raggranellato in estate. Come stanno le altre isole? Meglio, molto spesso. Creta è riuscita ad aprire un’ampia finestra fra aprile e giugno, ma il caso più eclatante sono le Canarie. Non sono isole tropicali, fredde anche in inverno, hanno creato nuovi prodotti e si sono aperte su nuovi mercati fra novembre e marzo. In quel periodo – ha spiegato Ruggeri – gli alberghi siciliani si svuotano fino al 5/6% dei posti letto occupati. Alle Baleari sotto il 45% gli alberghi chiudono. Non si destagionalizza senza un programma regionale di individuazione di nuovi prodotti che privilegi il turismo culturale fuori dai picchi del turismo balneari e di nuovi mercati, cioè nuovi target. Un risultato impossibile da raggiungere senza la creazione di nuovi posti in aereo, con nuove tratte low-cost e più voli”. Per...

Leggi tutto
Turismo, giovani più propensi a viaggiare
Nov13

Turismo, giovani più propensi a viaggiare

L’indice di fiducia del viaggiatore italiano, elaborato da Confturismo-Confcommercio in collaborazione con l’Istituto Piepoli, registra a ottobre un valore pari a 64 punti, pari a quello registrato nel mese di settembre. Il valore è pari a quello registrato nello stesso mese del 2016, ma ben tre punti in più rispetto all’ottobre del 2015. L’indice evidenzia che le classi più giovani hanno una maggiore propensione a viaggiare: le persone tra i 18 e i 34 anni di età hanno un indice pari a 75 punti, ben 11 punti in più rispetto alla media generale. L’indagine mensile ha voluto rilevare le diverse tipologie di viaggiatori. L’analisi ha individuato sette cluster differenti. Dall’analisi risulta che  vi sono tre cluster che hanno un’elevata propensione al viaggio. L’indice di fiducia supera i 75 punti per i giovani che in vacanza cercano divertimento, amicizie e avventura. Altre due tipologie di viaggiatori raggiungono un punteggio molto elevato pari a 69 punti: i giovani che organizzano tutto al minimo dettaglio e preferiscono visitare siti culturali, senza rinunciare al divertimento. Inoltre, le viaggiatrici prevalentemente over 55 che vogliono conoscere non solo l’arte ma anche la cultura della destinazione. In quarta posizione, con un valore di 66 punti, di poco più elevato della media. Le vacanze che caratterizzano questo cluster sono quelle enogastronomiche e per fare...

Leggi tutto
Catania. Aeroporto Comiso: firmata convenzione con comuni per marketing territoriale
Nov09

Catania. Aeroporto Comiso: firmata convenzione con comuni per marketing territoriale

E’ stata sottoscritta la convenzione con 11 comuni delle provincia di Ragusa e Siracusa che hanno aderito al progetto per l’incremento dei flussi turistici nello scalo di Comiso. Il documento, che scaturisce dall’ art. 11 Legge Regionale n. 24 del 2016, destina circa 4.900.000 euro per attività finalizzate a incrementare le presenze turistiche nell’ambito territoriale dell’aeroporto “Pio La Torre” di Comiso (Rg). Il documento è stato firmato dai sindaci dei comuni di Ragusa, Modica, Scicli, Ispica, Vittoria, Santa Croce Camerina, Acate, Monterosso Almo, Giarratana, Chiaramonte Gulfi e di Palazzolo Acreide (Sr). Al tavolo oggi presenti anche il Libero Consorzio Comunale di Ragusa e la Camera di Commercio del Sud-Est che cofinanzieranno il progetto rispettivamente per 1.600.000 (ex-Insicem) e 380.000 euro. L’invito alla riunione è stato esteso anche al comune di Pozzallo (Rg). Dopo il trasferimento dei fondi da parte della Regione Siciliana, SOACO pubblicherà un bando rivolto alle compagnie aeree interessate a promuovere un programma pluriennale di co-marketing territoriale che garantisca l’incremento dei flussi turistici sullo scalo. L’importo complessivo del bando a base d’asta potrebbe sfiorare i 7 milioni di euro. Durante l’incontro, l’Amministratore Delegato della Soaco, Giorgio Cappello e il Presidente Silvio Meli hanno sottolineato ai sindaci l’importanza di integrare queste iniziative per il potenziamento del traffico aereo su Comiso anche destinandovi quote della tassa di soggiorno. “I dati pubblicati da Bankitalia – concludono Meli e Cappello – sono molto incoraggianti su quanto positive siano le ricadute, in termini di sviluppo socio-economico, legate all’attività dell’aeroporto sul territorio ragusano e siracusano in particolare. Per questo dobbiamo cogliere questa favorevole opportunità che ci consente di sostenere e rilanciare il prodotto interno lordo del nostro territorio”....

Leggi tutto
Nasce la Green credit card delle piccole isole
Nov06

Nasce la Green credit card delle piccole isole

Le isole puntano a superare l’emarginazione e la vulnerabilità che le contraddistingue; ridurre gli svantaggi legati all’insularità; promuovere uno sviluppo che non sia incentrato esclusivamente sul turismo stagionale e favorire le azioni integrate tra le isole italiane e quelle europee, in un processo coordinato. Tra gli strumenti utilizzati per raggiungere questi obiettivi si inserisce l’accordo firmato oggi, durante la conferenza Greening the Islands, tra Ancim e Federalberghi per promuovere lo sviluppo del turismo sulle piccole isole in chiave sostenibile. Con l’accordo nasce la “Green credit card” delle isole, una carta che potrà essere acquistata a partire da marzo e i cui possessori potranno beneficiare di sconti alberghieri, prenotazione prioritaria di traghetti, servizi turistici sulle isole e ingressi agevolati in iniziative organizzate sulle piccole isole. Gli introiti derivanti dalla Green credit card saranno orientati a finanziare progetti di tutela ambientale e promozione culturale e del turismo nelle isole, soprattutto fuori stagione. “L’accordo è particolarmente significativo perché mette le basi per un’interazione tra istituzioni pubbliche e private attive sulle isole minori; inoltre dedica particolare attenzione alla tutela dell’ambiente che grazie al coinvolgimento di Federalberghi stimola gli alberghi a utilizzare nelle proprie strutture sistemi sostenibili, come le fonti rinnovabili, l’efficienza energetica, la mobilità sostenibile la riduzione dei rifiuti, concetti perfettamente inseriti nelle tematiche promosse da Greening the Islands. Non ultimo, puntiamo molto sulla diffusione della Green credit card come strumento di sensibilizzazione del turismo sostenibile attraverso l’offerta di servizi sostenibili ai turisti”, ha detto Mario Corongiu, presidente di Ancim. L’accordo prevede anche di finanziare iniziative promozionali congiunte tra Ancim e Federalberghi con l’obiettivo di incrementare i flussi turistici fuori stagione, attraverso l’organizzazione di mostre ed esposizioni nelle strutture ricettive, creare supporti multimediali per la valorizzazione delle risorse culturali e naturalistiche. Tra i punti principali l’avvio di azioni per il recupero e la valorizzazione delle risorse termali e pulizia e recupero dei sentieri e dei vecchi terrazzamenti, anche attraverso la creazione di percorsi turistici la cui fruizione sarà realizzata d’intesa con Parchi o Riserve Marine. “Già da qualche anno siamo alla ricerca di una piattaforma stabile di confronto e collaborazione con i Comuni delle isole minori sui temi che maggiormente incidono sullo sviluppo delle nostre isole. L’accordo con l’Ancim rappresenta un importante punto di partenza perché impegna le parti nella ricerca di soluzioni sia in favore della tutela e valorizzazione del patrimonio ambientale e culturale sia a vantaggio di una promozione turistica integrata delle piccole isole italiane”, ha commentato con soddisfazione Christian Del Bono – Presidente Federalberghi Isole Minori Sicilia, delegato ai rapporti con l’Ancim – che ha sottoscritto l’accordo per conto del Presidente Federalberghi Isole Minori Ermando...

Leggi tutto
Terziario donna: nel turismo una impresa su 3 gestita da donne
Ott27

Terziario donna: nel turismo una impresa su 3 gestita da donne

Secondo i dati pubblicati dall’Osservatorio sull’imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere, nel secondo trimestre del 2017 in Italia sono presenti oltre 459 mila imprese che svolgono attività turistiche, pari al 7,6% delle imprese totali. Di queste il 29,7% – quasi 1 su 3 – sono gestite da donne, contro un tasso medio di femminilizzazione in Italia del 21,8%. Considerando, invece, l’insieme delle imprese femminili presenti nel sistema economico italiano, quelle incentrate su attività ricettive, ristorative e di intermediazione turistica rappresentano complessivamente oltre il 10% delle imprese totali. Dal 2015 ad oggi, le imprese femminili nel turismo segnano un +4,9% contro una crescita complessiva della filiera pari al +4,2%:  trend a cui contribuisce soprattutto la performance del Sud. La maggior concentrazione di imprese turistiche capitanate da donne si trova al Sud dove sono oltre 40mila, mentre è il Nord Est la macroarea geografica a più alto tasso di femminilizzazione: il 31% sul totale delle imprese del turismo. La classifica per numerosità in valore assoluto delle imprese femminili nel turismo vede tra le prime dieci province: Roma, Milano, Napoli, Torino, Brescia, Salerno, Bolzano, Firenze, Verona e Genova. Sul totale delle imprese femminili nel turismo l’81,3% sono attività di ristorazione, il 13,8% servizi di alloggio e il 5% attiene ai servizi di intermediazione svolti da agenzie di viaggio e tour operator. Questi in sintesi i dati più significativi dell’analisi Confcommercio e Unioncamere/Isnart su imprese femminili nel turismo presentata in occasione del 4° Forum di Terziario Donna Confcommercio.   L’analisi di scenario A giugno 2017 le imprese registrate sono complessivamente 6.079.761 imprese, di cui 459.092 appartenenti al Turismo (7,6% del totale Italia); 1.325.438 le imprese femminili registrate in Italia di cui 136.132, pari a oltre il 10%, nel Turismo. Quasi 1 impresa su 3 nel Turismo è a guida femminile, contro un rapporto medio di 1 su 5 negli altri settori economici. Fonte: Elaborazioni Isnart su dati Osservatorio Imprenditoria Femminile di Unioncamere – Infocamere, al 30 giugno 2017 Le imprese femminili nel turismo per territorio La maggiore presenza di imprese femminili sul totale si registra nel Nord Est (31% del totale delle imprese del turismo) mentre in valori assoluti è il Sud con oltre 40 mila imprese turistiche femminili a presentare la maggiore numerosità, seguito a distanza dal Nord ovest con 34.984. Se l’incidenza percentuale di imprese femminili nel turismo, è maggiore nelle regioni dove si concentra anche il maggior numero di imprese: Lombardia (13,9%) e Lazio (10,9%), di contro il tasso di femminilizzazione è più elevato in Valle d’Aosta (34,8%), Friuli V.G. (34,3%) e Umbria (32,8%). La top 10 delle province in valore assoluto è: Roma con oltre 10 mila imprese, Milano, Napoli, Torino,...

Leggi tutto
543 posti letto in 55 nuove strutture: cresce l’ospitalità nell’agrigentino
Ott26

543 posti letto in 55 nuove strutture: cresce l’ospitalità nell’agrigentino

Continua a crescere l’offerta ricettiva in provincia di Agrigento. Sono infatti ben 543 i nuovi posti letto suddivisi nelle nuove strutture classificate dal Libero Consorzio Comunale di Agrigento. L’attività è svolta dal personale del Settore Promozione Turistica, ed è prevista dalla Legge Regionale n. 27/1996 che delega questa competenza ai Liberi Consorzi (ex Province Regionali). Si tratta di 42 nuovi bed and breakfast, 4 alberghi, 6 affittacamere e 3 case vacanza distribuiti nei comuni di Licata, Agrigento, Porto Empedocle, Montallegro, Realmonte, Favara, Palma di Montechiaro, Castrofilippo, Sciacca, Sambuca di Sicilia, Menfi e Lampedusa. Le determinazioni dirigenziali relative alle nuove classificazioni sono state trasmesse ai Comuni competenti per territorio e ai Servizi Turistici Regionali. I nuovi Bed and Breakfast sono: “Benvenuti al Sud”, a Licata in Corso Vittorio Emanuele n. 63, Tre Stelle, 2 camere e 3 posti letto; “Al centro Storico”, ad Agrigento in via Saponara n. 21, Tre Stelle, 2 camere e 5 posti letto; “Sorahnia Design House”, ad Agrigento sulla SP 1 n. 15, Tre Stelle, 5 camere e 10  posti letto; “A Due Passi Dal Centro”, ad Agrigento in via Ortolani II n. 4, Tre Stelle, 2 camere, 5 posti letto; “Sant’Angelo”, a Licata in Piazza Sant’Angelo, Due stelle, 3 camere e 8 postiletto; “Limpiados”, a Licata in via Salato, Tre stelle, 2 camere e 3 posti letto; “Mariane”, a Favara in c.da San Benedetto, Tre stelle, 2 camere e 4 posti letto; “Miro”, ad Agrigento in via Dante, Due stelle, 3 camere e 10 posti letto; “Le Ninfee”, ad Agrigento in via Ninfee S. Leone, B&B Tre stelle, 2 camere e 5 posti letto; “Certe notti”, ad Agrigento in via Plebis Rea, Tre stelle, 2 camere e 4 posti letto; “L’alba sui Templi”, ad Agrigento in via Esseneto, Tre stelle, 3 camere e 9 posti letto; “Villa L’Arcobaleno sdt”, a Realmonte in C.da Scavuzzo, Tre stelle, 2 camere e 5 posti letto; “Casale di Federico” ad Agrigento in via Amari, Tre stelle, 5 camere e 11 posti letto; “Empedocle”, a P.Empedocle in via La Porta, Tre stelle, 3 camere e 8 posti letto; “5 elementi”, a P.Empedocle, in via Abeti, Tre Stelle, 5 camere e 9 posti letto; “Villa Olea”, a Realmonte in via G.Falcone, Tre stelle, 2 camere e 3 posti letto; “Del Lido”, a P.Empedocle, in via Nereo, Tre stelle, 2 camere e 9 posti letto; “Del Sol”, a Licata in Corso Garibaldi, Tre stelle, 3 camere e 7 posti letto; “La piccola suite”, ad Agrigento in via Miraglia, Due stelle, 2 camere e 4 posti letto; “La panoramica”, a Sambuca di Sicilia in c.da Adragna, Due stelle, 4 camere e 4 posti letto; “Villa Kete”,...

Leggi tutto
Alitalia, fondo Usa Cerberus vuole acquistare l’intera compagnia
Ott25

Alitalia, fondo Usa Cerberus vuole acquistare l’intera compagnia

 (askanews) – Cerberus Capital Management, uno dei principali fondi di private equity statunitensi, ha contattato Alitalia per un’offerta che consentirebbe alla compagnia di bandiera italiana di restare indipendente, con un’operazione che potrebbe cambiare radicalmente la corsa per controllare l’aviolinea. Lo hanno riferito al Financial Times fonti vicine ai contatti. La mossa di Cerberus giunge una settimana dopo che i potenziali acquirenti commerciali tra cui EasyJet e Lufthansa hanno presentato offerte vincolanti per Alitalia, o parti di essa, nell’ambito del processo di vendita formale cominciato da alcuni mesi. Da quando è stata commissariata, nello scorso mese di maggio, Alitalia è stata gestita da tre commissari nominati dal Governo e lo stesso Esecutivo ha prolungato un prestito a ponte da 900 milioni di euro per mantenere la compagnia in volo fino al settembre 2018. Secondo quanto riporta il Financial Times Cerberus ha scelto di non presentare un’offerta vincolante perché ha ritenuto troppo restrittivi i termini della gara pubblica. Ma il gruppo di private equity di New York ha sin da allora comunicato ad Alitalia – hanno riferito le stesse fonti – di essere ancora interessato all’acquisto della compagnia aerea se fosse stato possibile ristrutturarla completamente. Le fonti hanno aggiunto che Cerberus ha studiato il dossier Alitalia negli ultimi mesi con alcune conversazioni dirette con i commissari nelle quali è stato manifestato l’interesse. Il fondo Cerberus – si legge ancora sul Financial Times – ha anche suggerito di essere disposto a investire fondi nell’ordine di misura “basso delle nove cifre”, ovvero tra i 100 milioni e i 400 milioni di euro per ottenere il controllo di Alitalia. Il suo piano chiede anche al governo italiano di mantenere una quota di partecipazione nella compagnia aerea, mentre i sindacati trarranno vantaggio da una forma di “condivisione del profitto” nel sistema Cerberus. Sia Cerberus che Alitalia hanno rifiutato di commentare la notizia al Ft. Cerberus – riferisce il Financial Times – che ha una storia di ristrutturazioni difficili portate a compimento tra le quali spicca quella di Air Canada più di un decennio fa. Secondo le fonti citate dal giornale i rappresentanti di Cerberus hanno detto ai commissari che la loro offerta potrebbe rendere Alitalia “sostenibile, competitiva e indipendente” attraverso un’offerta per tutta l’azienda. “Non si tratta di individuare determinati beni, nè di acquistare solo aerei o rotte, ma di mantenere l’azienda come compagnia nazionale italiana”, ha affermato uno di loro. Cerberus ha inoltre offerto entrare in Alitalia per far partire bene la riorganizzazione di Alitalia senza alcun onere anche prima di erogare il suo investimento, per trarre vantaggio dagli ampi poteri che i commissari hanno per ristrutturare la compagnia aerea durante l’attuale processo di...

Leggi tutto
Travelexpo 2018: nuove strategie per un futuro condiviso   Insediato il Comitato tecnico-scientifico
Ott23

Travelexpo 2018: nuove strategie per un futuro condiviso Insediato il Comitato tecnico-scientifico

Anche la Sicilia ha la sua Borsa del Turismo. Ormai da quasi vent’anni, l’Isola al centro del Mediterraneo può vantare un appuntamento borsistico irrinunciabile nell’agenda sia degli agenti di viaggio siciliani che degli operatori turistici nazionali. “Alla vigilia della ventesima edizione, Travelexpo – ha detto Toti Piscopo, ispiratore di Travelexpo – punta a diventare centro propulsore di idee e progetti innovativi, facilitatore di opportunità oltre che sede naturale per supportare le azioni di commercializzazione dell’intero prodotto turistico, attraverso la filiera. Azioni valide sia per l’outgoing che per l’incoming che sono le due facce della stessa medaglia, ovvero il sistema distributivo delle agenzie di viaggio. Ovviamente, non potranno essere ignorati i sistemi di diffusione integrativi, particolarmente legati alle nuove tecnologie.”. Per rispondere a questa diversa e variegata domanda, Travelexpo 2018, in programma dal 6 all’8 aprile alla Fiera del Mediterraneo di Palermo, assume la dizione di Borsa Globale dei Turismi per assecondare, ancora una volta, le tendenze diffuse del mercato. Accanto ai classici mare/montagna/terme/città d’arte, si affianca oggi una gamma di molte decine di tematismi: natura, cultura, archeologia, fede, avventura, sport, arte, intrattenimento, musica, rurale, enogastronomia, salute, wellness, green, shopping, wedding, cineturismo, sagre, mice, golf, luxury, lgbt, turismo studentesco e giovanile oltre a quello esperienziale, particolarmente indicato quale strumento di valorizzazione dei Borghi, delle borgate e più in generale dei piccoli centri impropriamente definiti minori. Questo l’obiettivo e le dichiarazioni d’intenti di Travelexpo 2018 condivisi dai componenti dei due Comitati istituiti per costruire insieme e innovare, ancora una volta questa borsa del turismo che si svolge in Sicilia ma che ha sempre più una vocazione internazionale. L’insediamento dei due comitati è avvenuto sabato pomeriggio, 21 ottobre, all’Hotel Wagner di Palermo. Per il comitato tecnico erano presenti Magda Antonioli Corigliano, direttore Master in Economia del Turismo Università Bocconi; Alessandro Tortelli, direttore del Centro Studi Turistici di Firenze; Miranda Cuffaro, docente ordinario di Statistica Economica, coordinatrice del corso di Laurea in Scienze del Turismo di Palermo e canale di Trapani – UniPa. Per il Comitato d’Onore erano presenti Leoluca Orlando, sindaco di Palermo; Antonio Mangia, presidente di Aeroviaggi; Giuseppe Cassarà, presidente della Coretur; Antonio Presti, presidente della Fondazione Fiumara d’Arte. Presenti come osservatori tecnici e opinion leader del pubblico e del privato che hanno fornito il loro contributo di idee. “Negli ultimi anni – ha affermato Tortelli – la Sicilia sta registrando risultati particolarmente interessanti. Come dimostrano i dati di Bankitalia, pernottamenti e spesa turistica sono in aumento nel 2017 e dal 2010 al 2017 si è registrato una crescita del turismo internazionale. Ritengo quindi condivisibile ed estremamente utile che Travelexpo diventi osservatorio privilegiato delle dinamiche dei mercati oltre che laboratorio di...

Leggi tutto
BTE, 120 partecipanti e 24 buyer per B2B del turismo extralberghiero organizzato da Confesercenti
Ott19

BTE, 120 partecipanti e 24 buyer per B2B del turismo extralberghiero organizzato da Confesercenti

Grande successo questa mattina a Monreale per gli incontri B2B organizzati da Confesercenti Sicilia e Aigo Confesercenti Sicilia nell’ambito della seconda edizione della Borsa del turismo extralberghiero. Centoventi gli operatori del settore arrivati da tutta la Sicilia per presentare la propria offerta ricettiva a 24 buyer provenienti da tutto il mondo. Il B2B ha avuto inizio questa mattina e andrà avanti per tutta la giornata in una cornice di grande fascino. “Abbiamo scelto Monreale e il complesso monumentale Guglielmo II – dicono gli organizzatori – per unire la valorizzazione dell’offerta ricettiva extralberghiera alla valorizzazione del territorio e dei suoi beni culturali”. Oggi i buyer hanno visitato il Duomo di Monreale e domani verranno accompagnati lungo i sentieri e gli altri i luoghi dell’itinerario Arabo Normanno, dichiarati siti Unesco. La Borsa extra alberghiera è nata lo scorso anno da un’idea del presidente di Aigo Sicilia, Daniela Giardina. Questa seconda edizione ha visto la partecipazione dei vertici del sistema extralberghiero: da Assocamping ad Aigo. “L’extralberghiero – dice il direttore di Confesercenti Sicilia, Michele Sorbera – è  una realtà economica variegata composta da b&b, case vacanze, affittacamere, agriturismi, ostelli e campeggi che si integra in maniera perfetta col turismo sostenibile e con quello relazionale”. “Nel corso della preparazione dell’evento – aggiunge Salvo Basile, coordinatore regionale di Assoturismo – ci siamo resi conto che da parte degli operatori c’è un grande desiderio di ampliare i propri rapporti con tour operator internazionali particolarmente attenti proprio all’offerta turistica extralberghiera. E’ un settore che da anni registra un crescente interesse da parte della domanda turistica internazionale”. Al Complesso Monumentale Guglielmo II di Monreale sono presenti tour operator di Inghilterra, Ucraina, Germania, Italia, Olanda, Israele, Russia, Francia e America. Soddisfazione per questa iniziativa è stata espressa dal sindaco di Monreale Piero Capizzi e dagli assessori alla cultura Giuseppe Cangemi e Nadia Battaglia che hanno inaugurato la manifestazione con il taglio del nastro . “Questa giornata – dice il sindaco– ci ha dato la possibilità di far conoscere, ai numerosi operatori della BTE, i nostri siti. L’obiettivo è quello di continuare a lavorare in sinergia con tutti coloro che sono impegnati nel settore turistico e, in questo caso, con la Confesercenti che ci ha coinvolto in questa prestigiosa...

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com