Pon imprese e competitività: dotazione da 507 mln, a gennaio apertura bandi
Gen10

Pon imprese e competitività: dotazione da 507 mln, a gennaio apertura bandi

  Una dotazione pari a 167 milioni di euro per promuovere  progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito delle aree tecnologiche “Fabbrica intelligente” e “Agrifood”  e oltre  340 milioni di euro per sostenere gli investimenti delle piccole e medie imprese che vogliono dotarsi di “Macchinari innovativi”. Sono alcune delle risorse messe in campo dal Programma Operativo Nazionale Imprese e Competitività 2014-2020 di cui si  è discusso oggi a Catania,  nella sede di Confindustria, nel corso di un incontro organizzato in collaborazione con il ministero dello Sviluppo economico. “La ricetta della competitività –  ha detto in apertura dei lavori il presidente di Confindustria Catania Antonello Biriaco –  contiene certamente tra i suoi ingredienti la ricerca e l’innovazione.   Dieci anni di crisi hanno prodotto una selezione naturale che ha fatto rimanere sul mercato le imprese capaci di puntare su qualità, miglioramento tecnologico e internazionalizzazione. Gli incentivi focalizzati sul rilancio della ricerca, sull’ innovazione continua e sulla nascita di nuova imprenditorialità, insieme agli investimenti pubblici in infrastrutture,  sono la chiave per riaccendere lo sviluppo e restringere la forbice Nord-Sud”. Per Nicoletta Amodio (Confindustria), che ha illustrato il sistema di finanza  a sostegno della ricerca e dell’innovazione,  l’obiettivo è  trovare la giusta sinergia tra le molteplici agevolazioni disponibili. “Partendo dal progetto – ha spiegato – ogni impresa può massimizzare i risultati combinando incentivi tra loro cumulabili:  dal credito di imposta per R&S al Patent box,  dal super e iper ammortamento agli aiuti previsti per i dottorati di ricerca industriale”. E la piattaforma Spin (Supporto alla pianificazione dell’innovazione), messa a punto da Confindustria, dà la possibilità,  attraverso una semplice procedura guidata,  di testare in tempo reale l’effetto e la convenienza dei diversi strumenti fiscali. A spiegare nel dettaglio finalità  e modalità di accesso agli incentivi previsti dal Pon Competitività sono stati  Romeo Petti (Mise) e Pierpaolo Proietti (Medio Credito Centrale). Dal prossimo 29 gennaio sarà possibile partecipare al bando “Macchinari Innovativi”, una misura rivolta alle micro, piccole e medie imprese manifatturiere che incentiva investimenti compresi tra 500 mila e 3 mln di euro volti a favorire  la transizione del settore manifatturiero verso la “Fabbrica Intelligente”.     Mentre il  22 gennaio si apriranno i termini per la presentazione dei  progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale nei settori “Fabbrica Intelligente” e “Agrifood” per importi compresi tra 800 mila e 5 milioni di euro. Destinatari sono imprese e centri di ricerca. Con una dotazione attuale di 109 milioni  di euro, inoltre,  – come ha spiegato Bruno Ferlito di Invitalia –   il programma Smart & Start sostiene la nascita di start up innovative,  finanziando progetti compresi tra 100 mila e 1,5 milioni di euro. Dal 2013 il programma ha supportato...

Leggi tutto
Energia: Italgas, accordo per 19 concessioni Centro-Sud e Sardegna
Gen03

Energia: Italgas, accordo per 19 concessioni Centro-Sud e Sardegna

Italgas ha sottoscritto un accordo vincolante per l’acquisto dal gruppo Conscoop di partecipazioni e rami di azienda comprendenti 19 concessioni per la distribuzione del gas e oltre 50.000 punti di riconsegna concentrati nel Centro-Sud del Paese e in Sardegna. L’accordo riguarda in particolare l’acquisizione del ramo di azienda di Aquamet Spa, comprendente, tra l’altro, 9 concessioni per la distribuzione del gas naturale in altrettanti Comuni del Lazio, Campania, Basilicata e Calabria, per complessive 23.800 utenze servite; del 100% di Mediterranea Srl titolare di 6 concessioni per la distribuzione del gas naturale in altrettanti Comuni della provincia di Salerno, con circa 3.600 utenze servite; del ramo di azienda di Isgas Energit Multiutilities Spa comprendente, tra l’altro, le concessioni per la distribuzione del gas nei comuni sardi di Cagliari, Nuoro e Oristano, per complessive 22.300 utenze circa, attualmente alimentate a GPL. La valorizzazione complessiva di dette acquisizioni (enterprise value) e’ stata stabilita in circa 68,6 milioni di euro. Al closing dell’operazione il prezzo sara’ corrisposto interamente per cassa, al netto dell’indebitamento. Inoltre, Italgas acquisira’ il 10% del capitale sociale di Isgastrentatre’ S.p.A., titolare della concessione per la distribuzione del gas nel Bacino 33 della Sardegna, che fa capo al Comune di Quartu Sant’Elena (CA), con circa 600 delle 18.500 utenze potenziali attualmente alimentate a GPL. Gli accordi per l’acquisizione di Isgastrentatre’ prevedono inoltre l’impegno a rilevarne il restante 90% al verificarsi di alcune condizioni, tra le quali la conversione a gas naturale della rete attualmente alimentata a GPL con la precisazione che, qualora le condizioni non si avverino, e’ previsto il diritto di Italgas a rivendere e l’obbligo di Conscoop a riacquistare la quota del 10% allo stesso prezzo (pari a 300.000 euro). Il perfezionamento delle singole operazioni sopra descritte e’ previsto entro il primo semestre del 2019 ed e’ subordinato al concretizzarsi di alcune condizioni sospensive, tra le quali, l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni alla voltura delle concessioni. “Chiudiamo l’anno con un’altra importante operazione che ci permette di conseguire ampiamente l’obiettivo posto dal Piano Strategico in termini di acquisizione di nuove utenze per il 2018 – afferma Paolo Gallo, amministratore delegato di Italgas -. Considerando i 140 mila punti di riconsegna gia’ acquisiti tra il 2017 e il 2018 e i 50 mila dell’operazione di oggi, siamo nella giusta direzione per mirare al raggiungimento delle 250.000 nuove utenze entro il 2019. Le 19 nuove concessioni ci permettono di consolidare ulteriormente la nostra leadership nel settore e la presenza in aree importanti del Paese. Continuiamo a investire in Sardegna, dove abbiamo assunto un ruolo chiave nella realizzazione di moderne infrastrutture energetiche che costituiranno il presupposto per lo sviluppo sostenibile del territorio”....

Leggi tutto
Cessione Gruppo Abate, M5S “Garantire livelli occupazionali”
Gen03

Cessione Gruppo Abate, M5S “Garantire livelli occupazionali”

“Auspichiamo che la cessione delle aziende del gruppo Abate possa avvenire senza perdite occupazionali. Contiamo sul senso di responsabilita’ dei gruppi imprenditoriali subentranti nella gestione della vertenza dei lavoratori in un comparto che negli ultimi anni ha visto la perdita di oltre 2000 posti di lavoro. Una regione martoriata da una atavica carenza di occupazione, non potrebbe sopportare l’ennesima vertenza”. A dichiararlo e’ la deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Angela Foti, componente della Commissione Attivita’ Produttive dell’Ars in merito alla vertenza dei lavoratori del gruppo Abate di Catania. Sulla vicenda intervengono anche gli altri portavoce M5S all’Ars Francesco Cappello, Gianina Ciancio e Jose Marano: “Siamo gia’ in contatto con i sindacati – spiegano i deputati Ars catanesi – e come immaginavamo la questione e’ molto delicata. Siamo consapevoli che la grande distribuzione organizzata ha subito in questi ultimi due anni in Italia un forte calo dei volumi d’affari, cui e’ purtroppo seguita una perdita di posti di lavoro. In Sicilia, in questo caso ci sono a rischio 180 dipendenti e 40 dell’ex gruppo Abate hanno gia’ ricevuto la lettera di licenziamento con decorrenza il 10 gennaio. Pur consapevoli che si tratti di una questione aziendale, intendiamo seguire da vicino la trattativa che riguarda i lavoratori, nella speranza che si giunga ad una intesa veloce e capace di garantire – concludono – gli attuali livelli occupazionali”....

Leggi tutto
Saldi, spesa media di 141euro pro-capite
Gen02

Saldi, spesa media di 141euro pro-capite

Interessano oltre 15 milioni di famiglie, muovono in totale 5,1 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 325 euro, circa 140 euro pro capite: sono questi, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, i numeri dei saldi invernali che partono domani in Basilicata e Sicilia, dopodomani in Valle d’Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni. “Saranno saldi, euro più euro meno – commenta Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia -, in linea con quelli dello scorso anno, ma avranno la straordinaria opportunità di risvegliare i consumi. I consumatori potranno così tornare a trovare ‘vere’ occasioni nei nostri negozi; noi commercianti potremo affrontare più sereni le prossime scadenze; le vie ed i centri dei nostri Comuni avranno l’opportunità, offerta dalla moda, per rianimarsi. Rinsaldare le relazioni con i clienti all’insegna della trasparenza del rapporto prezzo/qualità e della fiducia, con professionalità e servizio offerti nei negozi di prossimità”. “Questo è il ‘mood’ che caratterizza questo particolare momento di vendite – aggiunge Borghi -. Il 2018 si è chiuso senza botti e con molte preoccupazioni per i commercianti che si vedono schiacciati da consumi che non decollano, concorrenza sleale del ‘wild’ web, costi incomprimibili e tasse sempre più asfissianti. Bene dunque l’aver sterilizzato per questo 2019 l’incremento di 2,2 punti percentuali dell’IVA che sarebbe schizzata dall’1 gennaio al 24,2%, ma occorre molto di più per rilanciare la nostra economia a partire dall’eliniminazione delle clausole di salvaguardia che invece sono incrementate per valore, la riduzione del costo del lavoro e la previsione di una web tax per i colossi del web, vista la difficoltà di avere un’univoca norma...

Leggi tutto
Revocata scorta all’imprenditore Conticello e lui ironico “Mafia sconfitta? Allora facciamo festa!”
Dic18

Revocata scorta all’imprenditore Conticello e lui ironico “Mafia sconfitta? Allora facciamo festa!”

“Venerdi’ mattina 14 Dicembre, il comandante del nucleo scorte di Roma mi ha comunicato verbalmente che a partire dallo scorso 8 dicembre (ben 6 giorni prima) mi e’ stata revocata la scorta per ‘cessato pericolo’. Ho richiesto se avesse un documento da notificarmi in modo da sapere chi ringraziare per questa grande vittoria sulla mafia e per la responsabile scelta. Mi ha detto di non aver alcun documento da notificarmi. Solamente una comunicazione verbale. Il 4 Agosto scorso sempre in modo verbale, mi era stata gia’ revocata la scorta a Palermo”. Lo scrive sul suo profilo Facebook Vincenzo Conticello, ex proprietario della focacceria San Francesco di Palermo, che ha detto no al racket del pizzo e testimoniato contro i suoi estorsori. Conticello ricorda: “dall’uccisione di Libero Grassi e di Vincenzo Spinelli ero stato il primo imprenditore a denunciare cosa nostra ed a permettere una prima ondata di denuncia incoraggiando altri a ribellarsi”, “se non ci sono piu’ pericoli allora la mafia e’ sconfitta…” “Adesso che 3 su 5 dei mafiosi arrestati sono a piede libero qualcuno o alcune persone dello Stato (non si sa chi siano) – hanno deciso di togliermi la tutela”, dice Conticello, che annuncia ironicamente l’organizzazione di una festa: “Invito tutti a piazza San Francesco a Palermo il prossimo 27 dicembre alle 18 e per chi non potra’ a partecipare indichero’ alcune piazze d’Italia per festeggiare anche a distanza la fine, la sconfitta, la morte della mafia. Non avendo il piacere di conoscere il responsabile della mia ‘nuova’ liberta’ e non volendo dimenticare nessuno invitero’ tutte le istituzioni a partecipare e a festeggiare con noi”. “Certamente – conclude – gli altri imprenditori fino ad oggi dubbiosi se denunciare o no la mafia, con questo risultato potranno far piu’ consapevolmente la loro scelta”....

Leggi tutto
Ard Discount aggiunge altri 14 punti vendita in Sicilia per un totale di 74
Dic17

Ard Discount aggiunge altri 14 punti vendita in Sicilia per un totale di 74

Una nuova grande scommessa imprenditoriale riguarda ancora una volta la Ergon consortile, la società leader in Sicilia nella grande distribuzione. Questa volta interessa l’insegna Ard Discount, al centro della convention che si è svolta al “Romano Palace” a Catania e durante la quale è stato presentato il nuovo piano marketing insieme ad un’analisi dei positivi dati riguardanti il 2018, con uno sguardo alle prospettive per il 2019. E’ stato presentato anche il team commerciale che, attraverso le varie aree di riferimento, si occupa dello sviluppo dell’insegna. Ard Discount sta vedendo crescere la propria presenza in Sicilia. Sono ben 14 gli imprenditori, titolari di punti vendita in franchising, che si sono di recente aggiunti agli oltre 60 discount diretti e gestiti dalla consortile Ergon per un totale di 74 punti vendita. E’ stato il direttore commerciale Marco Sgarioto, davanti ad una platea entusiasta, ad illustrare gli obiettivi di crescita sia in termini di fatturato che di numero di punti vendita e strumenti assortimentali anche grazie al nuovo piano marketing. “Il trend positivo, che di mese in mese ha avuto una variazione importante sia in termini di fatturato che in termini di percezione dell’insegna, ha creato valore e sviluppo per Ard Discount – ha spiegato Sgarioto – E tutto questo è avvenuto grazie alla rinnovata fiducia del consumatore nei confronti di un’insegna che da oltre 20 anni si è sempre distinta nel territorio regionale per un buon rapporto qualità/prezzo, promozioni interessanti, un’ampia gamma di prodotti a prezzi bassi e per il servizio al cliente con personale professionale e attento alle esigenze dei consumatori”. La presentazione del piano marketing ha posto l’accento anche sul nuovo look. Nuovi colori e nuove grafiche ma anche tante nuove iniziative per coinvolgere sempre di più il cliente finale. E per rilanciare il brand, ci sarà anche un nuovo sito con una sezione riservata alle ricette da realizzare con i prodotti a marchio, e a breve l’app dedicata. Tornano inoltre le affissioni su grandi impianti, nelle maggiori città siciliane, ed ancora spot su radio e spazi promozionali sui quotidiani regionali e sui siti online. Ma è l’assortimento, con ben 2400 referenze, il punto di forza di Ard Discount in Sicilia con 800 progetti di prodotto a marchio messi in cantiere in poco meno di 6 mesi dalla consortile Ergon, di cui 450 del tutto nuovi a testimonianza della grande attenzione riservata ai clienti e della continua ricerca di innovazione senza mai abbandonare la tradizione. Una nuova strada, un nuovo percorso imprenditoriale, ma anche un’occasione di riscatto scaturita pochi mesi fa con l’arrivo di Ergon a Motta Sant’Anastasia, con il nuovo direttore commerciale, Marco Sgarioto e con tutto...

Leggi tutto
Confcommercio: “In calo consumi e fiducia”
Dic13

Confcommercio: “In calo consumi e fiducia”

A ottobre la produzione industriale è migliorata dello 0,1% su base mensile, al netto dei fattori stagionali, e dell’1% su base annua. Nello stesso mese, l’occupazione non ha registrato variazioni di rilievo rispetto al mese precedente. È quanto emerge dal rapporto Congiuntura di Confcommercio relativo al mese di dicembre. A novembre la fiducia ha mostrato andamenti decrescenti tra i consumatori e le imprese. Il clima di fiducia delle famiglie ha registrato un peggioramento dell’1,5% congiunturale, mentre il sentiment delle imprese, in linea con la stagnazione del quadro economico, si è ridotto per il quinto mese consecutivo (-1,4%). “Stante il permanere di una situazione di debolezza si stima, a dicembre, una variazione congiunturale nulla del Pil mensile, dato che porterebbe ad una crescita dello 0,3% rispetto allo stesso mese del 2017 – sottolinea Confcommercio -. Nel quarto trimestre 2018 si stima una crescita dello 0,1% del PIL in termini congiunturali, mentre il tasso di crescita tendenziale si attesterebbe allo 0,4%. Nel complesso del 2018, la crescita dovrebbe attestarsi allo 0,9% (+1% tenendo conto dei diversi giorni lavorativi nel 2018 rispetto al 2017)”. Le contenute prospettive di crescita hanno continuato a determinare una situazione di difficoltà sul versante dei consumi delle famiglie. A novembre 2018 l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) ha registrato un calo dello 0,2% in termini congiunturali ed un aumento dello 0,3% nel confronto con lo stesso mese del 2017. L’andamento dell’ultimo mese prosegue un percorso di alternanza tra dati lievemente positivi e leggeri ripiegamenti che ha caratterizzato gli ultimi mesi. La scarsa mobilità dei consumi si evince anche dall’andamento dell’ICC in termini di media mobile a tre mesi. La diminuzione dello 0,2% registrata in termini congiunturali dall’ICC, nel mese di novembre, è sintesi di un aumento dello 0,1% della domanda relativa ai servizi e di una diminuzione dello 0,3% per i beni. Per quanto concerne le singole macro-funzioni di spesa Confcommercio segnala una generalizzata tendenza al ridimensionamento. Variazioni positive di modesta entità si sono registrate solo per i beni e i servizi ricreativi (+0,2%), per gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (+0,1%) e per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,1%). Per contro la diminuzione più significativa si è registrata per la domanda relativa ai beni e i servizi per la mobilità (-1,2%). Flessioni più contenute si sono rilevate per i beni e i servizi per la casa, per i beni ed i servizi per le comunicazioni (-0,3%) e per l’abbigliamento e le calzature (-0,2%). Il segmento relativo ad alimentari, bevande e tabacchi non ha mostrato variazioni. Sulla base delle dinamiche registrate dalle diverse variabili che concorrono alla formazione dei prezzi...

Leggi tutto
Nasce a Roma “Confcommercio Service”
Dic12

Nasce a Roma “Confcommercio Service”

“Siglato a Roma, alla presenza del vice presidente vicario di Confcommercio, Lino Stoppani, un accordo tra le territoriali di Agrigento, Catania, Ragusa e Trapani, con lo scopo di operare congiuntamente per la realizzazione di iniziative e per la creazione di nuovi servizi da offrire ai propri associati”.  E’ quanto si legge in una nota di Confcommercio Sicilia. “L’Unione Confcommercio Service, questo il nome scelto dalle 4 Ascom fondatrici, ha come obiettivo – prosegue la nota – di offrire ai soci servizi innovati e di alta professionalita’”. “Un soggetto – sottolinea la nota – che sara’ aperto alla eventuale affiliazione di altre Ascom siciliane che ne volessero fare parte, cosi’ da consolidare quello che oggi la Confcommercio rappresenta, cioe’ un centro di aggregazione sociale, di offerta di servizi e punto di riferimento per il mondo imprenditoriale”....

Leggi tutto
Firmato il Protocollo d’Intesa tra Assotir  e Società di Interporti Siciliani SpA
Dic11

Firmato il Protocollo d’Intesa tra Assotir e Società di Interporti Siciliani SpA

Un protocollo d’intesa che contribuisca ad attivare e sviluppare gli interventi finalizzati al potenziamento della Sicilia in quanto piattaforma intermodale del Mediterraneo è quello che è stato firmato ieri mattina nell’aula di presidenza della Camera di Commercio del Sud Est (Catania, Siracusa, Ragusa) tra Claudio Donati, segretario nazionale di Assotir (Associazione italiana imprese di trasporto), e l’avv. Rosario Torrisi Rigano, amministratore unico della Società degli Interporti Siciliani SpA (S.I.S) davanti al presidente della CCIAA del Sud Est, Pietro Agen, al vice presidente nazionale Assotir, Pino Bulla, e alla segretaria regionale Assotir, Gabriella Ferlito. L’obiettivo del protocollo è strettamente correlato al processo, attualmente in corso, di istituzione delle “Zone Economiche Speciali” in tutta la Sicilia ma con uno sguardo particolarmente attento al territorio etneo. Tra gli obiettivi c’è il rilancio dell’intermodalità e della sicurezza dei trasporti, l’applicazione di best practices in grado di creare standard omogenei e potenzialmente un intermodal community system e l’implementazione di standard di servizi omogenei. Tutto questo verrà concordato e valutato nel Tavolo Tecnico permanente, creato ad hoc, a cui spetta, tra le altre cose, “individuare gli interventi da attivare ai fini del raggiungimento degli obiettivi connessi al potenziamento del Quadrante Sud Orientale della Sicilia – si legge nel protocollo – o le aree ad esso funzionalmente riconnesse”. “Credo che questa disponibilità della Società Interporti Siciliani SpA sia molto importante per le imprese che rappresentiamo – ha commentato il segretario nazionale Assotir Claudio Donati poco dopo la firma – ed è un valore su cui dobbiamo puntare. Uno dei difetti della Sicilia, e non solo di questa regione, è che le imprese si muovono su un binario spesso e volentieri diverso da quello su cui si muovono le istituzioni. E tra loro neanche si parlano. Oggi la competizione economica si vince se c’è condivisione nella progettazione delle cose. Abbiamo aderito a questo protocollo d’intesa con questa motivazione di fondo, per portare il punto di vista del mondo dei trasporti e per sollecitare, per quanto sarà possibile, le istituzioni territoriali e non solo. Dobbiamo fare in modo che l’occasione ZES sia colta veramente”. Estremamente soddisfatto di questa firma l’amministratore unico della Società degli Interporti Siciliani SpA, l’avv. Rosario Torrisi Rigano che ha sottolineato: “Siamo stati noi a proporre questo accordo. Lo riteniamo importante perché è il primo passo per la realizzazione di un dossier, da sottoporre al governo regionale, che possa testimoniare la voglia e l’intenzione delle realtà territoriali di collegarsi tra loro ai fini di presentare un progetto, una rete operativa, anche in funzione della individuazione delle Zes; che possa consentire un più facile vaglio da parte della cabina di regia che è stata istituita in...

Leggi tutto
Tecnologia, artigianato e volontariato. Oggi Lisca Bianca inaugura Scalo 5B alla Fiera del Mediterraneo
Dic11

Tecnologia, artigianato e volontariato. Oggi Lisca Bianca inaugura Scalo 5B alla Fiera del Mediterraneo

Lisca Bianca sbarca con una nuova casa sulla terraferma aprendo le porte di Scalo 5B (www.scalo5b.com), la prima officina sociale condivisa in Sicilia. L’area di più di mille metri quadri all’interno della Fiera del Mediterraneo, presso il Padiglione 5B, sarà la prima del complesso fieristico ad essere permanentemente messa a disposizione della città di Palermo. Nelle sue sale artigiani e volontari, progettisti ed inventori uniranno, con un approccio pionieristico e unico nel suo genere, la millenaria tradizione manifatturiera siciliana a tecnologie visionarie e strumenti altamente innovativi provenienti da tutto il mondo. Mettendo a disposizione di professionisti e amatori attrezzature, macchinari, tecnologie, servizi, una forte rete di professionalità, un’ampia zona coworking con trenta postazioni e una platea di sessanta posti per formazioni e conferenze, Scalo 5B costituirà luogo d’incontro e crescita per artigiani, tecnici specializzati, studenti, pensatori e semplici appassionati. Crociere didattiche, attività di vela solidale e gli eventi culturali organizzati da Lisca Bianca verranno così affiancati da percorsi di formazione specialistica sugli utilizzi dei macchinari, masterclass, uno spazio aperto a tutto il volontariato del territorio per eventi ed iniziative. L’associazione ha l’obiettivo di coinvolgere in questo modo giovani e meno giovani in condizioni di disagio sociale o svantaggio per favorire lo scambio continuo di competenze, saperi e sinergie. Tutto questo sarà possibile grazie al Comune di Palermo, che concedendo il patrocinio al progetto e aprendo gli spazi della Fiera ha creduto fortemente in questa iniziativa di recupero urbano e sostegno sociale, al finanziamento del progetto da parte di Fondazione con il Sud e al lavoro dei tecnici specializzati di Sika Italia che ha fornito materiali altamente tecnologici per trasformare il padiglione in un luogo sicuro, accogliente e perfetto per lavorare sia con la mente che con le mani. Centro Studi Opera Don Calabria, YAM srl, Apriti Cuore, Periferica e ALAB – Associazione Liberi Artigiani e Artisti Balarm – collaborano insieme per il successo dell’iniziativa. All’inaugurazione, dopo gli interventi di autorità e partner, seguirà un rinfresco con i prodotti “Cotti in fragranza”, progetto di imprenditoria sociale sviluppato all’interno dell’Istituto Penale Minorile Malaspina di...

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com