A PharmEvolution oltre 13.200 ingressi in 3 giorni. In migliaia da fuori regione
Ott14

A PharmEvolution oltre 13.200 ingressi in 3 giorni. In migliaia da fuori regione

In un clima di grande fermento per la categoria, contraddistinto da una rinnovata voglia di fare e dalla consapevolezza che la formazione continua e l’aggiornamento professionale sono le chiavi di volta per il futuro della farmacia, si è conclusa oggi pomeriggio a Taormina la nona edizione di PharmEvolution. Tredicimila e duecentoquindici gli ingressi qualificati nei tre giorni di eventi. Un successo anticipato dalle migliaia di registrazioni on line effettuate nei giorni precedenti la convention, con una presenza sempre più nutrita di farmacisti da tutte le regioni d’Italia. Segno che PharmEvolution costituisce ormai un punto di riferimento per la categoria tutta: da Bolzano a Siracusa. “Abbiamo fatto un lungo percorso che ci ha visto crescere molto in questi anni – ha detto il presidente di Federfarma Sicilia e ideatore della convention Gioacchino Nicolosi -. Ormai PharmEvolution è diventata una realtà nazionale, a cui Federfarma dà pieno appoggio e sostegno istituzionale. In questi tre giorni abbiamo ascoltato autorevoli esperti del comparto e politici attenti ai temi della salute, proporre le ricette per la sostenibilità della farmacia: il presidente Cossolo ha dato importanti anticipazioni in tema di remunerazione e farmacia dei servizi, il governatore Musumeci ha parlato di ridare dignità al farmacista, dal confronto con la dottoressa Ornella Barra è emersa l’opportunità di avere un nuovo interlocutore piuttosto che un antagonista. È un momento importante per la farmacia e sono contento che da PharmEvolution partano messaggi positivi e nuove sinergie”. Ad aprire la terza giornata di lavori il simposio sul seno, che ha messo in luce il ruolo che il farmacista può avere rispetto agli inestetismi di una parte del corpo tanto importante per la salute psico-fisica della donna. “Oggi – ha ricordato il dermatologo e direttore scientifico dell’area dermatologica di PharmEvolution Ivano Luppino – esistono dei protocolli di ringiovanimento e il farmacista può essere di valido ausilio nella scelta del medico giusto se esistono dei problemi  o essere unico gestore dell’inestetismo attraverso una serie di protocolli e sostanze che possono migliorare la superficie cutanea e in alcuni casi il sostentamento del seno”. L’affollata maratona di convegni e workshop, che per tre giorni ha spostato a Taormina l’attenzione sul mondo della salute e del farmaco, si è conclusa con il primo convegno dell’Aisfa “L’esperto in affari regolatori: dall’università all’azienda”. Davanti a una nutrita platea di futuri farmacisti, autorevoli esponenti del mondo dell’università, della ricerca e dell’industria, hanno passato in rassegna lo spettro dei possibili sbocchi occupazionali nel campo del regolatorio. Ai farmacisti di domani il segretario della Fofi Maurizio Pace, in apertura di lavori, ha ricordato che la professionalità e la preparazione sono la strada maestra per trovare sbocchi occupazionali. “Un farmacista...

Leggi tutto
Confcommercio Palermo: nasce Unione Industriali. Lo Coco Presidente
Ott04

Confcommercio Palermo: nasce Unione Industriali. Lo Coco Presidente

Nata dalla volonta’ di un nutrito gruppo di industriali, che hanno sentito l’esigenza di affidarsi a Confcommercio Palermo per essere rappresentati a livello sindacale e per usufruire dei numerosi servizi resi dall’Organizzazione ai propri associati, si e’ costituita l’UICP – Unione degli industriali. Il presidente e’ Antonino Lo Coco; vicepresidente vicario e’ Martina Biundo; vicepresidenti Antonino Cinquemani e Biagio Semilia; consiglieri Giuseppe Biundo, Vito Biundo, Francesco Caminita, Clemente Maniaci, Claudia Pellitteri. “Ringrazio Confcommercio Palermo – dice il presidente Antonio Lo Coco – che rappresenta quella casa comune, capace di aggregare importanti segmenti produttivi della citta’ e di dare concrete risposte alle nostre esigenze, sia in termini associativi che di assistenza. L’Unione – continua Lo Coco – raggruppa aziende piccole e grandi impegnate in vari settori produttivi che hanno voglia di mettersi insieme per scambiare le proprie esperienze e ottimizzare le risorse. Noi vogliamo essere inclusivi, siamo aperti nei confronti di tutte le aziende che vorranno sposare la nostra idea, ritenendola valida e producente. L’unione fa la forza – conclude Lo Coco – qualunque sia la dimensione delle aziende che vi partecipano, l’esigenza di questa nuova associazione infatti e’ partita ‘dal basso’, dalle istanze di piccole realta’ industriali che credono nell’esperienza associativa e che hanno voglia di remare nella stessa direzione per far fronte a una crisi economica durissima”....

Leggi tutto
Presto ddl riforma commercio in Sicilia. E’ atteso da 20 anni
Ott03

Presto ddl riforma commercio in Sicilia. E’ atteso da 20 anni

Un nuovo ddl di riforma del commercio e un fondo per fronteggiare la crisi del settore sono le due proposte che il Presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano hanno condiviso con enti locali ed associazioni di categoria nel corso della VI conferenza regionale sul commercio che si è svolta oggi a all’Astoria Palace Hotel. Vent’anni dopo l’ultimo intervento legislativo in materia di commercio, la legge regionale n°28 del 1999, il Governo Musumeci intende portare a Sala d’Ercole un disegno di legge che oltre ad avere una funzione di testo unico, opererà un vero e proprio riordino della materia, coniugando tutela del commercio locale e sviluppo occupazionale e che abbia come obiettivo la massima semplificazione amministrativa. Sburocratizzazione, pianificazione commerciale in ambito comunale e e regionale, commercio online, mercato del chilometro zero, riorganizzazione dei mercati rionali storici, programmazione di vendite promozionali e saldi, esigenze della piccola e grande distribuzione, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro sono alcuni dei grandi temi segnalati dalle associazioni di categoria che verranno affrontati nel disegno di legge messo a punto dall’assessore Turano e dagli uffici del dipartimento delle Attività produttive. “In questi mesi – spiega l’esponente del governo Musumeci – abbiamo incontrato gli amministratori locali e le associazioni del mondo del commercio per capire come la Regione poteva intervenire per aiutare un settore dove i cambiamenti e le evoluzioni sono ormai velocissimi. Siamo arrivati a stilare una bozza di disegno di legge che abbiamo condiviso con enti locali e associazioni alla Conferenza del commercio perché vogliamo al più presto portala all’Ars”. Cuore del provvedimento sarà la programmazione economica regionale che consentirà una corretta e coerente gestione del territorio in materia di grandi strutture di vendita, l’eliminazione delle asimmetrie di distribuzione e la razionalizzazione degli insediamenti commerciali nell’ambito del tessuto produttivo regionale. La programmazione regionale sarà un importante strumento per tutelare gli attuali livelli occupazionali vietando urbanisticamente, nelle zone dell’Isola dove l’offerta risulta superiore alla domanda, l’insediamento di nuove strutture commerciali e, nel contempo, prevedere un adeguato sviluppo commerciale in quelle zone dove l’insediamento di grandi strutture di vendita risulta sostenibile.  Altro grande obiettivo del ddl messo a punto dall’assessore Turano è il capitolo semplificazioni. Previsto il rafforzamento del percorso già avviato di modulistica unica, per quanto riguarda le attività commerciali su aree private gli esercizi di vicinato saranno attivabili con SCIA mentre le medie strutture di vendita avranno bisogno di una autorizzazione, nel rispetto delle previsioni del piano comunale di urbanistica commerciale. Sul versante delle grandi strutture di vendita invece sarà prevista l’autorizzazione, previo parere di una conferenza di servizi, nel rispetto delle previsioni del piano comunale di...

Leggi tutto
Fusione tra Conad Pac 2000 e Conad Sicilia, nasce un gruppo da 4,5 mld di fatturato
Ott03

Fusione tra Conad Pac 2000 e Conad Sicilia, nasce un gruppo da 4,5 mld di fatturato

Si è dato il via al processo di fusione tra le due cooperative Conad PAC 2000A e Conad Sicilia per la creazione di un gruppo da 4.5 miliardi di euro e una quota di mercato del 22.5% che decreta la leadership dell’insegna nel centro sud Italia. Il progetto approvato dalle rispettive assemblee dei soci che si sono tenute in contemporanea questa mattina a Enna e a Caserta, vedrà la nascita di una nuova azienda con oltre 20 mila addetti, un patrimonio netto di circa 700 milioni di euro e una rete vendita di 1.468 punti vendita che producono un giro d’affari di oltre 5.5 miliardi di euro. Una grande cooperativa di 1.052 soci imprenditori legati al territorio e alla comunità, uniti insieme per affrontare al meglio le sfide future attraverso il consolidamento del modello imprenditoriale Conad, il rafforzamento competitivo, nuove sinergie logistiche e organizzative e soprattutto una maggiore capacità d’investire per un piano di crescita e di sviluppo in tutto il centro e sud Italia. Forte sarà quindi il radicamento sul territorio delle 5 regioni (Umbria, Lazio, Campania, Calabria e Sicilia) in cui la nuova azienda opererà rafforzando la collaborazione con i quasi 3000 fornitori locali con cui ha sviluppato un fatturato prossimo ai 1.5 miliardi di euro. “Oggi è un giorno davvero speciale. Questa operazione ci permette di essere un grande gruppo con la potenza e il peso di una grossa azienda capace di poter reggere la competizione commerciale senza però perdere l’agilità di un’impresa territoriale – ha commentato Danilo Toppetti, Direttore generale di PAC 2000A-Conad. Non possiamo, però, fermarci a compiacerci dei nostri successi perché i mercati si evolvono con rapidità incredibile. Per essere vincenti dobbiamo migliorarci, essere pronti ogni giorno a sperimentare qualcosa di nuovo”. “Siamo un’azienda che crede nel sud e investe per la crescita del suo territorio – spiega Vittorio Troia, Direttore generale di Conad Sicilia. Metteremo a fattor comune strategie, investimenti, professionalità e competenze per supportare la crescita dei nostri soci imprenditori e sostenere nello stesso tempo l’economia locale, rafforzando la collaborazione con le tante aziende siciliane con cui lavoriamo quotidianamente (Sono 310 le imprese siciliane con cui abbiamo sviluppato nel 2018 un fatturato di oltre 130 milioni di euro). Tutto questo mantenendo lo stesso presidio sulla regione costruito in oltre 45 anni di storia di Conad in Sicilia e senza perdere di vista l’identità e le peculiarità dei singoli territori che faranno parte di questa grande azienda, nel pieno rispetto dei valori di Conad e del modello imprenditoriale cooperativo, che mette al primo posto le persone e la valorizzazione delle eccellenze locali”.   “Una fusione che rafforza il sistema Conad nel Sud...

Leggi tutto
Regione: Turano presenta bozza ddl sul commercio
Ott02

Regione: Turano presenta bozza ddl sul commercio

Un nuovo ddl di riforma del commercio e un fondo per fronteggiare la crisi del settore: sono le due proposte che l’assessore regionale alle Attivita’ produttive, Mimmo Turano, presentera’ ad enti locali e associazioni di categoria domani a Palermo alla VI conferenza regionale sul commercio che si aprira’ alle 9,30 all’Astoria Palace Hotel. “Il commercio – spiega l’esponente del governo Musumeci – e’ un settore in costante evoluzione. Il cambio degli stili di vita, le dinamiche urbane, l’espansione dell’online sono alcuni dei fattori che andremo ad analizzare insieme a esperti e soprattutto con il mondo del commercio. Il nostro obiettivo e’ riuscire a governare il cambiamento, mettendo a punto strumenti adeguati per aiutare chi lavora in questo settore ad affrontare non soltanto la sfida del cambiamento, ma anche le situazioni critiche che questo puo’ spesso generare”. La conferenza, organizzata dall’Assessorato regionale alle Attivita’ produttive, sara’ aperta dal Presidente della Regione Nello Musumeci e dal Presidente dell’Ars Gianfranco Micciche’, e avra’ l’obiettivo di mettere a confronto istituzioni, esperti e organizzazioni di categoria su come e’ cambiato il mondo del commercio e sulle sue possibili e ulteriori evoluzioni con particolare attenzione al ruolo del sostegno pubblico al settore del commercio. Folto il parterre di esperti che avranno il compito di illustrare lo scenario di riferimento: il prorettore vicario dell’Universita’ di Palermo Fabio Mazzola, i docenti Pietro Busetta e Maurizio Carta, e ancora Giovanni Arena presidente dei giovani imprenditori di Confcommercio Sicilia, Francesco Ferreri e Michele Sorbera rispettivamente presidente di Coldiretti Sicilia e direttore di Confesercenti Sicilia, e ancora Salvatore Bivona, presidente Cidec Sicilia, il presidente di Federtrasporto Confindustria Alberto Brandani e Vincenzo Romeo per Adiconsum. Il Dipartimento regionale delle Attivita’ produttive interverra’ invece con il direttore generale Carmelo Frittitta e il dirigente Roberto Rizzo. Prevista anche una tavola rotonda dedicata alla pianificazione del commercio nelle citta’ metropolitane con il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il sindaco di Catania Salvo Pogliese e il primo cittadino di Messina Cateno De Luca. “La conferenza – aggiunge l’assessore Turano – sara’ anche un momento di confronto per condividere con i comuni e le associazioni la bozza di disegno di legge regionale di riordino del settore, che giunge a distanza di vent’anni dall’ultimo intervento legislativo”. Le conclusioni saranno affidate al presidente della Regione, Nello Musumeci....

Leggi tutto
Fiducia consumatori e imprese contrastata
Set27

Fiducia consumatori e imprese contrastata

A settembre, secondo i dati Istat, si stima un contenuto aumento dell’indice del clima di fiducia dei consumatori, mentre l’indice composito  del clima di fiducia delle imprese registra invece un lieve calo. L’incremento dell’indice di fiducia dei consumatori è la sintesi di andamenti eterogenei delle sue componenti: il clima economico registra un calo, mentre il clima corrente rimane stabile.  Si rileva, invece, un aumento sia per la componente personale sia per quella futura. Con riferimento alle imprese, l’indice di fiducia mostra andamenti differenziati nei diversi comparti. Nella manifattura e nel commercio al dettaglio è in diminuzione, mentre è in aumento nei servizi e, soprattutto, nelle costruzioni. Per quanto riguarda le componenti dei climi di fiducia delle imprese, nell’industria manifatturiera il peggioramento è condizionato da una dinamica negativa sia dei giudizi sugli ordini sia delle attese di produzione; i giudizi sulle scorte rimangono stabili. Nelle costruzioni l’evoluzione positiva dell’indice è determinata da un deciso miglioramento sia dei giudizi sugli ordini sia delle attese sull’occupazione. Nel comparto dei servizi si segnala il miglioramento dei giudizi sia sugli ordini sia sull’andamento degli affari; le attese sugli ordini sono invece in deterioramento. Per quanto attiene il commercio al dettaglio, il calo dell’indice di fiducia sintetizza giudizi sulle vendite e sulle scorte in marcato peggioramento a cui si unisce un aumento delle attese sulle...

Leggi tutto
Cciaa Palermo-Enna: si dimettono 11 membri espressione Confcommercio
Set27

Cciaa Palermo-Enna: si dimettono 11 membri espressione Confcommercio

Undici consiglieri della Camera di Commercio di Palermo ed Enna, espressione di Confcommercio Palermo e Confcommercio Enna, hanno formalizzato le proprie dimissioni. “Avevamo sperato, con spirito di servizio – spiegano i consiglieri dimissionari -, di potere dare un contributo allo sviluppo del territorio e delle imprese. Purtroppo non e’ stato possibile, anche perche’ la Camera di Commercio versa in gravissime condizioni finanziarie causate dalla drastica riduzione dei diritti camerali, imposta anni fa dal governo nazionale: condizioni che rendono insostenibile la corretta conduzione dell’Ente che deve tra l’altro perseguire il principio del pareggio di bilancio. Tutto cio’ ha determinato l’impossibilita’ di realizzare strategie concrete per lo sviluppo dei territori. Ci auguriamo che le nostre dimissioni possano rappresentare un segnale importante per contribuire a una presa di coscienza sulla necessita’ di affrontare con ben altra determinazione le gravi criticita’ attuali”. I consiglieri che hanno gia’ ufficializzato le dimissioni sono Daniela Cocco, Antonio Cottone, Alessandro Dagnino, Patrizia Di Dio, Nicola Farruggio, Fabio Gioia, Giovanni Mangano, Salvatore Randazzo, Margherita Tomasello e Gioacchino Vitale. A questi si aggiunge Maurizio Prestifilippo che aveva gia’ rassegnato le dimissioni in precedenza. Nicola Farruggio e Daniela Cocco hanno anche rassegnato le dimissioni da componenti della Giunta. Il consiglio della Camera di Commercio di Palermo ed Enna e’ composto da 33 consiglieri....

Leggi tutto
Regione: il 3 ottobre conferenza sul commercio
Set27

Regione: il 3 ottobre conferenza sul commercio

“Il commercio al tempo del cambiamento. Governare le trasformazioni”, e’ questo il tema della VI Conferenza regionale sul Commercio che si terra’ il 3 ottobre all’Astoria Palace Hotel di Palermo, a partire dalle ore 9,30. Organizzato dalla Regione Siciliana, tramite l’assessorato alle Attivita’ produttive – a oltre dieci anni dall’edizione precedente – l’evento avra’ l’obiettivo di mettere a confronto istituzioni, esperti e organizzazioni di categoria su come e’ cambiato il mondo del commercio e sulle sue possibili e ulteriori evoluzioni con particolare attenzione al ruolo del sostegno pubblico al settore del commercio. Folto il parterre di esperti che avranno il compito di illustrare lo scenario di riferimento: il prorettore vicario dell’Universita’ di Palermo Fabio Mazzola, i docenti Pietro Busetta e Maurizio Carta, e ancora Giovanni Arena presidente dei giovani imprenditori di Confcommercio Sicilia, Francesco Ferreri e Michele Sorbera rispettivamente presidente di Coldiretti Sicilia e direttore di Confesercenti Sicilia, e ancora Salvatore Bivona, presidente Cidec Sicilia, il presidente nazionale di Federtrasporti Alberto Brandani e Vincenzo Romeo per Adiconsum. Il dipartimento regionale delle Attivita’ produttive interverra’ invece con il direttore generale Carmelo Frittitta e il dirigente Roberto Rizzo. Prevista anche una tavola rotonda dedicata alla pianificazione del commercio nelle citta’ metropolitane con i sindaci di Palermo Leoluca Orlando, di Catania Salvo Pogliese e di Messina Cateno De Luca. L’assessore alle Attivita’ produttive Mimmo Turano avra’ invece il compito di illustrare alle organizzazioni di categoria un’ipotesi di disegno di legge sul commercio. “Il commercio – spiega l’esponente del governo regionale – e’ un settore in costante evoluzione. Il cambio degli stili di vita, le dinamiche urbane, l’espansione dell’online sono alcuni dei fattori che andremo ad analizzare insieme a esperti e soprattutto con il mondo del commercio. Il nostro obiettivo e’ riuscire a governare il cambiamento, mettendo a punto strumenti adeguati per aiutare chi lavora in questo settore ad affrontare non soltanto la sfida dell’innovazione, ma anche le situazioni critiche che questa puo’ spesso generare”. A concludere la giornata dei lavori sara’ il presidente della Regione Nello Musumeci....

Leggi tutto
Piano di promozione Ice su agrumi in Cina.  Ok da filiera siciliana
Set17

Piano di promozione Ice su agrumi in Cina. Ok da filiera siciliana

Un’azione di comunicazione forte, supportata dall’ICE, Istituto per il Commercio Estero, per promuovere gli agrumi sul mercato cinese. Di questo si è discusso oggi al Maas di Catania, in un incontro operativo con le imprese siciliane accreditate all’export in Cina (Barbera International, Oranfrizer, Paim Fruit, OP Esperidio, OP Rosaria, Coop La Normanna) promosso congiuntamente da Distretto Agrumi di Sicilia, Consorzio di tutela dell’Arancia Rossa di Sicilia IGP, Ufficio Brand dell’assessorato per l’Agricoltura della Regione Sicilia, con la presenza di Italia Ortofrutta.  Obiettivo, fare sistema e approfondire in modo condiviso il piano promozionale proposto dall’ICE in seguito al tavolo che si tenne al Mise, Ministero dello Sviluppo Economico, lo scorso luglio e mettere a fuoco proposte precise per indirizzare l’azione dell’ICE. Quattro i punti focali: campagna promozionale dell’Arancia Rossa di Sicilia sul mercato cinese in tempo utile per il capodanno cinese, a fine gennaio; incoming di giornalisti cinesi adottando il modello del progetto “Le Vie della Zagara” del Distretto Agrumi di Sicilia; missione di ispettori per l’ampliamento di quote di export; missione di contatto con buyer cinesi.  Su questi temi, le proposte saranno sintetizzate in un progetto esecutivo da inviare entro i primi di ottobre all’ICE. Un progetto che sarà redatto in modo condiviso da tutti i soggetti coinvolti, «per mettere in campo un’azione di sistema sotto il marchio ombrello dell’IGP Arancia Rossa di Sicilia, che possa fornirci di un modello spendibile su tutti i mercati internazionali», come suggerisce il dirigente dell’Ufficio Brand dell’assessorato regionale per l’Agricoltura, Pietro Miosi. Con il placet dell’assessore Edy Bandiera, intervenuto all’incontro: «La coesione – ha detto l’assessore – è fondamentale ed è volontà del governo regionale accompagnare nel migliore dei modi possibili questo processo di apertura del mercato cinese, che vogliamo allargare anche ad altre produzioni agrumicole».   «Per essere competitivi sui mercati esteri – ha detto Giovanni Selvaggi, presidente del Consorzio di tutela dell’Arancia Rossa di Sicilia IGP – c’è bisogno di spirito imprenditoriale e di coesione. L’opportunità che l’Istituto per il Commercio Estero offre alla filiera dell’Arancia Rossa di Sicilia IGP, va sfruttata a pieno e nei tempi stabiliti dal cronoprogramma concordato. L’incontro di oggi segna l’inizio di una collaborazione ancora più stretta e, ci auguriamo ancor più proficua, tra Consorzio Arancia di Sicilia IGP, Distretto Produttivo Agrumi di Sicilia, Regione Siciliana e imprenditori del settore, tutti consapevoli che un’azione di promozione congiunta del nostro frutto può portare a grandi risultati, per la visibilità e per il fatturato». «Il Distretto Agrumi di Sicilia – ha aggiunto il presidente, Federica Argentati – si è molto impegnato per aprire il mercato cinese ai nostri agrumi, spingendo sulle modifiche al protocollo Italia-Cina sulle modalità di trasporto e, in ultimo, sulla necessità di una campagna di comunicazione che impatti...

Leggi tutto
Giovani e imprese: “Crescere in digitale” fa tappa a Palermo
Set16

Giovani e imprese: “Crescere in digitale” fa tappa a Palermo

Arriva alla Camera di Commercio di Palermo-Enna la seconda edizione di “Crescere in Digitale”, un progetto di ANPAL e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali realizzato in partnership con Unioncamere e Google a valere sulle risorse del Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” per diffondere le competenze digitali tra i giovani e avvicinare al web le imprese italiane. ll progetto, lanciato a settembre 2015 con l’avvio della piattaforma www.crescereindigitale.it – “Crescere in digitale” si rivolge ai giovani iscritti al programma “Garanzia Giovani” offrendo loro un percorso di formazione articolato in oltre 50 ore di training online, laboratori sul territorio e 5.000 tirocini nelle imprese italiane. Domani alle 10, alla Camera di Commercio di Palermo, in via Emerico Amari 9, si terra’ il Laboratorio formativo di “Crescere in Digitale”, cui parteciperanno 100 giovani della provincia selezionati tra coloro che hanno completato la prima fase del percorso formativo online e superato con successo il test. Secondo il presidente Alessandro Albanese “questa iniziativa progettuale e’ importante per almeno due motivi: offre uno sbocco occupazionale di grande potenziale ai ragazzi e contestualmente stimola le imprese a digitalizzarsi”. Si tratta, aggiunge, “di due fattori essenziali sui quali la CCIAA di Palermo ed Enna sta investendo per rendere sempre piu’ competitivo il nostro territorio ed il nostro Paese su scala globale. La Camera di Commercio di Palermo ha ospitato gia’ 10 laboratori territoriali con la presenza di 200 aziende e sono stati avviati a tirocinio ben 303 giovani neet, numerosi dei quali sono stati regolarmente assunti dalle aziende ospitanti”. I Laboratori rappresentano la prima occasione di contatto tra i giovani e le imprese del territorio che si sono iscritte a “Crescere in Digitale” per offrire tirocini formativi rimborsati da Garanzia Giovani. Molte altre opportunita’ sono a disposizione dei giovani di Palermo vista la ricca offerta di tirocini su base provinciale....

Leggi tutto
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com