Conad Sicilia: nel 2016 fatturato di 831 mln, quota mercato 13,9%
Lug13

Conad Sicilia: nel 2016 fatturato di 831 mln, quota mercato 13,9%

A un anno esatto dalla fusione tra le due cooperative Conad che presidiavano l’isola, rispettivamente nella parte occidentale (Sicilconad) e orientale (Conad Sicilia), i numeri della nuova Conad Sicilia sono da leader di mercato e la proiettano al futuro con solide basi economiche e finanziarie. Conad Sicilia ha chiuso il 2016 con un fatturato della rete di vendita di 831 milioni di euro, raggiungendo una quota di mercato che si attesta al 13.9% (fonte: Guida Nielsen Largo Consumo, II semestre 2016), con un distacco di oltre 4 punti di quota rispetto al suo primo competitor....

Leggi tutto
Saldi estivi, 100 euro spesa media pro-capite
Lug01

Saldi estivi, 100 euro spesa media pro-capite

Sabato 1 luglio partono in tutta Italia i saldi estivi. Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni famiglia spenderà in media per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo circa 230 euro per un valore complessivo intorno ai 3,5 miliardi di euro. “Parte l’estate dei saldi. Nonostante il gran caldo di questi mesi, i consumi sono stati piuttosto tiepidi e i segnali di ripresa di cui si parla tanto sono ancora troppo flebili e poco avvertiti specie dal dettaglio moda multibrand – afferma Renato Borghi, presidente di Federazione Moda Italia e vicepresidente di Confcommercio -. I saldi rappresentano un’occasione per rinfrescare il guardaroba estivo. È l’anno del risveglio del bianco e dei colori naturali, ma anche del blu chino, verde e rosso con polo, bermuda e costumi per lui; sandali, abitini, t-shirt per lei. Lino e cotone le fibre più fresche. Più avanti l’attenzione si sposterà sui quei prodotti difficilmente scontabili in stagione. Naturalmente – continua Borghi –  un giudizio sull’esito finale di questa stagione di saldi dovrà necessariamente tener conto delle intollerabili anticipazioni degli sconti lanciati in primo luogo dalle catene e dai potenti monomarca. Non ci stancheremo mai di segnalare azioni di concorrenza sleale alle Autorità competenti: non c’è niente di peggio che scrivere leggi e regole il cui rispetto non può essere garantito”....

Leggi tutto
Confcommercio: parte da Palermo il road show “sportello innovazione”
Giu26

Confcommercio: parte da Palermo il road show “sportello innovazione”

Parte da Palermo la prima tappa di “Sportello Innovazione: sosteniamo il nostro Futuro”, il road show organizzato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio e da Assintel, “che vede Confcommercio protagonista per fornire servizi, consulenza e informazioni sulle opportunita’ rivolte all’innovazione dai fondi europei”, si legge in una nota. L’iniziativa, presentata nella sede di Confcommercio Palermo alla presenza di numeri imprenditori e dell’assessore regionale alle Attivita’ Produttive Mariella Lo Bello, tocchera’ diverse citta’ siciliane per un percorso di crescita comune e rilancio dell’economia locale. “L’incontro e’ stato incentrato sulla presentazione dei servizi di assistenza e consulenza dello Sportello Innovazione, che si rivolgera’ a tutte quelle imprese che vogliono crescere e reinventarsi nel proprio mercato di riferimento – prosegue la nota -. Ma e’ stata un’occasione fondamentale per conoscere meglio le azioni e le opportunita’ rivolte alle imprese legate al piano di attuazione 2017-18 del PO-FESR 2014-2020”. “Palermo come prima tappa ha inaugurato un lavoro di collaborazione tra pubblico e privato in un’ottica di potenziamento aziendale all’insegna del rinnovamento fornendo un pratico aiuto agli imprenditori per districarsi tra le possibili varianti di investimento e accedere alle risorse messe a disposizione dalla regione e volte alla realizzazione della Strategia Europa 2020”. Erano presenti Patrizia Di Dio, presidente di Confcommercio Palermo, Pietro Ambra, vice presidente nazionale Giovani imprenditori Confcommercio, Emanuele Spampinato, vice presidente nazionale Assintel, Mariella Lo Bello, assessore regionale Attivita’ produttive, Giovanni Imburgia, presidente Giovani Confcommercio Palermo, Rosario Minasola, presidente Assintel Palermo, Dario Tornabene, dirigente dell’assessorato regionale Attivita’ produttive, che ha esposto il contenuto delle azioni, e Margherita Tomasello, vice presidente di Confcommercio Palermo. “Venerdi’ scorso abbiamo pubblicato i primi quattro bandi che saranno a disposizione delle aziende su ricerca, innovazione e competitivita’ delle imprese – ha affermato l’assessore regionale Mariella Lo Bello – che rappresentano una serie di agevolazioni adeguate alle imprese siciliane che vogliono crescere, che hanno bisogno di un rilancio. La Sicilia ha bisogno di tante imprese, il che equivale ad avere tanto...

Leggi tutto
Confesercenti, De Luise eletta presidente
Giu20

Confesercenti, De Luise eletta presidente

L’assemblea di Confesercenti ha eletto all’unanimità Patrizia De Luise nuovo presidente nazionale dell’associazione. De Luise, imprenditrice attiva da oltre trenta anni nel commercio moda a Genova, è la prima donna a ricoprire la carica di presidente nazionale di un’associazione di piccole e medie imprese dal dopoguerra a oggi. Succede nel suo incarico a Massimo Vivoli. “Sono onorata per la fiducia riposta in me dai miei colleghi. Non la tradirò, proseguendo con il massimo impegno nel percorso di valorizzazione delle nostre imprese avviato da chi mi ha preceduto”, afferma De Luise. “Questo è un incarico che mi inorgoglisce, e che affronto con la certezza di poter contare su una squadra preparata. Solo attraverso il gioco di squadra, infatti, possiamo dare risposte concrete al mondo che rappresentiamo. Un mondo che deve tornare al centro dell’agenda di politica economica del Paese, perché se le nostre imprese vivono, vivono anche le nostre città ed il turismo. Dobbiamo dire no alla politica che risolve tutto stangando attività e famiglie, e sostenere invece gli interventi che fanno crescere e che riconoscono la dignità ed il lavoro di tutti. Un obiettivo che possiamo raggiungere solo dando maggiore forza al ruolo dei corpi intermedi: non può essere solo la piazza o il web il luogo di confronto fra cittadini ed istituzioni. Noi – conclude – rafforzeremo il nostro impegno su tutti i fronti, dai tavoli istituzionali ai territori, il cui lavoro in prima linea è la base da cui partire per costruire un’associazione ancora più forte ed inclusiva, aperta al dialogo ma sempre con la consapevolezza del rispetto dovuto al ruolo della rappresentanza”....

Leggi tutto
Imprese: Taranto “Presenza manager in startup facilita finanziamento”
Giu13

Imprese: Taranto “Presenza manager in startup facilita finanziamento”

“Fare innovazione e’ difficile in Sicilia e al Sud perche’ c’e’ troppa dipendenza dal pubblico, per la composizione produttiva del territorio e per l’incapacita’ di fare rete tra imprese e Universita’. Bisogna inserire manager nelle startup, perche’ questo da loro possibilita’ di avere da subito una struttura competitiva e facilita anche il finanziamento, che cerca appunto imprese con un business plan vincente e competenze capaci di realizzarlo”. Cosi’ Luigi Taranto, segretario della Commissione Attivita’ Produttive della Camera dei deputati, ha chiuso il convegno Startup e Pmi organizzato a Palermo da Manageritalia. “Bisogna – ha detto anche Taranto – aumentare la conoscenza presente nel processo produttivo e fare innovazione anche nell’ecosistema. Andrebbe creato, come ha proposto lo Svimez, un Mit del Mezzogiorno”. “Troppe aziende familiari in Italia – ha detto Guido Carella, presidente Manageritalia nazionale – non hanno manager esterni alla famiglia (70% contro il 20% dei nostri principali partner europei) e proprio qui sta buona parte della nostra incapacita’ di competere oggi nella nuova economia digitale e 4.0”. “Abbiamo tanti manager siciliani – ha detto Luca Mencarelli, presidente Manageritalia Palermo e Sicilia – che non trovando sbocchi sull’isola sono stati costretti ad andare altrove e tanti giovani che devono farlo ora. Sfruttiamoli dando piu’ spazio loro nelle nostre imprese. Noi siamo a disposizione di chi voglia anche solo capire come e cosa fare per inserire managerialita’”. Tutti gli intervenuti hanno sottolineato il bisogno di inserire managerialita’ nelle Startup e nelle Pmi e di fare squadra operando tutti per cogliere questa innovazione in tutti i sensi, per cambiare davvero lo stato dell’economia dell’Isola. “Dobbiamo valutare le nuove imprese – ha detto Pietro Agen, presidente di Confcommercio Sicilia – e aiutarle ad avere un piano che stia in piedi e possa correre, fare utili e dargli solidita’ grazie a innesti manageriali esterni alla famiglia dell’imprenditore. Non puo’ piu’ esserci confusione tra ruolo dell’imprenditore e del management”. Secondo Patrizia Di Dio, presidente Confcommercio Palermo, “L’imprenditore non fa nascere le imprese, questo lo fa il notaio, lui deve idearle e crescerle facendosi affiancare da valide competenze...

Leggi tutto
Moody’s conferma i rating al Credem
Giu12

Moody’s conferma i rating al Credem

In data 9 giugno, Moody’s Investors Services, ha confermato i seguenti rating assegnati a Credito Emiliano (Credem):   Rating a breve termine sui Depositi: “P-2”; Counterparty Risk Assessment a lungo termine: “Baa1”; Counterparty Risk Assessment a breve termine: “P-2”; Adjusted Baseline Credit Assessment: “baa3”; Baseline Credit Assessment: “baa3”.   Tali conferme, sulla base di quanto riportato dall’agenzia, riflettono in particolare il basso livello di crediti problematici rispetto al contesto Italiano, che colloca Credem in linea con i valori medi Europei, così come una soddisfacente profittabilità e dotazione patrimoniale, significativamente superiore ai requisiti prudenziali.   Moody’s Investors Services ha invece abbassato il Rating a lungo termine sui Depositi, da “A3” a “Baa1”, unicamente a seguito della progressiva riduzione dell’ammontare di emissioni senior non garantite in essere. L’outlook su tale rating rimane...

Leggi tutto
Pil, Sangalli “Al 2% senza difetti strutturali”
Giu08

Pil, Sangalli “Al 2% senza difetti strutturali”

“Senza i gravi difetti strutturali che frenano il nostro sistema produttivo, oggi potremmo sperare in un traguardo al 2% del PIL per l’anno in corso. Ma i difetti strutturali, purtroppo, ci sono”. Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, nel suo intervento all’Assemblea annuale. “Eccesso di burocrazia, deficit di legalità, fragilità del sistema infrastrutturale e dell’accessibilità, ingiusto fardello tributario e insostenibile costo del lavoro che gravano su famiglie e imprese: restano sul tappeto, a volte anche sotto il tappeto, le principali questioni che frenano da oltre venti anni la crescita economica e lo sviluppo sociale del Paese”, aggiunge. “Per tasso di crescita economica, l’Italia occupa gli ultimi posti in Europa. Tuttavia, gli ultimi mesi ci consegnano alcuni apprezzabili indizi di vitalità, che vanno sostenuti con l’unica strada percorribile: accelerare sulle riforme. E’ presto, crediamo, per parlare di svolta, ma va sottolineato il risveglio dell’occupazione in aprile, dopo un letargo di sette mesi. Come va riconosciuto pienamente il ruolo dei servizi di mercato, cioè dei nostri settori, nell’accelerazione del Pil nella prima parte del 2017”, sottolinea poi Sangalli. “Ci preoccupano tutte le ipotesi di scambio tra aumento dell’Iva ed altre misure fiscali. L’aumento dell’Iva non è barattabile. Convinti come siamo che, con l’aumento dell’Iva scenderebbe ‘il grande inverno’ dei consumi sul nostro Paese. Convinti come siamo che aumentare l’Iva significherebbe far crescere il già insostenibile peso fiscale su famiglie e imprese – avverte – penalizzare i redditi più bassi e, quindi, rinunciare ad ogni credibile prospettiva di sviluppo. E’ una battaglia giusta. Sappiamo bene che l’Iva è solo la punta dell’iceberg: sotto c’è tutta la questione fiscale che va affrontata e risolta”....

Leggi tutto
Coop Sicilia: 273 esuberi in Sicilia, 134 a Catania
Giu07

Coop Sicilia: 273 esuberi in Sicilia, 134 a Catania

La Coop Sicilia ha comunicato l’apertura della procedura di mobilita’ per 273 esuberi sulla intera rete regionale, di cui 134 a Catania. Lo comunica la Filcams Cgil etnea “Non accetteremo mai la semplice equazione, difficolta’ finanziarie uguale al licenziamento di personale. La Coop Sicilia deve prima dare chiara dimostrazione concreta iniziando a tagliare gli sprechi, gli alti costi per i manager, i benefit elargiti ai quadri e responsabili di settore in maniera unilaterale”, afferma il delegato del commissario Filcams, Sergio Aliprandi. La Filcams chiede ai sindaci delle citta’ siciliane coinvolte nei licenziamenti e alla giunta regionale “di farsi parte attiva insieme ai sindacati nel ricercare la giusta soluzione per questo ennesimo attacco all’occupazione. Non potra’ essere alcun licenziamento in Sicilia. Questa terra – conclude Aliprandi- e’ gia’ martoriata da un forte tasso di disoccupazione, sopratutto giovanile. La Filcams mettera’ in campo ogni azione di lotta per difendere il diritto al lavoro di tutti i dipendenti Coop Sicilia”....

Leggi tutto
Ad aprile indice disagio sociale in calo
Giu06

Ad aprile indice disagio sociale in calo

Ad aprile il Misery Index Confcommercio (MIC) si è attestato su un valore stimato di 19,1 punti (-0,8 punti rispetto a marzo), consolidando la tendenza al ridimensionamento emersa nel mese precedente e ritornando sui valori di novembre dello scorso anno. All’andamento del MIC dell’ultimo mese ha contribuito sia l’ulteriore rallentamento del tasso di variazione dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d’acquisto, dal 2,7% di marzo al 2,2% dell’ultimo mese, sia il rientro della disoccupazione estesa, scesa di quattro decimi di punto. I segnali emersi nell’ultimo mese secondo Confcommercio sono indubbiamente incoraggianti. Per un concreto ridimensionamento dell’area del disagio sociale, in grado di restituire fiducia alle famiglie e migliorare le capacità reddituali, è, comunque, necessario che le tendenze, soprattutto sul versante del mercato del lavoro, si consolidino favorendo un rientro della disoccupazione ufficiale soprattutto nelle fasce di età più giovani....

Leggi tutto
Donne imprenditrici: Di Dio “7 su 10 scelgono terziario”
Mag25

Donne imprenditrici: Di Dio “7 su 10 scelgono terziario”

In Italia crescono le donne imprenditrici e in 7 casi su 10 scelgono il mercato del Terziario: Patrizia Di Dio, presidente nazionale dell’organizzazione delle imprenditrici associate a Confcommercio Terziario Donna e presidente di Confcommercio Palermo, lo ha sottolineato intervenendo a Milano al convegno su “Le donne protagoniste dell’economia del nuovo umanesimo” al quale hanno partecipato, tra gli altri, anche il presidente nazionale di Confcommercio Imprese per l’Italia Carlo Sangalli, Maria Antonia Rossini Pigozzi, presidente Terziario Donna Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza, Cristina Tajani assessore Politiche del lavoro, Attivita’ produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano, Mauro Parolini, assessore Sviluppo Economico di Regione Lombardia, don Walter Magnoni, Responsabile Servizio per la Pastorale sociale e del lavoro della Chiesa di Milano. Nell’era della globalizzazione e dell’e-commerce, ha detto Di Dio, “le donne esprimono una cultura d’impresa che sa guardare lontano e che puo’ fare da guida per comportamenti virtuosi sempre piu’ attenti all’individuo e alla comunita’. Per noi non si tratta solo di “vendere merce”, ma tendiamo a creare una relazione ed emozioni con il cliente prendendoci cura di lui, anche offrendo tempo”. “Gia’ cinque anni fa – ha ricordato ancora Patrizia Di Dio – noi del Terziario Donna abbiamo promosso un’attivita’ di formazione che puntava proprio sull’implementazione delle capacita’ relazionali di ciascuna delle imprenditrici coinvolte. Per il 2017 abbiamo pianificato attivita’ di formazione sul marketing emozionale che tende a implementare le capacita’ relazionali dell’imprenditrice, le sue capacita’ di entrare in contatto con il cliente e di sprigionare energie positive”. “Le donne, quindi anche grazie alle proprie imprese, intervengono nei fatti della realta’ che le circonda – ha aggiunto Di Dio – esprimendo una cultura d’impresa che sa guardare lontano e che puo’ fare da guida per comportamenti virtuosi sempre piu’ attenti all’individuo e alla comunita’, permeata delle specificita’ femminili di cura, visione dell’altro, “ricerca di senso”, coraggio, istinto ecologico, cultura, relazioni, solidarieta’. Ecco allora che le donne imprenditrici appaiono oggi piu’ che mai promotrici e protagoniste del nuovo Umanesimo nel mondo del Terziario”....

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com