Regione: 13 mln per migiloramento aziende vitivinicole
Dic13

Regione: 13 mln per migiloramento aziende vitivinicole

Tredici milioni di euro dal governo regionale per le aziende vitivinicole siciliane che vorranno ammodernare le proprie attrezzature o realizzare nuove cantine. Il bando e’ gia’ on line sul sito dell’assessorato all’Agricoltura. L’erogazione coprira’ il 50 per cento della spesa ammissibile. “Una nuova e importante opportunita’ – spiega il governatore Nello Musumeci – per i nostri imprenditori che, dotandosi di strumenti all’avanguardia, potranno migliorare le proprie performance sui mercati nazionali e internazionali, concorrendo ad armi pari con le altre aziende”. Le richieste di finanziamento potranno essere presentate entro il 15 febbraio 2019 e andranno inoltrate, attraverso un Centro di assistenza agricola, al portale Sian. Entro 7 giorni tutta la documentazione cartacea dovra’ pervenire presso l’Ispettorato provinciale dell’Agricoltura competente per territorio. Si tratta di un bando biennale, che prevede una spesa massima di tre milioni di euro e una minima di trentamila euro, articolato su due campagne vitivinicole: 2018-2019 e 2019-2020. Pertanto, la dotazione finanziaria messa a bando oggi verra’ utilizzata per erogare l’anticipo del contributo, pari al 30 per cento, alle aziende collocate utilmente in graduatoria. Per il saldo, saranno appostate le ulteriori risorse necessarie a valere sull’Ocm vino. “E’ il primo bando per investimenti emesso dal 2016 – sottolinea l’assessore per l’Agricoltura Edy Bandiera – ed e’ l’ultimo relativo alla programmazione Ocm vino per la Campagna 2018-2019. Adesso abbiamo impegnato tutte le risorse messe a disposizione dal competente ministero”....

Leggi tutto
Verso marchio di qualità per prodotti siciliani del grano
Dic13

Verso marchio di qualità per prodotti siciliani del grano

Nascera’ un marchio di qualita’ per identificare i produttori di pane e pasta che usano grano siciliano non trattato con glifosato e libero dai veleni che troppo spesso giungono sulle nostre tavole attraverso prodotti realizzati con materie prima di dubbia provenienza. L’iniziativa e’ dell’U.Di.Con, l’Unione Difesa dei Consumatori che porta avanti da mesi la battaglia per la sicurezza a tavola. Proprio la sicurezza in tavola sara’ al centro della due giorni palermitana dedicata ai prodotti del grano che si terra’ domani e sabato in piazza di fronte al teatro Massimo, a Palermo. “Saranno giorni di degustazioni, informazione, incontri divulgativi e dedicati alla promozione di un protocollo d’intesa che sia apripista per la nascita del marchio di qualita’ che e’ nei progetti U.Di.Con”, spiegano i promotori. L’evento e’ organizzato con il patrocinio degli a assessorati regionali Attivita’ produttive, Salute e Agricoltura e vedra’ la presenza del Presidente Nazionale Udicon Denis Nesci, del Presidente regionale Pietro Feroce, degli assessori regionali Mimmo Turano e del vice sindaco e assessore alle attivita’ produttive del comune di Palermo Sergio Marino, del Commissario Straordinario dell’Istituto Zooprofilattico della Sicilia Salvatore Seminara oltre ad esperti nutrizionisti, biologi, chef e responsabili delle associazioni di categoria “La nascita del protocollo di intesa con i produttori di pane e pasta – dice il Presidente U.Di.Con, Denis Nesci – e’ un modo per garantire un valore aggiunto ad un prodotto che e’ gia’ buono ma che diventera’ piu’ sicuro. Infine la creazione di un marchio scelto e ideato con cura per questa iniziativa , servira’ a identificare un prodotto di qualita’ e sicuro, fara’ la differenza tra tutti i prodotti presenti negli scaffali della grande e media distribuzione” “Con questo ambizioso progetto l’U.Di.Con Regionale Sicilia intende sostenere e rafforzare la commercializzazione di pane e pasta ‘Born in Sicily’ di qualita’ attraverso l’acquisizione di politiche vincenti, innovativi metodi di gestione – gli fa eco il presidente regionale Pietro Feroce -. La nascita di questo protocollo di intesa rappresenta infatti una risposta concreta affinche’ si faccia squadra e si costruisca una rete tra produttori di grano panificatori pastai e consumatori, proprio ieri abbiamo incontrato l’assessore Regionale alle attivita’ produttive Mimmo Turano a cui abbiamo sottoposto la bozza che contiene le linee guida che dovranno rispettare i produttori di pane e pasta che intendono aderire al nostro progetto. L’assessore Turano ha espresso vivo apprezzamento all’iniziativa e si e’ deciso di riconvocare un tavolo dopo la due giorni che terremo a piazza Verdi per creare forti sinergie che mirano alla commercializzazione di un prodotto di eccellenza tutto a vantaggio dei consumatori”....

Leggi tutto
Agricoltura e feste natalizie, Catania e Trapani prime per imprese TRAPANI PRIME PER IMPRESE-3-
Dic11

Agricoltura e feste natalizie, Catania e Trapani prime per imprese TRAPANI PRIME PER IMPRESE-3-

Settori agricoli legati alle feste di Natale, sono 8 mila le imprese in Lombardia su 190 mila in Italia e 15 mila gli addetti su 271 mila nazionali. Crescono gli operatori in regione del 7% in cinque anni, +7,8% in Italia. Emerge dai dati elaborati dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e da Coldiretti Lombardia su fonte registro imprese al primo trimestre 2018, 2017 e 2013. Prime Brescia e Pavia con quasi duemila imprese, seguono Bergamo e Mantova con quasi mille. Donne protagoniste a Sondrio con 141 imprese su 406, il 35%. Stranieri a Mantova con 82 su 830, il 7%. “Il comparto agricolo e’ protagonista anche nel periodo delle festivita’ natalizie – spiega Giovanni Benedetti, membro di giunta della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi e direttore di Coldiretti Lombardia – A cominciare dagli alberi naturali di Natale che quest’anno, secondo un’indagine Coldiretti/Ixe’, trovano spazio nelle case di 3,6 milioni di famiglie per una spesa media di 33 euro. Importante, in questo senso, scegliere l’albero vero Made in Italy che concilia il rispetto della tradizione con quello dell’ambiente, a differenza di quelli di plastica che nascono dal petrolio e inquinano l’ambiente. Nelle nostre campagne, poi, nascono le eccellenze agroalimentari che troveranno posto sulle tavole delle feste o per regali da fare ad amici e parenti con prodotti che vanno dagli immancabili cotechini, zamponi e spumanti fino all’agribeauty e all’agripanettone”. Alberi di Natale a Milano e Como, vini e spumanti a Pavia, a Brescia frutta anche secca e esotica e fiori per le decorazioni, carni suine per lo zampone a Mantova. Per gli alberi di Natale, sono 53 le imprese specializzate per questo periodo dell’anno, di cui 18 a Milano e 10 a Como. Al centro dei festeggiamenti vini e spumanti, nel settore agricolo legato all’uva ci sono 2997 imprese, di cui 1.466 a Pavia. Protagonista in tavola la frutta, che vede 454 imprese attive in regione, di cui 114 a Brescia e 91 a Bergamo, a cui si aggiungono 33 di agrumi e 8 di frutta tropicale. Sono poi oltre mille imprese di ortaggi freschi regionali. Per ornare tavola e casa, 939 le attivita’ che coltivano fiori e piante all’aria aperta, di cui oltre cento a Brescia, Bergamo, Como, Milano e Varese, 177 con fiori in colture protette, di cui 60 a Brescia. Circa 1500 le imprese legate alle carni, che non mancano in tavola secondo le ricette tradizionali. In particolare i suini, con lo zampone che sara’ protagonista a Capodanno, sono prevalenti nel mantovano, le altre carni nel bresciano. In Italia prime Catania, Trapani, Treviso. Giovani protagonisti a Nuoro, donne ad Avellino...

Leggi tutto
Agriturismo in Sicilia. Bando da 25 mln per le attività da creare o sviluppare
Nov29

Agriturismo in Sicilia. Bando da 25 mln per le attività da creare o sviluppare

Agriturismi, fattorie didattiche e strutture legate all’agricoltura e al turismo: la Regione siciliana ha stanziato venticinque milioni di euro per l’apertura o il mantenimento di attività connesse ai comparti. Tra gli investimenti ammissibili ci sono la ristrutturazione, il recupero, la riqualificazione e l’adeguamento di fabbricati e manufatti aziendali esistenti e delle aree in cui si trovano. Sono contemplati l’acquisto di attrezzature specifiche e necessarie per l’attività sociale (per esempio per un progetto di agricoltura sociale) e l’installazione e il ripristino di impianti termici e telefonici dei fabbricati o ancora la realizzazione di servizi e dotazioni durevoli necessari per l’attività che si intende realizzare. Per lo svolgimento delle attività possono essere necessari lavori di adeguamento, come la realizzazione di opere legate al superamento di barriere architettoniche e di prevenzione dei rischi e il miglioramento del bene immobile. Le domande devono essere presentate dal 20 settembre al 20 dicembre...

Leggi tutto
Ristrutturazione vigneti e promozione nei paesi terzi: 36 milioni per le aziende siciliane
Nov29

Ristrutturazione vigneti e promozione nei paesi terzi: 36 milioni per le aziende siciliane

Promozione nei paesi terzi e ristrutturazione e riconversione dei vigneti per la campagna 2018/2019: in arrivo quasi 36 milioni di euro per le aziende sicilian dai due bandi. Lo ha annunciato il governatore siciliano Nello Musumeci: “Abbiamo rispettato le scadenze – dice – Con queste risorse puntiamo ad aumentare, ancora di più, la competitività delle nostre produzioni enologiche, già conosciute e apprezzate anche sui mercati esteri”. Per quanto riguarda l’ammodernamento dei vigneti, a disposizione circa 30 milioni di euro: ne beneficeranno 951 aziende siciliane. “Un percorso che punta al miglioramento qualitativo, per una maggiore incisività del prodotto siciliano sul mercato nazionale ed estero. Le uve provenienti dai vigneti realizzati attraverso la misura di riconversione e ristrutturazione, infatti, saranno destinate alla produzione di vini Doc e Igt”, afferma una nota. Via libera anche alla graduatoria relativa alla promozione del vino in undici Paesi, tra i quali Stati Uniti, Canada, Svizzera, Giappone e Cina, che rappresentano i principali mercati extra europei d’interesse per la commercializzazione ed esportazione del prodotto siciliano. In questo caso, sono quindici i progetti di promozione approvati, per un valore di 5,6 milioni di euro, che coinvolgono circa novanta imprese e il Consorzio Doc Sicilia. I quasi tre milioni di euro che non verranno utilizzati, sugli 8,4 milioni di euro previsti dal bando, saranno destinati ad altre misure dell’Ocm vino. “Il settore vitivinicolo – aggiunge l’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera – costituisce uno dei comparti di maggiore traino nell’ambito del Pil agricolo della Regione. Le risorse dell’Ocm vino costituiscono un efficace sostegno per l’ammodernamento e la competitività del settore”. http://www.cronachedigusto.it/component/content/article/26382-ristrutturazione-vigneti-e-promozione-nei-paesi-terzi-36-...

Leggi tutto
Il cibo fa rete e sistema: nasce Unione Italiana Food, colosso da 35 miliardi di euro
Nov29

Il cibo fa rete e sistema: nasce Unione Italiana Food, colosso da 35 miliardi di euro

Nasce Unione Italiana Food, la più grande associazione in Europa che raggruppa 450 imprese produttrici di beni alimentari di oltre 20 settori merceologici, con un fatturato di oltre 35 miliardi di euro, di cui 10 miliardi di export. Ad unirsi sono Aidepi (Associazione delle Industrie del Dolce e della Pasta Italiane) e Aiipa (Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari) che, da gennaio 2019, confluiranno nella nuova realtà che raggruppa 800 prodotti dal caffè al chewing gum, passando da surgelati, integratori alimentari, ortofrutta fresca confezionata, ecc. L’obiettivo è valorizzare e tutelare i prodotti simbolo dell’alimentare italiano alle prese con le nuove sfide del mercato globali, aumentando l’efficacia della rappresentanza delle rispettive categorie, con l’ulteriore vantaggio di garantire servizi migliori per le aziende associate. A presiedere l’Unione è Marco Lavazza (Luigi Lavazza SpA) con il vice Presidente Paolo Barilla (Barilla SpA), due nomi che descrivono la rilevanza del progetto e che rappresentano la tradizione dell’imprenditoria italiana del settore alimentare. “I punti di forza dei prodotti italiani rappresentano un valore estremamente prezioso per un mercato globale che vuole alimenti sempre più gustosi, sicuri, innovativi e sostenibili – afferma Marco Lavazza – e una delle prerogative di Unione Italiana Food sarà il supporto alle aziende italiane nelle...

Leggi tutto
Regione: vino, 36 mln per le aziende siciliane
Nov22

Regione: vino, 36 mln per le aziende siciliane

In arrivo quasi 36 milioni di euro per le aziende vitivinicole siciliane. Sono state approvate dall’assessorato regionale all’Agricoltura le graduatorie relative ai bandi per la “Ristrutturazione e riconversione dei vigneti per la campagna 2018-2019” e per la “Promozione nei Paesi terzi”. “Abbiamo rispettato – evidenzia il presidente della Regione Nello Musumeci – le scadenze previste. Con queste risorse puntiamo ad aumentare, ancora di piu’, la competitivita’ delle nostre produzioni enologiche, gia’ conosciute e apprezzate anche sui mercati esteri”. Nel primo caso, sono 951 le aziende e i produttori dell’Isola che potranno beneficiare di un finanziamento complessivo di trenta milioni di euro per l’ammodernamento e l’implementazione dei propri vigneti. Un percorso che punta al miglioramento qualitativo, per una maggiore incisivita’ del prodotto siciliano sul mercato nazionale ed estero. Le uve provenienti dai vigneti realizzati attraverso la misura di riconversione e ristrutturazione, infatti, saranno destinate alla produzione di vini Doc e Igt. Via libera anche alla graduatoria relativa alla promozione del vino in undici Paesi, tra i quali Stati Uniti, Canada, Svizzera, Giappone e Cina, che rappresentano i principali mercati extra europei d’interesse per la commercializzazione ed esportazione del prodotto siciliano. In questo caso, sono quindici i progetti di promozione approvati, per un valore di 5,6 milioni di euro, che coinvolgono circa novanta imprese e il Consorzio Doc Sicilia. I quasi tre milioni di euro che non verranno utilizzati, sugli 8,4 milioni di euro previsti dal bando, saranno destinati ad altre misure dell’Ocm vino. “Il settore vitivinicolo – aggiunge l’assessore all’Agricoltura Edy Bandiera – costituisce uno dei comparti di maggiore traino nell’ambito del Pil agricolo della Regione. Le risorse dell’Ocm vino costituiscono un efficace sostegno per l’ammodernamento e la competitivita’ del settore”....

Leggi tutto
Bando PSR per l’ottenimento dei marchi di qualità: al via la presentazione delle domande
Nov16

Bando PSR per l’ottenimento dei marchi di qualità: al via la presentazione delle domande

“Sostegno alla nuova adesione ai regimi di qualità”, lo prevede il bando pubblicato sul sito del PSR Sicilia (misura 3.1) per il quale è già possibile presentare on line le domande di sostegno. Tutti gli agricoltori e le loro associazioni, che per la prima volta vorranno aderire a regimi di qualità riconosciuti (prodotti ottenuti con metodo biologico, prodotti DOP e IGP, vini DOCG, DOC e IGT) potranno beneficiare di un contributo massimo annuo di € 3.000 per cinque anni, per sostenere il 100% dei costi ammissibili e relativi a spese di iscrizione, oneri per analisi, spese relative alle certificazioni delle produzioni, costi per il mantenimento del regime di qualità. La dotazione complessiva del bando è pari a € 1.800.000 e le domande potranno essere presentate in due tranche attraverso il sistema informatico Sian e successivamente essere inoltrate in formato cartaceo presso l’Ispettorato Agricoltura provinciale competente per territorio: dal 12 novembre al 28 febbraio 2019 e dal 1 luglio al 31 ottobre 2019. Gli uffici procederanno alla valutazione delle domande di sostegno presentate ed alla stesura delle graduatorie definitive rispettivamente entro il 30 giugno 2019 per la prima fase ed entro il 29 febbraio 2020 per la seconda fase. “Attraverso i regimi di qualità miglioriamo la competitività dei produttori all’interno della filiera agroalimentare, incrementiamo il valore aggiunto e potenziamo le produzioni di qualità  – afferma l’Assessore Edy Bandiera – ma soprattutto assicuriamo maggiore garanzia ai consumatori sui prodotti e metodi di...

Leggi tutto
Agricoltura: Lentini “La Commissione Ue finanzia campagne promozione con 191 mln di euro”CON 191 MLN”
Nov15

Agricoltura: Lentini “La Commissione Ue finanzia campagne promozione con 191 mln di euro”CON 191 MLN”

“La Commissione Europea ha adottato il programma di lavoro per il 2019 delle campagne di promozione, destinando 191,6 milioni di euro a programmi selezionati per il co-finanziamento dell’Unione”. A darne notizia e’ l’europarlamentare di Forza Italia, Innocenzo Leontini. Gli inviti a presentare proposte per campagne specifiche saranno pubblicati in gennaio 2019. “Le associazioni di categoria, le organizzazioni di produttori e gli organismi dell’agroalimentare che si occupano di promozione, partecipino -, siamo di fronte a una grande opportunita’ per gli agricoltori e i produttori agroalimentari siciliani – continua Leontini – Visto che l’Europa e’ il maggior produttore di prodotti enogastronomici di qualita’ e, nell’ambito dell’Europa rientra certamente l’Italia, con la Sicilia ai primi posti, ritengo apprezzabile l’azione compiuta. Da questo momento in poi, sara’ necessaria un’opera di sensibilizzazione nel merito, sia da parte dell’Unione Europea che nei paesi terzi che hanno un elevato potenziale di crescita”....

Leggi tutto
Coldiretti, Prandini è il nuovo presidente nazionale
Nov09

Coldiretti, Prandini è il nuovo presidente nazionale

Ettore Prandini, 46 anni, lombardo, e’ il nuovo presidente nazionale di Coldiretti. E’ stato eletto all’unanimita’ dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni riunita presso Palazzo Rospigliosi a Roma, sede della maggiore organizzazione di imprese agricole d’Italia con 1,6 milioni di associati. Laureato in giurisprudenza, Prandini guida un’azienda zootecnica di bovini da latte e gestisce un’impresa vitivinicola con produzione di Lugana. Dal 2006 e’ alla guida della Coldiretti Brescia mentre dal 2012 e’ al vertice della Coldiretti Lombardia. Dal 2013 e’ inoltre vice presidente dell’Associazione Italiana Allevatori e presidente dell’Istituto Sperimentale Italiano “L. Spallanzani”. E’ stato eletto presidente nazionale di Coldiretti dopo aver ricoperto per quattro anni la carica di vice Presidente nazionale. “In un momento cosi’ importante con sfide e cambiamenti per il nostro Paese, l’agroalimentare Made in Italy rappresenta una certezza da cui partire per far crescere economia ed occupazione ma anche per tutelare l’ambiente, il territorio e la sicurezza dei cittadini”, spiega Prandini. “Gli agricoltori stanno facendo la loro parte ma possiamo e dobbiamo dare di piu’ creando le condizioni per garantire reddito alle imprese, rilanciando un sistema in grado di offrire prezzi piu’ giusti alla produzione, meno burocrazia e maggiore competitivita’, a partire da una politica di accordi di libero scambio che non penalizzino i nostri prodotti a livello internazionale fino a una legge comunitaria per l’etichettatura d’origine che garantisca  vera trasparenza e liberta’ di scelta ai consumatori”. Prandini sara’ affiancato dalla nuova giunta confederale composta dai tre vice presidenti Nicola Bertinelli (Emilia Romagna) e David Granieri (Lazio) e Gennaro Masiello (Campania) oltre che da Maria Letizia Gardoni (Marche), Francesco Ferreri (Sicilia), Daniele Salvagno (Veneto), Savino Muraglia (Puglia) e Roberto Moncalvo (Piemonte). Si tratta della giunta piu’ giovane di sempre con un’eta’ media di 41 anni e 9 mesi, poco superiore a quella media dei presidenti delle Federazioni Coldiretti sul territorio che e’ di 43 anni e 10 mesi, anch’essa la piu’ bassa della storia....

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com