Pesca sperimentale del Cicirello e del Rossetto. Aci Pesca sollecita intervento della Regione presso il Ministero
Nov23

Pesca sperimentale del Cicirello e del Rossetto. Aci Pesca sollecita intervento della Regione presso il Ministero

Si è svolto presso il Dipartimento Pesca dell’assessorato regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana (alla presenza del direttore Dario Cartabellotta e del funzionario direttivo Leonardo Catagnano), l’incontro sollecitato dalle Centrali cooperative per fare il punto sulla situazione delle pesche speciali. Come si ricorderà qualche settimana fa è stato pubblicato sul sito del Ministero delle Risorse Agricole il Decreto Direttoriale che autorizza in Calabria la pesca sperimentale del Cicirello e del Rossetto in Calabria. La notizia ha giustamente suscitato allarme nelle nostre marinerie e la reazione dei nostri pescatori tanto che Alleanza delle Cooperative Italiane – Pesca ha immediatamente incontrato la categoria per concordare le più opportune iniziative di lotta. Per tornare all’incontro in Assessorato, il direttore Cartabellotta nel dichiarare di essere vicino ai pescatori siciliani ha informato che lunedì avrà un incontro con Riccardo Rigillo, Direttore Generale della Pesca marittima e dell’Acquacoltura presso il Ministero, per sollecitare la pubblicazione del Decreto autorizzativo della pesca sperimentale del Cicirello e del Rossetto anche per la Sicilia. “Siamo fiduciosi – hanno dichiarato Giovanni Basciano (Agci-Agrital); Nino Accetta (Federcoopesca-Confcooperative) e Pino Gullo (Legacoop Agroalimentare) – ma restiamo in guardia pronti a qualsiasi intervento per difendere i diritti della piccola pesca siciliana. La prossima settimana avremo maggiori chiarimenti ed eventualmente prenderemo le giuste...

Leggi tutto
“Giornate dell’economia”, gli appuntamenti di giovedì
Nov22

“Giornate dell’economia”, gli appuntamenti di giovedì

Nell’ambito della X edizione delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno dal titolo “I frutti avvelenati della globalizzazione. Dalla società liquida a quella solida”, ecco gli appuntamenti di giovedi 23 novembre. Si comincia alle 9.30 nella Sala degli Specchi di Villa Niscemi (Piazza dei Quartieri 2, Palermo) con “Il ruolo del credito nell’economia globalizzata”. Apre il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Dopo i saluti di Patrizia Di Dio, presidente nazionale Terziario donna Confcommercio, introduzione di Pietro Busetta, presidente della Fondazione Curella e di Alessandro Dagnino, presidente IRFIS FinSicilia SpA. Intervengono: Piero Alessandrini (professore emerito Università Politecnica delle Marche), Giovanni Ferri (pro rettore alla Didattica dell’Università LUMSA), Michele Fratianni (professore emerito Indiana University), Luca Papi (Università Politecnica delle Marche), Enzo Scannella (Università degli Studi di Palermo). Interverranno poi Giovanbattista Cartia (presidente Banca Popolare di Ragusa), Ines Curella (direttore generale Banca Popolare Sant’Angelo), Leonardo Frigiolini (Frigiolini & Partners), Vittorio La Placa (responsabile retail Sicilia di Unicredit), Francesco Maiolini (direttore generale Banca Igea), Vincenzo Macaione (amministratore delegato Primus Capital), Salvatore Vitale (presidente Banca Popolare Sant’Angelo). Sempre di mattina, alle 9.30, dibattito dal titolo “Le prospettive socio economiche del mezzogiorno: passato, presente, futuro”all’ Ex Facoltà di Ingegneria dell’Università di Palermo – aula C330 – Edificio 7 (Viale delle Scienze). Dopo i saluti di Maurizio Carta, componente del comitato scientifico delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno e presidente della Scuola Politecnica dell’ Università degli Studi di Palermo, la tavola rotonda moderata da Daria Mendola (Università degli Studi di Palermo). Primo intervento di Antonio Golini (professore emerito Università Sapienza di Roma) dal titolo “Evoluzione demografica e migrazioni nell’area del Mediterraneo”. A seguire Francesco Scalome (Università degli Studi di Bologna) con “La trasformazione della popolazione italiana tra passato e presente”; Manuela Stranges (Università degli Studi della Calabria) parlerà di “Dinamiche demografiche e spopolamento nel Mezzogiorno”; infine Laura Azzolina (Università degli Studi di Palermo) farà una relazione su “Giovani e Cultura. Limiti e potenzialità di sviluppo del settore al Sud”. Altra sessione mattutina alle 10.30 alla Facoltà di Giurisprudenza – Aula Circolare (Via Maqueda 172, Palermo) su “Crisi finanziarie degli enti locali: la centralità dell’organo di revisione”. Saluti di Aldo Schiavello (direttore dipartimento di Giurisprudenza – Università degli Studi di Palermo), Fabrizio Escheri (presidente ODCEC di Palermo), Marcello Barbaro (presidente ANCREL-Sicilia), Antonino Gentile (assessore al Bilancio, comune di Palermo). Interventi di Andrea Piraino (Università degli Studi di Palermo) su “Il contesto normativo attuale: il nuovo centralismo e la crisi della autonomie locali”; Maurizio Graffeo (presidente della sezione della Corte dei Conti) su “I controlli esterni della Corte dei Conti nella gestione della crisi dell’Ente Locale”; Caterina Ventimiglia (Università degli Studi di Palermo) su “Il dissesto finanziario dell’ente locale: profili normativi”....

Leggi tutto
Confcommercio: Giornata legalità, testimonial imprenditore di Palermo
Nov21

Confcommercio: Giornata legalità, testimonial imprenditore di Palermo

Per analizzare e denunciare l’entita’ e le conseguenze dei fenomeni criminali sull’economia reale e sulle imprese, Confcommercio organizza,come ogni anno, il 21 novembre la Giornata nazionale “Legalita’, mi piace!”. Sul tema delle estorsioni, davanti al ministro dell’Interno Marco Minniti, ha parlato il palermitano Antonio Cottone, presidente di Ape Confcommercio Palermo e titolare coi fratelli Marcello e Roberto della pizzeria-ristorante La Braciera – che ha raccontato la sua esperienza di imprenditore che ha deciso di dire No al racket diventando il testimonial di “Legalita’, mi piace!”. “Erano le otto di sera del 13 gennaio 2015 – ha detto Antonio Cottone sono entrati in due per prendere una pizza da portare via. Hanno chiamato mio fratello, e poi si sono avviati verso l’esterno del locale. Venivamo dall’estate a Villa Lampedusa e il riconoscimento del Gambero Rosso ci aveva messo in evidenza, tutto questo ha fatto si’ che il nostro locale arrivasse anche all’attenzione dei mafiosi. Hanno detto parole gia’ sentite in tv o lette sui giornali: ‘Mettiti a posto e cercati un amico, sai come funzionano queste cose…’ Mio fratello, che aveva intuito, li ha fatti mettere a favore di telecamere e ha risposto loro: “Nel 2015, tu mi stai dicendo che vieni mensilmente per chiedermi il pizzo?”; “Bravo, l’hai capito”, hanno risposto i due, che avevano la macchina parcheggiata a una ventina di metri dal...

Leggi tutto
Sicindustria: lunedì a Gela incontro imprese e sindacati su indotto Eni
Nov21

Sicindustria: lunedì a Gela incontro imprese e sindacati su indotto Eni

Lunedì 27, Sicindustria e Legacoop incontreranno, a Gela, i segretari di Fiom, Fim e Uilm. All’ordine del giorno, il piano di rilancio predisposto dalla Raffineria Eni in un territorio che ha reagito alla crisi puntando su ricerca e innovazione: alcune imprese dell’indotto non ce l’hanno fatta, ma molte altre hanno reagito al cambiamento superando i confini locali e conquistando quote di mercato in tutto il mondo. “Un merito che non può non essere riconosciuto – commenta il presidente di Sicindustria Caltanissetta, Rosario Amarù –. Così come deve essere riconosciuto l’impegno di Eni che, dalla firma dell’accordo fino a luglio 2017, ha investito sul territorio complessivamente 555 milioni di euro per portare avanti un piano di sviluppo che comporta una serie di interventi tutti caratterizzati da alto contenuto tecnologico e di ricerca e a elevata sostenibilità ambientale. Dalla firma del Protocollo di Intesa per il rilancio dell’area di Gela Sicindustria non ha lesinato energie per il futuro delle aziende interessate e quindi dei lavoratori. Imprese e famiglie sono le due facce di una stessa medaglia e tutelare le prime significa assicurare il reddito alle seconde. È proprio per questo che Sicindustria ha promosso l’istituzione di un tavolo permanente per garantire il confronto costante tra imprese e sindacati. Una sorta di camera di compensazione delle relazioni industriali che ha permesso di rispondere alle richieste delle aziende individuando il personale sempre dalla lista di disponibilità occupazionale. Ma non solo. Sicindustria, infatti, in questi anni ha assistito tutte le imprese associate e non, a tutela dell’intero territorio con l’obiettivo di assicurare equilibrio e serenità sociale. Abbiamo realizzato un progetto di riqualificazione, attraverso una indagine dei fabbisogni formativi delle imprese dell’indotto di Gela e lo abbiamo sottoposto alla Regione siciliana così come previsto dal Protocollo di Intesa sottoscritto in...

Leggi tutto
“Giornate dell’economia del Mezzogiorno”, gli appuntamenti di mercoledì 22
Nov21

“Giornate dell’economia del Mezzogiorno”, gli appuntamenti di mercoledì 22

 Nell’ambito della X edizione delle Giornate dell’Economia del Mezzogiorno dal titolo “I frutti avvelenati della globalizzazione. Dalla società liquida a quella solida”, ecco gli appuntamenti di mercoledì 22 novembre. Si comincia alle 9.15 nell’aula “V. Li Donni” – Edificio 13, Università degli Studi di Palermo – Viale delle Scienze. Apre i lavori Pietro Pietro Busetta, presidente della Fondazione Curella. Introduce e coordina il dibattito su “L’informazione di consenso: i dati per le politiche economiche” Fabio Mazzola, prorettore vicario Università degli Studi di Palermo. Si parlerà di enti di ricerca con Giuseppe Ciaccio (responsabile servizio analisi Banca d’Italia), Girolamo D’Anneo (dirigente ufficio statistica del Comune di Palermo), Pietro Busetta (presidente Fondazione Curella), Francesca Abate (dirigente ufficio territoriale Sicilia Istat), Antonio Corvino (direttore OBI – Osservatorio Banche e Imprese), Giuseppe Nobile (responsabile servizio statistica della regione siciliana), Stefano Prezioso (ricercatore Svimez). Nel pomeriggio, alle 15.30, a Villa Niscemi – Sala degli Specchi (piazza dei Quartieri 2, Palermo) “L’impatto dell’indicatore di tempestività nei pagamenti delle pubbliche amministrazioni, il caso delle aziende sanitarie siciliane”. Dopo i saluti di Salvatore La Rosa, dell’Università degli Studi di Palermo e componente del comitato scientifico delle Giornate dell’Economia, tavola rotonda moderata da Pietro Genovese (comitato tecnico ANDAF Corporate Risk Governance & Compliance). Intervengono: Vincenzo Barone (direttore amministrativo Arnas Civico), Enzo Bivona (Università degli Studi di Palermo), Filippo D’Amico (ANDAF SICILIA), Salvatore Giglione (direttore Generale assessorato alla Salute), Antonino Sciacchitano (commercialista – revisore contabile), Maria Grazia Torina (casa di cura Torina). Sempre nel pomeriggio, alle 15, alla Facoltà di Giurisprudenza – Aula Circolare (via Maqueda 172, Palermo), “Il turismo come ”volano” dello sviluppo regionale: dalle aspettative alle politiche. a che punto siamo?”. Saluti di Antonio Purpura (Università degli Studi di Palermo e componente del comitato scientifico delle Giornate dell’Economia). Sempre con Purpura la prima relazione, alle 15.45, dal titolo “Anzitutto destagionalizzare. Quali politiche?”. Si parlerà poi de “Il turismo insulare mediterraneo già destagionalizzato: quali indicazioni per la Sicilia” con Giovanni Ruggeri, presidente OTIE – Osservatorio sul Turismo delle Isole Europee. Altro tema “I siti Unesco nell’offerta di turismo culturale regionale: piani di gestione dei siti e strategie dei distretti” con Aurelio Angelini, Università degli Studi di Palermo e direttore della fondazione Unesco-Sicilia. Altro argomento trattato “La mobilità al servizio del turismo in Sicilia: le problematiche infrastrutturali e le politiche”, con Marco Migliore, Università degli Studi di Palermo. Intervento poi su “Politiche di co-marketing con i vettori low-cost” con Giuseppe Mistretta, amministratore delegato Gesap. “Le politiche aziendali per la destagionalizzazione” con Nicola Farruggio, vice-presidente Federalberghi Sicilia. Infine “La gestione dell’incoming in Sicilia: le azioni dei privati e le politiche pubbliche” con Toti Piscopo, drettore editoriale .di Travelnonstop.com Altra sessione...

Leggi tutto
Ancisicilia, seminaria Siracusa, Messina e Trapani
Nov20

Ancisicilia, seminaria Siracusa, Messina e Trapani

“Contratti pubblici: le novita’ del Codice e del Correttivo”, e’ il titolo del seminario che, organizzato dall’AnciSicilia in collaborazione con Accademia per l’Autonomia, Ministero dell’Interno, Upi e Anci nazionale, si terra’ tra domani e giovedi’ prossimo a Siracusa, Messina e Trapani. L’evento, coordinato dal segretario generale del’Associazione dei comuni siciliani, Mario Emanuele Alvano, si propone di fornire una panoramica generale dei principali contenuti del nuovo codice dei Contratti pubblici che, oltre a recepire le nuove direttive comunitarie, opera un complessivo riordino nel settore degli appalti. Nel corso della giornata saranno anche illustrate le novita’ introdotte dal Decreto Correttivo dello scorso aprile e si approfondiranno i principali elementi giuridici ed economico-finanziari del partenariato pubblico e privato. “In questa nuova fase – spiegano Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’AnciSicilia – e’ necessario che, anche grazie all’intervento di esperti, si possa comprendere l’impatto che le novita’ introdotte stanno avendo su una materia particolarmente delicata. Per tale ragione l’AnciSicilia ha programmato un ciclo di seminari di approfondimento rivolto ai funzionari, dirigenti e dipendenti degli enti pubblici che si occupano a vario titolo della materia dei contratti pubblici di servizi, forniture e lavori. L’obiettivo e’ accrescere le competenze e conoscenze per governare in modo efficace i processi di gestione dei contratti nel rispetto delle nuove norme”. A Siracusa il seminario si terra’ domani, dalle 9 alle 16, presso il Consorzio Plemmirio, in via Gaetano Abela (comprensorio Castello Maniace); a Messina mercoledi’, dalle 9 alle 16, presso il Salone delle Bandiere, a Palazzo Zanca, in piazza Unione Europea; a Trapani giovedi’, dalle 9 alle 14, presso la sala Conferenze, ex Aula Consiliare, nel Palazzo Municipale, in piazza Municipio 1....

Leggi tutto
Dopo anni di assenza, torna Mediedilizia a Palermo
Nov20

Dopo anni di assenza, torna Mediedilizia a Palermo

  Torna a Palermo la Fiera dedicata ai professionisti del settore delle costruzioni civili ed industriali. Dopo anni di assenza, alla Fiera del Mediterraneo, dal 24 al 26 novembre, aprirà i battenti, Mediedilizia, punto di riferimento per molte categorie. Si svolgerà all’interno del grande Padiglione 20 e raccoglierà tutte le novità e le proposte in fatto di Edilizia. Ampi spazi espositivi saranno riservati ad aziende leader del settore, con l’intento di stimolare e favorire l’incontro di piccole, medie e grandi imprese, nonché professionisti del settore quali, Ingegneri, Architetti, Geometri, Geologi, Tecnici, Imprese Edili e tutte quelle figure che vanno dal progettista al consumatore finale che ne compongono la filiera di valore. Obiettivo è favorire e catalizzare al tempo stesso, opportunità ed occasioni di contatto e di business. Saranno affrontati argomenti legati alla ristrutturazione, riqualificazione energetica, recupero e adeguamento sismico degli edifici. Mediedilizia sarà un’occasione  di  confronto su questi temi fra esponenti delle istituzioni, delle associazioni di categoria, degli ordini professionali e delle imprese che trattano nuovi sistemi costruttivi. L’evento è patrocinato, infatti, dall’Ordine degli Ingegneri di Palermo, Ordine degli Architetti di Palermo, Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia, Confartigianato Imprese Sicilia, Collegio dei Geometri e Geometri laureati di Palermo, Dipartimento di Architettura Unipa, Consorzio Arca, Panormedil, Ance Palermo, Collegio dei Periti Industriali di Palermo e Istituto nazionale di Bioarchitettura. I rappresentanti dei seguenti ordini saranno presenti all’inaugurazione di Mediedilizia che si terrà in Fiera del Mediterraneo venerdì 24 novembre alle ore 9:30. Durante i tre giorni, al’interno della Fiera, saranno organizzati anche seminari e convegni con crediti formativi per le categorie, come il convegno “Legno / Energia e Architettura” che si terrà nella prima giornata venerdì 24 novembre. Sabato 25 novembre sarà la volta del Convegno sulla Bioarchitettura / Sistemi onduline impermeabilizzanti / abitazioni in classe A e soluzioni per il tetto in cotto. Anche nella giornata conclusiva, domenica 26 novembre, saranno organizzati convegni dagli Ordini...

Leggi tutto
Sicindustria: studenti a scuola di impresa con il Pmi Day 2017
Nov16

Sicindustria: studenti a scuola di impresa con il Pmi Day 2017

– Domani, venerdì 17 novembre, dieci imprese delle province di Palermo, Caltanissetta e Ragusa apriranno le porte a circa 500 studenti e insegnanti delle scuole medie e superiori in occasione dell’ottava edizione del Pmi Day, la giornata nazionale delle Piccole e medie imprese organizzata dalla Piccola industria di Confindustria. “Le piccole e medie imprese – commenta il vicepresidente della Piccola industria di Confindustria e vicepresidente di Sicindustria, Rosario Amarù – rappresentano la spina dorsale dell’economia siciliana e i giovani devono imparare a riconoscerne il valore, così da portare avanti il sogno dell’industria. Il futuro è nelle loro mani. Il nostro compito è quello di lavorare al fine di creare un rapporto sempre più stretto tra mondo della formazione e mondo produttivo così da garantire figure professionali 4.0. E a questa esigenza risponde, ad esempio, il programma di alternanza scuola-lavoro”. Questa edizione del Pmi Day, grazie alla collaborazione con il Gruppo tecnico Made-in di Confindustria, presieduto da Paolo Bastianello, avrà un focus sulla lotta alla contraffazione per sensibilizzare i giovani – attraverso testimonianze degli imprenditori e iniziative dedicate – sull’impatto e le conseguenze di questo fenomeno in termini economici e sociali. Per l’occasione la Direzione generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio italiano Brevetti e marchi del ministero dello Sviluppo economico ha aperto una sessione straordinaria del concorso a premi “Io Sono Originale”. Fino al 2 dicembre, i giovani potranno partecipare all’iniziativa, giocando con la App “Vinci Originale”, che ha lo scopo di promuovere la cultura della legalità contro il mercato del falso. L’iniziativa, coordinata dal Vice presidente di Piccola Industria Confindustria, Stefano Zapponini, è inserita nella XVI Settimana della Cultura d’Impresa organizzata da Confindustria e nella Settimana Europea delle Pmi promossa dalla Commissione Ue. Le aziende protagoniste del Pmi Day siciliano 2017 sono: Amarù Giovanni, Dimarca Service, Pfe e Lussografica di Granata Salvatore & C. in provincia di Caltanissetta; Cappello Group e Ilap in provincia di Ragusa; Salerno Packaging, Sudgel, Horigel Ruvituso e Myes nel...

Leggi tutto
Malandrino (Unicredit): pronti a cogliere i segnali di ripresa
Nov14

Malandrino (Unicredit): pronti a cogliere i segnali di ripresa

“Lo scenario socio-economico della nostra Isola – ha affermato Salvatore Malandrino, Regional Manager Sicilia di UniCredit intervenuto oggi a Palermo al convegno “Gesap: un caso di successo” – continua a manifestare luci ed ombre. Anche gli ultimi dati sull’economia siciliana evidenziano, fermo il forte ritardo della Sicilia rispetto al resto del paese, taluni confortanti segnali di ripresa, in un chiaro-scuro fatto di opportunità e nuove sfide da cogliere. Tale crescita, seppur frenata dai cronici ritardi strutturali ed infrastrutturali del territorio, è sostenuta principalmente da una ripresa dei consumi interni, dalle esportazioni e dagli investimenti. Un altro elemento positivo da tenere presente è l’incremento del traffico passeggeri nei principali aeroporti siciliani che a giugno hanno fatto registrare un incremento medio a doppia cifra rispetto allo stesso periodo del 2016, segno evidente di una rifocalizzazione dei flussi turistici verso la nostra isola con il conseguente posizionamento di importanti operatori turistici nel nostro territorio. Il modello organizzativo adottato da UniCredit è pronta a supportare i segnali di ripresa e punta ad una logica di specializzazione dei segmenti di clientela, retail, corporate e private. Il modello organizzativo retail, dedicato alla clientela privata e alle piccole imprese, rafforza la centralità della filiale e del ruolo del direttore. Nel nuovo assetto sono presenti in Sicilia 15 aree commerciali retail, guidate da un area manager e da un vice area manager con i relativi business center, presenti in ogni area commerciale, dedicati alle piccole e medie imprese, quelle con meno di 5 milioni di fatturato.  L’obiettivo di UniCredit è quello di fornire tutti gli strumenti necessari perché gli imprenditori locali possano cogliere appieno le opportunità che i mercati, nazionali e internazionali, offrono. In tale ambito ad esempio la banca ha recentemente individuato 20 nuovi consulenti Agribusiness e 2 Specialisti Agricoltura che affiancheranno 70 consulenti Business, 3 consulenti international, 17 sviluppatori e 1 Specialista Trade Finance. Il modello corporate è caratterizzato da un forte specializzazione nei diversi segmenti di clientela in coerenza con il livello di specializzazione del segmento, al fine di ottimizzare il servizio, la soddisfazione dei clienti e massimizzare il cross selling. Il canale corporate è presente sul territorio siciliano con 4 Aree commerciali, delle quali due dedicate rispettivamente al settore pubblico e al real estate. Sono presenti 45 gestori, 6 specialisti e  4 specialisti estero (due per Cash Management e due per Trade Finance) che operano a stretto contatto con i gestori dei singoli clienti. UniCredit propone alla clientela private una rete dedicata, articolata in aree commerciali presenti sul territorio regionale e che coordinano i 36 gestori che curano la relazione con il cliente. Unicredit offre al cliente private un servizio esclusivo che fa...

Leggi tutto
Caltanissetta. Il TAR annulla l’autorizzazione per la realizzazione di una centrale eolica nel golf di Gela
Nov13

Caltanissetta. Il TAR annulla l’autorizzazione per la realizzazione di una centrale eolica nel golf di Gela

  Il Tar ha dichiarato illegittima l’autorizzazione concessa nel 2013 dal Ministero dell’Ambiente per la realizzazione di una centrale eolica offshore di 137 Mw, a 2 miglia dalla costa, nel golfo di Gela. Il permesso, rilasciato alla società  Mediterranean Wind Offshore a r.l., prevedeva la posa sul fondale di 38 turbine con una altezza della parte emersa di 80 m. e un diametro del rotore pari a 113 m., con aerogeneratori visibili anche a molti km di distanza. Un impianto che avrebbe devastato irrimediabilmente un ampio tratto di costa isolana. La decisione dei giudici amministrativi è stata salutata con soddisfazione dalla Presidenza regionale di BCsicilia, l’associazione per la tutela e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali siciliani. “Le opere, se realizzate, avrebbero comportato un danneggiamento irreversibile a un tratto di costa di straordinario interesse paesaggistico e ambientale, oltre che  archeologico “, afferma BCsicilia. “Cittadini, artisti, ambientalisti, appassionati di archeologia si sono battuti contro il progetto, facendo pressioni sulle autorità locali e regionali competenti, perché venisse bocciata l’idea scellerata”, continua la presidenza regionale di BCsicilia. “Non si può...

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com