“Internazionalizzazione Pmi Siciliane in Kazakhstan”, un incontro alla Camera di Commercio a Catania
Giu18

“Internazionalizzazione Pmi Siciliane in Kazakhstan”, un incontro alla Camera di Commercio a Catania

Giovedì 20 Giugno 2019 dalle ore 9,30 nella sala delle Adunanze della Camera di Commercio di Catania Siracusa e Ragusa, in via Salita dei Cappuccini 2 Catania, si terrà l’incontro su: “Internazionalizzazione Pmi Siciliane in Kazakhstan: istruzioni per l’uso” organizzato da Confcommercio Imprese per l’Italia di Catania. Parteciperanno: – dott. Riccardo Galimberti, Presidente provinciale della Confcommercio Terre dell’Etna e del Barocco Catania Metropolitana; – dott. Pietro Agen, Presidente della Camera di Commercio di Catania Siracusa e Ragusa; Interverranno: – Ambasciatore d’Italia in Kazakhstan, S.E. Dott. Pasquale D’Avino; – la rappresentanza diplomatica Kazaka in Italia; – Responsabile di Nuovaimpresa Confcommercio, dott. Franz Cannizzo; – Ceo Esplora dott.ssa Syuzanna Li, in collegamento diretto con il Kazakhstan; – Professionista accreditato Import/Export, dott. Andrea Auteri; – Professionista accreditato Diritto Commerciale Internazionale, avv. Fabrizio Francaviglia; – Professionista accreditato Tecnologie Alimentari, dott. Manuel Luciano Santoro Durante l’incontro, aperto a tutti gli imprenditori e professionisti del territorio, saranno evidenziate le opportunità e le modalità di crescita imprenditoriale, commerciale e di internazionalizzazione per le Pmi Siciliane nel Kazakhstan, con riferimento al settore agricolo, enogastronomico, mobili e complemento d’arredo, prodotti industrie manifatturiere, turismo e flussi turistici....

Leggi tutto
Spiagge, concessioni demaniali sino al 2033, Confesercenti pronta a collaborare per le procedure attuative
Giu18

Spiagge, concessioni demaniali sino al 2033, Confesercenti pronta a collaborare per le procedure attuative

Fiba Confesercenti Sicilia esprime il proprio apprezzamento nei confronti dell’assessorato regionale del Territorio e dell’Ambiente per il lavoro condotto in merito al disegno di legge, che ora attende l’approvazione dell’Ars, con il quale si dà seguito alle misure contenute nella Legge 145 del 2018 che sancisce il mantenimento in vita delle Concessioni demaniali marittime fino al 2033. Viene, invece, demandato ad apposito decreto dell’assessorato al ramo la definizione delle procedure attraverso cui i concessionari potranno richiedere la proroga delle concessioni vigenti. “Un provvedimento importante – sottolinea Alessandro Cilano presidente regionale di Fiba  Confesercenti – che guarda oltre la scadenza del 31 dicembre 2019 e che restituisce certezza e prospettiva alle attività turistiche balneari in regime concessorio”. Salvatore Basile, coordinatore di Assoturismo Sicilia, si dice certo che “nell’ambito del dialogo che l’assessorato regionale al Territorio e Ambiente ha sempre saputo  mantenere vivo con le associazioni di categoria del settore, si lavorerà affinché le modalità per avvalersi della proroga delle concessioni attive non comporti ulteriori  aggravi per i concessionari e che nel rispetto del tanto apprezzato spirito concertativo sostenuto dall’Amministrazione regionale si riesca a preservare la semplificazione amministrativa”. “È importante che in un territorio insulare come la Sicilia si proceda tempestivamente nell’approntare ogni misura e iniziativa, anche sul piano normativo, in grado di sostenere lo sviluppo in chiave sostenibile dei nostri litorali – afferma Vittorio Messina, presidente nazionale di Assoturismo – Un’attenzione che riconosciamo all’assessore Cordaro nei confronti di una risorsa strategica come la valorizzazione delle nostre coste che oggi vedono impegnati oltre 3.500 gestori di strutture balneari per garantire servizi a turisti e residenti per una migliore fruizione del patrimonio...

Leggi tutto
Riscossione Sicilia. La Fabi: Il Governo non giochi al nascondino
Giu18

Riscossione Sicilia. La Fabi: Il Governo non giochi al nascondino

Il 12 giugno in sede di audizione dei sindacati in Commissione Finanze dell’ARS ancora una volta si è constatata profonda incertezza sul futuro di Riscossione Sicilia  e conseguentemente ciò ha provocato forte preoccupazioni da parte dei 700 lavoratori dipendenti di questa Società Il Governatore Nello Musumeci non presente di Persona ma attraverso suoi delegati ha fatto sapere che aveva provveduto a lanciare un monito al Ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate per avere una risposta circa la disponibilità di Riscossione Sicilia in AdER. Ma in disaccordo con le affermazioni del Governatore, il parlamentare Sunseri del Movimento Cinque Stelle, rispondendo alle affermazioni fatte pervenire da Musumeci, ha affermato che  il Mef e AdER avevano scritto una lettera alla Regione, datata 6 giugno, in cui non solo non viene dichiarata alcuna contrarietà alla fusione, ma viene richiesto al Governo regionale di fare chiarezza sulle proprie intenzioni sul futuro di Riscossione Sicilia, e di rendere noti i dati sulla reale situazione economico-finanziarie della Società . “A questo punto la FABI e gli altri sindacati”, afferma Carmelo Raffa coordinatore Fabi Sicilia, “attendono risposte concrete da parte del Governo della Regione ed auspichino che non si perda più tempo e che si trovino le condizioni per concordare con lo Stato le modalità di attuazione della legge 16/2017. Basta giocare al nascondino e se il Governo della Regione ha altri progetti alternativi li metta a conoscenza dei parlamentari e dei sindacati.I lavoratori chiedono certezze e quindi si aspettano un rapido passaggio all’Azienda A.Der con gli stessi diritti e doveri dei propri colleghi di tutt’Italia.Nei prossimi giorni concorderemo con gli altri sindacali modalità di lotta e mobilitazione”....

Leggi tutto
Blue Sea Land 2019, tavolo tecnico alla Regione Siciliana
Giu12

Blue Sea Land 2019, tavolo tecnico alla Regione Siciliana

  Riunione ieri a Palermo, presso la Regione Siciliana, relativa alla VIII edizione di Blue Sea Land-Expo dei Cluster del Mediterraneo, Africa e Medioriente promosso dal Distretto della Pesca e Crescita Blu, con il supporto del Centro di Competenza Distrettuale, in collaborazione con la Regione Siciliana e il Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale.  Blue Sea Land punta alla promozione della green, blue, bio e circular economy nelle filiere produttive e contribuisce a stimolare le “buone pratiche” che favoriscono la rigenerazione delle risorse naturali, l’innovazione nei processi produttivi e la creazione di opportunità per nuove figure professionali.  Organizzato dal Dipartimento degli Affari Extraregionali della Presidenza della Regione Siciliana, l’incontro a Palermo ha visto la partecipazione di rappresentanti dei vari Dipartimenti degli Assessorati Regionali, di associazioni di categoria, di enti pubblici e privati e imprese.   Nel corso dell’incontro presieduto dal Dirigente Generale, Salvatore Giglione, è stata presentata la prossima edizione di Blue Sea Land che si svolgerà a Mazara del Vallo dal 17 al 20 ottobre 2019. Lo stesso Ing. Giglione ha sottolineato l’importanza rivestita della manifestazione per la Presidenza della Regione Siciliana considerata la sua rilevanza relativamente ai temi affrontati nel corso delle sette edizioni precedenti che hanno visto la Sicilia al centro del Mediterraneo. Pertanto è stato assicurato anche per l’edizione 2019 di Blue Sea Land il pieno sostegno della Regione Siciliana.   Il Presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Nino Carlino, ed il Presidente del Centro di Competenza Distrettuale, Giovanni Basciano, parlando di Blue Sea Land quale tappa fondamentale a livello nazionale in vista dell’Expo Dubai 2020, hanno annunciato alcune tematiche che saranno affrontate nell’ottava edizione di Blue Sea Land, quali ad esempio la sostenibilità ambientale, ed in particolare del sistema pesca, e la problematica delle plastiche in mare. Come già avvenuto nella precedente edizione a Blue Sea Land 2019 parteciperanno altresì rappresentanti dei Paesi aderenti allo IORA (Indian Ocean Rim Association) anche loro impegnati nello sviluppo del dialogo globale della Blue Economy.  Al tavolo tecnico ha partecipato, in rappresentanza del Comune di Mazara del Vallo, l’Assessore all’Innovazione, Vincenzo Giacalone, il quale ha dichiarato: “la nostra Amministrazione, così come assicurato dal Sindaco Salvatore Quinci, contribuirà fattivamente all’organizzazione e al successo della VIII edizione di Blue Sea Land. Sosteniamo tutte quelle iniziative che hanno l’obiettivo della valorizzazione del territorio di Mazara del Vallo e delle sue eccellenze”.  ...

Leggi tutto
Blutec, il ministero per lo Sviluppo economico convoca tavolo tecnico a Termini Imerese
Giu10

Blutec, il ministero per lo Sviluppo economico convoca tavolo tecnico a Termini Imerese

l ministero dello Sviluppo Economico ha convocato per il 24 giugno, alle 11, a Termini Imerese, un tavolo tecnico dedicato allo sviluppo del territorio e alla vertenza dello stabilimento Blutec. All’incontro, presieduto dal vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial, parteciperanno i sindaci del territorio e Invitalia....

Leggi tutto
“L’ appartenenza” Seminario di studi della Fabi Ragusa con l’intervento di Sileoni
Giu10

“L’ appartenenza” Seminario di studi della Fabi Ragusa con l’intervento di Sileoni

Nei giorni  12/13 giugno importante appuntamento a Ragusa. Un Seminario di Studi su “l’appartenenza” organizzato dalla Fabi di Ragusa, sindacato più’ rappresentativo dei bancari, che vedrà la partecipazione di Lando Maria Sileoni, Segretario Generale della Fabi, riferimento autorevole e riconosciuto del settore del credito.  L’argomento si svilupperà secondo tre direttrici: l’appartenenza alla sigla sindacale, all’azienda datrice di lavoro, al proprio territorio, analizzando gli aspetti positivi ma anche quelli deteriori di una appartenenza troppo enfatizzata. I corsisti, quindi, avranno modo di riflettere sui valori della collaborazione, del gioco di squadra, della sinergia cui però può contrapporsi l’opportunismo, l’isolazionismo, l’arroganza.  Il tema della seconda giornata di studi: l’appartenenza al Territorio, si svilupperà nei locali dell’Aula Consiliare del Comune di Ragusa.  La Fabi di Ragusa, infatti, nell’organizzare l’evento ha voluto privilegiare un luogo dalla forte valenza simbolica che dia una rappresentazione quasi fisica dei valori di cittadinanza e di rappresentanza in un contesto di enfatizzazione dei diritti formali cui corrisponde troppo spesso la negazione dei diritti sostanziali e dei doveri corrispondenti.  La presenza di Lando Maria  Sileoni, protagonista di battaglie fondamentali a tutela della categoria e del risparmio tradito, consentirà’ di avere una visione complessiva del modello di assistenza creditizia che si prospetta.  Con questo primo modulo di formazione la Fabi di Ragusa intende avviare un percorso di analisi e di approfondimento che consenta di riflettere anche sulle logiche di comportamento del tutto ribaltate dallo straripamento dei social network. “L’obiettivo” sostengono gli organizzatori “ ambizioso ma doveroso è quello di contribuire ad una crescita collettiva fondata su una maggiore informazione ed una maggiore attenzione a temi fondamentali quali  la tenuta dell’assistenza creditizia sul...

Leggi tutto
Assoimpresa, nasce la Federazione amministratori di condominio
Giu10

Assoimpresa, nasce la Federazione amministratori di condominio

Saranno presentate martedì 11 giugno la federazione siciliana e quella palermitana degli amministratori di condominio di Assoimpresa (Fiac), di recente costituite e guidate rispettivamente da Nunzio Zarcone e Dario Montevago. La presentazione di Fiac Assoimpresa Sicilia e Fiac Assoimpresa Palermo si terrà a partire dalle ore 16 in via XX Settembre 64, a Palermo. “Sarà un momento di confronto sulle problematiche del settore – dice Mario Attinasi, presidente nazionale di Assoimpresa – ma anche un modo per rendere pienamente operative la Fiac Sicilia e la Fiac Palermo. Quello degli amministratori di condomini è un comparto in continua evoluzione, con tante criticità da affrontare ma anche opportunità da cogliere: Assoimpresa è pronta a offrire il suo contributo, continuando il suo radicamento sul territorio”....

Leggi tutto
Sindacati: lunedì a Palermo attivo regionale di Cgil Cisl e Uil in vista della manifestazione nazionale del 22 giugno
Giu07

Sindacati: lunedì a Palermo attivo regionale di Cgil Cisl e Uil in vista della manifestazione nazionale del 22 giugno

I temi del lavoro e dello sviluppo del Mezzogiorno saranno al centro lunedì 10 giugno dell’attivo dei quadri di Cgil, Cisl e Uil siciliane, in preparazione della manifestazione nazionale unitaria che si terrà il 22 giugno a Reggio Calabria a sostegno delle richieste dei sindacati al governo. Lunedì, l’appuntamento è al San Paolo Palace di Palermo alle 9.30. In programma la relazione del segretario generale della Cisl Sicilia Sebastiano Cappuccio e le conclusioni del numero uno della Cgil regionale, Michele Pagliaro. A presiedere sarà il segretario generale della Uil Sicilia Claudio Barone. Nel corso dell’iniziativa, dal titolo “Il Sud per l’Italia”, sarà fatto il punto sulla situazione economico-sociale della Sicilia, sulle varie criticità e saranno lanciate le richieste dei sindacati al governo per la ripresa del Mezzogiorno e del Paese. L’iniziativa di Cgil Cisl e Uil siciliane vuole anche essere un monito al governo regionale “il cui stallo dell’azione politica – sottolineano Pagliaro, Cappuccio e Barone – nella situazione di crisi che vive la Sicilia, è insostenibile”. “Siano in presenza di una manovra nazionale di bilancio – dice il documento di Cgil, Cisl e Uil – che penalizza ancora una volta il Mezzogiorno tagliando risorse e introducendo misure spot a somma zero. Servono invece interventi che rilancino le reti infrastrutturali materiali e immateriali, il lavoro e nuove produzioni per rispondere ai bisogni sociali”. Drammatico il bilancio occupazionale in Sicilia negli anni della crisi: dal 2008 al 2018 il tasso di occupazione è passato dal 44,2% al 40,7% e il tasso di disoccupazione dal 13,7% al 21,5%”. La piattaforma sindacale unitaria parla di interventi specifici per il Mezzogiorno, di politica industriale, di misure per il lavoro e per la lotta alla povertà, di riforma fiscale e lotta all’evasione, di previdenza. Ma anche di “Autonomia differenziata”, ribadendo il no alla regionalizzazione di materie come la sanità con la creazione di disparità tra regioni per quanto riguarda i Lea, l’istruzione e il fatto che “un sistema decentrato non può prescindere dall’obbligo di partecipazione di tutte le regioni ai meccanismi perequativi e solidaristici sanciti dalla...

Leggi tutto
Banche. Messina (UGL): “Abbandonare  i territori a vantaggio della digitalizzazione impoverisce la Sicilia di risorse e competenze”
Giu07

Banche. Messina (UGL): “Abbandonare i territori a vantaggio della digitalizzazione impoverisce la Sicilia di risorse e competenze”

Da fine 2017 a fine 2018, il numero delle filiali di banche italiane sparse su tutto il territorio nazionale è diminuito del 7%: le sedi sono passate da quota 27.374 a quota 25.454. “Sono dati sconfortanti  –  dichiara il Segretario Regionale dell’UGL in Sicilia commentandoli   – stiamo assistendo ad un progressivo abbandono dei territori, dei piccoli centri urbani, una desertificazione perpetrata costantemente malgrado le dichiarazioni da parte di alcuni gruppi bancari di radicamento nel territorio siciliano in evidente  contrasto con le reali intenzioni,  abbattere i costi, la digitalizzazione dei servizi deve rappresentare un valore aggiunto e non una penalizzazione ”. “Anche nel settore bancario assistiamo –  denuncia Messina –  ad una globalizzazione selvaggia generata da continui piani industriali spesso fallimentari, sostituiti in corso d’opera, in taluni casi anche prima della loro naturale scadenza in quanto fallimentari, gli stessi  se possono andare bene per il Nord non possono andare bene per il Sud del nostro paese, e della  Sicilia in particolare,  per fattori culturali e di sistema economico radicalmente diversi e collegati alle esigenze della piccola e media impresa, dei commerciati  in particolare,  in un contesto  sociale ben diverso costituito anche da tanti risparmiatori,  rispetto a quello prettamente  industriale del Settentrione”. “Il calo della popolazione bancaria da 310mila nel 2015 ad oggi al di sotto della soglia dei 300mila,  l’introduzione di macchinari intelligenti come gli sportelli automatici  (ATM) in sostituzione dei cassieri ma che necessitano comunque del fattore umano per farli funzionare,  la firma di alcuni accordi di secondo livello con importanti gruppi bancari in deroga al contratto nazionale, o certe sperimentazioni operative in aperta violazione dei ruoli e delle mansioni previste e normate dal CCNL a tutela dei lavoratori,  – conclude Messina – sono tutti elementi che costituiscono una seria minaccia ed un tentativo gravissimo da parte dei banchieri di introdurre il contratto ibrido, pericolosa minaccia in vista del rinnovo del contratto nazionale di categoria già scaduto a dicembre 2018, il quale a nostro avviso  dovrà mantenere assolutamente la sua originaria...

Leggi tutto
Pesca: Miceli (Pd) “Centinaio scappa da disastro Favignana. Convochi incontro”
Giu06

Pesca: Miceli (Pd) “Centinaio scappa da disastro Favignana. Convochi incontro”

“Il ministro Centinaio continua a scappare dal disastro Favignana, nel silenzio di Di Maio e del Movimento 5 stelle. Dopo una settimana continua l’assordante silenzio dei ministri sulla tonnara, di cui il Governo M5s-Lega ha decretato la sostanziale condanna a morte. Perche’ non viene convocata subito una riunione? La pratica viene lasciata al sottosegretario Manzato che si dimostra totalmente inadeguato e dice delle cose inesatte”. Lo dice in una nota il deputato del Partito democratico Carmelo Miceli. “Non si puo’ applicare – prosegue Miceli – un criterio di storicita’ a chi incolpevolmente non lo ha. Non si puo’ mandare in pesca al 20 di aprile, a stagione ormai compromessa, con un indiviso di 84 e poi ridurre la quota a vantaggio di altri, considerando storicamente acquisita la quota di indiviso di cui hanno beneficiato nel 2019 aziende sarde. Un criterio simile e’ un regalo ai soliti noti e non rispetta il basilare principio europeo che obbliga a garantire la sostenibilita’ economica delle aziende autorizzate alla pesca”. “Ma cio’ che e’ ancora piu’ incomprensibile e dannoso – ha concluso Miceli – e’ che il Governo continui ad affrontare questa vicenda soltanto a mezzo stampa: se il Governo intende davvero trovare una soluzione, smetta di fare dichiarazioni ai giornali e convochi una riunione con l’azienda, l’Assessore all’Agricoltura regionale siciliano e’ il Sindaco di Favignana, perche’ la sopravvivenza della Tonnara e’ una necessita’ territoriale, non solo aziendale. Il resto sono sono solo chiacchiere vuote e inutili”....

Leggi tutto
WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com