Palermo. Fiom, aperta sede nelle Madonie. Si occuperà di parchi eolici, aziende informatiche e installazioni
Dic28

Palermo. Fiom, aperta sede nelle Madonie. Si occuperà di parchi eolici, aziende informatiche e installazioni

. Palermo 28 dicembre 2018 – È stata inaugurata ieri a Caltavuturo la sezione madonita della Fiom di Palermo. La Fiom di Palermo si è insediata nel comprensorio delle Madonie, presso la Camera del Lavoro di Caltavuturo, per una presenza costante in un vasto territorio che comprende tra gli altri i comuni di Gangi, Geraci, Castellana, Castelbuono, Polizzi, Isnello, Collesano, Petralie, Scillato e Scafani Bagni. L’insediamento nasce per dare risposte ai tanti lavoratori metalmeccanici del territorio e soprattutto ai lavoratori che operano nelle energie rinnovabili. Infatti il territorio vede una grande presenza di parchi eolici gestiti per la manutenzione da aziende multinazionali del settore. “La Sicilia è la seconda regione, dopo la Puglia, per produzione di energia da impianti eolici con il 20 per cento del prodotto totale su scala nazionale”,  dichiarano Angela Biondi e Francesco Foti della Fiom di Palermo. “Nella sola provincia di Palermo – aggiungono – la collocazione degli impianti eolici è situata prevalentemente nelle Madonie con oltre 73 impianti. In particolare l’impianto di Caltavuturo è il più grande sito eolico dell’Enel in Italia che, dotato di 36 aerogeneratori (38,4 MW), soddisfa il fabbisogno di circa 26 mila famiglie”. “Abbiamo deciso di insediarci nella sede della Cgil di Caltavuturo, in stretta collaborazione con Calogero  Giambrone, responsabile della Camera del Lavoro, per la sua centralità oltre che per la valenza strategica sul piano degli insediamenti dei parchi  – continuano Biondi e Foti – Oltre a Giambrone collaborerà con la Fiom di Palermo Angelo Barbera, ex operaio e Rsu Fiat ed ex componente della segreteria della stessa Fiom di Palermo. Ieri abbiamo incontrato i lavoratori di diverse aziende e abbiamo iniziato una discussione che mette insieme le problematiche di questi lavoratori che svolgono la propria attività in quota ed in spazi ristretti. Questo infatti è un lavoro di cui poco si parla ma che richiede una grande professionalità per essere espletato.” I parchi eolici presenti nella provincia di Palermo sono gestiti da diverse aziende, molte delle quali multinazionali come Gamesa Eolica, E.On, Vestas, Y.e.s. International, PLC System, IVPC, GES. Si stima che queste aziende diano occupazione a circa 300 lavoratori diretti nel parco madonita impegnati nella manutenzione degli impianti. “Solo da una stretta collaborazione con il territorio si potranno dare risposte non solo ai lavoratori delle rinnovabili ma a tutti i metalmeccanici del comprensorio che operano in altri settori”, concludono Biondi e...

Leggi tutto
Terremoto: Confindustria Catania attiva piano emergenze
Dic27

Terremoto: Confindustria Catania attiva piano emergenze

“La rete del PGE, Piano Gestione Emergenze di Confindustria e Protezione Civile, attivo gia’ da alcuni anni per la pianificazione, il coordinamento e il controllo delle attivita’ di sostegno a favore di imprese e popolazione in caso di emergenza nel territorio nazionale, e’ a disposizione delle imprese associate della provincia di Catania a seguito del terremoto dello scorso 26 dicembre”. E’ quanto si legge in una nota di Confindustria Catania. “Le imprese possono segnalare danni subiti ed eventuali necessita’ specifiche che dovessero essere emerse o emergere nei prossimi giorni a seguito della calamita’ ai seguenti indirizzi: scollura@confindustriact.it gcantone@confindustriact.it”, precisa la nota....

Leggi tutto
Palermo. Il palermitano Luigi Taranto nominato segretario generale Confcommercio
Dic20

Palermo. Il palermitano Luigi Taranto nominato segretario generale Confcommercio

Il Consiglio di Confcommercio-Imprese per l’Italia, in rappresentanza delle imprese associate del commercio, del turismo, dei servizi, dei trasporti e delle professioni, ha nominato, su proposta del presidente Carlo Sangalli, Luigi Taranto, palermitano, 58 anni, segretario generale della Confederazione....

Leggi tutto
Palermo. Inaugurate al giglio di cefalu’ area emergenza e unità di risveglio
Dic18

Palermo. Inaugurate al giglio di cefalu’ area emergenza e unità di risveglio

Sono state inaugurate, stamani, alla Fondazione Giglio di Cefalù alla presenza del presidente Giovanni Albano e dell’assessore regionale della salute, Ruggero Razza, la nuova unità di risveglio e l’area di emergenza. Presenti anche gli assessori regionali Roberto Lagalla, Toto Cordaro, Bernadette Grasso, la presidente della sesta commissione sanità dell’Ars, Margherita La Rocca Ruvolo, i sindaci delle Madonie e dei Nebrodi e numerose autorità. “Inauguriamo due aree ad alta intensità di cura – ha detto il presidente Albano – soprattutto la prima che accoglie pazienti usciti dal coma, provenienti da tutte le terapie intensive dell’isola, che da oggi disporrà di attrezzature robotiche per la riabilitazione, e una area di emergenza con spazi rimodulati che ne migliorano efficienza e comfort per il paziente”. Albano ha sottolineato nell’intervento di saluto quanto fatto per “dare un passo diverso all’azienda partendo dal riportare in equilibrio di bilancio, dalla stabilizzazione di tutto il personale precario: (oggi non esiste un solo precario, ha sottolineato), all’avvio delle gare per aggiornare tutta la tecnologia”. Inoltre, ha annunciato il “finanziamento di due progetti di ricerca a valere sulla programmazione europea, presentati nel 2006 con l’allora direttore scientifico del Giglio, Roberto Lagalla.  Due progetti – ha rilevato il presidente – che ci consentiranno non solo di fare ricerca avanzata nel settore tecnologico ma di acquisire tecnologie innovative come il robot chirurgico, un acceleratore lineare integrato ad una RMN, una RM – PET, unica presente nel meridione e i laboratori di genetica molecolare e di anatomia patologica digitale che renderanno l’azienda sempre più innovata”. “Di una nuova sfida per la Fondazione Giglio” ha parlato l’assessore regionale alla salute Razza, che ha posto l’accento anche su un obiettivo del suo mandato: “abbattere la mobilità passiva. Fa molto male che la nostra regione – ha sottolineano – si privi di risorse per accompagnare i cittadini a curarsi fuori dall’Isola. La Fondazione è chiamata a questa sfida diventi calamita e riferimento straordinario per una fase di regressione della mobilità passiva.  Noi dobbiamo utilizzarne al pieno le potenzialità anche per far rientrare, grazie alla sua natura giuridica, professionisti che operano all’estero”. Tra gli interventi di saluto anche quello del sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina (“Il Giglio è la più grande azienda del territorio con personale che lavora con grande dedizione e chiediamo che questo ospedale cresca sempre più in linea con le ultime scelte”) e del presidente della Commissione Sanità dell’Ars, La Rocca Ruvolo che “ha apprezzato il lavoro sin qui fatto. I pazienti che arrivano in questa struttura – ha affermato – devono avere la percezione di avere il massimo senza dover più varcare i confini della regione”.     A portare il saluto...

Leggi tutto
Palermo. Il 20 un convegno su “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal  nella crescita della filiera agrumicola siciliana”
Dic18

Palermo. Il 20 un convegno su “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal nella crescita della filiera agrumicola siciliana”

La cooperazione e l’aggregazione all’interno della filiera agrumicola siciliana, promosse attraverso le associazioni di categoria (Confcooperative, Confagricoltura e CIA) e i Gal. E’ questo il tema del seminario “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal nella crescita della filiera agrumicola siciliana”, che si svolgerà giovedì 20 dicembre, dalle ore 10, nella sede dell’Alta Scuola Arces in vicolo Niscemi 5 a Palermo. Il seminario, gratuito e partecipazione libera, è l’ultimo degli eventi formativi realizzati nell’ambito del progetto “Social Farming, Agricoltura Sociale per la Filiera Agrumicola Siciliana 2.0”, realizzato dal Distretto Agrumi di Sicilia e Alta Scuola Arces, con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Il Seminario affronterà il tema della cooperazione attraverso i diversi punti di vista delle organizzazioni di categoria, delle organizzazioni cooperativistiche e dei gruppi di azione locale, tutti sottoscrittori del patto di sviluppo del Distretto Agrumi di Sicilia, al fine di diffondere buone prassi e così migliorare il valore aggiunto dei prodotti di filiera. Interverranno Pino Ortolano, vice direttore regionale Confcooperative Sicilia; Ettore Pottino, presidente regionale Confagricoltura Sicilia; Rosa Giovanna Castagna, presidente regionale CIA Sicilia; Michele Germanà, GalKalat; Sergio Campanella, GalEloro; Sebastiano Di Mauro, GalNat-iblei; Martina Indelicato, Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara; Salvo Battiato, Gal Etna. Modererà i lavori Federica Argentati, presidente del Distretto produttivo Agrumi di Sicilia. Come di consueto nell’ambito di Social Farming, il seminario è rivolto prioritariamente a giovani, donne, soggetti svantaggiati, migranti, tecnici e imprenditori operanti nella filiera agrumicola siciliana. Potrà essere seguito in presenza o anche in streaming, previa registrazione della partecipazione sul portale...

Leggi tutto
A Catania settore edile in affanno
Dic17

A Catania settore edile in affanno

Oltre 600mila posti di lavori persi in Italia nel settore edile negli ultimi 10 anni, di cui 70mila in Sicilia e ben 15mila solo nella provincia di Catania, con un crollo preoccupante del 60% della massa salari della Cassa edile. Sono i dati emersi dalla relazione del presidente Giuseppe Piana di Ance Catania (Associazione nazionale costruttori edili), durante l’assemblea annuale degli associati per l’approvazione del bilancio 2017. Il documento contabile che, per il prossimo anno, prevede di mantenere e incrementare le politiche di monitoraggio delle spese già adottate, ha l’obiettivo di rafforzare il programma di azioni culturali, sociali e finanziarie promosse dall’Ance etnea e di stimolare l’avvio di un processo di rigenerazione nel territorio. «Il mio mandato è iniziato in un periodo difficile, al culmine di una crisi del settore che dura ormai da circa 10 anni – ha spiegato Giuseppe Piana agli associati durante l’assemblea che si è svolta lo scorso venerdì (14 dicembre) – e che purtroppo ha decimato il numero delle imprese e degli occupati nel settore delle costruzioni. Un cambiamento che inevitabilmente ha modificato anche il modo di fare associazione, sia a livello nazionale che territoriale. In tal senso abbiamo cercato di adeguarci con un piano di attività di politica associativa per rispondere alle esigenze della città di Catania e del suo circondario. Grazie alla collaborazione di tutti gli attori della filiera edile e non solo, siamo riusciti a intraprendere la strada giusta per rimarcare la centralità delle imprese edili nella vita economica della nostra città, nonostante le criticità tangibili del comparto». Dal tavolo tecnico #CataniaSicura per la prevenzio­ne antisismica, agli incontri con gli esponenti del­le forze politiche nazionali e regionali; dall’attivazione di un ciclo di seminari formativi sulle procedure edilizie in Sicilia alla collaborazione con la pubblica ammi­nistrazione per sostenere giovani neo laureati, fino alla costante attenzione dedicata all’attuale revisione del codice degli appalti: l’assemblea ha rappresentato una concreta occasione per fare il punto dei lavori finora condotti e ripercorre tutte le iniziative intraprese in questo ultimo anno dall’Ance Catania. «È questo lo spirito di cooperazione di cui abbiamo bisogno per poter risollevare la nostra città: continueremo ad impegnarci per redigere e per far approvare il piano regolatore, uno strumento urbanistico che potrà concretamente stimolarne lo sviluppo e la crescita economica» ha dichiarato il sindaco di Catania Salvo Pogliese, intervenuto all’assemblea per ringraziare l’associazione del lavoro svolto in questi mesi. A portare i saluti istituzionali anche il presidente di Confindustria Catania Antonello Biriaco: «Catania dev’essere al centro di un percorso di innovazione e rinnovamento. Un processo che può funzionare solo attraverso la valorizzazione e consolidamento di sinergie». Ospite dell’incontro anche il direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e...

Leggi tutto

Ragusa. Ance “Con modifica legge 13\2015b Ars rimette in moto la rigenerazione urbana”

 ANCE Ragusa apprezza l’approvazione da parte del Parlamento regionale della norma che modifica la legge regionale 13/2015 in materia di Centri Storici e che permetterà di poter intervenire sui volumi non qualificati e non di pregio rimettendo in moto una parte del Comparto delle Costruzioni. “Finalmente dopo quasi tre anni l’Assemblea regionale ritorna sui suoi passi e rimette in moto la rigenerazione urbana dei nostri Centri Storici creando, così, occasioni ed opportunità di lavoro per le nostre Imprese e le maestranze edili. Noi di ANCE, oramai da circa un ventennio, chiediamo alla Politica strumenti per poter riqualificare il nostro vetusto patrimonio edilizio che, lo ricordiamo è altamente energivoro e scarsamente sicuro in materia sismica, ed oggi ci sentiamo di poter affermare che la modifica approvata va nella direzione da noi sostenuta: blocco del consumo di nuovo suolo e valorizzazione del Centro storico. La nuova norma, che interviene allorquando si concretizza l’inerzia della Pubblica Amministrazione, prevede una procedura che garantisce la tutela del patrimonio storico di pregio attraverso l’emanazione dei pareri della Conferenza dei Servizi, alla quale partecipa la Sovrintendenza, del Consiglio Comunale e, quindi, dell’Assessorato competente…in sintesi una norma di buon senso che aiuta il rilancio dei nostri Centri Storici sotto il controllo degli Organi deputati alla tutela del territorio.”...

Leggi tutto
Ragusa. Tutte le novità del Psr illustrate dall’assessore regionale dell’Agricoltura Edy Bandiera agli operatori settore
Dic17

Ragusa. Tutte le novità del Psr illustrate dall’assessore regionale dell’Agricoltura Edy Bandiera agli operatori settore

L’assessore all’Agricoltura della Regione Sicilia e l’on. Orazio Ragusa, presidente della commissione Attività produttive all’Ars, hanno incontrato, sabato mattina, una delegazione di imprenditori del comparto agricolo. Il confronto si è tenuto nei locali dell’azienda Econatura a Marina di Ragusa. Al centro della riunione gli aspetti legati al Psr e alle numerose misure in fase di completamento con l’emanazione dei decreti. In particolare i bandi riguardanti la 4.2, già attuati, tant’è che le prime erogazioni di fondi si sono registrate anche nei confronti di aziende del Ragusano. Per quanto riguarda, invece, la 4.1, la stessa risulta essere in fase di completamento, visto l’iter abbastanza complicato. E’ stato spiegato che tra gennaio e febbraio saranno chiusi tutti i passaggi e saranno emanati i decreti per le aziende in possesso dei requisiti. L’obiettivo è fornire una boccata d’ossigeno agli operatori di un comparto sempre più alle prese con una serie di difficoltà difficili da lenire. L’assessore Bandiera ha, quindi, assicurato che tutti gli adempimenti di carattere burocratico sono stati espletati e che l’iter concernente la nuova programmazione è finalmente entrato nel vivo. Inoltre, è stato precisato che attraverso la rimodulazione dei fondi comunitari si sta cercando di definire nuove soluzioni per far sì che, oltre ai fondi stanziati, se ne ottengano altri, aumentando il budget complessivo. Questo significa che le aziende potranno utilmente concorrere ad accedere ai vari finanziamenti compresi nelle misure messe a bando così da fornire le dovute risposte a chi attende da tempo. L’on. Ragusa ha così commentato l’intervento dell’assessore Bandiera: “Il Governo Musumeci si è trovato costretto a raccogliere i cocci di una programmazione, quella fatta dal precedente esecutivo, che non era mai partita per tutta una serie di ragioni. E quindi è stato indispensabile trovare delle soluzioni, anzi ricominciare quasi da zero. Ora, però, siamo al dunque. E lo stesso esponente del Governo regionale ha spiegato che intende garantire delle immediate risposte agli agricoltori riempiendo, finalmente, di contenuti le misure di un Psr che, fino a questo momento, non è riuscito a rispondere come avrebbe dovuto alle necessità di rilancio di un comparto che aveva bisogno di aiuti a più livelli. Sono certo che quella avviata sarà la strada giusta e ringrazio l’assessore Bandiera per avere accolto il mio invito di un confronto con gli operatori economici del nostro territorio”. Nella fase conclusiva del suo intervento, tra l’altro, l’assessore regionale Bandiera ha comunicato che sta lavorando alla definizione del disciplinare del marchio di qualità Qs garantito dalla Regione Sicilia e che sarà riconosciuto da tutti i Paesi membri dell’Ue. A partire dal prossimo anno, questo marchio rappresenterà un vero e proprio strumento in più per gli operatori...

Leggi tutto
Palermo. Il concerto di Capodanno con le formazioni Kids del Teatro Massimo
Dic17

Palermo. Il concerto di Capodanno con le formazioni Kids del Teatro Massimo

  Martedì primo gennaio alle 11.30 inizio d’anno in musica con tutte le formazioni Kids del Teatro: Coro di voci bianche e Cantoria del Teatro Massimo e Massimo Kids Orchestra saranno diretti da Michele De Luca, Maestro del Coro sarà Salvatore Punturo. È un secondo appuntamento di Capodanno che si aggiunge al tradizionale concerto pomeridiano di Coro e Orchestra che per il 2019 è già sold out e sarà diretto da Valentin Uryupin. Coro di voci bianche, Cantoria e Massimo Kids Orchestra proporranno un viaggio musicale intorno al mondo: partenza dalla Francia con il Bolero di Maurice Ravel, Il cigno di Saint-Saëns con Christian Barraco solista al violoncello e la Carmen Fantasy con i temi dell’opera di Bizet. Dalla Francia si attraversa l’Atlantico per una tappa negli Stati Uniti, con due canti Gospel e un brano dalla colonna sonora di Vangelis per il film 1492 “The Conquest of Paradise” di Ridley Scott. Ritorno in Europa con il Regno Unito, con canti tradizionali ma anche una delle marce da Pomp and Circumstance di Elgar e Adiemus di Karl Jenkins. L’Italia è rappresentata dalle musiche di Ennio Morricone e l’area tedesca-austro-ungarica dalla prima delle Danze ungheresi di Brahms e dalla polka francese Feuerfest! di Josef Strauss. In conclusione l’Africa, con l’African Symphony di Van...

Leggi tutto
Palermo. Oggi si apre Fil di Grano, la prima fiera del grano duro siciliano
Dic14

Palermo. Oggi si apre Fil di Grano, la prima fiera del grano duro siciliano

Si apre oggi, con l’Educational dal titolo “Grano duro siciliano: cultura, salute, economia”, organizzato dal Consorzio di Ricerca Gian Pietro Ballatore, la manifestazione “Fil Di Grano”. Oggi alle 17:00 al SanLorenzo Mercato a Palermo interverranno medici, scienziati ed esperti del settore per parlare del valore e della cultura custoditi dal nostro grano. E poi due giorni di degustazioni, esposizioni e laboratori sul grano duro, sulle sue varietà e sui prodotti della filiera cerealicola siciliana, gestiti dall’impresa promotrice di questo evento: la società di sviluppo e marketing Coffice srl. Sabato 15 alle ore 11:00 il laboratorio PastiAmo, alle 12:00 il percorso di degustazione Sul Filo del gusto e tutto il giorno, dalle 10:00 alle 19:00, l’esposizione di 10 aziende di eccellenza, che rappresentano uno spaccato della filiera che utilizza esclusivamente grano duro siciliano: Alicos, Azienda agricola Fastuchera, Feudo Masinazzu, Feudo Mondello, Forno Santa Rita, Gigliolab, Molini del ponte, Molino Nonno Mommo, Molino Sansone, Pastificio Giglio. Domenica 16 si ripete il programma promozionale della fiera mentre alle 16:00 sarà la volta del Laboratorio “Piccole Spighe” durante il quale si potranno toccare con mano i campioni di spighe di grani antichi siciliani, quali Timilia, Russello, Perciasacchi, Bidí e anche del grano monococco, il primo tipo di grano coltivato dall’uomo circa 10.000 anni fa, agli albori dell’agricoltura, nell’area della mezzaluna fertile. Questo weekend al SanLorenzo Mercato diamo valore ai grani della nostra terra con le attività promosse dal progetto “Fil di grano”, finanziato dal Dipartimento Regionale Attività Produttive della Regione...

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com