Siracusa. Assoporto Augusta : conclusa la vicenda della sede dell’Autorità Portuale
Dic07

Siracusa. Assoporto Augusta : conclusa la vicenda della sede dell’Autorità Portuale

Finalmente una buona notizia per Augusta una decisione del Tribunale Amministrativo Regionale che mette definitivamente  la parola fine a questa lunga vicenda  generata da un pasticcio politico  sull’asse Regione Sicilia e Governo nazionale. La Terza sezione staccata del Tar di Catania, presieduta da Daniele Burzichelli,  ha preso atto che con nota del 31/10/2018 il Ministero  delle Infrastrutture e dei Trasporti  ha dichiarato “di voler mantenere la sede dell’Autorità di Sistema  portuale presso la sede individuata dal D.L/vo 169/2016     e chiesto  la cessazione  della materia del contendere”       . Soddisfatta Marina Noè presidente di Assoporto Augusta che sin dall’inizio ha osteggiato legalmente  l’assurda decisione del ministro Del Rio di trasferire la sede dell’autorità di Sistema Mare della Sicilia Orientale da Augusta a Catania. “Ringraziamo la città di Augusta che ha saputo combattere questa battaglia, un ringraziamento agli avvocati  Giovanni Randazzo, Marco de Benedictis e Gaetano Spitaleri, che ci hanno supportato, i sindaci di Augusta, Priolo e Melilli, che hanno preso posizione e condiviso il ricorso, ai parlamentari che hanno accolto l’invito di Assoporto Augusta di portare la questione all’attenzione del nuovo ministro delle Infrastrutture  Danilo Toninelli che, a differenza del suo predecessore, ha deciso di ripristinare la...

Leggi tutto
Siracusa. “Pmi Day-Industriamoci”, la nona edizione alla Pasam Agrumi
Nov13

Siracusa. “Pmi Day-Industriamoci”, la nona edizione alla Pasam Agrumi

E’ giunto alla nona edizione il PMI DAY – INDUSTRIAMOCI, l’appuntamento annuale a cura della Piccola Industria di Confindustria che vede ogni anno le piccole e medie imprese di Confindustria aprire le porte agli studenti, agli amministratori degli enti locali, agli organi di informazione e a tutti coloro che interagiscono con le attività delle aziende. Quest’anno la Piccola Industria di Confindustria Siracusa, guidata da Seby Bongiovanni, ha scelto una azienda associata del mondo dell’agricoltura, la PASAM agrumi, cooperativa agricola specializzata nel confezionamento ed esportazione di agrumi, che venerdì 16 novembre a partire dalle ore 9.30 nella propria sede di Via Elorina 131, ospiterà due quarte ed una quinta classe dell’I.I.S.S. tecnico e professionale “F. Insolera” di Siracusa. Gli studenti, accompagnati dal dirigente scolastico Maria Ada Mangiafico e dalla prof.ssa Maria Bentivegna saranno ricevuti da Salvatore Magliocco, giovane imprenditore Vice Presidente della società. Saranno presenti, oltre al Presidente della Piccola Industria Seby Bongiovanni, il Presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona, il Presidente dei Giovani Imprenditori Giuseppe Giardina Papa, la Responsabile dell’alternanza scuola-lavoro dell’USR di Siracusa, Giuliana Taverniti, il segretario provinciale dell’Assostampa Prospero Dente. Pensata per contribuire a diffondere la conoscenza della realtà produttiva delle imprese e il loro impegno quotidiano a favore della crescita, è un’occasione per raccontare la storia dell’azienda, l’orgoglio, i valori e la cultura che sottostanno al lavoro quotidiano delle persone che ne fanno parte. Il PMIDAY è promosso nell’ambito della XVI Settimana della Cultura d’impresa, organizzata da Confindustria, ed è inserita nella Settimana Europea delle PMI promossa dalla Commissione europea....

Leggi tutto
Siracusa. L’industria sostenibile si racconta: il caso Sasol Italy
Nov07

Siracusa. L’industria sostenibile si racconta: il caso Sasol Italy

Continuare a investire sul territorio, conseguendo obiettivi sempre più importanti nella sicurezza e salute sul luogo di lavoro, nella tutela dell’ambiente, nel rapporto con la comunità e con le istituzioni, coinvolgendo attivamente nel dialogo i rappresentanti sindacali nazionali e locali, le associazioni datoriali, le istituzioni, ed anche i media e la cittadinanza. Con questo intento Sasol Italy, multinazionale chimica sudafricana che ha il suo principale stabilimento nel polo petrolchimico di Augusta, promuove “La giornata dell’industria sostenibile”, il prossimo 12 novembre a Siracusa. Durante la giornata interverranno il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci (non ancora confermato), i Segretari confederali con delega all’industria di Cgil, Cisl e Uil, Vincenzo Colla, Angelo Colombini e Tiziana Bocchi, i Segretari generali del settore chimico, Emilio Miceli, Nora Garofalo e Paolo Pirani, e i rappresentanti delle Associazioni datoriali, Andrea Bianchi, Direttore delle Politiche industriali di Confindustria e Andrea Piscitelli, Direttore delle Relazioni industriali di Federchimica. Insieme ai Vice Presidenti di Sasol Italy, Filippo Carletti e Sergio Corso, si parlerà di come il proficuo rapporto con le istituzioni e le buone relazioni industriali siano leve indispensabili per uno Sviluppo sostenibile e inclusivo dal punto di vista economico, sociale e ambientale. “Sasol considera la Sicilia una Regione strategica e ricca di opportunità dal punto di vista industriale ed economico – afferma Sergio Corso, Vice Presidente Operation Sasol Italy -, una Regione nella quale continuare a investire. Questa giornata nasce con l’obiettivo di favorire un dialogo aperto e continuo col territorio e con tutti gli stakeholder. Vogliamo raccontarci, mostrando i risultati del nostro impegno per la sostenibilità, e programmare un futuro imprenditoriale più solido e una sostenibilità di lungo termine al nostro stabilimento”.   Vanno in questa direzione i molti investimenti degli ultimi anni per lo sviluppo sostenibile, che hanno portato miglioramenti tangibili, come la riduzione del 50% delle emissioni in atmosfera, l’annullamento delle emissioni di anidride solforosa grazie a un impianto di Cogenerazione, l’impianto per il recupero delle acque reflue, l’utilizzo del solo gas metano come combustibile. E per il futuro ci sono già nuovi investimenti in cantiere. “In Sasol Italy – conclude Filippo Carletti, Vice Presidente e Amministratore Delegato di Sasol Italy – non smettiamo di fare progetti e investire risorse nei nostri siti produttivi, migliorando continuamente i processi, diversificando il portafoglio prodotti e ricercando nuove materie prime e nuove tecnologie. L’obiettivo è restare competitivi e garantire un futuro all’azienda e ai dipendenti. Un futuro che porti sviluppo a questa terra, sempre che ci sia anche il giusto supporto da parte del contesto circostante”.  ...

Leggi tutto
Siracusa. Confindustria Siracusa e le aziende del polo industriale sul Piano Regionale di tutela della qualità dell’aria   “Pur condividendo gli obiettivi prioritari di tutela della salute pubblica e dell’ambiente – dice il Presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona –  riteniamo che il metodo utilizzato non va nella direzione giusta: il piano regionale della qualità dell’aria non ha visto garantito un adeguato percorso partecipativo con le rappresentanze socio-economiche.  “Nel merito del Piano regionale della qualità dell’aria – continua Bivona – abbiamo rilevato, insieme alle aziende del Polo industriale di Priolo-Augusta, che i dati riportati nel Piano circa le fonti di emissione in atmosfera non sono aggiornati, ma fermi al 2012 e quelli sulla qualità dell’aria sono fermi al 2015, come affermato nel piano. Inoltre il piano prevede strumentazioni di monitoraggio obsolete e superate da tecnologie più affidabili ed avanzate”.   “Le aziende sono impegnate da molti anni, e non solo per le AIA, a effettuare corposi investimenti – circa 5 miliardi di euro negli ultimi 18 anni – per contenere le emissioni in atmosfera utilizzando le migliori tecnologie, predisponendo piani di controllo e monitoraggio dettagliati e costantemente aggiornati”   “Chiediamo al Governo Regionale – conclude il Presidente di Confindustria Siracusa – di stabilire le modalità più opportune per procedere al riesame del Piano, considerando che Confindustria Siracusa e le aziende del polo industriale siracusano, e non solo, non sono state messe nelle condizioni di partecipare alla dovuta consultazione.   “Siamo pronti a fare la nostra parte fino in fondo, con la consapevolezza che siamo i primi a voler puntare ad uno standard più elevato di qualità della vita in linea con un ambiente sostenibile”.
Nov07

Siracusa. Confindustria Siracusa e le aziende del polo industriale sul Piano Regionale di tutela della qualità dell’aria “Pur condividendo gli obiettivi prioritari di tutela della salute pubblica e dell’ambiente – dice il Presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona – riteniamo che il metodo utilizzato non va nella direzione giusta: il piano regionale della qualità dell’aria non ha visto garantito un adeguato percorso partecipativo con le rappresentanze socio-economiche. “Nel merito del Piano regionale della qualità dell’aria – continua Bivona – abbiamo rilevato, insieme alle aziende del Polo industriale di Priolo-Augusta, che i dati riportati nel Piano circa le fonti di emissione in atmosfera non sono aggiornati, ma fermi al 2012 e quelli sulla qualità dell’aria sono fermi al 2015, come affermato nel piano. Inoltre il piano prevede strumentazioni di monitoraggio obsolete e superate da tecnologie più affidabili ed avanzate”. “Le aziende sono impegnate da molti anni, e non solo per le AIA, a effettuare corposi investimenti – circa 5 miliardi di euro negli ultimi 18 anni – per contenere le emissioni in atmosfera utilizzando le migliori tecnologie, predisponendo piani di controllo e monitoraggio dettagliati e costantemente aggiornati” “Chiediamo al Governo Regionale – conclude il Presidente di Confindustria Siracusa – di stabilire le modalità più opportune per procedere al riesame del Piano, considerando che Confindustria Siracusa e le aziende del polo industriale siracusano, e non solo, non sono state messe nelle condizioni di partecipare alla dovuta consultazione. “Siamo pronti a fare la nostra parte fino in fondo, con la consapevolezza che siamo i primi a voler puntare ad uno standard più elevato di qualità della vita in linea con un ambiente sostenibile”.

“Pur condividendo gli obiettivi prioritari di tutela della salute pubblica e dell’ambiente – dice il Presidente di Confindustria Siracusa, Diego Bivona –  riteniamo che il metodo utilizzato non va nella direzione giusta: il piano regionale della qualità dell’aria non ha visto garantito un adeguato percorso partecipativo con le rappresentanze socio-economiche. “Nel merito del Piano regionale della qualità dell’aria – continua Bivona – abbiamo rilevato, insieme alle aziende del Polo industriale di Priolo-Augusta, che i dati riportati nel Piano circa le fonti di emissione in atmosfera non sono aggiornati, ma fermi al 2012 e quelli sulla qualità dell’aria sono fermi al 2015, come affermato nel piano. Inoltre il piano prevede strumentazioni di monitoraggio obsolete e superate da tecnologie più affidabili ed avanzate”. “Le aziende sono impegnate da molti anni, e non solo per le AIA, a effettuare corposi investimenti – circa 5 miliardi di euro negli ultimi 18 anni – per contenere le emissioni in atmosfera utilizzando le migliori tecnologie, predisponendo piani di controllo e monitoraggio dettagliati e costantemente aggiornati” “Chiediamo al Governo Regionale – conclude il Presidente di Confindustria Siracusa – di stabilire le modalità più opportune per procedere al riesame del Piano, considerando che Confindustria Siracusa e le aziende del polo industriale siracusano, e non solo, non sono state messe nelle condizioni di partecipare alla dovuta consultazione. “Siamo pronti a fare la nostra parte fino in fondo, con la consapevolezza che siamo i primi a voler puntare ad uno standard più elevato di qualità della vita in linea con un ambiente sostenibile”....

Leggi tutto
Siracusa. Augusta, rilancio porto: assegnazione della “Port Authority”
Nov02

Siracusa. Augusta, rilancio porto: assegnazione della “Port Authority”

  Il Presidente della associazione imprenditoriale  fra operatori  portuali UNIONPORTS  Davide Fazio interviene sulla definitiva assegnazione della Port Authority ad Augusta,  criticando “la corsa ai  meriti in cui si stanno cimentando alcuni personaggi “. “Noi – dice Davide Fazio – siamo gli stessi operatori portuali che hanno fortemente  voluto ed avanzato il ricorso al TAR di cui tanto oggi si parla”. Al di la  delle strumentalizzazioni, secondo la UNIOPORT,  oggi occorre parlare di operatività e di soluzione di problemi atavici che interessano il porto e  che mettono in difficoltà  gli imprenditori che vi operano. “Diamo qui atto – dice Fazio – come operatori portuali  al sindaco Cettina Di Pietro  che già dai tempi del ricorso rimase accanto a  noi operatori per portare avanti la battaglia legale sulla sede , ed ora chiediamo a tutti di operare  per la soluzione dei problemi che tante volte abbiamo evidenziato. Solo per fare degli esempi, occorre fare interventi urgenti  e strutturali sulla diga foranea, ridurre l’area SIN per consentire una buona partenza per la ZES ( Zona Economica Speciale )  , mettere mano alla pianta organica della stessa Authority che è quanto meno discutibile e poco funzionale, e cogliere la proposta di ASSOTIR per  il trasferimento  via mare dei camion autobotte, anche alla luce degli incidenti che periodicamente si verificano nel trasporto su strada. Insomma, ora basta  medagliette e meriti ma progettualità ed operatività per il rilancio  del porto di...

Leggi tutto
Siracusa. Protocollo di intesa Confindustria-Fidimed
Ott30

Siracusa. Protocollo di intesa Confindustria-Fidimed

Nella sede di Confindustria a Siracusa è stato firmato ieri da Diego Bivona, presidente degli industriali e Fabio Maria Montesano, Amm.re delegato di Fidimed, Consorzio regionale di Garanzia fidi, un protocollo d’intesa per supportare le PMI associate a CONFINDUSTRIA SIRACUSA nelle relazioni con il sistema bancario, fornendo consulenza finanziaria alle imprese e instaurando linee di credito idonee ai fabbisogni delle singole aziende. Fidimed darà la possibilità alle imprese di accedere ai fondi pubblici di garanzia grazie alla collaborazione con Mediocredito Centrale. La convenzione prevede altresì condizioni economiche agevolate per l’ingresso a Fidimed da parte di associati a Confindustria Siracusa e viceversa per l’accesso di soci di Fidimed a Confindustria Siracusa. “Non è un caso – ha dichiarato Diego Bivona che la firma è avvenuta il giorno della presentazione della misura “resto al sud” per incentivare lo sviluppo di start up e facilitare l’accesso al credito bancario; ciò a maggior ragione per le nostre imprese già esistenti, la cui crescita va consolidata e sostenuta”. “Ringraziamo Confindustria Siracusa – ha detto Fabio Montesano – per averci dato la possibilità di essere presenti sul territorio siracusano e di fornire alle aziende associate un servizio fondamentale che facilita l’accesso al credito tramite le garanzie...

Leggi tutto
Siracusa. Nuovi modelli di business, i “Giovani Imprenditori” della CNA a confronto
Ott29

Siracusa. Nuovi modelli di business, i “Giovani Imprenditori” della CNA a confronto

Si terrà a Siracusa ‪il 31 ottobre, ‪alle ore 17, presso la sala B dell’Urban Center in via Nino Bixio,  il dialogo promosso dai Giovani Imprenditori di CNA SIRACUSA denominato “CNA NEXT LAB – Benessere e Futuro Possibile”: un approfondimento sul modo di fare impresa, che sta cambiando, e sui modelli di lavoro tradizionali, i quali iniziano ad affiancarsi a nuovi modelli di business tesi a superare le vecchie logiche organizzative e ad adeguarsi ad una nuova realtà. All’evento saranno presenti il professor Romano Benini, docente universitario e giornalista, Alessandro Spadola di MOAK. A loro si aggiungeranno delle testimonianze di imprese del territorio: Salvo Cobuzio di Martha’s Cottage, Edoardo Faraci di Wonderful Italy e Renata Giunta di Punta Maddalena, oltre a diversi operatori che racconteranno la propria esperienza. Al termine dell’evento verrà premiata la migliore impresa siracusana che sta prendendo parte al premio “Cambiamenti”, promosso da CNA Nazionale. “Abbiamo voluto questa iniziativa – afferma Marcella Monaco vice presidente nazionale dei Giovani di CNA – per confrontarci sulle nuove dinamiche, che investono i giovani imprenditori, sui nuovi spazi e tempi di lavoro che troppo spesso non trovano riscontro nella evoluzione normativa di un Paese che deve ritrovare le proprie mappe di sviluppo. In questo senso i giovani stanno dando tanto ed è a loro che vogliamo prestare attenzione, offrendo proposte concrete per dare slancio a chi, coraggiosamente, decide di rimanere e di investire nel...

Leggi tutto
Siracusa. Sarà gestito dai commercialisti sportello comunale di Pachino per crisi da indebitamento
Ott09

Siracusa. Sarà gestito dai commercialisti sportello comunale di Pachino per crisi da indebitamento

  Saranno i commercialisti dell’Ordine provinciale a formare il team di professionisti che si occuperà della gestione dell’Occ, Organismo di Composizione della Crisi, lo sportello comunale che aiuterà i cittadini colpiti dalla crisi da sovra indebitamento. Ieri al palazzo comunale di via XXV Luglio al momento della sigla del protocollo d’intesa c’erano il sindaco, Roberto Bruno, gli assessori Giuseppe Cannarella, al Bilancio Tributi e Finanze, e Santina Baglivo, al Welfare, il presidente provinciale dell’Ordine dei Commercialisti, Massimo Conigliaro e il vice Antonino Trommino. «Lo sportello – ha dichiarato l’assessore al Welfare, Santina Baglivo – ha l’obiettivo di garantire ai consumatori, agli imprenditori agricoli, alle piccole e medie imprese, ai commercianti, agli artigiani e ai professionisti che operano in questo territorio, un sostegno di tutela nella gestione della crisi da eccessivo indebitamento». «Per un migliore e più efficace funzionamento dello sportello – ha dichiarato l’assessore Cannarella – l’amministrazione ha pensato di coinvolgere l’Ordine dei commercialisti, che ha già pensato di costituire al proprio interno l’organismo, composto da 72 professionisti qualificati e iscritti al registro dei gestori della crisi del ministero della Giustizia con esperienza documentata, capacità di organizzare convegni e seminari sul sovra indebitamento e corsi propedeutici all’abilitazione di gestore della crisi». «Quella dell’Ordine dei dottori commercialisti – ha dichiarato il sindaco, Roberto Bruno – è la scelta più adatta per garantire, a chi si servirà della consulenza dello sportello, maggiore professionalità nella gestione di momenti di difficoltà. L’Occ è un ulteriore strumento di aiuto che questa amministrazione sta mettendo a disposizione della nostra comunità per contribuire ad affrontare e superare la crisi da indebitamento». «Siamo consapevoli – ha dichiarato il presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Siracusa Massimo Conigliaro – dell’importante ruolo sociale che il legislatore ci ha affidato, attribuendo agli ordini professionali come il nostro l’importante ruolo di organismo di composizione della crisi. L’Ordine di Siracusa è stato tra i primi in Italia ad istituire l’Organismo di composizione della crisi già nel 2015 offrendo ai piccoli imprenditori, ai soggetti non fallibili ed ai consumatori un’importante ausilio per risolvere le situazioni di sovraindebitamento. Adesso la preziosa collaborazione con il Comune di Pachino, dove sarà attivato lo sportello informativo, consentirà di dare un concreto aiuto ai cittadini nel presentare le istanze di accesso ai benefici della legge. Ringraziamo pertanto il sindaco e la giunta municipale di Pachino per la sensibilità dimostrata sul...

Leggi tutto
Siracusa. Dal Comune una anticipazione sui fondi Pac alla coop
Giu04

Siracusa. Dal Comune una anticipazione sui fondi Pac alla coop

Buone novità per i fondi Pac Come preannunciato durante l’ ultima riunione tra Confcooperative Siracusa e l’assessore al Bilancio, Salvatore Piccione, in relazione ai servizi finanziati attraverso fondi Pac,  il Comune mantiene l’impegno e a giorni verserà una congrua anticipazione delle somme spettanti. Molte infatti, le cooperative sociali impegnate nell’assistenza domiciliare agli anziani non autosufficienti del Distretto socio sanitario 48 di Siracusa che finalmente vedranno riconosciuti i propri compensi attesi da tempo. La situazione, che il nostro Presidente Rindinella e tutto l’ufficio di Confcooperative ha seguito quotidianamente, si era incagliata per intoppi burocratici legati al sistema di gestione delle rendicontazioni relative al secondo riparto dei fondi Pac. Grazie all’impegno e all’incessante lavoro dell’Assessore Piccione, all’inizio della prossima settimana saranno posti in pagamento rilevanti somme in anticipazione andando così incontro ai diritti degli operatori del settore e degli...

Leggi tutto

Siracusa. Progetto didattico-culturale  “Mani giovani per antichi mestieri”

Patrocinato perchè giudicato meritevole di sostegno dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo di Roma, ideato e progettato dall’Ass. Museo civico TEMPO, gestito e promosso  dal Centro Studi Xiridia, di concerto con il Sistema Rete Museale Iblei il progetto “MANI GIOVANI PER ANTICHI MESTIERI” presenta alla stampa il percorso avviato con studenti degli istituti scolastici di media superiore e giovani disoccupati, ospiti di case di accoglienza, della provincia di Siracusa, per riproporre i mestieri scomparsi legati alla civiltà pre-industriale. “Mani giovani per antichi mestieri è il trasferimento della sapienza insita nei valori del passato e delle nostre origini, – precisa meglio la referente del progetto, Cetty Bruno – espressa attraverso l’opera di salvaguardia operata dai musei dell’entroterra ibleo e finalizzata ad azioni concrete volte ad un ammodernamento dello sviluppo economico di questo territorio. Territorio che deve necessariamente imparare a trarre profitto dalla propria cultura.” I musei, messi in sistema grazie ad un’opera di coordinamento svolta dal Sistema Rete Museale Iblei, il Museo etnografico Nunzio Bruno di Floridia, il Museo TEMPO di Canicattini Bagni, l’Antiquarium del Medioevo sortinese, il Museo dell’Opera dei Pupi e la Casa ‘ro Fascitraru di Sortino, sono stati luoghi, insieme alle scuole, di lezioni teoriche svolti con esperti studiosi di etno-antropologia e laboratori didattici  con eccellenti artigiani, che hanno permesso la riscoperta di attività lavorative scomparse, quali: lo scalpellino, la sarta, il tintore, il fito-preparatore, il puparo , l’apicoltore, il saponificatore.  Coinvolti la Soprintendenza ai Beni culturali di Siracusa, gli enti pubblici, le istituzioni scolastiche e culturali, i musei, le associazioni di categoria, gli artigiani e le piccole imprese. Il progetto verrà esposto alla stampa giovedì 31 maggio 2018, ore 10.30,  nella Sala Workshop dell’Urban Center di Siracusa di Via N. Bixio- Traversa di via Malta alla presenza degli studenti protagonisti del...

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com