Palermo. Il 20 un convegno su “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal  nella crescita della filiera agrumicola siciliana”
Dic18

Palermo. Il 20 un convegno su “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal nella crescita della filiera agrumicola siciliana”

La cooperazione e l’aggregazione all’interno della filiera agrumicola siciliana, promosse attraverso le associazioni di categoria (Confcooperative, Confagricoltura e CIA) e i Gal. E’ questo il tema del seminario “Il ruolo delle organizzazioni di categoria e dei Gal nella crescita della filiera agrumicola siciliana”, che si svolgerà giovedì 20 dicembre, dalle ore 10, nella sede dell’Alta Scuola Arces in vicolo Niscemi 5 a Palermo. Il seminario, gratuito e partecipazione libera, è l’ultimo degli eventi formativi realizzati nell’ambito del progetto “Social Farming, Agricoltura Sociale per la Filiera Agrumicola Siciliana 2.0”, realizzato dal Distretto Agrumi di Sicilia e Alta Scuola Arces, con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Il Seminario affronterà il tema della cooperazione attraverso i diversi punti di vista delle organizzazioni di categoria, delle organizzazioni cooperativistiche e dei gruppi di azione locale, tutti sottoscrittori del patto di sviluppo del Distretto Agrumi di Sicilia, al fine di diffondere buone prassi e così migliorare il valore aggiunto dei prodotti di filiera. Interverranno Pino Ortolano, vice direttore regionale Confcooperative Sicilia; Ettore Pottino, presidente regionale Confagricoltura Sicilia; Rosa Giovanna Castagna, presidente regionale CIA Sicilia; Michele Germanà, GalKalat; Sergio Campanella, GalEloro; Sebastiano Di Mauro, GalNat-iblei; Martina Indelicato, Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara; Salvo Battiato, Gal Etna. Modererà i lavori Federica Argentati, presidente del Distretto produttivo Agrumi di Sicilia. Come di consueto nell’ambito di Social Farming, il seminario è rivolto prioritariamente a giovani, donne, soggetti svantaggiati, migranti, tecnici e imprenditori operanti nella filiera agrumicola siciliana. Potrà essere seguito in presenza o anche in streaming, previa registrazione della partecipazione sul portale...

Leggi tutto
Palermo. Il concerto di Capodanno con le formazioni Kids del Teatro Massimo
Dic17

Palermo. Il concerto di Capodanno con le formazioni Kids del Teatro Massimo

  Martedì primo gennaio alle 11.30 inizio d’anno in musica con tutte le formazioni Kids del Teatro: Coro di voci bianche e Cantoria del Teatro Massimo e Massimo Kids Orchestra saranno diretti da Michele De Luca, Maestro del Coro sarà Salvatore Punturo. È un secondo appuntamento di Capodanno che si aggiunge al tradizionale concerto pomeridiano di Coro e Orchestra che per il 2019 è già sold out e sarà diretto da Valentin Uryupin. Coro di voci bianche, Cantoria e Massimo Kids Orchestra proporranno un viaggio musicale intorno al mondo: partenza dalla Francia con il Bolero di Maurice Ravel, Il cigno di Saint-Saëns con Christian Barraco solista al violoncello e la Carmen Fantasy con i temi dell’opera di Bizet. Dalla Francia si attraversa l’Atlantico per una tappa negli Stati Uniti, con due canti Gospel e un brano dalla colonna sonora di Vangelis per il film 1492 “The Conquest of Paradise” di Ridley Scott. Ritorno in Europa con il Regno Unito, con canti tradizionali ma anche una delle marce da Pomp and Circumstance di Elgar e Adiemus di Karl Jenkins. L’Italia è rappresentata dalle musiche di Ennio Morricone e l’area tedesca-austro-ungarica dalla prima delle Danze ungheresi di Brahms e dalla polka francese Feuerfest! di Josef Strauss. In conclusione l’Africa, con l’African Symphony di Van...

Leggi tutto
Palermo. Oggi si apre Fil di Grano, la prima fiera del grano duro siciliano
Dic14

Palermo. Oggi si apre Fil di Grano, la prima fiera del grano duro siciliano

Si apre oggi, con l’Educational dal titolo “Grano duro siciliano: cultura, salute, economia”, organizzato dal Consorzio di Ricerca Gian Pietro Ballatore, la manifestazione “Fil Di Grano”. Oggi alle 17:00 al SanLorenzo Mercato a Palermo interverranno medici, scienziati ed esperti del settore per parlare del valore e della cultura custoditi dal nostro grano. E poi due giorni di degustazioni, esposizioni e laboratori sul grano duro, sulle sue varietà e sui prodotti della filiera cerealicola siciliana, gestiti dall’impresa promotrice di questo evento: la società di sviluppo e marketing Coffice srl. Sabato 15 alle ore 11:00 il laboratorio PastiAmo, alle 12:00 il percorso di degustazione Sul Filo del gusto e tutto il giorno, dalle 10:00 alle 19:00, l’esposizione di 10 aziende di eccellenza, che rappresentano uno spaccato della filiera che utilizza esclusivamente grano duro siciliano: Alicos, Azienda agricola Fastuchera, Feudo Masinazzu, Feudo Mondello, Forno Santa Rita, Gigliolab, Molini del ponte, Molino Nonno Mommo, Molino Sansone, Pastificio Giglio. Domenica 16 si ripete il programma promozionale della fiera mentre alle 16:00 sarà la volta del Laboratorio “Piccole Spighe” durante il quale si potranno toccare con mano i campioni di spighe di grani antichi siciliani, quali Timilia, Russello, Perciasacchi, Bidí e anche del grano monococco, il primo tipo di grano coltivato dall’uomo circa 10.000 anni fa, agli albori dell’agricoltura, nell’area della mezzaluna fertile. Questo weekend al SanLorenzo Mercato diamo valore ai grani della nostra terra con le attività promosse dal progetto “Fil di grano”, finanziato dal Dipartimento Regionale Attività Produttive della Regione...

Leggi tutto
Palermo. Arrivano i semafori intelligenti
Dic13

Palermo. Arrivano i semafori intelligenti

Ammodernare 187 semafori con tecnologia Led e dotarne 51 di rilevatori di traffico “intelligenti” che adatteranno i tempi di accensione in base ai flussi veicolari rilevati in tempo reale. E’ questo l’obiettivo del contratto da circa 780 mila euro sottoscritto dal Comune di Palermo con l’impresa aggiudicataria Aesys spa, con sede a Brusaporto (BG), finanziato con fondi del PON Metro. Il contratto prevede in particolare che si intervenga su impianti esistenti nei quali le attuali lampade ad incandescenza saranno sostituite da lampade a basso consumo (si stima un risparmio di circa l’80% di energia elettrica) e maggiore visibilita’. In totale saranno 187 i semafori cittadini interessati in diversi quartieri della citta’. Inoltre, una parte di essi sara’ dotata di un particolare sistema di rilevazione del traffico in tempo reale, composto da telecamere e trasmettitori Umts, che permettera’ ad un sistema centralizzato a livello cittadino l’elaborazione dei dati e l’adattamento sempre in tempo reale dei tempi di accensione e spegnimento delle luci verdi/gialle/rosse per ciascun senso di marcia. Ad esempio i semafori che regolano il traffico all’incrocio fra corso Vittorio Emanuele e via Roma e quello all’incrocio fra le vie Notarbartolo e Liberta’, potranno variare i tempi del “verde” per ciascuna direzione di marcia delle auto in base all’effettivo traffico che su ciascuna direttrice si registrera’ in tempo reale. Contemporaneamente ai lavori di sostituzione dei gruppi illuminanti, ciascun impianto sara’ sottoposto ad ulteriori verifiche tecniche di sicurezza relative alla stabilita’ e all’isolamento elettrico. La progettazione dell’intervento e’ stata curata dall’Ufficio dei servizi pubblici a rete e di pubblica utilita’ dell’area tecnica, “cui va il nostro plauso – afferma l’Assessore alla Rigenerazione Urbanistica e Urbana, Emilio Arcuri – per il lavoro svolto che mostra come le professionalita’ interne all’Amministrazione siano una vera risorsa quando si offre l’opportunita’ di essere di stimolo e supporto alla realizzazione di interventi importanti per la citta’”. Per il Sindaco Leoluca Orlando, “il PON Metro si mostra sempre piu’ come uno strumento a 360 gradi per la riqualificazione e la rigenerazione del tessuto cittadino, non certo solamente una grande risorsa in termini finanziari. Dagli interventi e le politiche sociali agli interventi infrastrutturali in tantissimi settori, l’Amministrazione sta raccogliendo i frutti di un lungo lavoro di progettazione e certosina ricerca di fondi e risorse per dotare la nostra citta’ di nuovi servizi sempre piu’ efficienti ed efficaci per la vivibilita’”....

Leggi tutto
Palermo. L’arancina alla carne più buona è quella di Sfrigola dei fratelli Pizzurro: parola di “Cronache di Gusto”
Dic13

Palermo. L’arancina alla carne più buona è quella di Sfrigola dei fratelli Pizzurro: parola di “Cronache di Gusto”

Sfrigola, brand palermitano, patron delle arancine, si aggiudica il primato della classifica stilata dal giornale on line di enogastronomia Cronache di Gusto, per l’arancina alla carne più buona di tutta Palermo. “Sfrigola, l’arancina a vista”, il brand dei fratelli Adriano ed Emanuele Pizzurro, non solo entra nella top ten del prodotto migliore tra panatura croccante, riso e condimento, ma si piazza proprio al primo posto. Un successo, un primato, che fa il paio con quello già conquistato ieri grazie all’arancina al burro. Primato ieri, però condiviso con altri due ristoratori. Per la carne, invece, Sfrigola è la regina assoluta. Grande soddisfazione ieri nel laboratorio e nel punto vendita di Montelepre, dove i fratelli Pizzurro giorno dopo giorno si impegnano con passione ed amore insieme ai loro collaboratori. Passione ed amore che hanno portato in due anni ad incassare diversi successi. Così nel 2016 è nato il brand “Sfrigola”, con l’apertura del primo punto vendita ad Erice, in provincia di Trapani, dal nome “La tonda fritta”. A luglio del 2017, invece, l’inaugurazione dell’ormai famosissimo locale a Palermo, a due passi da Porta Nuova, in corso Calatafimi, numero 11, gestito dai fratelli Ignazio e Gaspare Balistreri. E poi ancora l’apertura di un laboratorio a Milano, che fornisce la materia prima a diversi famosi esercenti lombardi. “Questa è la ricompensa più grande per tutti i sacrifici che facciamo ogni giorno – commenta entusiasta Adriano Pizzurro –. Il nostro segreto si svela con sole due parole, amore e attenzione. La nostra passione la trasmettiamo in ogni chicco di riso, in ogni briciola degli ingredienti. E non parlo solo del nostro amore, ma di quello di tutti i collaboratori e dei nostri affiliati. Noi forniamo la materia prima, prodotti di eccellenza, condimenti dalla qualità e dal sapore indescrivibili, ma la bravura sta anche nei gestori, sempre in prima linea per attuare le nostre dritte. E questa classifica ci dimostra che siamo nella strada giusta e stiamo lavorando bene”. Ecco la motivazione di Cronache di Gusto “Locale aperto da poco più di un anno, a pochi passi da Porta Nuova. Sarete subito stregati dal loro laboratorio a vista dove i fratelli Balistreri e i loro collaboratori lavorano il riso, rigorosamente varietà Carnaroli, come in una catena di montaggio: precisione e pulizia le parole d’ordine. È sicuramente una bella prova di trasparenza, soprattutto se si considera che l’arancina assume un’importante rilevanza e da semplice cibo da strada, diventa la protagonista assoluta di questo format con un’attenzione quasi maniacale. Due scelte: quella con il classico ragù palermitano e alla bolognese. L’impatto visivo è sorprendente: le arancine sono un poco più piccole del normale e di forma perfettamente...

Leggi tutto
Palermo. Al Santa Cecicilia in scena il jazz  delle “Christmas Ladies”
Dic12

Palermo. Al Santa Cecicilia in scena il jazz delle “Christmas Ladies”

 Il sipario dello storico teatro palermitano Real Teatro Santa Cecilia si aprirà questo fine settimana con una prima assoluta in un’atmosfera tutta natalizia. Un concerto unico nel suo genere, quello delle Christmas Ladies, da un’idea di Fabio Lannino e con gli arrangiamenti di Vito Giordano per la Fondazione the Brass Group, che vede protagoniste cinque grandi personaggi della musica declinata al femminile, ognuna con una sua personalità esecutiva ed interpretativa. Saliranno sul palco, facendo sognare il pubblico presente grazie ad un racconto tutto musicale in chiave swing-natalizia,  Flora Faja, Anna Bonomolo, Alessandra Mirabella, Lucy Garsia e Carmen Avellone.  Loro, le Ladies, cinque Donne, con una storia artistica lunga e densa di importanti esperienze in ambito jazz e soul, con qualche sconfinamento in ambiti country e pop. Cinque Artiste che si stimano ed hanno aderito ad un’idea divertente e stimolante, quella di cantare le proprie Christmas songs preferite insieme, interpretando un repertorio ben bilanciato tra gli immancabili “must” natalizi ed alcune perle dei più grandi musicisti del jazz, con il comune denominatore dello spirito natalizio. Sold out, dopo appena cinque giorni di prevendite, la prima di venerdì 14 dicembre alle ore 21.00 e la replica di domenica 23 dicembre sempre alla stessa ora, per soddisfare le numerose richieste, la Fondazione ha dovuto annunciare una seconda replica mercoledì 26 dicembre alle ore 18.30.  Le “Christmas Ladies” saranno accompagnate sul palco dai Maestri docenti della Fondazione The Brass Group e da un coro di circa 20 cantanti selezionati tra la Scuola Popolare di Musica del Brass ed il Conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo: Vito Giordano, arrangiatore direttore musicale  e tromba solista,  Diego Spitaleri al pianoforte,  Fabio Lannino al contrabasso e Basso elettrico, Sebastiano Alioto alla  batteria,  Giuseppe Preiti alle tastiere. Il tutto supportato da una voce narrante, da un personaggio che crea un fil-rouge tra una canzone e l’altra per ogni singola interpretazione. A completare il progetto musicale nel racconto natalizio sarà Domenico Cannizzaro che andrà annunciando man mano il vasto programma musicale della serata che prevede tra le varie canzoni anche Jingle Bells, Christmas time is here, Santa Claus is coming to town, Have yourself a little Christmas, Joyful Joyful e tante altre ancora per rivivere un Natale con suoni armonici in cui la musica è protagonista assoluta con brani divertenti e ricchi di virtuosismi vocali, acquistando un groove e nuovi colori di pezzi intramontabili grazie all’interpretazione delle Christmas Ladies. Sull’iniziativa interviene Fabio Lannino che è anche produttore dello spettacolo “Ero convinto del successo di questo progetto perchè ciascuna delle Ladies ha un seguito di pubblico notevole. Sentirle cantare insieme è un evento davvero speciale che spiega la tanta presenza di pubblico e di successo”. “Non è stato facile mettere insieme stars  dalle personalità così forti – dichiara Vito Giordano –...

Leggi tutto
Palermo. Teatro Massimo, dal 13 al 23 dicembre in scena la Bohème
Dic10

Palermo. Teatro Massimo, dal 13 al 23 dicembre in scena la Bohème

Dal 13 al 23 dicembre al Teatro Massimo di Palermo un fitto calendario di recite per La boheme di Giacomo Puccini, con un cast di stelle. A vestire i panni della fioraia Mimi’ sara’ infatti Marina Rebeka, star del canto che dalla natia Lettonia e’ ora in tutti i principali teatri: tra gli appuntamenti degli ultimi mesi Faust di Gounod al Teatro Real di Madrid e La bohe’me, appunto, alla Staatsoper di Vienna, mentre a novembre e’ uscito il suo disco “Spirito”, registrato da Prima Records al Teatro Massimo di Palermo con l’Orchestra e il Coro della Fondazione Teatro Massimo e la direzione di Jader Bignamini. E sara’ Matthew Polenzani, star del Metropolitan Opera di New York (tra i suoi ultimi impegni Luisa Miller a Zurigo, La bohème alla Royal Opera House di Londra e Idomeneo alla Lyric Opera di Chicago), in una delle sue rarissime presenze europee, a tenere stretta la “gelida manina” di Marina Rebeka. L’opera natalizia per eccellenza torna a Palermo dopo tre anni nell’elegante allestimento con la regia di Mario Pontiggia, ripresa da Angelica Dettori, le scene e i costumi di Francesco Zito, che mettono in scena una Parigi che ha il sapore del liberty palermitano, e le luci di Bruno Ciulli. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo salira’ Daniel Oren, direttore amatissimo dal pubblico palermitano (l’ultima volta al Teatro Massimo nel 2017 per Adriana Lecouvreur con Angela Gheorghiu). Nel ruolo di Mimi’, oltre a Marina Rebeka, canteranno anche Valeria Sepe e la giovane palermitana Roberta Mantegna, che a luglio ha debuttato alla Scala nel Pirata di Bellini con grande successo; la parte di Rodolfo invece sara’ sostenuta anche da Stefan Pop, che torna a Palermo dopo Rigoletto di ottobre, e Vincenzo Costanzo. Sara’ palermitana, in occasione della prima, anche la scoppiettante coppia Musetta-Marcello, con il soprano Jessica Nuccio e il baritono Vincenzo Taormina, mentre alcune delle altre recite saranno affidate ad Hasmik Torosyan (Musetta) e Vittorio Prato (Marcello). Nel ruolo del filosofo Colline e del musicista Schaunard si alterneranno Marko Mimica e Antonio Di Matteo (Colline) e Christian Senn e Italo Proferisce (Schaunard). Completano il cast Angelo Nardinocchi (Benoît/Alcindoro), Pietro Luppina e Domenico Ghegghi (Parpignol), Gaetano Triscari (Sergente dei doganieri), Giuseppe Toia (Un doganiere), Alfio Marletta e Salvo Randazzo (Venditore di prugne). Il Coro del Teatro Massimo e’ diretto da Piero Monti, il Coro di voci bianche da Salvatore Punturo....

Leggi tutto
Internazionalizzazione: Di Dio “Fondamentale per sviluppo aziende”
Dic06

Internazionalizzazione: Di Dio “Fondamentale per sviluppo aziende”

“Doing Business with MAIT” e’ l’evento organizzato dal Dipartimento di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali (DEMS), con il patrocinio di Confcommercio Palermo, la cui prima edizione si e’ svolta oggi nell’aula Borsellino della facolta’ di Scienze Politiche dell’Universita’ di Palermo. Una ventina di imprenditori hanno incontrato gli studenti del Master of Arts in International Trade (MAIT), unico corso di laurea magistrale in lingua inglese dell’Ateneo palermitano, dedicato ai temi del commercio internazionale. Imprenditori e professionisti degli scambi internazionali hanno avuto modo di confrontarsi con gli studenti del primo e del secondo anno, condividendo opportunita’ di tirocini e occasioni lavorative. L’evento verra’ replicato due o tre volte l’anno (gia’ oltre 70 imprese hanno manifestato interesse a partecipare), tra gli studenti del corso ed alcuni rappresentanti del tessuto produttivo dell’Isola, al fine di offrire opportunita’ di lavoro e tirocinio, nonche’ costruire un dialogo fruttuoso per potenziare l’internazionalizzazione delle imprese. In rappresentanza di Confcommercio Palermo, presenti la presidente Patrizia Di Dio e la vice presidente Margherita Tomasello e Marco Miceli del direttivo di Federmoda per l’azienda Laros. Presenti anche La Vucciria food concept e a La vie en Rose. “La nostra missione e’ promuovere lo sviluppo nel segno dell’internazionalizzazione – ha detto Patrizia Di Dio -. Promuovendo la nostra cultura, automaticamente promuoveremo il nostro territorio e le nostre eccellenze, e quindi anche il turismo e la vendita dei nostri prodotti. Per fare questo abbiamo bisogno di risorse umane, sia nel senso di collaborazioni che di nuove imprenditorialita’ rafforzate da competenze e questo mi sembra il corso adatto. Sul fronte turismo – aggiunge Di Dio – c’e’ bisogno ancora di lavorare su standard adeguati. Noi imprese abbiamo bisogno di lavorare con una macchina amministrativa che si muova in direzione dell’efficienza. Noi propugniamo l’economia della bellezza, pero’ il problema e’ che non tutto funziona in modo adeguato. Abbiamo le condizioni perche’ Palermo diventi fra le dieci citta’ turistiche piu’ attrattive del mondo. Ma dobbiamo allora rendere piu’ accessibile la nostra terra che sconta arretratezza infrastrutturale e maggiori costi per venire in Sicilia e spedire dalla Sicilia; ma anche maggiori tempi per fare arrivare turisti e le nostre merci a destinazione. Sulla questione infrastrutture non e’ possibile impiegare tanto in termini di costi e di tempi”, conclude Patrizia Di Dio....

Leggi tutto
Ferrovie: Palermo, Grandi Stazioni Rail apre terminal bus
Dic06

Ferrovie: Palermo, Grandi Stazioni Rail apre terminal bus

Aperto in via Tommaso Fazello il nuovo terminal autobus realizzato da Grandi Stazioni Rail – Gruppo FS Italiane, accanto alla stazione ferroviaria Palermo Centrale. Il terminal bus, dedicato principalmente al trasporto pubblico locale, si sviluppa su una superficie di circa 9 mila metri quadrati e prevede 15 stalli attrezzati con pensiline, percorsi per ipovedenti e sistemi di informazione al pubblico. Completano la struttura 1.850 metri quadrati di superficie coperta, destinati alle biglietterie e ai servizi per i viaggiatori. L’area e’ direttamente connessa con la stazione ferroviaria Palermo Centrale e con il parcheggio auto di circa trenta posti, denominato kiss&ride, che sara’ attrezzato con le colonne per la ricarica delle auto elettriche. La gestione e’ affidata a Metropark, societa’ del gruppo FS Italiane, che opera anche in altri impianti del network Grandi Stazioni Rail. Presenti al taglio del nastro Leoluca Orlando, sindaco di Palermo; Salvatore Orlando, presidente del Consiglio Comunale; e Silvio Gizzi, amministratore delegato di Grandi Stazioni Rail. Un innovativo impianto di videosorveglianza, integrato con un sistema di riconoscimento targhe, identifichera’ gli autobus delle flotte dei singoli operatori di trasporto e indirizzera’ gli autisti allo stallo assegnato. In questo modo i passeggeri potranno visualizzare facilmente la pensilina da cui partira’ l’autobus. Il terminal bus ospitera’ da oggi, progressivamente, corse sia del trasporto pubblico locale sia interregionali. Da gennaio 2019 sara’ presente anche il servizio autobus per l’aeroporto internazionale Falcone e Borsellino di Palermo-Punta Raisi. Gli interventi, che hanno richiesto un investimento complessivo di circa 3,5 milioni di euro, hanno consentito anche la riqualificazione delle piazze Giulio Cesare e Cupani, utilizzando i materiali originari, come la pietra Billiemi, della...

Leggi tutto
Palermo. Il soprano palermitano Roberta Mantegna debutta al Teatro Massimo ne “La Bohème”
Dic06

Palermo. Il soprano palermitano Roberta Mantegna debutta al Teatro Massimo ne “La Bohème”

Domenica 9 dicembre alle ore 17.30 in Sala ONU un pomer= iggio speciale con una giovane interprete che è già più= ; di una promessa. Roberta Mantegna, tra i protagonisti de= lla Bohème in scena al Teatro Massimo, ha recentemente debu= ttato alla Scala nel Pirata di Bellini, nel difficile ruolo di Imo= gene. Incontreremo il soprano palermitano con l’Associazione Amici del = Teatro Massimo per farci raccontare questa impegnativa esperienza, il suo l= avoro al Massimo nel ruolo di Mimì e i suoi programmi futuri. Sar&ag= rave; presente il Sovrintendente Francesco Giambrone. Al pianoforte Marcello Iozzia. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.  Lunedì 10 dicembre alle ore 17.15 in Sala ONU concerto de= i finalisti della terza edizione del Premio Claudio Abbado istitui= to dall’Associazione Amici del Teatro Massimo in collaborazione con il = Conservatorio di Palermo, la Fondazione Teatro Massimo e con il sostegno de= lla Casa Tasca d’Almerita. Questi, in ordine alfabetico, i nomi dei fin= alisti che concorreranno all’assegnazione dei tre premi della giuria e = del premio assegnato dal pubblico che voterà al termine del concerto= : Maria Beatrice Arcuri, flauto; Gaetano Castiglia, tromba; Ludovica Franco= , pianoforte; Alessandro Laura, sassofono; Luca Russo, pianoforte. Al conce= rto finale prenderanno parte anche Filippo Graci (eufonio), Simona e Sabrin= a Palazzolo (duo di arpe) e il quintetto di fisarmoniche composto da Alessi= o Di Dio, Giuseppe Mazzara, Francesco Paolo Puglisi, Giuseppe Sirena, Salva= tore Vitale, che hanno ricevuto una “menzione speciale” dalla giu= ria. La giuria del Premio Claudio Abbado è composta dal sovrintendente= del Teatro Massimo, Francesco Giambrone, dal direttore del Conservatorio d= i Palermo, Gregorio Bertolino, dal primo violino dell’orchestra della F= ondazione Teatro Massimo, Silviu Dima, dal primo clarinetto dell’Orches= tra Sinfonica Siciliana, Angelo Cino e dal presidente dell’associazione= Amici del Teatro Massimo, Daniele Ficola. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Mercoledì 12 dicembre alle ore 18.00 in = Sala ONU Pietro Misuraca presenta, per l’Associazione Amici = del Teatro Massimo, l’opera La bohème di Giacomo Puccini, in scena dal 13 al 23 dicembre. Pietro Misuraca, pianista e musicologo, insegna “= Storia della musica contemporanea” nell’Università di Pale= rmo. I suoi ambiti di ricerca spaziano dalla musica del Novecento al madrig= ale polifonico rinascimentale. Ha da poco pubblicato presso Mimesis il volu= me Tutto quel che è finisce. Guida all’Anello del Nibelung= o di Richard Wagner e presso NeoClassica Il suono, il silenzio, l&= rsquo;ascolto. La musica di Salvatore Sciarrino dagli anni Sessanta a oggi.  ...

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com