Catania. UniCredit e Confindustria: seminario su Digital innovation & internazionalizzazione
Gen24

Catania. UniCredit e Confindustria: seminario su Digital innovation & internazionalizzazione

Negli attuali scenari di mercato la crescita, sia negli ambiti tradizionali che nei settori più innovativi, può essere ancora più forte se è sostenuta da un percorso di digitalizzazione del modello di impresa. L’opportunità di conoscere in dettaglio le varie misure a disposizione delle imprese per il rilancio degli investimenti a sostegno dell’innovazione tecnologica. Sono  alcuni dei temi di cui si è discusso oggi a Catania nel corso del seminario, organizzato da UniCredit e Confindustria Catania, sul tema “Digital innovation & internazionalizzazione: strumenti a supporto del business delle imprese”. I lavori sono iniziati con gli interventi di Antonello Biriaco, Presidente Confindustria Catania, e di Salvatore Malandrino, Regional Manager Sicilia di UniCredit. Il seminario è proseguito con le relazioni di Danilo Mazzara, Senior Manager & Strategy Advisor di Accenture Strategy, Ferdinando Natali, Responsabile Corporate Business Sicilia di UniCredit, Cristina Saluta, Trade Finance Sales di UniCredit, Francesco Caizzone, Presidente Digital Innovation Hub Sicilia di Confindustria e Massimo Cannone, Responsabile Sales, Marketing & Network di UniCredit Leasing. “Per UniCredit, che in Sicilia svolge un ruolo fondamentale per lo sviluppo economico della regione,  – ha dichiarato Salvatore Malandrino – è una priorità supportare le aziende non soltanto in termini di credito ma anche in termini di accompagnamento nel loro processo di innovazione tecnologica e digitale. Un esempio è rappresentato da One4innovation, l’offerta di UniCredit per le Imprese 4.0″. “Digitalizzazione e apertura ai mercati esteri – ha detto Antonello Biriaco – sono  due leve  fondamentali  per la crescita delle imprese.  Confindustria ha lanciato la sua scommessa sull’innovazione digitale, un mercato che oggi vale circa 70 mld di euro, con la creazione dei Digital Innovation Hub in tutta...

Leggi tutto
Catania. Confindustria e Ice fanno formazione su proprietà intellettuale
Gen22

Catania. Confindustria e Ice fanno formazione su proprietà intellettuale

Ha preso il via oggi a Catania il corso sulla “Tutela della Proprietà Intellettuale” realizzato da ICE in collaborazione con Confindustria Catania. Finanziato nell’ambito del Piano Export Sud 2 con fondi del Piano Operativo Imprese e Competitività, il corso  si inserisce in una serie di molteplici attività a supporto delle regioni del Sud. Al centro del percorso formativo,  articolato in quattro giornate e indirizzato a 21 aziende siciliane di vari settori produttivi, dall’agroindustria all’ICT,  le tematiche relative ai diritti di proprietà intellettuale, ai brevetti, ai marchi e al loro sfruttamento.  Altri approfondimenti riguardano la contrattualistica internazionale, la tutela del software,  delle banche dati e dei diritti d’autore, la lotta alla contraffazione.  Le sessioni in aula saranno seguite da 12 ore di affiancamento personalizzato che permetteranno ai partecipanti di avere approfondimenti specifici e assistenza nello sviluppo di una strategia di valorizzazione della proprietà intellettuale. “Una formazione mirata e qualificata,  come quella messa in campo da ICE, offre un contributo fondamentale alla competitività delle imprese – ha affermato Antonello Biriaco, presidente di Confindustria Catania -. Promuovere l’innovazione e la cultura professionale all’interno delle nostre aziende consente quel salto di qualità necessario ad affrontare scenari di mercato sempre più complessi. Un obiettivo verso il quale puntiamo per sostenere il rafforzamento del tessuto imprenditoriale e accrescere le opportunità di business”. “Con questa iniziativa – ha dichiarato Antonino Laspina,  direttore del Coordinamento Marketing di ICE Agenzia  – vogliamo far crescere la consapevolezza presso le imprese siciliane dell’importanza della tutela della proprietà intellettuale e facilitare il passaggio dalle conoscenze alle competenze. Per un territorio come la Sicilia la tutela dei marchi è un plus nella composizione dei fattori di competitività sui mercati esteri. L’attività in Sicilia – prosegue Laspina – vedrà a breve anche la realizzazione di iniziative quali un seminario legato alle tematiche del Food che si svolgerà a Siracusa il 4 febbraio prossimo e un nuovo Master Executive riservato alle aziende che sarà realizzato dopo la...

Leggi tutto
Terremoto: Confindustria Catania attiva piano emergenze
Dic27

Terremoto: Confindustria Catania attiva piano emergenze

“La rete del PGE, Piano Gestione Emergenze di Confindustria e Protezione Civile, attivo gia’ da alcuni anni per la pianificazione, il coordinamento e il controllo delle attivita’ di sostegno a favore di imprese e popolazione in caso di emergenza nel territorio nazionale, e’ a disposizione delle imprese associate della provincia di Catania a seguito del terremoto dello scorso 26 dicembre”. E’ quanto si legge in una nota di Confindustria Catania. “Le imprese possono segnalare danni subiti ed eventuali necessita’ specifiche che dovessero essere emerse o emergere nei prossimi giorni a seguito della calamita’ ai seguenti indirizzi: scollura@confindustriact.it gcantone@confindustriact.it”, precisa la nota....

Leggi tutto
A Catania settore edile in affanno
Dic17

A Catania settore edile in affanno

Oltre 600mila posti di lavori persi in Italia nel settore edile negli ultimi 10 anni, di cui 70mila in Sicilia e ben 15mila solo nella provincia di Catania, con un crollo preoccupante del 60% della massa salari della Cassa edile. Sono i dati emersi dalla relazione del presidente Giuseppe Piana di Ance Catania (Associazione nazionale costruttori edili), durante l’assemblea annuale degli associati per l’approvazione del bilancio 2017. Il documento contabile che, per il prossimo anno, prevede di mantenere e incrementare le politiche di monitoraggio delle spese già adottate, ha l’obiettivo di rafforzare il programma di azioni culturali, sociali e finanziarie promosse dall’Ance etnea e di stimolare l’avvio di un processo di rigenerazione nel territorio. «Il mio mandato è iniziato in un periodo difficile, al culmine di una crisi del settore che dura ormai da circa 10 anni – ha spiegato Giuseppe Piana agli associati durante l’assemblea che si è svolta lo scorso venerdì (14 dicembre) – e che purtroppo ha decimato il numero delle imprese e degli occupati nel settore delle costruzioni. Un cambiamento che inevitabilmente ha modificato anche il modo di fare associazione, sia a livello nazionale che territoriale. In tal senso abbiamo cercato di adeguarci con un piano di attività di politica associativa per rispondere alle esigenze della città di Catania e del suo circondario. Grazie alla collaborazione di tutti gli attori della filiera edile e non solo, siamo riusciti a intraprendere la strada giusta per rimarcare la centralità delle imprese edili nella vita economica della nostra città, nonostante le criticità tangibili del comparto». Dal tavolo tecnico #CataniaSicura per la prevenzio­ne antisismica, agli incontri con gli esponenti del­le forze politiche nazionali e regionali; dall’attivazione di un ciclo di seminari formativi sulle procedure edilizie in Sicilia alla collaborazione con la pubblica ammi­nistrazione per sostenere giovani neo laureati, fino alla costante attenzione dedicata all’attuale revisione del codice degli appalti: l’assemblea ha rappresentato una concreta occasione per fare il punto dei lavori finora condotti e ripercorre tutte le iniziative intraprese in questo ultimo anno dall’Ance Catania. «È questo lo spirito di cooperazione di cui abbiamo bisogno per poter risollevare la nostra città: continueremo ad impegnarci per redigere e per far approvare il piano regolatore, uno strumento urbanistico che potrà concretamente stimolarne lo sviluppo e la crescita economica» ha dichiarato il sindaco di Catania Salvo Pogliese, intervenuto all’assemblea per ringraziare l’associazione del lavoro svolto in questi mesi. A portare i saluti istituzionali anche il presidente di Confindustria Catania Antonello Biriaco: «Catania dev’essere al centro di un percorso di innovazione e rinnovamento. Un processo che può funzionare solo attraverso la valorizzazione e consolidamento di sinergie». Ospite dell’incontro anche il direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile e...

Leggi tutto
Catania. Aeroporto, ponte dell’Immacolata con 88 mila passeggeri+16%
Dic10

Catania. Aeroporto, ponte dell’Immacolata con 88 mila passeggeri+16%

Fra il 7 e il 10 dicembre l’Aeroporto di Catania ha registrato un transito di 88.000 passeggeri, con una crescita del 16% sul 2017. I passeggeri sui voli nazionali sono stati 66.164 (+11,34%, nel 2017 59.426). Cresce in maniera significativa il mercato internazionale (+32%) con 21.836 passeggeri (nel 2017 erano stati 16.434). A novembre sono stati registrati 660.315 transiti (circa 70 mila in piu’ dello scorso anno) con una crescita a due cifre del numero di passeggeri (11%) rispetto al novembre 2017. Il dato di traffico progressivo – ossia da gennaio a novembre 2018 – vede un transito complessivo di 9.255.341 rispetto ai 9 mln di passeggeri del 2017....

Leggi tutto
Per il Calatino 43 milioni di euro,  a breve il preliminare di strategia
Nov28

Per il Calatino 43 milioni di euro, a breve il preliminare di strategia

  Nel Calatino si punta a creare un’associazione fra i Comuni per la gestione unitaria di alcuni servizi, dallo Sportello unico per le attività produttive, alla polizia locale, sino alla protezione civile su base intercomunale.     Di questo e dei vari passaggi procedurali da seguire per centrare l’obiettivo si è discusso nell’ultima riunione, svoltasi nei giorni scorsi nel salone di rappresentanza “Mario Scelba” del municipio, fra i componenti del Comitato tecnico aree interne (Ctai),alcuni formatori del Formez, i sindaci e/o altri amministratori dei Comuni del Calatino facenti parte di una delle cinque aree interne beneficiarie, in Sicilia, di fondi comunitari e nazionali che in questo territorio, che comprende Caltagirone, che è il Comune capofila, Grammichele, Licodia Eubea, Mineo, Mirabella Imbaccari, San Cono, San Michele di Ganzaria e Vizzini, per un totale 77mila abitanti, ammontano a 43 milioni di euro.                                                                                                                                   Prossimo appuntamento venerdì 30 novembre, alle 15, all’Educandato San Luigi, per una riunione fra i sindaci finalizzata a mettere a punto la stesura definitiva del preliminare di strategia.             “Si lavora – sottolinea Concetta Mancuso, assessore del Comune di Caltagirone con delega, attribuitale dal sindaco Gino Ioppolo, alla Strategia per le aree interne – con la consapevolezza che le politiche di sviluppo devono essere condotte in una logica sovracomunale. Proprio come stiamo facendo con questa significativa esperienza che siamo fiduciosi possa produrre rilevanti ricadute positive per il...

Leggi tutto
Catania. Lidl presenta il nuovo punto vendita “green” di Gravina
Nov26

Catania. Lidl presenta il nuovo punto vendita “green” di Gravina

Lidl, la catena di supermercati leader in Italia, apre un nuovo punto vendita a Gravina di Catania. È il 45/mo in Sicilia del gruppo della grande distribuzione, che in nell’Isola opera da più di 10 anni e conta oltre 600 store su scala nazionale. La nuova struttura commerciale, le ricadute sul fronte occupazionale e le importanti opere di urbanizzazione realizzate da Lidl Italia nel comune di Gravina saranno presentate in conferenza stampa mercoledì 28 novembre alle 10,30 nei locali dello store di via Etnea. All’incontro con i giornalisti partecipano: il Direttore Regionale Lidl Italia, Antonio Rapisarda che illustrerà l’attività di Lidl in Sicilia e le positive ricadute occupazionali, il Coordinatore Regionale Sviluppo Lidl Italia Riccardo Magarini, che esporrà i dettagli del progetto e delle opere pubbliche realizzate nella cittadina del Catanese e il sindaco di Gravina Massimiliano Giammusso, che si soffermerà sul positivo rapporto pubblico-privato. Il punto vendita sarà aperto al pubblico giovedì 29 novembre alle ore 8. IL PIANO DI SVILUPPO IN ITALIA 2018 Lidl Italia ha approntato un piano di investimenti da oltre 350 milioni di euro per l’anno 2018 che comprende lo sviluppo della rete vendita con l’apertura prevista di oltre 40 nuovi supermercati per l’anno in corso, mantenendo così lo stesso trend di aperture e di nuove assunzioni del 2017. Lidl è presente in Italia da 26 anni. Ad oggi, può contare su una rete di più di 600 punti vendita in 19 regioni che occupano oltre 15.000 collaboratori. Il rifornimento quotidiano dei negozi è garantito da 10 piattaforme logistiche dislocate sul territorio nazionale. Negli ultimi anni è stato portato avanti un percorso di profondo rinnovamento dell’insegna che, da un lato, ha coinvolto il radicale ammodernamento della rete vendita per offrire un’esperienza d’acquisto più piacevole e funzionale ai clienti, dall’altro ha visto la completa revisione dell’assortimento di prodotti a scaffale con una netta virata verso il Made in Italy. Attualmente, oltre l’80% dei prodotti offerti dall’insegna è prodotto in Italia....

Leggi tutto
Catania. Accademia Belle Arti e agenti immobiliari
Nov15

Catania. Accademia Belle Arti e agenti immobiliari

  E’ stato sottoscritto stamattina, presso l’Aula magna dell’Accademia di Belle Arti di Catania, un accordo che sancisce la collaborazione attiva tra gli studenti e gli agenti immobiliari. A firmarlo sono stati il neo direttore dell’Accademia  prof. Vincenzo Tromba e il presidente provinciale della FIMAA Nino Nicolosi. Con questa collaborazione, fortemente voluta dal prof. Virgilio Piccari nel suo precedente mandato di direttore, l’associazione degli agenti immobiliari disporrà di un servizio per la  salvaguardia degli immobili d’epoca  per i propri clienti. L’Accademia, su segnalazione degli agenti immobiliari, attiverà un pool di studenti guidato da illustri professori al fine di catalogare, valutare e restaurare quanto di pregio potrebbe essere individuato in questi immobili. “Con questa convenzione  – ha spiegato il presidente provinciale della FIMAA Confcommercio Nino Nicolosi – vogliamo dare un servizio non solo ai nostri clienti ma a tutta la comunità. Cercheremo di recuperare al meglio tutto ciò che c’è di artistico nelle case d’epoca per dare un valore aggiunto agli immobili grazie alla collaborazione di professionisti. L’Accademia farà un inventario delle opere d’arte negli immobili di un certo prestigio architettonico e interverrà con i suoi esperti nei lavori di ripristino a prezzi contenuti, raggiungendo lo scopo di avere un restauro a regola d’arte” La convenzione mira non solo a valorizzare gli immobili d’epoca ma anche a forgiare gli studenti su restauri reali, anziché perseguire lo stesso scopo su modelli di laboratorio. Un progetto al quale l’ex direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catania ha lavorato per lungo tempo e che ora vede finalmente realizzato. “Sono felice di aver raggiunto questo obiettivo grazie al quale i nostri allievi potranno mettere in campo l’inizio della parte professionalizzante della loro formazione – ha detto Virgilio Piccari – . Cercheremo di rivalutare il patrimonio edilizio storico, legato alle tradizioni di questa città, offrendo ai ragazzi la possibilità di realizzare progetti di catalogazione e di valorizzazione e, addirittura, speriamo anche di arrivare a indicare progetti come linee guida sul piano del restauro. L’Accademia ha già dimostrato negli anni grandi capacità in tal senso, cito uno su tutti il recupero della Fontana dell’Amenano; con questo accordo metteremo al centro dell’azione della nostra istituzione la valutazione del nostro patrimonio”. Soddisfazione ha espresso il prof. Vincenzo Tromba, neo direttore dell’Accademia: “Per i nostri studenti il vantaggio di partecipare a questa operazione sarà quella di lavorare sul campo e non solo sui libri, è un’esperienza che integrerà il loro curriculum spendibile nel mondo della professione”. L’auspicio dei sottoscrittori della convenzione è quello di aiutare la comunità ad amare e salvaguardare l’arte in ogni suo aspetto, cominciando anche dalla propria casa. “Un restauro qualificato restituisce armonia e bellezza a...

Leggi tutto
Catania. Pmi Day 2018, domani 100 studenti in tour al porto
Nov15

Catania. Pmi Day 2018, domani 100 studenti in tour al porto

  Ritorna domani a Catania l’appuntamento con la Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese, l’iniziativa della Piccola Industria di Confindustria lanciata nel 2010 con l’obiettivo di avvicinare le giovani generazioni al mondo imprenditoriale.  Anche quest’anno,  in tutto il Paese,  saranno oltre 1000 le aziende coinvolte e circa 42 mila i protagonisti delle visite e degli incontri dedicati a studenti e insegnanti  e aperti anche agli amministratori locali e ai giornalisti. La manifestazione, nella città etnea,  si svolgerà al Porto (con avvio dei lavori presso LAND – La Nuova Dogana), a partire dalle ore 9,   dove gli studenti potranno incontrare e conoscere da vicino gli attori del mondo imprenditoriale e delle istituzioni collegati alla filiera del mare. La nona edizione del Pmi Day, avrà come focus principale la lotta alla contraffazione allargata ai temi  dell‘italian sounding e della proprietà intellettuale. I lavori si apriranno con i saluti del presidente di Confindustria Catania Antonello Biriaco e del presidente della Piccola Industria,  Angelo Di Martino. Interverranno:  Gaetano Martinez, Comandante della Direzione Marittima di Catania; Andrea Annunziata,  presidente dell’ Autorità di Sistema Portuale del Mare della Sicilia Orientale; Salvatore Trentino, responsabile dell’Ufficio Dogane di Catania; Vincenzo Adragna,  presidente Piccola Industria di  Sicindustria Trapani e delegato nazionale gruppo di lavoro Pmi Day.  Seguiranno le testimonianze aziendali dei rappresentanti di Catania Cruise Terminal, Fratelli Di Martino e Navimec.  Gli istituti scolastici  partecipanti sono:  “Archimede”;  “Cannizzaro”; “Cutelli”; “De Felice – Olivetti”; “Duca degli Abruzzi”; “Galilei” e ...

Leggi tutto
Catania. Confindustria, imprenditori in rete con “Connext””
Nov09

Catania. Confindustria, imprenditori in rete con “Connext””

– Quattro driver di sviluppo e due giorni di incontri per mettere insieme le eccellenze imprenditoriali, fare rete e creare percorsi di crescita attraverso nuove occasioni di business. È Connext, il progetto di Confindustria in programma a Milano il 7 e 8 Febbraio 2019, un evento espositivo di networking rivolto a tutte le aziende, anche non associate. Dopo le tappe di Venezia, Cagliari, Napoli, Milano, Torino, Bari, Roma e Firenze, oggi a Catania si conclude il roadshow di nove tappe per presentare il progetto alle imprese. “Connext – spiega Giulio Pedrollo, vicepresidente di Confindustria con delega alla politica industriale – è il primo evento di partenariato industriale a livello nazionale, dopo le esperienze locali già avviate in Emilia e nel Lazio, che si inserisce nel piano strategico della presidenza Boccia. L’obiettivo è quello di mettere a rete piccole e grandi realtà industriali del nostro Paese e irrobustire un percorso di crescita in una logica di filiera verticale e orizzontale, incrociando i temi dell’innovazione”. Quattro i driver tematici del progetto: le aree metropolitane, la persona, la fabbrica intelligente e il territorio. “Non sarà solo una piazza fisica – ha proseguito Pedrollo- ma anche una piattaforma virtuale, che accompagnerà tutto il cammino che inizia oggi e proseguirà anche dopo l’evento di Milano. Un marketplace digitale attivo fino a tutto il 2019, dove le imprese, una volta entrate, potranno continuare a scambiarsi progetti, conoscenza ed esperienze”. “A un anno dalle Assise di Verona – ha concluso il vice presidente degli industriali- Connext è la dimostrazione concreta che l’identità di Confindustria, il più importante corpo intermedio del Paese, sa tradursi in strumenti operativi per stimolare la crescita e la competitività. Le grandi aziende saranno i catalizzatori delle realtà più piccole”. “La  scelta della nostra città è un riconoscimento alla storia e al valore delle nostre imprese da sempre aperte al cambiamento e all’innovazione – ha detto il  presidente di Confindustria Catania, Antonello Biriaco-. Abbiamo eccellenze produttive nel campo agroalimentare, nel settore chimico-farmaceutico, in quello dell’elettronica. Molte piccole e grandi imprese hanno sofferto gli effetti di una crisi senza precedenti, ma sono disposte ancora a scommettere e investire su loro stesse. Connext è un’opportunità strategica  che ci consentirà di scambiare conoscenza, fare alleanze, trovare nuovi mercati, di aprirci la strada verso il...

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com