Teatro Bellini di Catania, M5S: “Silenzio assordante del governo, Musumeci dica cosa vuol fare”
Ott17

Teatro Bellini di Catania, M5S: “Silenzio assordante del governo, Musumeci dica cosa vuol fare”

 “Un silenzio assordante, quello del governo Musumeci, sul Teatro Massimo Bellini di Catania, in grave difficoltà finanziaria. Un silenzio col quale si continua a ignorare l’urlo di dolore di una città e le decine di appelli di musicisti, attori ed esponenti del mondo dello spettacolo. Tutto questo è estremamente preoccupante, perché se il teatro sta vivendo l’ennesima crisi, la responsabilità è tutta in capo al governo regionale”.  Lo sostengono i parlamentari catanesi del M5S all’Ars, alla Camera e al Senato, che sottolineano come sia “inaccettabile e sconcertante il modo in cui il governo Musumeci sta trattando la storica istituzione culturale che è un vanto per i catanesi e per l’intera Sicilia”.  “Bisogna fare le dovute distinzioni – precisa la deputata regionale Gianina Ciancio – perché non si dica che il parlamento siciliano è corresponsabile di questa situazione. In aula, infatti, più volte e in maniera trasversale si è data la piena disponibilità all’assessore Messina di votare il ripristino dei fondi per il teatro. Il governo regionale, per tutta risposta, ha fatto stralciare la norma nel collegato che consentiva di intervenire, facendo decadere di fatto tutti gli emendamenti”. “Ci stiamo muovendo su più fronti – proseguono i deputati – anche sollecitando il governo nazionale, per cercare di mettere una toppa al disastro fatto dall’esecutivo regionale, purtroppo ampiamente previsto. Tutti i portavoce catanesi, a tutti i livelli, si stanno muovendo per risolvere la situazione. Ma il governo regionale deve dire che intenzioni ha, altrimenti ogni sforzo rimarrà...

Leggi tutto
Catania. Nominato nuovo cda della Sidra. Fatuzzo presidente
Ott14

Catania. Nominato nuovo cda della Sidra. Fatuzzo presidente

 Il Comune di Catania, socio unico dell’assemblea dei soci della Sidra spa, che si e’ riunita oggi, ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione della partecipata comunale al 100%, che si occupa della gestione idrica. Fabio Fatuzzo e’ stato nominato presidente. Insieme a lui sono stati nominati Dario Moscato, vicepresidente, e Marco Navarria, consigliere del Cda....

Leggi tutto
Catania. I Nutrizionisti senza Frontiere:  Apericena della Solidarietà per i bambini malnutriti
Ott09

Catania. I Nutrizionisti senza Frontiere: Apericena della Solidarietà per i bambini malnutriti

Arte, musica e cucina a sostegno dei bambini bisognosi. Sono destinati al Centro di Recupero Nutrizionale in Guatemala i fondi che saranno raccolti in occasione dell’Apericena della Solidarietà, organizzato dall’Associazione Nutrizionisti senza Frontiere Comitato Sicilia, nell’ambito del progetto Alegria, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione. La cena di sensibilizzazione con raccolta fondi si svolgerà mercoledì 16 ottobre 2019 alle ore 21, alla Masseria Carminello di via Carminello 21, Valverde (Ct).  Il Progetto Alegria in Guatemala è rivolto a bambini con malnutrizione severa. “Servono fondi costanti e quotidiani perché abbiamo un centro di ricovero che accoglie sia bambini sia le mamme che li accompagnano e mangiano con loro. Costantemente abbiamo bisogno di fornire loro cibo, cure mediche e integratori alimentari” spiega Fabrizia Minciullo referente del comitato regionale Sicilia.  Partner in Guatemala dell’associazione, che opera in Italia con una sede nazionale a Jesi (An) e 12 comitati operativi regionali, è la Ciudad de la Felicidad. “Accolgono circa 100 bambini che sono stati tolti per qualche motivo alle loro famiglie oltre a bambini di strada, orfani. – aggiunge la referente siciliana –  Dentro la Ciudad de la Felicidad si trova il nostro centro “CRN – Centro di Recupero Nutrizionale” che a sua volta si trova all’interno della clinica San Lazzaro di Betania dove ci sono medici di riferimento sempre presenti per dare sostegno quando i nostri volontari non sono presenti”. Durante l’Apericena della Solidarietà si esibiranno la comica Loredana Scalìa e il cantante Giuseppe Cannavò. Il dessert è affidato al cooking show gestito da Gabriella Comis, titolare di C&G. “Tutti gli artisti presenti – spiegano Antonio Rosano e Giovanni Samperi, titolari di Masseria Carminello – interverranno, con la loro arte, per sostenere una giusta causa. Anche noi abbiamo voluto dare un contributo concreto a sostegno di bambini meno fortunati. La buona nutrizione è alla base di una buona salute, specie se si tratta di bambini”. L’Associazione Nutrizionisti senza Frontiere è nata, a livello nazionale, 5 anni fa. Opera sul territorio italiano proponendo eventi specifici utili sia per la raccolta fondi sia per far conoscere attività, obiettivi e mission dell’associazione. Gli eventi annuali sono 4: a Febbraio “Open day nelle Università”, a Giugno “Aperitivi senza frontiere”, ad Ottobre “Food for World”, a Dicembre “Eventi natalizi”. Attorno al comitato siciliano gravitano circa 15 volontari....

Leggi tutto
Catania. Nasce “Rete partecipate”, Pogliese “Atto innovativo”
Ott03

Catania. Nasce “Rete partecipate”, Pogliese “Atto innovativo”

Cinque societa’ interamente partecipate dal Comune di Catania, che detiene il cento per cento del capitale, su input del sindaco Salvo Pogliese e direttiva del vicesindaco e assessore alle partecipate Roberto Bonaccorsi, hanno sottoscritto il contratto di Rete, “documento pianificatore creato per facilitare l’esercizio in comune di attivita’ economiche degli organismi partecipati, i cui costi incidono sul bilancio del Comune”. Si tratta delle societa’ “Catania Multiservizi spa”, “Sostare srl”, “Amt Catania spa”, ed “Asec spa” che a sua volta detiene il totale del capitale della societa’ “Asec Trade srl”. La rete e’ stata denominata “Catania Rete Partecipate”. “L’atto pubblico – si legge in una nota del Comune – impegna le imprese partecipate comunali, a esercitare in modo coordinato e congiunto servizi strumentali alle rispettive imprese, al fine di migliorare la gestione degli acquisti, del magazzino, dell’assistenza, della gestione amministrativa, della funzione commerciale e di tutte le attivita’ di supporto all’attivita’ principale, condividendo strumentazioni tecniche, attrezzature e strutture operative, ma anche a migliorare la competitivita’ aziendale, attraverso la riduzione dei costi di gestione”. “In pochi mesi – sottolinea il sindaco, Salvo Pogliese – abbiamo realizzato l’obiettivo strategico dell’innovazione delle attivita’ delle partecipate puntando all’innalzamento della loro capacita’ competitiva e del rispettivo know-how. Per la realizzazione dello scopo comune relativo al Programma di Rete – aggiunge Pogliese – le singole imprese potranno anche porre temporaneamente il personale a disposizione di altre imprese della rete per la esecuzione di determinate attivita’ lavorative, favorendo cosi’, in un’ottica veramente imprenditoriale, l’integrazione delle rispettive specializzazioni, lo sviluppo di nuove competenze tecniche, l’accrescimento dell’offerta di prodotti e servizi, come lo sviluppo di nuove linee di marketing e di attivita’ di comunicazione, rafforzando l’esistenza stessa delle partecipate che avranno maggiori tutele e garanzie e precorrere i tempi della costituzione di una holding di controllo”. L’attuazione del Programma di Rete e l’organizzazione delle attivita’ sono affidate a un organo comune, denominato “Direzione di Rete”, composto da membri designati in rappresentanza di ciascuna delle societa’ partecipanti, che eserciteranno a titolo gratuito la loro azione di indirizzo e coordinamento. Lo scorso 27 dicembre il Consiglio comunale, recependo un preciso indirizzo politico della giunta Pogliese, ha approvato il piano di razionalizzazione delle partecipazioni volto alla realizzazione di un efficientamento gestionale e finanziario delle societa’ che prevede anche un riassetto organizzativo, attraverso la costituzione di una societa’ holding di coordinamento e servizi e la fusione/accorpamento di aziende partecipate della mobilita’ (Amt-Sostare) e delle pubblic utilities (Asec-Sidra) nell’ottica del miglioramento dell’efficacia e dell’economicita’ dei servizi. “Nelle more che il piano di riorganizzazione delle partecipate venga pienamente attuato – spiega il vicesindaco Roberto Bonaccorsi – abbiamo ritenuto che la dichiarazione di dissesto del Comune...

Leggi tutto
Catania. A PharmEvolution 2019  i vertici di Federfarma e big del settore farmacia
Ott03

Catania. A PharmEvolution 2019  i vertici di Federfarma e big del settore farmacia

Un convegno sull’innovazione in farmacia con Ornella Barra, co-chief operating officer di Walgreens Boots Alliance, la presenza in fiera di Federfarma Nazionale con le sue società di servizi Promofarma, Promofarma Sviluppo e Sistema Farmacia Italia. Sono alcune delle novità di PharmEvolution 2019, in programma dall’11 al 13 ottobre a Taormina. Per tre giorni il Palalumbi ospiterà più di cento stand di alcune tra le maggiori aziende di beni e servizi per la farmacia e aprirà le sale conferenze a numerosi dibattiti, simposi e workshop con autorevoli esperti. Appuntamento clou, sabato 12 ottobre alle 15.30, con il convegno: “Domani è già oggi: idee, strategie e innovazioni da uno sguardo alla farmacia in Europa e nel mondo”, che vedrà al tavolo dei relatori Ornella Barra, il presidente e il segretario di Federfarma Nazionale, rispettivamente Marco Cossolo e Roberto Tobia, la presidente del Sunifar Silvia Pagliacci e il presidente di Federfarma Sicilia Gioacchino Nicolosi. Modera la giornalista Rai Maria Soave. “PharmEvolution 2019 – anticipa Gioacchino Nicolosi, che è anche ideatore e anima della kermesse – allunga lo sguardo oltre l’orizzonte nazionale della farmacia per cogliere le sfide attuali e quelle future, e fornire ai colleghi gli strumenti adeguati per affrontarle al meglio”. Altra novità di questa nona edizione, è la presenza in fiera di Federfarma Nazionale, che parteciperà alla convention con le sue società di servizi: Promofarma, Promofarma Sviluppo e Sistema Farmacia Italia. Nello stand istituzionale del sindacato i farmacisti potranno trovare ogni risposta, grazie alla presenza di accreditati esperti in materia di raccolta, analisi e gestione dati, oltre che di fatturazione elettronica (Promofarma) e aggiornamento sul progetto di Rete delle reti (Sistema Farmacia Italia). Inoltre sarà possibile conoscere da vicino l’attività di Promofarma Sviluppo, l’ultima creatura di Federfarma Nazionale, orientata all’offerta di servizi web based, piattaforme informatiche per sviluppare sul territorio i servizi per l’assistenza integrativa e WebDpc. Grande attesa per il focus sui temi della fiscalità in farmacia: “Il cantiere del fisco: lavori sempre aperti tra scenari in continua evoluzione”, che si terrà venerdì 11 ottobre alle 17 e vedrà un pool di consulenti e commercialisti analizzare gli scenari aperti dal nuovo Governo in campo tributario e i relativi riflessi sulle farmacie. Modera il responsabile settore fiscale Federfarma Luigi Coltellacci. Relatori: il docente di Economia aziendale all’università di Pisa Franco Falorni, il commercialista Giampiero Brunello già amministratore delegato della Società per gli Studi di Settore SOSE e il commercialista rappresentante Federfarma presso la Commissione esperti per gli Studi di Settore Antonio Vento. Per chi si affaccia alla professione e per chi invece si appresta a lasciare il banco per limiti d’età, PharmEvolution offre l’opportunità di incontrare direttamente in fiera i...

Leggi tutto
Catania. Intesa di collaborazione Confcommercio e Ordine commercialisti
Ott02

Catania. Intesa di collaborazione Confcommercio e Ordine commercialisti

Confcommercio Catania e l’Ordine dei Commercialisti di Catania si impegnano a collaborare per favorire lo sviluppo socio-economico del territorio, ottimizzando la gamma e la qualità dell’assistenza alle imprese, con un accordo che è stato firmato stamattina nella sede di Confcommercio Catania dai rispettivi presidenti Riccardo Galimberti e Giorgio Sangiorgio, alla presenza della dott.ssa Caterina Cannata delegata dalla Confcommercio a coordinare l’operatività dell’accordo. “La presenza dell’Ordine dei commercialisti – ha esordito il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia di Catania Galimberti – è fondamentale nel rapporto di collaborazione perché proprio questa sorta di isolamento, sia delle confederazioni che degli ordini professionali, non è positivo. In realtà non c’è regime di concorrenza ma anzi, abbiamo problemi comuni. Di triplice natura: problema di ordinaria gestione, quindi occorre maggiore informazione e uno scambio di indicazioni  sulle direttive dell’ordinaria gestione dell’attività di impresa e sulla parte contabile fiscale relativa. Poi c’è una parte straordinaria/ordinaria, che sono le patologie dei bilanci delle imprese, come affrontarle e come risolverle nel modo più corretto soprattutto nell’ambito di salvare l’economia della singola impresa. E poi c’è la terza parte, cercare di fare sviluppo e per farlo bisogna trovare modelli innovativi di collaborazione (le reti, maggiore informazione), insomma uscire da questo individualismo che, oggi come oggi, per una sorta di pessimismo imprenditoriale isola l’imprenditore stesso e lo tiene fermo in un regime di “faccio l’incudine e non il martello”. Promozione di iniziative di divulgazione scientifica su singoli temi di interesse, tavoli di confronto, sensibilizzazione in merito a tematiche legate allo sviluppo imprenditoriale locale ed alla formazione professionale, questi i punti salienti sottoscritti nell’accordo. “L’ordine che mi onoro di rappresentare già da un paio di anni ha attivato una serie di azioni con diversi attori presenti nel territorio. Confcommercio, che rappresenta una delle realtà più importanti del mondo associativo nella nostra provincia, ancora mancava – ha sottolineato il presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Catania Giorgio Sangiorgio – I commercialisti e Confcommercio sono accomunati da un aspetto: entrambi sono a fianco delle imprese. Sono in prima linea, e ne sono consapevoli, e per questo intendono svolgere questo ruolo appieno, lavorando in sinergia con gli altri attori del territorio per fare di più e meglio. L’obiettivo del protocollo è quello di individuare tematiche concrete relative al mondo delle imprese e delle professioni, da un lato cercare di approfondirle assieme, attraverso tavoli tecnici e commissioni di studio, e dall’altro organizzare eventi formativi su tematiche importanti per la nostra economia. La nostra città ha bisogno di iniziative di questo tipo, cercheremo insieme di dare un contributo per avviare un percorso di miglioramento dell’economia del territorio che è parecchio in sofferenza, e noi, come Confcommercio,...

Leggi tutto
Catania. Assemblea confindustria con Boccia e Provenzano
Set23

Catania. Assemblea confindustria con Boccia e Provenzano

Catania direzione futuro: innovare, investire, crescere”. Questo il tema della 93^ assemblea dei soci di Confindustria Catania che si svolgerà martedì 24 settembre, presso la AAT- Oranfresh (Blocco Palma 1 – Zona Industriale), a partire dalle 10.30,  con la partecipazione del presidente di Confindustria,  Vincenzo Boccia.  L’assemblea pubblica, presieduta dal leader degli industriali etnei, Antonello Biriaco, si svolgerà alla presenza di autorità e rappresentanti delle istituzioni e sarà preceduta dall’assemblea privata,  convocata per l’approvazione degli adempimenti statutari di rito. “Il tema scelto quest’anno  – spiega Biriaco – sarà l’occasione per fare un’analisi sul futuro del nostro territorio e sulle leve strategiche da attivare affinché Catania possa sprigionare le sue mille potenzialità e diventare attrattiva.  Ma si allargherà lo sguardo anche alla questione Sud,  per il quale oggi, a nostro avviso,  si può aprire una grande finestra di opportunità. Se anche l’Europa ha compreso che la via del rigore non ha raggiunto l’obiettivo di ridurre gli squilibri di bilancio dei Paesi dell’Unione, è il  momento di puntare su politiche pubbliche centrate sulle infrastrutture e sugli investimenti produttivi. In questo modo sarà possibile liberare finanziamenti per un grande piano strategico, con tempi e obiettivi precisi, capace di restringere la forbice sempre più larga che separa il Mezzogiorno dalle aree forti. Anche perché,  solo riducendo le disuguaglianze,  si può riavviare stabilmente il motore della crescita, togliendo terreno fertile a dannosi populismi che propongono slogan e non soluzioni”.  L’Agenda dei lavori, con inizio alle 10.30,  prevede i saluti di Salvatore Torrisi, amministratore unico di AAT- Oranfresh,  del Sindaco di Catania Salvo Pogliese, del Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. Seguiranno la relazione del presidente Antonello Biriaco e la tavola rotonda dal titolo “Il valore del territorio”, moderata da Marcello Sorgi, editorialista del quotidiano La Stampa, con la partecipazione di Aldo Berlinguer, professore ordinario presso l’Università di Cagliari (Cabina di regia ZES – Sicilia); Francesco Tornatore,   presidente N.T.ET.  Spa; Massimo Sabatini, direttore Politiche regionali e Coesione territoriale di Confindustria; Pierluigi Monceri, responsabile Direzione regionale Lazio, Sardegna e Sicilia di Intesa Sanpaolo. In video collegamento da Roma interverrà il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano. I lavori dell´assemblea si concluderanno con l’intervento  di Vincenzo Boccia...

Leggi tutto
Catania. Arancino Gourmet di 5 chef per l 5a edizione di “Chicchi riso e uva di Sicilia”
Set10

Catania. Arancino Gourmet di 5 chef per l 5a edizione di “Chicchi riso e uva di Sicilia”

“Siamo fermamente convinti che la cucina sia uno strumento strategico di condivisione e cultura”. Giovanni Samperi e Antonio Rosano archiviano l’edizione 2019 di Chicchi,  riso e uva di Sicilia che ha visto ai fornelli cinque chef, ognuno dei quali ha reinterpretato l’arancino in versione gourmet. Buona cucina, incontri vis a vis con gli chef, arte e creatività gli ingredienti di quest’ultima edizione della manifestazione organizzata a Masseria Carminello di Valverde. L’arancino nero chiamato per l’occasione Punti di vista, preparato a quattro mani dagli chef del locale, Samuel Paternò e Rosario Terranova, ha dato il via alla serata condotta dal giornalista Antonio Iacona, direttore di Charmant Magazine, e da Valentina Grippaldi. “Abbiamo scelto di aprire con questo arancino per inviare un messaggio di condivisione, pace e integrazione” spiega Giovanni Samperi dal palco. Ha aperto ufficialmente la manifestazione l’Arancino crosta al nero di seppia con melanzana affumicata e mozzarella di bufala di Alessandro Ingiulla, giovanissimo chef stellato, prima stella Michelin di Catania con il ristorante Sapio. A seguire Chicchirichì fa l’arancino, farcito con pollo al barbecue e patate di Salvatore Vicari (Ristorante Vicari di Noto) che ha voluto rievocare i sapori della sua infanzia riproponendo il tradizionale pollo arrosto. La chef stellata Cristina Bowerman, unica presenza femminile di questa edizione, ha scelto l’Arancino Roma-Catania (uniti dall’amore per bottarga, colatura e alici). Giuseppe Raciti (titolare di Zash country boutique hotel) ha un debole per la pasta alla carbonara. E non ne fa mistero. Per questo motivo agli ospiti di Masseria Carminello ha proposto l’Arancino alla carbonara di tartufo. Giuliano Baldessari, anche lui chef stellato (ristorante Aqua Crua di Vicenza) e giudice del famoso programma televisivo Top Chef, ha spiazzato tutti scegliendo di non preparare un arancino ma un panettone tra i cui ingredienti spicca la rugiada della notte di San Giovanni che, confessa, raccoglie personalmente ogni anno, il 23 giugno. I piatti sono stati accompagnati dai vini commentati dalla sommelier Maria Grazia Barbagallo, delegata Ais per la provincia di Catania e responsabile della didattica Ais per la Sicilia.  Sono arrivati in tavola uno spumante Nero Luce (Cantine Principi di Butera), un bianco del 2018 Azisa (Zisola), un rosato del 2018 Etna (Terra Costantino), un rosso 2016 Cerasuolo (Valle delle Ferle), un rosso 2014 Alicante (Tenuta Incarrozza). Ha chiuso l’amaro Mennula. Ospite della serata la pittrice romana Laura Calafiore, unica rappresentante italiana di fast painting....

Leggi tutto
Catania. Francesco Grippaldi è il nuovo presidente di Confartigianato Catania
Set05

Catania. Francesco Grippaldi è il nuovo presidente di Confartigianato Catania

Francesco Grippaldi, 60 anni di Acireale, è il nuovo presidente provinciale di Confartigianato Catania. È stato eletto nella nuova sede dell’associazione, di via Umberto 288. A Grippaldi, titolare di un’impresa di costruzioni, già vice presidente provinciale di Confartigianato Catania, nonché presidente provinciale degli edili e regionale Anaepa, tocca adesso il compito di guidare un’associazione nuova e innovativa, pronta a dare un nuovo slancio agli artigiani della provincia etnea. La nomina del nuovo presidente, arriva in un momento di rinnovamento per Confartigianato Imprese Catania sempre più attenta ai propri associati. A partire anche dalla nuova sede, quella di via Umberto 288, pensata per offrire un ambiente più confortevole alle imprese. Un pacchetto di servizi consistente, all’avanguardia con le richieste del mercato e al passo con tutte le novità normative. La squadra di Confartigianato Catania di supporto agli artigiani anche per tutte le procedure burocratiche quotidiane. “Vogliamo essere un punto di riferimento sempre più forte per i nostri associati di Confartigianato Catania ma anche per gli artigiani tutti della provincia catanese – dice il nuovo presidente Grippaldi –. Il mio impegno sarà massimo sin da subito per cercare di stare al fianco degli artigiani che da troppi anni soffrono la crisi economica del Paese, così come testimoniano i dati negativi in particolar modo, ad esempio, nel settore delle Costruzioni. Mi batterò in prima persona per favorire l’accesso al credito, con i finanziamenti attraverso Federfidi”. L’associazione catanese infatti, si occupa anche di consulenza finalizzata all’avvio d una nuova attività d’impresa, firme  digitali, Pec. Di particolare importanza, l’opportunità di risparmiare su luce e gas aderendo al consorzio Cenpi, ottenendo i prezzi dell’energia migliori sul mercato risparmiando almeno il 20% Presso la nuova sede c’è anche la possibilità di usufruire dei servizi del Caf (Pratiche Red, Cud, Isee, 730, Unico).  O ancora assistenza fiscale-tributaria e in materia di lavoro, assistenza previdenziale e patronato Inapa, consulenza in materia di artigianato e commercio consulenza amministrativa, licenze e contratti. “C’è poi il capitolo convenzioni – aggiunge il presidente –. Tecnologie, carburanti, energia. E ancora innovazione, mobilità, turismo. Sono solo alcuni dei settori nei quali Confartigianato viene incontro ai propri associati grazie proprio ad appositi accordi  stipulati con diversi partner a livello nazionale. Studiamo ogni singola possibilità, ogni situazione per offrire opportunità esclusive e vantaggi diretti sotto forma di riduzioni di prezzo, facilitazioni all’utilizzo e quindi risparmi di tempo, e individuazione delle migliori soluzioni tra quelle presenti sul mercato” “Il nostro staff – spiega Francesco Grippaldi – è a disposizione di tutte le imprese del territorio per accompagnarle nel quotidiano, dall’avvio alla crescita, dai finanziamenti al patronato. Organizziamo corsi di formazione e assistenza fiscale. Vogliamo far sì che...

Leggi tutto
Torna Chicchi, riso e uva di Sicilia: ai fornelli 5 straordinari chef
Set02

Torna Chicchi, riso e uva di Sicilia: ai fornelli 5 straordinari chef

La nuova edizione di Chicchi, riso e uva di Sicilia si aprirà con un piatto particolarmente significativo, un entrée che porta in sé un messaggio ben preciso: “No a razzismo e odio sociale. Sì a pace, condivisione e integrazione”. La manifestazione enogastronomica, ideata e organizzata da Antonio Rosano e Giovanni Samperi, è in programma domenica 8 settembre 2019 alle ore 20,30 a Masseria Carminello, in via Carminello 21, Valverde (Ct) e vedrà ai fornelli cinque straordinari chef: Giuliano Baldessari (stella Michelin al ristorante Aqua Crua di Barbarano Vicentino), Cristina Bowerman (stella Michelin al Glass Hostaria di Roma), Alessandro Ingiulla (stella Michelin al Sapio Restaurant di Catania), Giuseppe Raciti (chef di Zash Country Boutique hotel di Archi Riposto) e Salvatore Vicari (chef del Ristorante Vicari di Noto). Ad accogliere i clienti sarà, invece, l’arancino nero chiamato per l’occasione Punti di vista, preparato a quattro mani dagli chef di Masseria Carminello, Samuel Paternò e Rosario Terranova, che propongono, in versione gourmet, il piatto forte del locale di Valverde, la caponata nera. “Sentiamo il bisogno, in questo momento storico e sociale così delicato, di lanciare un messaggio positivo – spiegano Antonio Rosano e Giovanni Samperi – Questo arancino nero vuole proprio essere un simbolo di pace e un invito alla condivisione e all’integrazione. Lanciare un messaggio attraverso il cibo per noi è particolarmente importante. La cucina siciliana deriva infatti da varie culture, ha tratto nei secoli spunti da varie nazionalità e proprio per questo rappresenta il modo migliore per unire la gente”. L’edizione 2019 di Chicchi, riso e uva di Sicilia sarà presentata da Valentina Grippaldi e dal giornalista Antonio Iacona, direttore di Enonews.it, e avrà il sostegno dell’associazione Ais (Associazione italiana sommelier). I cinque chef proporranno una versione personale e creativa dell’arancino: Giuliano Baldessari preparerà la Levitata. Gli ingredienti? Leggerezza, colore e la rugiada della notte di San Giovanni.  Cristina Bowerman ha scelto l’Arancino Roma-Catania (uniti dall’amore per bottarga, colatura e alici); Alessandro Ingiulla preparerà l’Arancino crosta al nero di seppia con melanzana affumicata e mozzarella di bufala; Giuseppe Raciti ha optato per l’Arancino alla carbonara di tartufo, infine Salvatore Vicari presenterà Chicchirichì fa l’arancino, farcito con pollo al barbecue e patate. I piatti saranno accompagnati dai vini commentati dalla sommelier Maria Grazia Barbagallo, delegata Ais per la provincia di Catania e responsabile della didattica Ais per la Sicilia.   I cinque chef: Giuliano Baldessari La sua città è Roncegno Terme, circondata da alberghi e ristoranti. È lì che nasce la passione di Giuliano per la cucina e per l’ospitalità. Dopo gli studi al Macrosettore Alberghiero del centro di formazione di Levico Terme, inizia a lavorare in varie strutture alberghiere per...

Leggi tutto
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com