Catania. Agrumi, “Social farming”: venerdì 27 a Belpasso seminario informativo
Apr19

Catania. Agrumi, “Social farming”: venerdì 27 a Belpasso seminario informativo

Venerdì 27 aprile, dalle ore 9,30 alle ore 13,30, nell’Azienda Agrituristica Tenuta Giarretta, in Contrada Orfanelli – Barca dei Monaci snc, nel territorio di Belpasso (CT), si terrà il seminario formativo “Agricoltura Sociale e tecniche di Inclusione Sociale – Ambiti e opportunità di sviluppo dell’agricoltura sociale in Sicilia”. Il seminario, gratuito, è organizzato nell’ambito del Progetto “Social Farming. Agricoltura Sociale per la Filiera Agrumicola Siciliana 2.0”,realizzato dal Distretto Agrumi di Sicilia in collaborazione con Alta Scuola Arces con il contributo non condizionato di The Coca-Cola Foundation. Ad approfondire i temi dell’agricoltura sociale e delle tecniche di inclusione sociale interverranno: Salvatore Cacciola, sociologo e presidente Rete Fattorie Sociali Sicilia; Ivana Calabrese, agronomo e  presidente dell’Associazione Aurora Onlus di Palermo. Porteranno la loro testimonianza Claudia Cardillo, educatore professionale e presidente della cooperativa sociale Energ-etica di Catania; Angelo Villari,imprenditore turistico della Fattoria Sociale Villarè di Messina;Francesco Ancona, agronomo e rappresentante di Agrinova bio2000 di Acireale; Ivan Pinieri, rappresentante dell’Agri Resort Tenuta Giarretta di Belpasso/Motta S. Anastasia (CT); Gianni Samperi della Fattoria Fossa dell’Acqua di Acireale. «Non è un caso che nell’ambito del progetto Social Farming si tenga un seminario sull’inclusione sociale – spiega Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi di Sicilia -. L’obiettivo del progetto è infatti quello di favorire l’inclusione di categorie svantaggiate nel mercato del lavoro nella filiera agrumicola, sia attraverso corsi di formazione sia attraverso seminari formativi. Questi ultimi, aperti anche a tecnici e operatori della filiera, rappresentano un momento importante di confronto e di scambio di informazioni ed esperienze, ponendo l’attenzione su alcune tematiche cruciali per lo sviluppo del comparto agrumicolo in un’ottica sostenibile e inclusiva che può generare sviluppo per tutto il territorio». Per partecipare al seminario, rivolto prioritariamente a giovani, donne, soggetti svantaggiati, migranti, tecnici e imprenditori operanti nella filiera agrumicola siciliana, basta registrarsi sul sito web socialfarming.distrettoagrumidisicilia.it. Una volta registrati, i partecipanti potranno seguire i lavori anche via streaming. Grazie alla convenzione con la Federazione Regionale degli Ordini dei Dottori Agronomi e Forestali della Sicilia, la partecipazione in presenza al Seminario da parte dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali da diritto ai crediti formativi professionali (0,5 CFP attività formativa...

Leggi tutto
“Io resto al Sud”, a Catania hanno già aderito 50 micro imprese
Apr16

“Io resto al Sud”, a Catania hanno già aderito 50 micro imprese

Cinquanta micro aziende catanesi hanno aderito all’iniziativa ‘Resto al Sud’ il progetto destinato ai giovani che vogliono fare impresa, istituito con il Decreto Legge ‘Mezzogiorno’. Parte dal capoluogo etneo il road show sull’iniziativa a sostegno della nascita di nuove imprese avviate da giovani nelle regioni del Mezzogiorno, con fondi che possono coprire fino al 100% dell’investimento. L’obiettivo e’ quello di avviare iniziative imprenditoriali per la produzione di beni nei settori industria, artigianato, trasformazione di prodotti agricoli, pesca e acquacoltura, fornire servizi alle imprese e alle persone, investire sul turismo. Sono 97 gli enti accreditati da Invitalia e 206 le banche per offrire assistenza ai giovani meridionali. L’iniziativa e’ stata presentata dal sindaco Enzo Bianco e dall’ad di Invitalia Domenico Arcuri. “Negli ultimi anni le imprese sono tornate ad investire a Catania – ha detto il sindaco Enzo Bianco – c’e’ la St Microelectronics che e’ tornata ad assumere e a investire 280 milioni di euro. La stessa cosa sta facendo Enel con 3Sun con un altro investimento da 80 milioni di euro. A tutto questo si aggiungono gli investimenti pubblici per creare infrastrutture e aiutarci a sviluppare attivita’ imprenditoriali. Ho creduto molto in ‘Resto al Sud’ che significa aiutare i ragazzi siciliani e del Sud in generale a diventare imprenditori. Un aiuto concreto che da’ la possibilita’ di avere l’80% di quello che loro investono. Abbiamo creato uno sportello e’ una task force che cinque giorni alla settimana e’ pronta a ricevere le domande con il supporto di Invitalia. Gia’ 50 micro imprese catanesi sono state valutate assai positivamente”. Per l’ad di Invitalia Domenico Arcuri: “Resto al Sud e’ un’opportunita’ concreta per inventarsi un lavoro come oggi e’ sempre piu’ necessario fare, per inventarselo vicino casa propria senza dovere dare retta alle chimere o doversi spostare ed essere costretti a prendere un treno per andare via. C’e’ una dotazione finanziaria importante: nei primi tre mesi ci sono gia’ 7.600 proposte e sono gia’ nate 240 imprese e ogni giorno un giovane meridionale o un gruppo di giovani meridionali vede realizzato il sogno di fare impresa nella propria terra”. Possono presentare domanda i candidati dai 18 ai 35 anni residenti (o che si stanno per trasferire) in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia. Altro requisito richiesto e’ quello di non essere titolari di attivita’ di impresa in esercizio, ne’ beneficiari nell’ultimo triennio di misure a favore dell’autoimprenditorialita’. Sono ammesse ai finanziamenti sia le imprese individuali che le societa’ (anche in forma cooperativa), mentre sono esclusi i liberi professionisti e le attivita’ commerciali. La misura ‘Resto al Sud’ conta su uno uno stanziamento di fondi di oltre 1,12 miliardi...

Leggi tutto
Palermo. Al Teatro Massimo dal 13 aprile “I puritani” di Bellini
Apr12

Palermo. Al Teatro Massimo dal 13 aprile “I puritani” di Bellini

Debuttano il 13 aprile alle 20.30 al Teatro Massimo I puritani di Vincenzo Bellini. Repliche fino al 19 aprile sotto la  direzione di Jader Bignamini, direttore residente dell’Orchestra Verdi di Milano, e nell’allestimento con regia, scene e costumi firmati da Pierluigi Pier’Alli, regia ripresa da Alberto Cavallotti. In occasione della prima del 13 aprile la protagonista Elvira sarà interpretata dalla palermitana Laura Giordano, che a giugno sarà di nuovo sul palcoscenico del Teatro Massimo per L’elisir d’amore di Donizetti, ruolo che a breve canterà anche a Macao; tra i suoi prossimi impegni Oscar in Un ballo in maschera a Parma e a Firenze . Il difficilissimo ruolo del perseguitato Arturo, uno dei più impor tanti banchi di prova per i tenori, sarà affidato allo spagnolo Celso Albelo, acclamato protagonista del repertorio belcantistico nei teatri più importanti, che al Teatro Massimo ha già cantato L’elisir d’amore e La fille du régiment. Lo sfortunato innamorato Riccardo sarà il baritono coreano Julian Kim mentre il basso Nicola Ulivieri canterà nel ruolo di Giorgio Walton. Con loro Anna Pennisi (Enrichetta), Roberto Lorenzi (Gualtiero Walton) e Antonello Ceron (Bruno). I puritani sono l’ultima opera di Bellini, composta a Parigi su libretto dell’esule Carlo Pepoli e rappresentata con grande successo al Théâtre Royal Italien di Parigi il 24 gennaio 1835. Pochi mesi dopo, il 23 settembre, Bellini moriva a Puteaux presso Parigi; il 26 dicembre 1835 I puritani debuttavano in Italia, eseguiti contemporaneamente al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro Ducale di Parma e al Teatro Carolino di...

Leggi tutto
Catania. Abbetnea, è Rita Monforte il nuovo presidente
Apr12

Catania. Abbetnea, è Rita Monforte il nuovo presidente

Cambio al vertice di Abbetnea. Alla guida dell’associazione di categoria dei B&B, affittacamere e case vacanza legata a Confcommercio Catania  arriva Rita Monforte. Il presidente uscente e fondatore dell’associazione, Franz Cannizzo, passa il testimone a una valida imprenditrice del settore con attività ricettive avviate sin dal 2004. Abbetnea nasce nel 2000, tra le prime associazioni a riunire le attività ricettive extralberghiere, e diventa subito una delle prime associazioni imprenditoriali in Italia insieme al Trentino Alto Adige che mette insieme un mondo che ha rivoluzionato il modo di fare ricezione nel nostro territorio, che fino agli anni 80 era monopolio di pochi alberghi. Un nuovo modo di accogliere che ha permesso, da quel momento ad oggi, di far crescere nella provincia etnea  il turismo leisure, formato cioè da quei vacanzieri che trascorrono con svaghi le loro vacanze, all’insegna del tempo libero. “La nostra associazione di categoria – spiega Franz Cannizzo – ha dato un grosso contributo affinchè il turismo potesse svilupparsi nella Sicilia orientale, e Catania è stata un riferimento per tutte le attività extralberghiere che sono nate sul territorio. Io ho lasciato la presidenza provinciale da qualche mese con un disegno ben preciso: per far crescere l’associazione provinciale al timone è arrivata Rita Monforte, imprenditrice con grande esperienza, molto motivata e pronta a dare il suo contributo in continuità con la linea professionale che Abbetnea ha seguito fino ad ora, cioè puntare sempre alla qualità. E inoltre – conclude Cannizzo – dobbiamo puntare anche alla crescita di questa associazione a livello regionale e costruire il brand Sicilia”. La qualità, quindi, al primo posto. Caratteristica fondamentale per sostenere la concorrenza e sviluppare un turismo di alto profilo. Come conferma anche la nuova presidente di Abbetnea Confcommercio. “Il primo obiettivo che voglio condividere con gli associati – dice Rita Monforte – è colmare quel vuoto  formativo che ancora si riscontra in chi intraprende questa bellissima attività, che richiede però una preparazione precisa. Abbiamo creato un calendario di seminari e corsi di aggiornamento, rivolti agli associati e a chi vuole iniziare l’attività, perché dobbiamo offrire al cliente un’ospitalità di qualità. La sfida è proprio quella di essere competitivi in un settore dove la concorrenza è agguerrita. Proprio perché non è necessario alcun titolo per avviare un B&B dobbiamo puntare a formare l’operatore dal punto di vista fiscale, commerciale, gastronomico; non basta aprire le porte di una bella struttura ma devi sapere come entrare nei circuiti per la promozione, devi saper gestire le prenotazioni, offrire una colazione con prodotti di stagione, locali e di qualità. Essere in regola con le normative, conoscere le lingue. Ecco, essere professionali a 360 gradi, anche perché adesso...

Leggi tutto
Catania. Unicredit, incontro sulla filiera dell’innovazione
Mar15

Catania. Unicredit, incontro sulla filiera dell’innovazione

Consolidare il trend di crescita delle startup e Pmi innovative mettendo a fattore comune tutte le numerose professionalita’ e competenze che il Territorio siciliano offre. Con questo obiettivo avra’ luogo domani, presso il Museo della Rappresentazione, in via Etnea 741, a Catania, un incontro dedicato a startupper e aziende con progetti innovativi organizzato da UniCredit. L’incontro, il cui inizio dei lavori e’ previsto per le 10, verra’ introdotto dai saluti di Maria Teresa Galizia, responsabile del Museo della Rappresentazione, e di Salvatore Malandrino, Regional Manager Sicilia di UniCredit, e sara’ l’occasione per presentare alla platea di innovatori la competition a loro dedicata, UniCredit Start Lab. Il programma prevede poi gli interventi di Elita Schillaci, Presidente Sicilian Venture Philanthropy Foundation, Giusy Stanziola di UniCredit, Elisa Flazio, Founder & CEO Flazio, Enrico Mercadante, Responsabile per l’innovazione, le Architetture e la Digital Transformation Cisco Italia, Francesco Rizzo, Vice Presidente Digital Innovation Hub Sicilia, Carmelo Papa, AD e Direttore Generale STMicroelectronics, Roberto Del Giudice, Responsabile Comunicazione Investor Relations e CSR di Fondo Italiano d’Investimento SGR e Anna Amati, Vice Presidente META Group. Moderera’ i lavori Roberto Cassata, Responsabile Territorial Relations Sicilia di UniCredit. Al termine della mattina e’ prevista una sessione di domande e risposte con i relatori. Nel corso dell’incontro verranno forniti dettagli sui contenuti del programma di accelerazione della Banca....

Leggi tutto
Catania. Il 16 marzo presentazione di Unicredit Start Lab
Mar13

Catania. Il 16 marzo presentazione di Unicredit Start Lab

Consolidare il trend di crescita delle startup e PMI innovative mettendo a fattor comune tutte le numerose professionalità e competenze che il Territorio siciliano offre. Con quest’obiettivo avrà luogo venerdì’ 16 marzo a Catania presso il Museo della Rappresentazione (via Etnea, 741) l’evento dedicato a startupper e aziende con progetti innovativi organizzato da UniCredit. L’incontro, il cui inizio dei lavori è prevista per le ore 10, verrà introdotto dai saluti di Maria Teresa Galizia, Responsabile del Museo della Rappresentazione, e di Salvatore Malandrino, Regional Manager Sicilia di UniCredit,  e sarà l’occasione per presentare alla platea di innovatori la competition a loro dedicata, UniCredit Start Lab. Il programma prevede poi gli interventi di Elita Schillaci, Presidente Sicilian Venture Philanthropy Foundation, Giusy Stanziola di UniCredit, Elisa Fazio, Founder & CEO Flazio, Nino Lo Iacono, Founder & CEO WIB, Enrico Mercadante, Responsabile per l’innovazione, le Architetture e la Digital Transformation Cisco Italia, Francesco Rizzo, Vice Presidente Digital Innovation Hub Sicilia, Roberto Del Giudice, Responsabile Comunicazione Investor Relations e CSR di Fondo Italiano d’Investimento SGR e Anna Amati, Vice Presidente META Group. Al termine della mattina è prevista una sessione di domande e risposte con i relatori. Nel corso dell’incontro verranno forniti dettagli sui contenuti del programma di accelerazione della Banca....

Leggi tutto
Seatrade Cruise Global, tanti contatti per l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale
Mar12

Seatrade Cruise Global, tanti contatti per l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale

Si è conclusa venerdì scorso a Fort Lauderdale la 34esima edizione del Seatrade Cruise Global, la più importante fiera della crocieristica mondiale. Bilancio assolutamente positivo per l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale. “Mi ritengo molto soddisfatto dei risultati degli incontri avuti con gli armatori” afferma il Presidente Andrea Annunziata, “Catania e la Sicilia Orientale continuano a riscontrare interesse come destinazione crocieristica. Il positivo trend di crescita del 2018 è confermato in aumento anche per il 2019 e si sta già lavorando per il 2020.” La fiera rappresenta sempre un’ottima occasione non solo per incontrare tutti gli armatori e gli operatori di settore, ma anche per raccogliere dati interessanti per potere lavorare sempre al meglio e in linea con il mercato. In questo contesto la Cemar Agency Network di Genova ha diffuso le previsioni sul traffico crocieristico 2018, secondo le quali il traffico crocieristico nei porti italiani crescerà del 7,3% riallineandosi finalmente al trend internazionale che vede il settore in costante crescita. Riguardo al trend di crescita dei porti italiani il Presidente Annunziata commenta dicendo “Non bisogna pensare che l’aumento del traffico sia un processo automatico, per ottenerlo i porti devono essere in grado di organizzare, assieme al territorio, un’accoglienza pari a quella che i crocieristi trovano a bordo delle navi e noi a Catania stiamo lavorando anche per questo”. Durante gli incontri con gli armatori e gli operatori di settore, il Presidente Annunziata ha comunicato ufficialmente la notizia di un profondo restyling del terminal crociere di Catania. “Gli armatori hanno accolto con grande interesse la notizia” afferma Annunziata “in attesa del concorso di idee internazionali per la costruzione di un nuovo terminal che sarà di grande appeal, sia da un punto di vista estetico che funzionale, per le compagnie che scalano il porto di Catania. Tutto questo inserito in un contesto di incremento del legame porto-città che prevede anche la creazione di pontili attrezzati per mega yacht ed una club house che offra i migliori confort agli armatori ed ai...

Leggi tutto
Catania. TerSicula dona 13.000 euro per il restauro del Santuario di Valverde
Mar12

Catania. TerSicula dona 13.000 euro per il restauro del Santuario di Valverde

L’associazione culturale TerSicula ha donato al Santuario di Valverde, affidato alla cura pastorale dei Padri Agostiniani Scalzi e gestito da tre giovani sacerdoti brasiliani: Nei Simon, Gelson Dos Santos Lazarin e Leandro Xavier Rodrigues, 13.000 euro, frutto del fundraising avviato nei mesi scorsi. I primi 8.000 euro sono stati raccolti grazie al sostegno di imprenditori locali sollecitati dall’associazione valverdese, mentre 5.000 euro arrivano dalla Cena Pro Santuario organizzata lo scorso 9 marzo alla Masseria Carminello di Valverde (Ct). Continua invece la raccolta fondi avviata al parco commerciale Centro Sicilia di Misterbianco che fino ad agosto ospiterà le teche in galleria dove poter donare anche solo pochi centesimi per contribuire al restauro dell’edificio religioso danneggiato dal cedimento del terreno sottostante.   “Siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto- spiega Lucia Tuccitto, responsabile culturale e promotrice del progetto di TerSicula – Abbiamo lavorato sodo e creduto nella generosità di quanti ci hanno fatto sentire il loro sostegno. La nostra associazione ha voluto contribuire alla raccolta fondi Un pilastro per Maria perché crediamo nell’importanza del Santuario come centro nevralgico del paese, come meta di importanti pellegrinaggi e gioiello architettonico di grande valore. Il nostro grazie va agli sponsor tecnici  Snack Eventi, Cantine di Nessuno e Psv che hanno dato un prezioso contributo per la buona riuscita della serata del 9 marzo e ancora a Kia, Salus, associazione I poveri cavalieri di Cristo, Engq. Il nostro grazie va anche ai moltissimi volti noti della tv, del cinema, del teatro, dello sport, della cultura, dell’imprenditoria, del giornalismo che hanno prestato la loro professionalità per una nobile causa”. Soddisfatti anche i titolari di Masseria Carminello, Antonio Rosano e Giovanni Samperi, che affermano: “Ci rende orgogliosi aver potuto dare il nostro sostegno alla raccolta fondi per il restauro del Santuario”.  ...

Leggi tutto
Catania. Banca Base, domani il cda incontrerà azionisti e clienti
Mar09

Catania. Banca Base, domani il cda incontrerà azionisti e clienti

“È  arrivato il momento di fare chiarezza, perché la vicenda legata all’attività di Banca Base, attualmente in amministrazione straordinaria, è ostaggio di confusione e inesattezze.” È quanto affermano i membri del Cda dismesso di Banca Base, che domani mattina, sabato 10 marzo, alle 10, all’hotel 4 Spa di Aci Castello, incontreranno azionisti, correntisti e  depositanti. “Consapevoli della complessità della situazione attuale – sottolineano –  sentiamo il dovere di dire la nostra e fare chiarezza. Abbiamo a cuore coloro i quali, in questi anni, ci hanno accordato la propria...

Leggi tutto
Giornalisti: Portavoce sindaco Catania, Odg “Gratuità è inaccettabile”
Mar08

Giornalisti: Portavoce sindaco Catania, Odg “Gratuità è inaccettabile”

“Neppure due mesi fa, parlando all’Assemblea provinciale dell’Assostampa di Catania, aveva detto, nella sua qualita’ di presidente del Consiglio nazionale dell’Associazione dei comuni italiani (Anci), di volere rilanciare gli uffici stampa nelle pubbliche amministrazioni, dicendosi disponibile a stabilire forme di collaborazione che possano consentire, non soltanto in Sicilia, ma su tutto il territorio nazionale, di rendere piu’ semplice l’applicazione della Legge 150, che nel 2018 compie diciotto anni. Ora il sindaco metropolitano di Catania Enzo Bianco festeggia quella legge diventata maggiorenne e di cui si invoca da troppo tempo la piena applicazione che consentirebbe importanti sbocchi occupazionali, affidando l’incarico di portavoce a un giornalista professionista, ma a titolo gratuito. Una decisione inaccettabile, che amareggia e che offende un’intera categoria”. Lo dice l’Ordine dei giornalisti di Sicilia in una nota con cui si critica fortemente il decreto del sindaco metropolitano di Catania firmato da pochi giorni, invitandolo a revocare il provvedimento. “Sa di beffa, in quel documento, il richiamo – continua la nota – all’articolo 7 della legge 150 – che definendo i compiti del portavoce, in questo caso non retribuito, evidenzia anche come non puo’, per tutta la durata del relativo incarico, esercitare attivita’ nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche. Un mistero, quindi, come riuscira’ il collega a sostenersi economicamente. Si omette pero’ il punto 2 dello stesso articolo, dove si legge che al portavoce e’ attribuita una indennita’ determinata dall’organo di vertice nei limiti delle risorse disponibili appositamente iscritte in bilancio”. L’Odg Sicilia sottolinea che “nonostante i tanti impegni, la legge 150, spesso ignorata, continua a essere calpestata o piegata dalle pubbliche amministrazioni alle proprie esigenze”. “Non e’ previsto da nessuna parte l’impiego di giornalisti gratuitamente, lo vietano espressamente anche le linee guida per i bandi degli uffici stampa dei comuni elaborato da Ordine e Anci, lo vieta l’articolo 36 della Costituzione. Ed e’ sorprendente questa forzatura ad opera del sindaco di una grande citta’ metropolitana come Catania, che essendo anche presidente del Consiglio nazionale dell’Associazione dei comuni italiani, dovrebbe dare il buon esempio, impegnarsi, come ha promesso di fare, a dare piu’ spazio negli enti locali, nel nome della trasparenza, agli uffici stampa e quindi ai giornalisti. Ma farlo a titolo gratuito e’ inaccettabile. La decisione di Bianco e’ un precedente che puo’ determinare effetti negativi a catena in altri comuni che potrebbero sentirsi autorizzati a fare la stessa cosa, significa dare un ulteriore schiaffo a una categoria gia’ messa a dura prova da sfruttamento, precarieta’, lavoro sottopagato”....

Leggi tutto
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com