Catania. Dal 4 luglio in libreria “Jasmine fuma la pipa” di Agnese Virgillito
Lug03

Catania. Dal 4 luglio in libreria “Jasmine fuma la pipa” di Agnese Virgillito

Esce il prossimo 4 luglio “Jasmine fuma la pipa” il nuovo libro della giornalista Mediaset Agnese Virgillito, pubblicato da Euno Edizioni per la collana Siké.  La prima presentazione è in programma sabato 13 luglio alle ore 19 all’Hotel Sheraton di via Antonello da Messina 45, Aci Castello (Ct). Insieme all’autrice saranno presenti Lucia Bucolo, caporedattore Mediaset, Antonello Piraneo, direttore responsabile La Sicilia. Coordina Alessandra Bonaccorsi, direttrice Sicilaedonna.it. “Jasmine fuma la pipa” è un noir mediterraneo che si ispira al romanzo realista italiano e che nasce con l’intento di raccontare i profondi contrasti tra la bellezza dei luoghi e la malvagità dei misfatti. Siamo in Sicilia, terra di miti e tradizioni, scenario di criminali ed eroi, dove i profumi mediterranei spesso si mescolano all’odore acre del sangue di Cosa Nostra e dei delitti rimasti impuniti. Il libro racconta la vita di Jasmine, segnata dall’assassinio dei suoi genitori, vittime di un attentato senza colpevoli: il papà, magistrato antimafia palermitano, e la mamma che raccoglie confidenze e segreti del marito. E allora che cosa spinge una figlia ad indagare sulla misteriosa morte di padre e madre? La ricerca costante della verità. Jasmine, dotata di acume e spirito d’osservazione, diventa giornalista investigativa e si trasferisce a Roma. Come una moderna Sherlock Holmes (il detective più famoso della letteratura), di cui è accanita lettrice, anche Jasmine fuma la pipa per concentrarsi sulle sue indagini, aiutata e sostenuta dai consigli del prof. Antonio Bloom, noto criminologo conteso nei principali canali televisivi nazionali. Nella sua vita, due uomini, due amori diversi che la segneranno. In “Jasmine fuma la pipa” la vita sembra trascorrere velocemente, in un racconto con flashback, dove persone e luoghi custodiscono segreti. Passato, presente e futuro si fondono tra ricordi, ambizioni e desideri. Agnese Virgillito,  giornalista professionista; inviata di Mediaset. Esperta di cold case. Già autrice del noir “L’alone della luna. Cronaca di una lucida follia”. Per questa pubblicazione, il comune di Aci Castello nel 2013 le ha assegnato il riconoscimento che ha preso lo stesso nome dell’opera letteraria: “L’alone della luna”. Ha ricevuto, inoltre, a Catania (nel 2014) il premio letterario per la sezione giornalismo “Tito Mascali”, e a Paternò (nel 2018) il premio alla cultura “Einaudi. Torre d’argento”....

Leggi tutto
Palermo. Sanità: Vizzi è il nuovo direttore sanitario della Fondazione Giglio
Lug03

Palermo. Sanità: Vizzi è il nuovo direttore sanitario della Fondazione Giglio

Salvatore Vizzi, 62 anni, è il nuovo direttore sanitario della Fondazione Istituto Giglio di Cefalù.  E’ stato presentato quest’oggi dal presidente della Fondazione Giglio, Giovanni Albano, alla presenza dei consiglieri di amministrazione Salvatore Curcio e Domenico Porretta, e del direttore amministrativo Gianluca Galati. “Alla guida della direzione sanitaria – ha detto Albano – abbiamo chiamato una persona di esperienza e competenza con un lungo percorso di dirigente dell’Asp territoriale”. Vizzi, laureto in medicina e chirurgia con specializzazione in medicina interna, arriva dalla direzione del distretto sanitario 36 di Misilmeri dell’Asp 6 di Palermo. Ha anche diretto il distretto sanitario di Corleone. La sua carriera ha preso il via a Cefalù, nel 1990, nell’ex Usl 49 come assistente medico nell’organizzazione dei servizi sanitari di base. “Per me che arrivo dalla gestione di strutture pubbliche – ha sottolineato il neo direttore sanitario – la Fondazione Giglio rappresenta una sfida dal punto di vista professionale. Ho colto dalle parole del presidente l’entusiasmo che si respira in questa struttura. L’obiettivo – ha aggiunto – sarà il miglioramento continuo della qualità sanitaria impiegando le risorse per fare eccellenza e per traguardi prestigiosi”. Il presidente Albano ha ringraziato Salvatore Putiri che da vice direttore sanitario ha guidato l’area sanitaria dell’azienda e che in continuità proseguirà il suo impegno con il neo direttore Vizzi. Il Consigliere di amministrazione Porretta ha invece sottolineato “l’impegno che il Cda si è posto nel raggiungere gli obiettivi avendo come stella cometa, nell’azione quotidiana, la salute del paziente”. “Negli obiettivi  della Fondazione – ha concluso il presidente Albano – il miglioramento tecnologico, su cui sono in corso numerosi investimenti e il reclutamento di nuove professionalità che porteranno ad una maggiore competitività e attrattività dell’ospedale nel contesto regionale e non solo”. Il presidente ha, infine anticipato, l’inizio dei lavori nell’area di emergenza dove sarà ubicata una nuova...

Leggi tutto
Enna. Opportunità business a Singapore, seminario alla Cciia
Lug03

Enna. Opportunità business a Singapore, seminario alla Cciia

Singapore: Nuove Opportunita’ di Business per le Imprese Siciliane nella Citta’-Stato Asiatica, è questo il tema del seminario in programma domani alle 9.00 alla Camera di Commercio di Palermo e Enna. Tutti i numeri e i settori in cui è possibile alimentare un circuito di business saranno analizzati nel corso dell’incontro, organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana a Singapore e la societa’ di consulenza Hawksford. Singapore ha una popolazione di circa 5.6 milioni abitanti e si trova in una posizione strategica all’ interno dell’area ASEAN che conta 650 milioni di abitanti di età media inferiore ai 35 anni. La citta’-Stato  è riuscita in poco più di 50 anni a passare da un reddito pro-capite di 300 dollari a uno di 60mila, il terzo al mondo dopo Lussemburgo e Qatar. Secondo la World Bank Singapore rappresenta il secondo Paese al Mondo per facilita’ di fare business. Singapore e’ in grado di offrire garanzie senza pari nella regione (e non solo) in termini di stabilità del sistema normativo, trasparenza, efficenza fiscale e apertura all’attività di impresa Infrastrutture, lusso e medicale sono tra i settori che offrono maggiori potenzialità per le aziende italiane. Oltre a questi, il settore agroalimentare ha visto uno interessante sviluppo verso un’ economia come Singapore che importa il 90% del proprio fabbisogno. Da un punto di vista fiscale Singapore offre un sistema efficente e molto vantaggioso per imprese e individui. La tassazione societaria e’ pari al 17% mentre quella individuale va dallo 0% al 22% per redditi superiori a 200Mila Euro....

Leggi tutto
Palermo. Giovanni Rafti è il nuovo segretario Confartigianato Palermo
Lug02

Palermo. Giovanni Rafti è il nuovo segretario Confartigianato Palermo

Giovanni Rafti, 45 anni, palermitano, è il nuovo segretario di Confartigianato Palermo. Prende il posto di Marcello Vizzini, oggi in pensione. Dallo luglio dello scorso anno nominato vice segretario, oggi Rafti inizia ufficialmente il suo cammino da segretario in un’associazione dove ha fatto il suo ingresso ben 17 anni fa.Ha da sempre seguito le varie categorie artigiane, con una particolare attenzione verso le attività sindacali e la tutela delle imprese nei vari settori. Responsabile dello sportello di abilitazione Consip nell’ambito del mercato elettronico della Pubblica Amministrazione, ha sempre fornito un importante supporto nella fase di compilazione dei cataloghi elettronici e nella fase di abilitazione delle imprese artigiane. È stato vincitore, per la categoria “sportelli in rete” del Premio Mepa 2010, un  riconoscimento promosso dal ministero dell’Economia e delle Finanze e dal Consip. “Il mio obiettivo è, come d’altronde è sempre stato – dice il nuovo segretario Giovanni Rafti – quello di supportare le imprese nell’arco di tutta la loro vita, dall’avviamento alle varie tappe necessarie alla loro crescita. Il mio ruolo oggi ha sicuramente una sfaccettatura differente rispetto al passato, siamo nell’era dell’innovazione tecnologica, del mondo digitale ed è giusto che le nostre imprese vengano informate e supportate a dovere anche in questa nuova fase. Il mio impegno sarà massimo, sin da subito, anche su questo fronte”. “La nostra associazione da oggi ha un nuovo segretario – dice Giuseppe Pezzati, presidente provinciale di Confartigianato Palermo –. Le nostre imprese potranno contare su una figura giovane, dinamica, da sempre attenta alle esigenze dei nostri associati. Insieme alla giunta esecutiva, auguro a Giovanni Rafti, ormai da 17 anni con noi, un buon lavoro e un ottimo proseguimento della sua carriera”....

Leggi tutto
Palermo. Al via la campagna abbonamenti per la nuova stagione concertistica 2019 – 2020 del Brass Group
Lug02

Palermo. Al via la campagna abbonamenti per la nuova stagione concertistica 2019 – 2020 del Brass Group

Tanti  gioielli del mondo jazz da ascoltare e vivere per la nuova stagione concertistica del Brass. Chiuso il periodo di prelazione per i vecchi abbonati, da oggi (1 luglio n.d.r.) sarà possibile, per tutti gli amanti del genere dell’improvvisazione, abbonanarsi alla stagione della Fondazione the Brass Group per il  prossimo  programma concertistico 2019 e 2020. Novità assoluta, grazie ai bilanci in attivo da due anni, il Brass raddoppia i concerti in abbonamento: quest’anno sono previsti concerti, il venerdì ed il sabato, sempre con  doppio turno, uno alle ore 19.00 e l’altro alle ore 21.30. Tanti i nomi in cartellone come il batterista, Billy Cobham, icona del jazz in tutte le sue forme, che si esibirà per la prima volta  al Real Teatro Santa Cecilia con l’Orchestra Jazz Siciliana. Altri  nomi internazionali sono attesi nel cartellone della nuova stagione concertistica della Fondazione the Brass Group. Nome importante della scena internazionale, vincitore del Grammy Award nel 2014, Christian Tumalan,  così come i tanti artisti che faranno riecheggiare le musiche del novecento al Real Teatro Santa Cecilia in esclusiva europea. Una proposta artistica moderna ed attenta sia alla tradizione che ai nuovi suoni. Una carrelata di nomi, molti dei quali in concerto con l’Orchestra Jazz Siciliana, che sicuramente potranno soddisfare  il pubblico tutto. Tra i tanti,  oltre a  Billy Cobham, Ron Carter, Bianca Gismonti, Raul Midon, ed ancora Desirèe Rancatore, Trijntje Oosterhuis, Laila Biali, Gregory Privat ed altri ancora. Partendo dalla propria orchestra non ancora stabile, la Fondazione presenta annualmente una serie di appuntamenti spesso unici, che rendono l’intera stagione un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati. Sarà Christian Tumalan, vincitore del Grammy Award nel 2014 per il suo lavoro come co-leader della Pacific Mambo Orchestra, ed anch’egli si esibirà assieme all’Orchestra Jazz Siciliana diretta dal resident conductor Domenico Riina,  venerdì 8 novembre per poi doppiare sabato 9 sempre con doppio turno, ore 19.00 e 21.30. Una scelta importante quella del Brass che quest’anno ha voluto raddoppiare i concerti in programma nella stagione. A tal proposito interviene il direttore artistico del Brass Luca Luzzu “l’aumento delle repliche dei concerti deriva da uno specifico bisogno culturale a cui la Fondazione risponde con un calendario ricco di artisti internazionali, produzioni orchestrali e primi assolute. Un crescendo continuo nell’ambito del processo di rinnovamento che sta attraversando il Brass”.  Tra i vari artisti, anche uno dei protagonisti della storia del jazz Ron Carter che presenterà, in esclusiva nazionale, la propria performance esaltando l’eccellenza solistica  quale è come grande asso del contrabbasso. Non meno importanti saranno i due concerti d’orchestra che vedranno, come protagoniste originali, due cantanti. La prima, Desirèe Rancatore, che interpreterà, insieme a Carmen Avellone, il...

Leggi tutto
Enna. Convegno Federconsumatori su green economy
Lug02

Enna. Convegno Federconsumatori su green economy

Si è svolto questa mattina, nella Sala Convegni dell’Ospedale Umberto I di Enna, l’incontro organizzato dalla sezione ennese di Federconsumatori dal titolo “Il ruolo del Terzo Settore nella Green Economy“. Presenti all’incontro, oltre alla presidente di Federconsumatori Enna avv. Enza Maria Bartoli, anche il presidente regionale e quello nazionale dell’associazione, Alfio La Rosa ed Emilio Viafora. Hanno partecipato alla discussione il dott. Giuseppe Stella del Dipartimento Prevenzione e Salute dell’Asp di Enna, il dott. Daniele Parascino, direttore dell’ARPA di Enna, il dott. Massimo Primavera, direttore di Coldiretti Enna, il dott. Fabio Varelli, presidente dell’Ordine dei Dottori Agronomi di Enna, e il dott. Franz Scavuzzo, presidente del circolo Erei di Legambiente.   Al centro del convegno sono stati temi importanti per la difesa dell’ambiente: il trattamento dei rifiuti, l’agricoltura sostenibile, la limitazione dello sfruttamento delle risorse non rinnovabili e la promozione delle energie rinnovabili.   La posizione di Federconsumatori su tutti questi temi è chiara e netta: bisogna fare un passo indietro, ripensare l’economia basata sul consumo sfrenato delle risorse e promuovere l’economia circolare. Quell’economia, cioè, che non conosce rifiuti perché tutto nasce per essere riciclato a fine vita. Ma non solo: è necessario anche puntare sulla decarbonizzazione dell’energia per ridurre le conseguenze dei cambiamenti climatici e, infine, ripulire l’agricoltura dall’eccessivo uso della chimica.   “Il sistema lineare della nostra economia è in crisi – spiega la Bartoli – ma il lato positivo è che ci sono punti in cui si può intervenire. Deve nascere una nuova scuola di pensiero su sostenibilità e giustizia, chimica verde, energie rinnovabili riciclo ed economie locali“. Anche per questo Federconsumatori, insieme a Legambiente, Coldiretti e altre associazioni ha proposto uno stop all’uso del glifosato (un erbicida ormai riconosciuto come molto pericoloso per la salute umana e per l’ambiente) in agricoltura e sul verde pubblico.   “Convegni come questo di oggi ad Enna – spiega Alfio La Rosa – servono anche per fare il punto sulle varie posizioni in merito all’economia circolare e al rispetto dell’ambiente. Registriamo con piacere che Federconsumatori non è sola nel portare avanti queste battaglie“. Gli fa eco, infine, il presidente nazionale Emilio Viafora: “La nostra associazione nasce per difendere i consumatori, ma anche per promuovere stili di consumo più sani per l’ambiente, la salute e l’economia. Se cambieremo modo di consumare – conclude Viafora – raggiungeremo l’obbiettivo di avere un impatto sull’ambiente minore, una salute più forte ed una economia più giusta in cui i lavoratori non vengono...

Leggi tutto
Piano Battaglia, al via il “Mufara Fest” dal 30 giugno al 3 novembre
Giu27

Piano Battaglia, al via il “Mufara Fest” dal 30 giugno al 3 novembre

Entra nel vivo l’estate di Piano Battaglia. Dopo l’apertura della seggiovia già in funzione dal 25 maggio, domenica 30 giugno alle ore 15.30 prende il via la prima edizione del “Mùfara Fest”. Per chi ama vivere la montagna nei mesi estivi e godere dello splendido paesaggio delle Madonie iniziano le annunciate attività collaterali che animeranno la località montana di Piano Battaglia. Il “Mùfara Fest” si svolgerà a Piano Battaglia, nell’anfiteatro naturale “Massimo Accascina” proprio sul monte Mùfara. L’anfiteatro  si raggiungerà piacevolmente con la seggiovia biposto gestita dalla Piano Battaglia srl. Il “Mùfara Fest” sarà ricco di musica, parole, passeggiate, degustazioni, visite guidate, lezioni di Yoga, mountain bike ed escursioni. Un intenso programma pensato per offrire giornate di cultura e natura nel meraviglioso scenario del Parco delle Madonie. È la prima volta, nella storia della località, che viene organizzato un festival d’alta quota. Questa particolarità, più unica che rara, vuole mescolare arte, cultura e natura in un insieme veramente fuori dal comune, soprattutto per la Sicilia, abituata com’è ad essere vissuta soltanto come “luogo di mare”. Dopo il via di domenica 30 giugno il “Mùfara Fest” continuerà fino al  3 novembre, con la presenza di artisti come i Palermocoropop, Marco Pomar con il suo nuovo spettacolo “Pomaretrò I love Palermo”, Gianni Gebbia, Diego Spitaleri, Simona Trentacoste, Tony Piscopo, Riccardo Gervasi, i Mancuso, gli Alenfado, l’ensemble Aristarco e tanti altri. Ha assicurato la sua presenza anche Silvia Aielli che leggerà le favole di Gianni Rodàri. Ad aprire il festival questa domenica sarà il “Palermocoropop”, gruppo composto da cinquanta coriste dirette da Francesca Martino e accompagnate dalla chitarra di Paolo Romano e dalla fisarmonica di Giovanbattista Evola. Il Coro spazierà dalle ballate popolari italiane e siciliane ai grandi del pop e del rock internazionale da Bob Dylan a John Lennon. (Orario di inizio del concerto 15.30 ma si consiglia di arrivare in anticipo per godere appieno del passaggio A/R in seggiovia che è incluso nel prezzo del biglietto). Ma il programma del “Mùfara Fest”, sotto la direzione generale di Carlo Ramo e la direzione artistica di Dario Sulis, è ancora in divenire e prevederà molto altro. Sono numerosi gli spettacoli e le iniziative che si aggiungeranno nei prossimi giorni ad un già ricco programma Oltre gli spettacoli in quota saranno previste, le degustazioni dei prodotti tipici del Parco delle Madonie, tra cui una particolarissima degustazione di acque autoctone, lezioni di yoga, mountain bike, escursioni guidate sui sentieri natura e all’Abies nebrodensis, osservazioni del cielo stellato in notturna, gare di bici e tanto altro. Il tutto all’insegna dell’offerta di un prodotto nuovo dedicato agli appassionati della montagna in estate che crescono di anno...

Leggi tutto
Agrigento. Ecco la “ Tua App”, il trasporto pubblico urbano   di Agrigento in tempo reale
Giu27

Agrigento. Ecco la “ Tua App”, il trasporto pubblico urbano di Agrigento in tempo reale

“Nonostante i tagli del 34% operati dal 2012 ad oggi dalla Regione al trasporto pubblico locale la strada dell’innovazione tecnologica intrapresa dalla TUA ci permette comunque di offrire ai cittadini un servizio moderno ed efficiente. La App consente di ridurre i tempi di attesa dell’utente consentendogli di visualizzare il percorso dell’autobus in tempo reale sul proprio smartphone e sapere quando arriverà a ogni fermata. Questa innovazione tecnologica punta anche ad incrementare ulteriormente il numero di passeggeri”. Così il sindaco, Lillo Firetto, è intervenuto nel corso della conferenza stampa di presentazione dell’App della TUA (Trasporti Urbani Agrigento) che si è svolta stamattina all’ex Collegio dei Padri Filippini ad Agrigento. “Inoltre non dobbiamo dimenticare –  ha aggiunto il primo cittadino – che il nostro patrimonio culturale è ogni anno elemento attrattivo per centinaia di migliaia di turisti che devono trovare un trasporto pubblico urbano al passo con le principali città europee”.     Nel corso dell’incontro è intervenuto anche l’assessore comunale alla Viabilità, Gabriella Battaglia, che ha sottolineato come “al tempo delle smart city finalmente anche Agrigento entra a pieno titolo nella dimensione della mobilità sostenibile. Una delle componenti del trasporto che riteniamo essere prioritaria per il nostro territorio è proprio il trasporto pubblico. I cittadini devono spostarsi in modo agevole, sicuro e sostenibile. Questa dell’App è solo la prima di una serie di interventi coordinati con la TUA che mirano all’efficientamento del trasporto pubblico locale. Efficientamento che potrà realizzarsi anche grazie all’interconnessione con altri sistemi di trasporto e con parcheggi di interscambio”. “Oggi con la presentazione dell’App, che potrà essere scaricata negli store (cercando Tua Agrigento, ndr) e anche alle fermate degli autobus attraverso i QrCode, la TUA conferma un percorso di innovazione tecnologica che proseguirà con altre azioni. –  Ha dichiarato la presidente della Tua e amministratore delegato di Sais Trasporti Spa, Samuela Scelfo. – Attraverso questo percorso la Tua ha l’obiettivo di innalzare sempre di più gli standard di affidabilità e sicurezza. Procedendo in questa direzione, la società ha già operato il rinnovamento del parco rotabile, portando l’età media degli autobus a 6 anni, contro i 12 della media nazionale relativamente al trasporto pubblico urbano”.  Il lavoro per la realizzazione della TUA App è stato coordinato dall’ingegnere Riccardo Bigotti che ha spiegato che “l’introduzione di sistemi e piattaforme hardware e software di ultima generazione sono le fondamenta di un processo di sviluppo verso una mobilità smart: la conoscenza, la diffusione dei dati e le informazioni relative alla mobilità in ambito di trasporto pubblico locale rappresentano un passo necessario per lo sviluppo di una città capace di cogliere le opportunità fornite dal rapido sviluppo delle tecnologie. A valle del lavoro svolto...

Leggi tutto
La stagione estiva del Teatro Massimo di Palermo alla GAM  si apre nel segno di Rossini e Verdi
Giu26

La stagione estiva del Teatro Massimo di Palermo alla GAM si apre nel segno di Rossini e Verdi

  L’estate del Teatro Massimo di Palermo si apre nel segno di Rossini e di Verdi con il ritorno al Chiostro della Galleria d’Arte Moderna in piazza Sant’Anna, che ha ospitato gli appuntamenti estivi del Teatro Massimo di Palermo anche nella scorsa stagione. La stagione estiva del Teatro Massimo si apre sabato 29 giugno alle ore 20.30 con la Petite Messe solennelle di Gioachino Rossini nel Chiostro della GAM, sede già l’anno scorso dell’opera Don Pasquale. Sul podio sarà Piero Monti, attuale maestro del Coro del Teatro Massimo, che da settembre andrà a ricoprire lo stesso ruolo all’Accademia di Santa Cecilia di Roma e che dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo per la versione per soli, coro e orchestra della Petite Messe solennelle. I solisti saranno il soprano Shelley Jackson, il mezzosoprano palermitano Chiara Amarù, il tenore Francisco Brito e il basso Emanuele Cordaro. La Petite Messe Solennelle fu composta nel 1863, quando Rossini si era ritirato dalle scene teatrali ormai da più di trent’anni, e venne eseguita per la prima volta il 14 marzo 1864 nella cappella del palazzo della contessa Louise Pillet-Will. Deve il nome, dove petite e solennelle sembrano un ossimoro, al fatto di essere stata scritta per un organico ridotto e insolito, un coro poco numeroso con quattro solisti e accompagnato da due pianoforti e un armonium, mentre la struttura della messa è solenne, perché vengono messe in musica non solo le cinque parti essenziali dell’ordinario della messa (Kyrie, Gloria, Credo, Sanctus e Agnus Dei) ma anche l’Offertorio e l’O Salutaris, che Rossini inserisce riprendendo quello già composto per l’undicesimo album dei Péchés de vieillesse. Fu poi lo stesso Rossini, probabilmente per evitare che lo facessero altri, a realizzare la versione per orchestra che verrà eseguita il 29 giugno nel Chiostro della GAM. Domenica 30 giugno alle ore 20.30 di nuovo l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo nel Chiostro della Galleria d’Arte Moderna per un Verdi Gala. Sul podio salirà Alessandro d’Agostini, che al Teatro Massimo ha da poco diretto Pagliacci. In programma sinfonie e cori dalle opere di Giuseppe Verdi. Si inizia con gli accordi ominosi della Sinfonia da La forza del destino, che annunciano il tragico destino di Alvaro e Leonora. Seguono la sinfonia da Luisa Miller, l’opera tratta dalla tragedia di Schiller, e il preludio da Aida, breve descrizione delle brume sul Nilo. Seguono poi da Nabucco la Sinfonia iniziale, che si apre con i solenni accordi di tromboni e cimbasso, e il Coro con cui si apre l’opera, “Gli arredi festivi”, descrizione del trambusto portato nel tempio di Gerusalemme dall’arrivo delle truppe di Nabucodonosor. Sempre da Nabucco segue...

Leggi tutto
Palermo. Mondello  Presentato l’ultimo video  “White” di Giuseppe Urso
Giu26

Palermo. Mondello Presentato l’ultimo video “White” di Giuseppe Urso

Quando la musica si sposa con il mare e si riversa in un mondo naturale creando un connubio perfetto in armonia con l’ambiente circostante, il risultato non può che essere eccellente. Una musicalità forte e travolgente è ciò che si avverte ascoltando e, soprattutto, guardando la trilogia dei video Live in Mondello Beach, realizzati con minuziosa cura e tecnica del suono dal Maestro Giuseppe Urso (batteria), accompagnato da Valerio Rizzo (piano) e Stefano India (contrabasso e basso elettrico), entrambi talentuosi ex allievi del Conservatorio di Palermo Alessandro Scarlatti che hanno già alle spalle, nonostante la giovane età, una carriera segnata da importanti collaborazioni. Presentato l’ultimo dei video Live in Mondello Beach, “White” che è una composizione di Giuseppe Urso già registrata nel cd Shapes per l’etichetta Da Vinci Publishing di Osaka e rappresenta un omaggio alla cultura hip hop e neo soul, con armonie e clusters contemporanei ma ancora una volta di fruibilità melodica nonostante la complessità. “White, bianco come la purezza del fanciullo – sottolinea il Maestro Urso –  come la schiuma del mare, colore neutro che anela alla libertà, sinonimo di spazio e di “respiro” in musica come nella vita, bianco come la luce che illumina tutte le cose del Mondo”. Ricordiamo che la trilogia rappresenta un nuovo progetto musicale che vede protagonisti gli strumenti immersi nella spiaggia di Mondello in una calda giornata primaverile, durante il venerdì santo. Grazie al Maestro Urso che con il suo Trio stabile propone una sonorità ritrovata dal proprio animo, il cui intento è quello di coniugare tinte forti dei colori della nostra terra assieme all’interpretazione musicale derivata dalla freschezza dei due giovani artisti con l’esperienza del Maestro. La novità assoluta risiede nel fatto che, con l’esibizione dal vivo dell’ensemble palermitano, sono stati realizzati tutti e tre i video. Il primo dei tre, che reinterpreta con un concept e arrangiamento di Urso, è il famoso brano musicale “Everybody Wants to Rule the World” del gruppo new wave e pop rock inglese Tears for Fears, e che valorizza la felice riuscita di una registrazione in mezzo alla natura, in una armonia interiore ritrovata a contatto con un mondo che ci appartiene perché rappresenta il nostro vissuto, un esperimento di notevole portata mai realizzato prima d’ora nella nostra Sicilia. Mentre il secondo video che si intitola Etude n.2, vuole essere una rivisitazione del celebre brano di Philip Glass ed è sempre un concept del Maestro Urso. Chi lo vede e ascolta le note del Trio si inebria, si immerge totalmente nelle onde del mare per diventarne un tutt’uno. La musica che sposa la natura e che fa volare in una dimensione orchestrale ed ancestrale. Giuseppe Urso Trio, che ha la stessa età della Palermo Jazz Orchestra del Conservatorio di Palermo fondata dal...

Leggi tutto
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com