Trapani. Siciliammare.it: venerdì 18 ottobre, al Blue Sea Land, un focus sul futuro della pesca siciliana
Ott17

Trapani. Siciliammare.it: venerdì 18 ottobre, al Blue Sea Land, un focus sul futuro della pesca siciliana

Nell’ambito dell’ottava edizione del Blue Sea Land in corso a Mazara del Vallo, si svolgerà domani, venerdì 18 ottobre alle ore 16,30 nello stand del Dipartimento della Pesca allestito in piazza Mokarta, il workshop: “Siciliammare – Le imprese del mare per la pesca sostenibile nel Mediterraneo” a cura del Dipartimento della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana e di Centomedia&Lode. Ai lavori moderati dal giornalista Salvo Messina interverranno gli assessori regionali Edy Bandiera (Agricoltura, Sviluppo rurale e Pesca Mediterranea) e Mimmo Turano (Attività produttive), Rosolino Greco direttore Dipartimento Pesca Mediterranea, Nino Carlino, presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Valeria Patrizia Li Vigni, Soprintendenza del Mare Regione Siciliana, Antonio Salerno, delegato Internazionalizzazione Sicindustria, Filippo Amodeo, amministratore Nino Castiglione srl, Giuseppe Gullo responsabile Dipartimento Pesca Legacoop Sicilia e Maurizio Scaglione, direttore di Siciliammare.it. Nell’occasione sarà presentata la nuova veste editoriale del magazine digitale siciliammare.it fondato nel...

Leggi tutto
Teatro Bellini di Catania, M5S: “Silenzio assordante del governo, Musumeci dica cosa vuol fare”
Ott17

Teatro Bellini di Catania, M5S: “Silenzio assordante del governo, Musumeci dica cosa vuol fare”

 “Un silenzio assordante, quello del governo Musumeci, sul Teatro Massimo Bellini di Catania, in grave difficoltà finanziaria. Un silenzio col quale si continua a ignorare l’urlo di dolore di una città e le decine di appelli di musicisti, attori ed esponenti del mondo dello spettacolo. Tutto questo è estremamente preoccupante, perché se il teatro sta vivendo l’ennesima crisi, la responsabilità è tutta in capo al governo regionale”.  Lo sostengono i parlamentari catanesi del M5S all’Ars, alla Camera e al Senato, che sottolineano come sia “inaccettabile e sconcertante il modo in cui il governo Musumeci sta trattando la storica istituzione culturale che è un vanto per i catanesi e per l’intera Sicilia”.  “Bisogna fare le dovute distinzioni – precisa la deputata regionale Gianina Ciancio – perché non si dica che il parlamento siciliano è corresponsabile di questa situazione. In aula, infatti, più volte e in maniera trasversale si è data la piena disponibilità all’assessore Messina di votare il ripristino dei fondi per il teatro. Il governo regionale, per tutta risposta, ha fatto stralciare la norma nel collegato che consentiva di intervenire, facendo decadere di fatto tutti gli emendamenti”. “Ci stiamo muovendo su più fronti – proseguono i deputati – anche sollecitando il governo nazionale, per cercare di mettere una toppa al disastro fatto dall’esecutivo regionale, purtroppo ampiamente previsto. Tutti i portavoce catanesi, a tutti i livelli, si stanno muovendo per risolvere la situazione. Ma il governo regionale deve dire che intenzioni ha, altrimenti ogni sforzo rimarrà...

Leggi tutto
Trapani. I comuni pagano a Ryanair la prima tranche del debito
Ott17

Trapani. I comuni pagano a Ryanair la prima tranche del debito

  Le somme pari a 350 mila euro sono dovute per i mancati versamenti dell’accordo di compartecipazione vigente dal 2014-2017 Lo ha comunicato il presidente della Camera di Commercio di Trapani, Pino Pace, via whatsapp questa mattina al presidente di Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, Salvatore Ombra: la prima tranche del debito dei comuni trapanesi verso la compagnia aerea Ryanair è stato pagato. Il tutto è accaduto a distanza di soli tre giorni dall’incontro convocato a Trapani, lo scorso lunedì, con tutti i sindaci del territorio per sviluppare una strategia comune per il rilancio dello scalo. Le ragioni del debito verso Ryanair Si tratta di circa 100 mila euro, a fronte di 350 mila dovuti e un’altra tranche di 50 mila euro sarà pagata, a stretto giro, come già garantito dal sindaco di Valderice, appena verserà la somma. Il debito è stato debito maturato quando, nel 2014, i 24 comuni della provincia di Trapani insieme alla Camera di Commercio di Trapani, sottoscrissero con Ryanair un contratto di compartecipazione per la promozione del territorio e conseguentemente per l’attivazione di voli. Il contratto, che si sommava ad uno gemello sottoscritto parallelamente da Airgest,  ha avuto validità per il periodo 2014-2017 e prevedeva un pagamento mensile a favore di Ryanair, che l’ente camerale raccoglieva e poi versava. Alcuni comuni non versarono la loro quota, sommando anche numerosi ritardi e creando il debito. Il commento del presidente di Ryanair, Salvatore Ombra Il passaggio è molto importante e significativo. Alla vigilia dell’incontro di lunedì scorso, infatti, Salvatore Ombra, aveva fatto un appello all’unità e al fare lobby per portare avanti l’interesse comune. Appello che, dato il “beau geste”, è stato, condiviso e rispettato. «Ringrazio il presidente Pino Pace e tutti gli amministratori per la collaborazione e per l’impegno che ci stanno mettendo, – ha sottolineato il presidente di Airgest – come avevo detto, questo passaggio formale, ci da la forza di trattare con la compagnia Ryanair da una posizione di rispetto ed ottenere il maggior numero di tratte per tornare a far volare i trapanesi e per stimolare il turismo in entrata». Tag: aeroporto Vincenzo Florio, Trapani Birgi, Salvatore Ombra, Airgest, Ryanair, Camera di Commercio di Trapani, Pino Pace Parola chiave: Airgest Snippet: Pagata la prima tranche da 100 mila euro a Ryanair per il debito maturato dai Comuni nell’ambito dell’accordo di compartecipazione del...

Leggi tutto
Palermo. L’ottava edizione della “Cittadella dell’Artigianato” al via dal 29 novembre
Ott15

Palermo. L’ottava edizione della “Cittadella dell’Artigianato” al via dal 29 novembre

Tutto pronto per la nuova edizione, l’ottava, della “Cittadella dell’Artigianato”, la fiera di Natale organizzata da Confartigianato Imprese Palermo nel cuore della città, in via Magliocco, all’ingresso di via Ruggero Settimo, una delle strade dello shopping più battute di Palermo. La mostra mercato siciliana aprirà i battenti in anticipo rispetto alle scorse edizioni. I gazebo saranno attivi già dal 29 novembre e la fiera resterà aperta fino al 6 gennaio. Sarà come fare un tuffo nei caratteristici villaggi natalizi più famosi al mondo. Luci, colori, addobbi, musica, Babbo Natale in giro con i più piccoli e soprattutto l’unicità dei prodotti in vendita, faranno di via Magliocco il cuore pulsante del Natale. Previste una trentina di postazioni. Verrà allestito anche un mini-villaggio gastronomico con specialità dolci e salate tipiche della nostra terra. Dai formaggi ai salumi, dalle conserve ai panettoni artigianali. La scelta della via Magliocco non è causale, ma strategica e vincente come è stato confermato nelle edizioni precedenti della fiera, vista la posizione in prossimità di via Ruggero Settimo, salotto della città, del percorso Arabo-Normanno, quindi punto di attrazione di turisti e cittadini. Gli artigiani avranno a disposizione gazebo di legno della dimensione 3×2 decorati con addobbi natalizi che ricordano le tradizionali “bancarelle antiche”. Nello specifico i gazebo saranno affidati ad artigiani, organizzazioni, associazioni, aziende e scuole affinché promuovano la varietà dei loro prodotti. Via Magliocco durante la fiera, sarà spesso animata da manifestazioni culturali e ludiche finalizzate ad un più ampio coinvolgimento della cittadinanza. Infine il percorso progettuale si propone di creare sinergia tra i Comuni siciliani e tutte le sedi territoriali aderenti a Confartigianato. È quindi un’occasione per tutti gli artigiani siciliani per far conoscere e per vendere i propri prodotti, per prendere contatti con un pubblico differente dal quotidiano e perché no, anche per instaurare rapporti di collaborazione con altre imprese. Le adesioni degli artigiani devono pervenire via mail entro il 21 ottobre scrivendo a fieradinatale@confartigianatosicilia.it. Altre info chiamando al numero 338.8151959. La Cittadella dell’Artigianato, in questa nuova edizione, sarà estesa anche ai “Percorsi Accoglienti”, itinerari di scoperta che ruotano attorno alle botteghe artigiane. Un progetto di Confartigianato Imprese che mette in campo un nuovo modello turistico per lo sviluppo dell’economia locale e la conoscenza dei mestieri artigiani. La Cittadella sarà fruibile tutti i giorni dalle 10 alle 20 e nei festivi e prefestivi fino alle ore 24. Confartigianato assicura un servizio di guardiania notturna, per tutelare tutte le creazioni dei partecipanti....

Leggi tutto
Palermo. Il 16 e il 17 ottobre Palermo è verde: al via la IX edizione di No Smog Mobility
Ott15

Palermo. Il 16 e il 17 ottobre Palermo è verde: al via la IX edizione di No Smog Mobility

Domani Palermo si colorerà di verde per all’avvio di No Smog Mobility, la rassegna sulla mobilità sostenibile in programma in città mercoledì 16 e giovedì 17 ottobre. Molte le presenze legate alle case costruttrici di veicoli e componenti, con esperti e giornalisti del settore, associazioni di categoria e professionisti. Sede dei lavori sarà anche quest’anno il Dipartimento di Ingegneria (Edificio 7 di viale delle Scienze, aula Capitò) per conoscere le ultime novità sulla mobilità del futuro. L’università di Palermo è infatti la prima in Italia ad avere avviato un corso di laurea in e-mobility, a testimoniare la necessità di formare i nuovi ingegneri sulla mobilità sostenibile, elettrica e a ridottissimo impatto ambientale. Un dovere non solo di tutte le case automobilistiche e di tutte le aziende direttamente collegate, ma anche dell’istruzione pubblica che deve stare al passo con le professioni del futuro. Mercoledì 16, ore 16,30, la conferenza “Nuovi piani regolatori e nuove forme di mobilità: come cambiano le città con la mobilità condivisa”, in cui si discuterà delle città del futuro, della mobilità condivisa e del ruolo dell’urbanistica per uno sviluppo sostenibile. Mercoledì si conosceranno inoltre i nomi dei vincitori dei “Green Prix”, i premi assegnati dall’organizzazione alle case che si sono contraddistinte per le migliori “idee e soluzioni a favore della mobilità sostenibile”.Giovedì 17, dopo la cerimonia di piantumazione degli alberi, il premio assegnato ogni anno ai vincitori dei Green Prix, e che andranno ad infoltire gli altri 90 già piantati negli anni precedenti in viale delle Scienze, si avvieranno i lavori convegnistici con tre temi fondamentali: “Zero emissioni, condivisione, autonomia: i veicoli, i sistemi, i servizi”, “Qualità dell’aria: è tutta colpa del diesel?” e “Sicurezza attiva e passiva: lo stato dell’arte”, con una sessione rivolta al pubblico. Durante la due giorni sarà inoltre possibile conoscere gli ultimi modelli delle case auto partecipanti alla manifestazione ed effettuare dei test drive all’interno della città universitaria. La manifestazione, organizzata dall’agenzia di stampa Italpress e dal periodico Sicilia Motori grazie al supporto di numerosi partner è riconosciuta come evento formativo dagli ordini degli Architetti, dei Giornalisti e degli Ingegneri.  ...

Leggi tutto
Palermo. La Regione firma la convenzione per il rinnovo della concessione d’uso del Real Teatro Santa Cecilia al Brass allargato al piano superiore
Ott15

Palermo. La Regione firma la convenzione per il rinnovo della concessione d’uso del Real Teatro Santa Cecilia al Brass allargato al piano superiore

  Il Presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha firmato la convenzione che rinnova la concessione d’uso del più antico teatro siciliano, il Real Teatro Santa Cecilia del 1692, alla Fondazione The Brass Group. Grazie allo straordinario successo riscosso – sin dalla sua riapertura avvenuta nel 2015 – da un pubblico colto, appassionato e attento ai linguaggi musicali contemporanei, che ha riempito in ogni ordine di posto tutte le iniziative promosse e ospitate in teatro dalla fondazione di musica jazz. Che, come ama spesso ripetere il Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha fatto sì che il teatro diventasse il “Salotto di Palermo“. Tutto ciò si deve all’intuizione del professore Gaetano Armao, che nel 2010, allora assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana propose, al governo di quel tempo, di destinare il teatro alle “musiche del nostro tempo”. Quell’intuizione, sul piano culturale, ha dato all’intero mondo un’immagine nuova della Sicilia: sede dell’unico teatro pubblico storico che esista al mondo destinato al jazz. Inoltre la Fondazione the Brass Group ha ottenuto l’agibilità del piano superiore dello stesso teatro. Grande soddisfazione da parte del Brass ed in articolare del presidente, il Maestro Ignazio Garsia, che dichiara “quanto sia stato importante avere sia il rinnovo della convenzione per l’uso del teatro quanto l’agibilità di un ulteriore spazio affinchè il Brass possa continuare ad operare nel campo della cultura e della divulgazione delle attività della musica jazz”. Ed il Maestro Garsia non è nuovo alla realizzazione di attività concertistiche, tant’è che il Brass opera oramai da quasi cinquant’anni nel campo della musica jazz, diventandone un precursore nella nostra...

Leggi tutto
Ragusa. Ispica: completamento iter completamento zona artigianale a Ispica. La Cna chiede risposte
Ott15

Ragusa. Ispica: completamento iter completamento zona artigianale a Ispica. La Cna chiede risposte

La scorsa settimana la Cna comunale di Ispica ha chiesto un incontro al sindaco Pierenzo Muraglie e alla sua amministrazione municipale sul completamento dell’iter per la realizzazione della zona artigianale. L’incontro si terrà domani pomeriggio alle 18,30 a Palazzo Bruno di Belmonte. “Le imprese ispicesi – afferma il presidente della Cna di Ispica, Tonino Cafisi, con il responsabile organizzativo Carmelo Caccamo – attendono da anni la realizzazione dell’opera assistendo a ritardi continui. Basti pensare che il primo atto deliberativo del Consiglio comunale risale al 2008 e l’ultimo al 2018. Lo abbiamo detto e scritto in tutte le lingue che alle imprese occorrono infrastrutture adeguate per poter crescere e stare al passo con i tempi. Vediamo la presenza delle zone artigianali in quasi tutti i comuni e ci fa rabbia assistere a discussioni tra enti pubblici sulla realizzazione della nostra zona Pip. Una cosa è chiara e cioè che la Cna di Ispica e le tantissime imprese del territorio chiederanno che il Comune ponga in essere immediatamente tutte le procedure necessarie per deliberare il piano esecutivo della zona artigianale. Chiederemo altresì al Libero Consorzio di fare la propria parte garantendo il  milione e cinquecento mila euro di fondi ex Insicem spettanti al Comune di Ispica a seguito dei ribassi d’asta. Così come siamo stati soddisfatti quando sono stati approvati tutti gli atti nel corso di questi lunghi anni con diverse amministrazioni comunali, altresì vogliamo essere critici nei confronti dei ritardi politici e burocratici che si accumulano”. Il gruppo dirigente della Cna di Ispica da tantissimi anni attende risposte concrete su un tema che è stato sempre definito, dall’organizzazione di categoria, strategico per lo sviluppo di tutta la città. “Ci aspettiamo – aggiungono Cafisi e Caccamo – grande senso di responsabilità da parte di tutti per garantire la realizzazione di un’opera importantissima in un contesto nevralgico tra l’autostrada Siracusa-Gela e il porto di Pozzallo. Stiamo quindi parlando di un’opera che, secondo noi, è in grado di attrarre investimenti anche dai comuni del sud est siciliano”....

Leggi tutto
Ragusa. “#Bloccadegrado”: la mobilitazione dei “nastri gialli” promossa da Ance
Ott15

Ragusa. “#Bloccadegrado”: la mobilitazione dei “nastri gialli” promossa da Ance

E’ il momento di dire basta all’incuria e all’abbandono in cui versano città, infrastrutture, scuole, edifici e spazi verdi del Paese. E’ il momento di reagire a una burocrazia asfissiante che blocca tutto e peggiora le condizioni di vita di ognuno di noi. Con questo obiettivo continua su tutto il territorio nazionale ed anche a Siracusa, l’iniziativa dei nastri gialli #bloccadegrado, promossa da ANCE insieme alla società civile, il mondo produttivo, la filiera delle costruzioni e tutti coloro che vogliono reagire all’incuria e al degrado. La campagna vuole evidenziare lo stato di crisi del settore delle costruzioni per i mille lacci e lacciuoli che bloccano gli appalti pubblici, a causa della farraginosità normativa introdotta dal Codice degli Appalti, tanto caro a Renzi, Del Rio e Cantone, che avrebbe dovuto lottare contro il malaffare e che ha mancato miseramente questo obiettivo. Le norme introdotte, spesso contraddittorie, hanno bloccato l’apparato burocratico che risulta alla fine il primo responsabile dei mancati finanziamenti per nuove opere, quasi sempre perduti per vizi procedurali, lentezze negli adempimenti e “paura di firmare” gli atti, che interessa tutto il mondo degli appalti.  Nella generalità dei casi sono gli imprenditori onesti che cercano di organizzare il loro lavoro per dare altrettanto lavoro a tutta la filiera, fondamentale per un minimo di ripresa economica del Paese. L’Istituto comprensivo Giaracà di via Gela (costruito a metà degli anni 90) è un chiaro esempio di un edificio degradatosi molto prima del previsto, probabilmente perché progettato e realizzato male, per il quale, per quanto a nostra conoscenza, era disponibile un finanziamento di circa un milione di euro che, invece di trasformarsi di un cantiere per le nostre imprese, sembra essere svanito per qualche pasticcio burocratico su cui è sceso un silenzio imbarazzante. Ance si sta già prodigando per collaborare con l’Amministrazione comunale con alcuni progetti di Agenda Urbana, proprio per evitare che anche questi finanziamenti possano andare in fumo, ma il problema va affrontato immediatamente con competenza e senso pratico, indispensabili per non restare impelagati nei meandri della burocrazia....

Leggi tutto
Catania. Nominato nuovo cda della Sidra. Fatuzzo presidente
Ott14

Catania. Nominato nuovo cda della Sidra. Fatuzzo presidente

 Il Comune di Catania, socio unico dell’assemblea dei soci della Sidra spa, che si e’ riunita oggi, ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione della partecipata comunale al 100%, che si occupa della gestione idrica. Fabio Fatuzzo e’ stato nominato presidente. Insieme a lui sono stati nominati Dario Moscato, vicepresidente, e Marco Navarria, consigliere del Cda....

Leggi tutto
Microcredito, Banca Mediolanum firma accordo a Palermo
Ott14

Microcredito, Banca Mediolanum firma accordo a Palermo

E’ stata firmata oggi a Palermo la convenzione tra Banca Mediolanum, Fondazione Mediolanum Onlus e la Fondazione antiusura Santi Mamiliano e Rosalia, per facilitare l’erogazione di finanziamenti a persone con difficolta’ di accesso al credito e in condizioni di indigenza residenti in Sicilia. “I finanziamenti saranno erogati alle persone in difficolta’ che si rivolgeranno ai centri di ascolto parrocchiali e alla Fondazione – ha spiegato all’Italpress il vicepresidente della banca Giovanni Pirovano – Il plafond rotativo iniziale e’ di 200mila euro ma in futuro potra’ essere aumentato, qualora le esigenze dovessero richiederlo. I finanziamenti saranno erogati in cambio di garanzie simboliche e a un tasso inferiore all’1%”. La banca eroghera’ prestiti rateali a persone considerate non bancabili con durata massima di 5 anni. Ogni finanziamento potra’ raggiungere un importo massimo di 10mila euro. “Questo accordo ci consente di finanziare persone e famiglie anche per piccole esigenze – ha commentato Vittorio Alfisi, presidente della Fondazione Santi e Mamiliano – Senza queste risposte le persone rischiano di rivolgersi agli usurai. E’ una forma di prevenzione molto importante. Banca Mediolanum ci sta dando questa possibilita’”. Con la convenzione di oggi, salgono a otto le regioni in cui la banca ha stretto accordi: Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Sardegna, Emilia Romagna, Lazio e, ultima, la Sicilia, che pero’ e’ anche la prima regione del Sud Italia dove viene siglato un accordo del genere. Il plafond complessivo e’ di 1,8 milioni di euro. (ITALPRESS).    ...

Leggi tutto
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com