Catania. UniCredit Start Lab: presentazione a Catania il 29 marzo
Mar24

Catania. UniCredit Start Lab: presentazione a Catania il 29 marzo

  Si svolgerà a Catania martedì 29 marzo alle ore 15, nella sede di TIM #Wcap Accelerator (Via Novara, 59), la presentazione di UniCredit Start Lab, la piattaforma di UniCredit a sostegno di startup innovative nei settori Life Science, Clean Tech, Digital e Innovative Made in Italy. UniCredit Start Lab si rivolge a realtà ad alto contenuto tecnologico ed innovativo e ad idee imprenditoriali o startup già costituite da meno di 5 anni o PMI innovative e ha l’obiettivo di supportare la crescita delle startup in modo strutturato offrendo loro: un gestore UniCredit dedicato per le esigenze bancarie; mentor professionisti, consulenti, imprenditori che con il loro network e le loro competenze accompagnano lo sviluppo delle startup; training manageriale con taglio nazionale e internazionale attraverso la Startup Academy e il Boot Camp; opportunità di incontro con investitori e controparti corporate clienti di UniCredit; possibilità di ricevere un co-investimento in equity di UniCredit fino a 250 mila euro insieme a partner selezionati; un grant in denaro da 10 mila euro. Le iscrizioni per partecipare all’edizione di UniCredit Start Lab 2016 si chiuderanno il prossimo 30 aprile. L’edizione 2015 ha registrato la partecipazione di 931 startup (di cui il 10% proveniente dalla Sicilia) ad alto contenuto tecnologico e ha coinvolto oltre 200 soggetti (tra partner, università, incubatori, parchi scientifici e acceleratori). Per info sul programma di Unicredit Start Lab : www.unicreditstartlab.eu   TIM #Wcap Accelerator, che ospiterà la presentazione, è l’acceleratore d’impresa di TIM e parte del suo programma di open innovation. Ha sedi a Milano, Bologna, Roma e...

Leggi tutto
Catania. Zona industriale, interviene Confindustria
Mar09

Catania. Zona industriale, interviene Confindustria

Confindustria Catania torna a chiedere con forza di riaccendere i riflettori sulla problematiche della zona industriale. Dopo anni di denunce per l’incuria e il degrado che colpiscono l’area di Pantano d’Arci, la più grande area industriale del Mezzogiorno, l’associazione degli industriali aveva salutato con grande soddisfazione il risultato di essere riuscita a far sedere attorno ad un tavolo operativo tutti gli interlocutori che hanno competenza nell’area –  Irsap, Regione, Comune ed ex Provincia –  con l’obiettivo di trovare soluzioni concrete, capaci di soddisfare il diritto delle imprese ad operare nella normalità. Nel corso delle molteplici riunioni svolte in questi mesi su impulso dell’amministrazione comunale di Catania,  ci si è purtroppo ritrovati di fronte ad interlocutori istituzionali ormai costretti a reggersi su gambe mozze: una ex Provincia sull’orlo del dissesto, l’Irsap,  l’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, privo di fatto di un vertice politico e amministrativo, con risorse risicate, insufficienti persino pagare gli stipendi, meno che mai a garantire l’ordinaria manutenzione o gli investimenti. Purtroppo,  ad oggi, la evidente incapacità del Governo regionale a districare le matasse create con una gestione della cosa pubblica inadeguata e a tratti dannosa si sta abbattendo con virulenza anche sul nostro tessuto economico già fortemente provato dalla crisi.   Sicurezza,  pulizia e raccolta dei rifiuti, viabilità, illuminazione, reti idriche adeguate,  lotta al disseto idrogeologico.  Non avevamo chiesto dispendiose e inutili cattedrali nel deserto per la nostra area industriale, ma interventi che potessero garantire il semplice diritto a fare impresa.  Per questo oggi è urgente un’ assunzione di responsabilità straordinaria che possa rimettere in pista quei progetti,  in parte già esecutivi,  che hanno purtroppo perso il treno dei fondi europei:  impianti di pubblica illuminazione; riqualificazione delle reti idriche potabili ed industriali; riqualificazione della rete viaria; centro servizi e caserma dei Carabinieri.  Per questo, auspichiamo che l’amministrazione Bianco possa dare risposte celeri e certe rispetto all’impegno assunto nelle scorse settimane di prevedere il finanziamento di questi progetti nell’ambito del Patto per Catania,  che dovrà a breve essere sottoscritto con  il Governo.  Realizzazioni importanti, quindi, che potrebbero determinare  a cascata ricadute significative non solo sul piano di nuovi investimenti ma anche dell’occupazione. L’occasione buona,  insomma, per ridare fiducia e ossigeno alle nostre imprese,  come anche ai lavoratori, che non meritano più di operare e vivere in una zona industriale ancora terra di nessuno....

Leggi tutto
Catania. Assintel, workshop sl marketing con i social media
Mar03

Catania. Assintel, workshop sl marketing con i social media

Con la nascita e la diffusione dei Social Media, il marketing delle imprese ha subito una vera e propria rivoluzione. Diventa, allora, necessario imparare a conoscerli e utilizzarli per adeguarsi velocemente e rendere maggiormente innovativa l’attività commerciale delle aziende IT. Con l’obiettivo di fornire alcuni pratici consigli, Assintel Sicilia promuove il workshop “Social Media e Imprese: la rivoluzione nel marketing”, che si terrà venerdì 11 marzo alle ore 11, presso il Centro Fieristico Etnapolis – Belpasso (CT), nell’ambito dell’edizione 2016 dell’Expo della Pubblicità. Ad introdurre l’argomento Emanuele Spampinato, Coordinatore Assintel Sicilia. Il relatore del workshop sarà Giovanni Di Stefano, Consigliere Direttivo Assintel Sicilia ed esperto in Comunicazione integrata d’Impresa. Dopo il workshop si terrà l’assemblea dei soci di Assintel Sicilia. ASSINTEL Assintel è l’associazione nazionale di riferimento delle imprese ICT e Digitali di Confcommercio – Imprese per l’Italia. Da sempre in prima linea per lo sviluppo della cultura digitale all’interno del Sistema Paese, Assintel promuove l’ICT sull’intero territorio nazionale attraverso accordi diretti con le associazioni territoriali di Confcommercio, per portare concretamente le iniziative e i servizi alle migliaia di piccole e medie aziende che operano nel...

Leggi tutto
“Connettiamoci”, le imprese siciliane insieme per un ecosistema ICT locale
Feb25

“Connettiamoci”, le imprese siciliane insieme per un ecosistema ICT locale

Grande partecipazione e interesse al Convegno #Connettiamoci, l’appuntamento promosso da Assintel, l’associazione nazionale delle imprese ICT di Confcommercio, che si è tenuto questa mattina all’Hotel Baia Verde. In questa occasione, sono stati presentati i dati dell’Osservatorio delle Competenze Digitali 2015 e il Report sui trend del mercato IT, in Italia e in particolare in Sicilia: LE FIGURE PROFESSIONALI RICERCATE DALLE AZIENDE IT I profili più ricercati nelle aziende ICT sono il Security Specialist, l’Enterprise Architect, il Business Analyst. Nelle aziende utenti e nella PA sono il CIO, il Security Manager, il Database Administrator e il Digital Media Specialist, l’Enterprise Architect, il Business Information Manager, l’ICT Consultant e il Business Analyst. LE LAUREE PIÚ UTILI PER TROVARE LAVORO Le lauree più accreditate sono Informatica/Scienza dell’Informazione, unitamente ad altri indirizzi di Ingegneria. Sia presso le aziende del settore ICT che presso quelle della domanda, infatti, sono le lauree che rispondono meglio alle variegate sfide che l’evoluzione digitale comporta. L’apprezzamento si attesta intorno all’80% degli intervistati. Per l’80% delle aziende informatiche risulta inoltre fondamentale un sistema di certificazione delle competenze tecniche.   DOVE LE NUOVE COMPETENZE DIGITALI VENGONO IMPIEGATE Il livello di copertura delle competenze (definite sulla base del sistema europeo e-Competence Framework – e-CF), misurato come simultanea presenza di tutte le componenti necessarie, varia dal 73% delle aziende ICT al 67% delle società in house delle Regioni e Province Autonome al 48% delle aziende utenti, per poi scendere al 41% nella PA Centrale e al 37% nella PA Locale.   DOVE SI ACQUISISCONO LE COMPETENZE DIGITALI La crescita delle competenze interne è basata soprattutto sul training on the job (oltre il 90% degli Enti Centrali, 75% di quelli Locali, 80% delle aziende utenti, 87% delle aziende ICT). Fanno eccezione le società ICT in house di Regioni e Province Autonome, che più di tutte ricorrono a corsi di formazione, ma ciò non corregge il fatto che in generale le giornate dedicate alla formazione sono pochissime: la media è di 6,2 giornate annue pro-capite nelle aziende ICT, 4 nella PA, 3 nelle aziende utenti.   A presentare i dati sul mercato IT e le competenze digitali sono intervenuti: Giorgio Rapari, presidente Assintel; Pietro Agen, presidente Confcommercio Sicilia; Alfredo Gatti, vice presidente Assintel; Andrea Ardizzone, segretario generale Assintel; ed Emanuele Spampinato, coordinatore Assintel Sicilia.   In particolare Emanuele Spampinato, nel suo intervento ha tracciato una roadmap ben definita che entro il 30 giugno porterà alla predisposizione di un protocollo d’intesa, da condividere con il sistema Associativo e con le Istituzioni Pubbliche, con l’obiettivo ultimo di creare un vero e proprio ecosistema ICT siciliano.   “Assintel Sicilia, sin dalla sua istituzione, – ha detto Spampinato – ha come obiettivo primario quello della...

Leggi tutto
Expo Odonto Sud 2016, dal 19 al 21 una fiera a Catania
Feb16

Expo Odonto Sud 2016, dal 19 al 21 una fiera a Catania

  Dal 19 al 21 Febbraio si svolgerà ad Etnafiere, Centro Fieristico Etnapolis, la prima edizione di una manifestazione rivolta esclusivamente ai professionisti del Comparto Dentale e ad ingresso gratuito. Aziende, Enti, Istituzioni e Professionisti avranno a loro disposizione tre giorni per incontrarsi e aggiornarsi su quanto di più moderno propone e offre il mercato, raggiungendo in un tempo breve e in modo agevole  la sede scelta da Asso Fiere Sicilia, Ente organizzatore, appositamente per favorire una facile occasione di confronto, favorendo quei professionisti di Sicilia, Calabria e Malta che non riescono a raggiungere manifestazioni analoghe che si svolgono prevalentemente al nord Italia. Un ricco programma di convegni ed una offerta espositiva variegata consentiranno ai tanti visitatori attesi di trascorrere una piacevole e proficua permanenza in una sede, quella di Etnapolis, ricca di grande aree verdi ed ampi interni elegantemente allestiti. La presenza, inoltre, delle più qualificate Associazioni del Settore Dentale suggella l’importanza ed il prestigio di questo evento che racconta, nell’area del Mediterraneo, le eccellenze professionali e scientifiche di rilievo nazionale ed internazionale: Regione Siciliana, Assessorato della Salute; ASP Catania; ANDI, Associazione Nazionale Dentisti Italiani; C.O.I. – A.I.O.G, Cenacolo Odostomatoligico Italiano; AIO Sicilia e AIO Calabria, Associazione Italiana Odontoiatri; IDEA, Igienisti Dentali Associati; COI, Cooperazione Odontoiatrica Internazionale Onlus; SIASO, Sindacato Italiano Assistenti Studio Odontoiatrico; IDEA, Italian Dental Assistant. Presente inoltre la Testata di Settore – Infodent, Mensile di informazione merceologica dentale e media partner dell’Evento. Orari di apertura: Venerdì e sabato dalle 09.30 alle 19.00 orario continuato, Domenica dalle 09.30 alle 16.00.     Dal 19 al 21 Febbraio si svolgerà ad Etnafiere, Centro Fieristico Etnapolis, la prima edizione di una manifestazione rivolta esclusivamente ai professionisti del Comparto Dentale e ad ingresso gratuito. Aziende, Enti, Istituzioni e Professionisti avranno a loro disposizione tre giorni per incontrarsi e aggiornarsi su quanto di più moderno propone e offre il mercato, raggiungendo in un tempo breve e in modo agevole  la sede scelta da Asso Fiere Sicilia, Ente organizzatore, appositamente per favorire una facile occasione di confronto, favorendo quei professionisti di Sicilia, Calabria e Malta che non riescono a raggiungere manifestazioni analoghe che si svolgono prevalentemente al nord Italia. Un ricco programma di convegni ed una offerta espositiva variegata consentiranno ai tanti visitatori attesi di trascorrere una piacevole e proficua permanenza in una sede, quella di Etnapolis, ricca di grande aree verdi ed ampi interni elegantemente allestiti. La presenza, inoltre, delle più qualificate Associazioni del Settore Dentale suggella l’importanza ed il prestigio di questo evento che racconta, nell’area del Mediterraneo, le eccellenze professionali e scientifiche di rilievo nazionale ed internazionale: Regione Siciliana, Assessorato della Salute; ASP Catania; ANDI, Associazione Nazionale Dentisti...

Leggi tutto
Catania. Lunedì 15 in Rettorato incontro su assicurazioni e concorrenza
Feb11

Catania. Lunedì 15 in Rettorato incontro su assicurazioni e concorrenza

    Si svolgerà lunedì prossimo 15 febbraio a partire dalle ore 15.30, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università di Catania, piazza Università, il convegno nazionale sul tema: “Assicurazioni R.C.A. e tutela dei consumatori a proposito del decreto concorrenza”, organizzato dalla sezione provinciale di Catania SNA, il sindacato nazionale degli agenti di assicurazione, in collaborazione con la Fondazione Nuovo Mezzogiorno e l’Università di Catania. Dopo i saluti del magnifico rettore Giacomo Pignataro, il direttore Dipartimento Economia e Impresa Michela Cavallaro, il direttore Dipartimento Giurisprudenza Roberto Pennisi e di Salvo Andò, presidente Fondazione Nuovo Mezzogiorno, i lavori saranno aperti da Salvatore Lisi, segretario provinciale SNA. Parteciperà nno anche il presidente della Commissione Lavoro alla Camera, l’onorevole Cesare Damiano e il deputato nazionale Leonardo Impegno, componente della Commissione Attività Produttive, Camera dei deputati, promotore dell’iniziativa Tariffa Italia. Alla tavola rotonda, coordinata dal giornalista Fabio Sgroi, interverranno, inoltre, Mara Colla, presidente nazionale Confconsumatori, Claudio Demozzi, presidente nazionale SNA, Antonio Rosario De Pascalis, Capo servizi studi e Gestione Dati IVASS, Umberto Guidoni, responsabile settore auto Ania, Andrea Costa, responsabile Motor Allianz Italia, Vittorio Verdone, direttore Affari Istituzionali Unipolsai Assicurazioni. Approvato l’anno scorso dal Consiglio dei Ministri, il decreto Concorrenza, ancora in discussione al Senato, introduce un pacchetto di misure per la comparabilità delle offerte sull’Rc Auto con l’obbligo da parte delle assicurazioni di praticare sconti se il cliente accetta alcune clausole, come l’istallazione della scatola nera o il controllo preventivo dei veicoli e affronta temi “caldi” come l’accertamento strumentale dei colpi di frusta e le tabelle sul danno biologico. “In questa tavola rotonda mi aspetto che le compagnie si esprimano anche sul tema della tariffa unica– afferma Salvatore Lisi presidente della sezione provinciale Sna di Catania –Una misura che comporterebbe diminuzioni di premio nel Meridione e un aumento della tariffa nel nord Italia. Io credo che per il Sud sarebbe una grande conquista perché indurrebbe le compagnie a contenere al sud il prezzo della Rc auto”.  ...

Leggi tutto
Catania. Unioncamere: start up, domani seminario alla Camera di Commercio
Feb08

Catania. Unioncamere: start up, domani seminario alla Camera di Commercio

“Sviluppo dei servizi di sostegno alla creazione e allo start-up di nuove imprese giovanili, femminili, sociali, innovative e di immigrati in Sicilia”. E’ questo il titolo del Seminario orientativo che si terra’ domani, a partire dalle 10, presso la Camera di commercio di Catania. Il Progetto ha come obiettivo “la creazione di nuova imprenditorialita’ e quindi di nuovi processi di job creation, garantendo un adeguato supporto a chi vuole mettersi in proprio e favorendo la creazione, il decollo, lo sviluppo e la sostenibilita’ di nuove imprese”. Durante l’incontro verra’ anche presentato il programma del corso sull’autoimprenditorialita’ previsto nell’ambito del progetto. Per iscriversi al corso, gratuito, e’ necessario compilare il modulo on line presente sul sito www.unioncameresicilia.it....

Leggi tutto
Catania. Crisi da indebitamento: convegno al Tribunale di Catania
Feb01

Catania. Crisi da indebitamento: convegno al Tribunale di Catania

«Spesso dietro i casi di indebitamento ci sono storie drammatiche di famiglie e piccole imprese che a causa della crisi economica hanno visto peggiorare la loro condizione in maniera irreversibile: un fatto allarmante se si considera l’impoverimento generale del tessuto socio-economico del nostro territorio». A parlare è il presidente dell’Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili di Catania Sebastiano Truglio: «Adesso, grazie all’Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento, costituito in seno al nostro Ordine, questi soggetti troveranno un interlocutore istituzionale che potrà aiutarli ad avviare un percorso di ristrutturazione dei debiti, per risollevarsi sia economicamente che socialmente». Un’importante funzione sociale che sarà discussa e approfondita lunedì 1 febbraio 2016 (15.00|19.00) al convegno che si terrà presso l’Aula delle Adunanze del Tribunale di Catania in Piazza Verga, con la partecipazione di magistrati, amministratori locali, deputati e rappresentanti della Pubblica Amministrazione. Porteranno i saluti: Sebastiano Truglio (presidente Odcec Catania); Bruno Di Marco (presidente Tribunale di Catania); Maria Guia Federico (prefetto di Catania); Maurizio Magnano di San Lio (presidente Ordine avvocati di Catania); Roberto Cunsolo (consigliere Tesoriere Cndcec). Salvatore Toscano (referente Organismo composizione crisi Commercialisti Catania) introdurrà le relazioni di: Maria Rosaria Acagnino (presidente VI Sezione Civile Tribunale di Catania); Andrea Ferri (componente commissione sovraindebitamento Cndcec); Maria Rachele Vigani (consigliere Cndcec). Previsti inoltre gli interventi programmati di: Giuseppe Berretta (componente commissione Giustizia Camera dei Deputati); Laura Caggegi (direttore provinciale Agenzia delle Entrate di Catania); Giuseppe Girlando (assessore al Bilancio del Comune di Catania); Alfio Pagliaro (segretario generale della Camera di Commercio di Catania); Adriana Puglisi (presidente IV Sezione Civile e Fallimentare Tribunale di Catania); Pietro Raffa (direttore della filiale di Catania della Banca d’Italia); Carmelo Sciuto (direttore sede provinciale Inps Catania); Francesco Tanasi (segretario nazionale Codacons). Coordinerà i lavori Andrea Aiello (segretario Odcec...

Leggi tutto
Cassa integrazione: Uil “Il 2015 a Catania è stato anno orribile”
Gen21

Cassa integrazione: Uil “Il 2015 a Catania è stato anno orribile”

“Lo scorso anno, a Catania, le ore di Cassa integrazione ordinaria sono scese sotto quota 1 milione, mentre la Cig straordinaria ha sfondato i 4 milioni consentendo la conquista di un poco invidiabile primato tra le province siciliane. E’ il segnale di un inquietante aumento delle aziende in fase terminale, di altri posti di lavoro che stanno per andare in fumo”. Lo dichiara il segretario generale della Uil etnea, Fortunato Parisi, commentando il Rapporto annuale sulla Cassa Integrazione diffuso dal Servizio nazionale Uil Politiche del Lavoro e della Formazione. Stando ai dati della struttura di ricerca e analisi guidata dal segretario confederale Guglielmo Loy, Catania e’ tra le nove province italiane in cui la Cig – ordinaria, straordinaria e in deroga – e’ complessivamente cresciuta: piu’ 0,9 per cento nel raffronto 2014-2015 in controtendenza rispetto al dato regionale (meno 32.8) e nazionale, meno 35.6. Lo scorso anno le ore di Cigo sono state 988.753 mentre nel 2014 erano un milione 687 mila, quelle di Cigs 4 milioni 173 mila 603 a fronte di 3 milioni 457 mila dell’anno precedente, la Cassa in deroga ha invece raggiunto un totale di 572.877 contro 540.453. “Qui, le cose non vanno per nulla bene e la ripresa non si vede – afferma ancora il segretario dell’organizzazione sindacale etnea – Noi, intanto, continuiamo a chiedere inutilmente che le istituzioni politiche nazionali, regionali e comunali si confrontino con la Uil e le altre forze sindacali per garantire la spesa sociale, investire su opere pubbliche utili allo sviluppo e offrire strumenti di crescita spezzando la solita spirale di incompiute, riforme negate e strumenti urbanistici rinviati in eterno”. “Nel Rapporto 2015, e’ certamente significativo il dato relativo ai posti di lavoro salvaguardati dalla Cig – aggiunge -. Sono stati 10 mila 284 in Sicilia, di questi almeno un quarto a Catania, e 332 mila in Italia. La Cassa integrazione e’ ora messa in discussione dal Jobs Act perche’ sara’ limitata in durata, massimo 24 mesi in cinque anni, e contiene disincentivi come il ticket d’accesso a carico delle imprese che potrebbero favorire le riduzioni di personale, non le ristrutturazioni aziendali”. “Piu’ di altre – conclude Parisi – la nostra provincia ha motivo di temere i colpi della crisi economica e gli attacchi al sistema degli ammortizzatori sociali. Per questo, la Uil di Catania assicura sin d’ora massimo impegno nella mobilitazione a sostegno delle iniziative avviate dal leader nazionale dell’organizzazione Carmelo Barbagallo contro gli effetti distorti delle presunte riforme del lavoro, in favore del rinnovo dei contratti e della restituzione del maltolto a pensionati e lavoratori. Questi saranno i temi che proprio Carmelo Barbagallo, non a caso da...

Leggi tutto
Catania. “Investor day” di Unicredit: 11 start-up in vetrina
Gen18

Catania. “Investor day” di Unicredit: 11 start-up in vetrina

«E’ importante oggi attivare una serie di azioni perché non solo aumenti il numero di startup in Sicilia ma anche la loro qualità. Esistono già molti attori dinamici che operano nel territorio ma è assolutamente necessario sviluppare un ecosistema che possa adeguatamente supportare questo importante potenziale imprenditoriale. In questo senso, già da anni UniCredit è impegnata, a livello regionale come nazionale, per favorire la nascita di nuove imprese ad alto potenziale innovativo e accompagnarle, anche sotto il profilo della ricerca di risorse finanziarie, alla loro espansione e crescita». L’ha detto Roberto Cassata, responsabile Settore Pubblico e Sviluppo del Territorio Sicilia di UniCredit, introducendo i lavori dell’Investor Day che si è svolto oggi a Catania, nella sede di TIM#WCAP, per fare incontrare undici startup provenienti da diverse province siciliane con un panel di investitori istituzionali e aziende. La giornata è stata organizzata da UniCredit con il supporto di  UniCredit Start Lab, di TIM#WCAP (di cui è intervenuta la responsabile Ilaria Potito) e di alcuni Partner del Laboratorio Start up Sicilia (Consorzio Arca, Confindustria GI Catania, Impact Hub). Ogni startup, attraverso un Elevator Pitch  ha avuto la possibilità di presentarsi a tutta la platea dei partecipanti per poi incontrare one to one investitori e aziende interessati ad approfondire i loro progetti. La presentazione delle startup è stata moderata da Francesca Perrone di UniCredit Start Lab. «Nella nostra Regione – ha proseguito Cassata – è stato costituito nel 2012, per iniziativa del Consiglio di Territorio di UniCredit, il Laboratorio Startup Sicilia che ha dato vita ad una aggregazione di soggetti pubblici e privati capace di fare massa critica e sperimentare un ecosistema favorevole per le startup. Nel 2015 il Laboratorio ha quindi messo in atto un Piano di Azione, il Progetto “Growth for Sicily Innovation”, che ha dato attuazione a una serie di interventi concreti nella strategia per l’innovazione. E oggi il ruolo svolto da UniCredit, quando parliamo di supportare le startup innovative, è certamente importante, non solo in termini di attività di raccordo e intervento nell’ambito dell’ecosistema, ma anche di supporto finanziario e di agevolatore nella interconnessione tra nuove realtà innovative e la propria clientela». Le startup che hanno partecipato all’Investor Day sono Abiel (Trapani, settore Life Science), Aucta Cognitio (Catania, settore Digital/ICT), Bookingbility (Palermo, settore Innovative Made in Italy), Ganiza (Catania, settore Digital/ICT), IN.SIGHT (Palermo, settore Digital/ICT), Orange Fiber (Catania, settore Innovative Made in Italy), Park Smart (Catania, settore Clean Tech), Qwince (Palermo, settore Digital/ICT), Reago (Messina, settore Digital/ICT), SBskin (Palermo, settore Clean Tech) e Wadex (Siracusa, settore...

Leggi tutto
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com