Petrolio: impennata prezzi dopo attacco impianti Arabia Saudita

(askanews) – Impennata del prezzo del greggio sui mercati asiatici dopo l’attacco con i droni agli impianti petroliferi gestiti dalla compagna pubblica Aramco in Arabia Saudita, che ha portato a dimezzare la produzione del regno, primo esportatore mondiale. Il prezzo del petrolio è salito di oltre l’11%%: i future sul Light crude Wti si sono portati a quota 60,84 dollari, quelli sul Brent sono balzati a 67,77 dollari, dopo aver sfondato la soglia dei 70 dollari.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com