Conte “E’ il momento del coraggio”

 

“Questo è il momento del coraggio e della determinazione. Il coraggio di disegnare un Paese migliore. La determinazione di perseguire questo obiettivo, senza lasciarsi frenare dagli ostacoli”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, nel suo intervento in Aula alla Camera per le dichiarazioni programmatiche.

“Nella prospettiva di una graduale rimodulazione delle aliquote a sostegno dei redditi medi e bassi, in linea con il fondamentale principio costituzionale della progressività della tassazione, il nostro obiettivo prioritario è ridurre le tasse sul lavoro, il cosiddetto ‘cuneo fiscale’ – ha evidenziato Conte -, a totale vantaggio dei lavoratori, e individuare una retribuzione giusta, il cosiddetto ‘salario minimo’, garantendo le tutele massime a beneficio dei lavoratori, anche attraverso il meccanismo dell’efficacia erga omnes dei contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative”.

“L’epocale fenomeno migratorio, che va gestito con rigore e responsabilità, perseguendo una politica modulata su più livelli, basata su un approccio non più emergenziale, bensì strutturale, che affronti la questione nel suo complesso, anche attraverso la definizione di un’organica normativa che persegua la lotta al traffico illegale di persone e l’immigrazione clandestina, ma che – nello stesso tempo – si dimostri capace di affrontare ben più efficacemente i temi dell’integrazione, per coloro che hanno diritto a rimanere e dei rimpatri, per coloro che non hanno titolo per rimanere”, ha spiegato Conte, che ha aggiunto: “Rivedremo la disciplina in materia di sicurezza alla luce delle osservazioni critiche formulate dal Presidente della Repubblica, il che significa recuperare, nella sostanza, la formulazione originaria del più recente decreto legge, prima che intervenissero le integrazioni che, in sede di conversione, ne hanno compromesso l’equilibrio complessivo”.

“Questo passaggio politico segna l’inizio di una nuova e, speriamo risolutiva, stagione riformatrice – ha detto ancora il presidente del Consiglio -. Sono qui per chiedere la fiducia per il nuovo governo che guiderò con disciplina e onore. Ho cercato di guardare sempre al bene comune senza che prevalessero interessi di parte”, ha aggiunto Conte, che ha rivolto anche “un ringraziamento al presidente della Repubblica, per il suo equilibrio e saggezza nella gestione della crisi”. 

“Vogliamo curare le parole ed avere un lessico più consono e rispettoso, ci impegniamo a essere pazienti anche nel linguaggio,  la lingua del governo sarà mite”, ha proseguito il premier, che si è definito “garante e primo responsabile del programma”.

“Questo Governo, quale prima misura di intervento a favore delle famiglie con redditi bassi e medi, si adopererà con le Regioni per azzerare totalmente le rette per la frequenza di asili-nido e micro-nidi a partire dall’anno scolastico 2020-2021 e per ampliare, contestualmente, l’offerta dei posti disponibili, soprattutto nel Mezzogiorno – ha spiegato Conte -. È una delle varie misure che introdurremo anche al fine di sostenere la natalità e contrastare così il declino demografico”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com