Banco BPM e Gruppo BEI: 330 milioni di euro a sostegno delle PMI e delle mid cap italiane

Il Fondo Europeo per gli investimenti (FEI) e Banco BPM hanno firmato un
accordo, nell’ambito di una operazione di cartolarizzazione sintetica, che permetterà
a quest’ultima di espandere ulteriormente il proprio portafoglio crediti a
favore delle piccole e medie imprese, mettendo a disposizione 330 milioni di
euro per l’erogazione di nuovi finanziamenti. La cartolarizzazione sintetica è
assistita da una contro-garanzia della BEI prevista dal Piano di Investimenti
per l’Europa, il cosiddetto Piano Juncker. Banco Bpm e il Gruppo BEI hanno
siglato un nuovo accordo, che inaugura una modalità innovativa di collaborazione,
finalizzato al finanziamento delle PMI e delle Mid Cap italiane.
Con questa intesa, Banco Bpm mette a disposizione 330 milioni di euro destinati
a finanziare aziende attive in diversi settori. I nuovi finanziamenti sono
destinati alle Piccole e Medie Imprese PMI (imprese con un organico fino a
249 dipendenti) e, per un massimo del 30% del Portafoglio, anche a imprese
Midcaps (imprese con un organico fino a 2.999 dipendenti) operanti nei settori
dell’industria, dell’agricoltura, del turismo e dei servizi, che realizzano investimenti
in beni materiali e immateriali o a sostegno dei fabbisogni di capitale
circolante.
Nel dettaglio, il Gruppo BEI, costituito dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI) e dal Fondo Europeo per gli Investimenti
(FEI), ha sottoscritto un contratto di garanzia a favore di Banco BPM. Il FEI garantirà una tranche mezzanina di un
portafoglio di crediti già concessi da Banco BPM a favore delle piccole e medie imprese italiane, contro-garantita dalla
BEI. L’operazione è sostenuta dal Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici del Piano Juncker. I benefici dell’operazione
per Banco Bpm sul portafoglio garantito saranno impiegati per sostenere i nuovi progetti delle piccole e medie imprese
italiane sino a 330 milioni di euro di nuove erogazioni.
Jyrki Katainen, Vicepresidente della Commissione Europea per l’Occupazione, Crescita, Investimenti e Competitività, ha
commentato: “L’accordo di finanziamento sottoscritto oggi dal Gruppo BEI e Banco BPM in Italia fa un uso intelligente
della garanzia di bilancio UE, grazie alla quale le imprese italiane potranno accedere a nuovi finanziamenti per oltre 300
milioni di euro. Il Piano di Investimenti continua a sostenere fortemente il mercato delle PMI italiane, infatti quasi 290.000
piccole e medie imprese in Italia stanno già beneficiando di finanziamenti agevolati.”
Il CEO del FEI, Pier Luigi Gilibert, ha affermato: “In questa fase delicata per le aziende Italiane, Banco BPM è il partner
giusto per dare a coloro che ne hanno bisogno l’essenziale accesso al credito.
Grazie al sostegno del Piano Juncker e all’eccellente collaborazione in seno al Gruppo BEI, nuovi finanziamenti per circa
330 milioni di euro saranno messi a disposizione delle imprese italiane. Questo è il motivo per cui il FEI esiste, e siamo
lieti di unire le nostre forze con BBPM per far sì che ciò avvenga.”
“La collaborazione con il Gruppo BEI rappresenta un elemento importante che si aggiunge alla già intensa attività svolta
da Banco BPM a favore delle imprese italiane” ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Banco BPM, Giuseppe Castagna.
I finanziamenti erogati da Banco BPM nel quadro complessivo degli accordi in essere con il Gruppo BEI hanno permesso
di sostenere più di 2.700 imprese per un ammontare di circa 1,5 mld di euro di impieghi. Il 60% della clientela è
rappresentato da PMI mentre la restante parte è costituita da Midcap. Anche con quest’ultima operazione, Banco BPM
conferma l’obiettivo di essere vicino alle imprese del territorio mettendo a loro disposizione un’ampia gamma di strumenti
diversificati per finanziare lo sviluppo, la crescita o l’espansione delle attività.”
Miguel Morgado, Direttore Operazioni Mare Adriatico BEI, ha dichiarato: “Siamo lieti di siglare la prima operazione di garanzia
mezzanine del Gruppo BEI con Banco Bpm. Grazie alla partnership con Banco Bpm, le PMI italiane potranno beneficiare
di nuovo credito condizioni economiche migliori. Tale accordo abbina le risorse del FEI e della BEI nell’ambito
del Piano Juncker per aumentare il sostegno di BBPM alle imprese italiane, promuovendo la creazione di posti di lavoro e
la crescita economica”.
Banco BPM con oltre 22.000 dipendenti e più di 1700 filiali rappresenta il terzo Gruppo bancario in Italia. Serve 4 milioni
di clienti attraverso una rete distributiva estesa e complementare e un capillare modello multicanale. Il presidio territoriale,
che beneficia di una posizione strategica nel Nord Italia, rende Banco BPM leader nazionale in diversi settori di business
ad alto valore aggiunto, con un posizionamento unico, un portafoglio di marchi altamente riconosciuti e opportunità di
cross selling tra le fabbriche prodotto.
L’accordo è stato reso possibile grazie al sostegno del Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (FEIS). Il FEIS è uno
dei pilastri del Piano Investimenti per l’Europa, il cosiddetto Piano Juncker. Il suo supporto accresce la capacità del Gruppo
BEI di finanziare progetti di investimento che, in linea con i criteri del Piano Juncker, promuovono la competitività in UE
e creano nuovi posti di lavoro. Il Piano Juncker si prefigge di incentivare gli investimenti per generare occupazione e crescita
facendo un uso più intelligente delle risorse finanziarie nuove ed esistenti, eliminando gli ostacoli agli investimenti e
dando visibilità e assistenza tecnica ai progetti di investimento.
Il FEIS accorda le garanzie di [tipo first-loss], permettendo alla BEI di investire in più progetti che spesso comportano un
maggiore rischio. Si stima che i progetti e gli accordi a cui è stato accordato il finanziamento FEIS mobilizzeranno investimenti
per EUR 408,4 mld, di cui EUR 65,4 mld in Italia.
Attualmente il Piano sta fornendo sostegno a 952.000 PMI nei 28 Stati Membri.
Maggiori informazioni sui risultati del Piano di Investimenti per l’Europa sono disponibili qui.
Il Fondo Europeo per gli Investimenti (FEI) fa parte del gruppo BEI (Banca Europea per gli Investimenti). Il suo scopo
principale è sostenere le micro, piccole e medie imprese (PMI) aiutandole ad accedere ai finanziamenti. Il FEI progetta e
sviluppa strumenti di venture e growth capital, garanzie e microfinanza, che hanno come target specifico questo segmento
di mercato. In tale veste il FEI promuove gli obiettivi della UE a sostegno di innovazione, ricerca e sviluppo, imprenditorialità,
crescita e occupazione.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com