Focus 3 costa Tirreno. Balestrate, qui il mercato immobiliare è turistico e parla straniero. Dal 2016 al 2018 crescita 50%

 

Porto turistico e non solo. E a Balestrate il mercato immobiliare decolla. Secondo alcune stime dal 2016 al 2018 la crescita delle compravendite nella cittadina del palermitano è stata attorno al 40-50%.  Basti pensare che solo l’agenzia Tecnocasa, che più di altre ha il polso del mercato, nel 2016 ha effettuato 40 compravendite, nel 2017  altre 50 e nel 2019 ben 59.  “Un crescita continua”, afferma il responsabile dell’agenzia Tecnocasa di Balestrate, il trentottenne Enzo Lo Piccolo, che è decisamente trainata dalla richiesta per il mercato turistico. Infatti ben il 90% delle nostre compravendite sono state realizzate per acquisti ad uso turistico e solo il 10% circa per acquisto residenziale tra cittadini di Balestrate”. Ma ciò che più risalta è che di questo 90% di acquisto per uso turistico ben il 60% è imputabile ad investitori extra-regionali. Soprattutto stranieri, tedeschi, americani, francesi, ma anche diversi milanesi. In pratica, solo per stare ai dati dell’agenzia Tecnocasa, un numero oscillante tra 25 e 30 compravendite è imputabile ad investitori stranieri ma, tenendo conto anche delle altre agenzie operanti, il risultato è anche più consistente.  Un dato eclatante, legato certamente alla costruzione del porto turistico che prevede la realizzazione di  600 posti barca da 40 metri di cui solo 200 attualmente operativi,  ma anche alla facilità di collegamento della cittadina posta in mezzo ai due aeroporti di Trapani e Palermo. Senza contare gli 8  chilometri di spiaggia sabbiosa, la pineta e, naturalmente, i prezzi ancora accessibili.

Il taglio medio richiesto per l’immobiliare turistico è la casa indipendente in centro, anche su più piani, oppure la villetta fuori città. “Ma la condizione”, sottolinea Lo Piccolo, “è la vista mare”. Il taglio medio di prezzo di acquisto oscilla tra i 55 ed i 65 mila euro. “Pagano tutti in contanti”, fa notare Lo Piccolo, “sono solo pochissimi coloro che richiedono un mutuo. Si tratta prevalentemente di risparmi che vengono investiti nel mercato turistico”. Un investimento fatto prevalentemente per uso personale. Anche gli stranieri comprano per utilizzare la casa in diversi periodi dell’anno coinvolgendo, nella loro madrepatria, anche i loro conoscenti. Ma vi sono anche pensionati che, una volta comprata casa, si trasferiscono anche a Balestrate? “Certamente si”, sottolinea Lo Piccolo, “abbiamo avuto diversi casi. Soprattutto milanesi”.  Una cittadina che continua a crescere turisticamente e che ogni anno dai 6.500 abitanti d’estate arriva a 25-30 mila. Ma anche sul versante dei servizi gli interventi non si sono fermati al porto turistico. Nel mesi scorsi, infatti, è stato realizzato un parco no social per bambini quasi in autofinanziamento e ristrutturato il sentiero dei pescatori che porta al vecchio porticciolo di pescatori.

Andrea Naselli

Autore: Andrea Naselli

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com