Lavoro: Cisl e Femca “In Sicilia persi 11 mila posti nell’industria”

“Dal 2007 al 2018 bruciati 11 mila posti di lavoro nell’industria in Sicilia. I dati sono inequivocabili, la crisi del settore e’ gravissima e rischia di peggiorare in assenza di una politica di rilancio”. L’allarme arriva dalla Cisl e dalla Femca Sicilia che oggi, nel corso del Consiglio generale della federazione, hanno puntato il dito contro la mancanza di una strategia complessiva per un comparto che viene criminalizzato invece che potenziato. “Si ritiene sbagliando – afferma Franco Parisi, segretario generale Femca Cisl Sicilia – che l’industria sia sinonimo di inquinamento, mentre le esperienze di vari Paesi nel mondo, modello per la tutela ambientale, ci dimostrano che puo’ esserci uno sviluppo ecosostenibile, a patto di investire nelle giuste tecnologie e nelal formazione degli addetti”. Per il segretario della Femca Cisl Sicilia, “la sensazione e’ quella che si voglia procedere a una dismissione lenta ma inesorabile dell’industria nell’isola”.

“L’eutanasia del comparto sarebbe una scelta illogica – aggiunge Parisi – perche’ i numeri parlano chiaro: una regione con 5 milioni di abitanti e un territorio cosi’ ampio e vario per morfologia e anche per distanze, ha bisogno di un’economia diversificata, che coniughi la valorizzazione e la promozione del patrimonio culturale e ambientale anche in chiave turistica, con la presenza di industrie all’avanguardia ed ecosostenibili”. Il segretario generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio, chiede al governo Musumeci di indicare quale strategia si intende adottare per il settore nell’isola. “A oggi non e’ chiaro quale sia il disegno industriale dell’esecutivo regionale – aggiunge Cappuccio – che appare disinteressato a questo tema. Noi siamo convinti, e l’esempio mondiale lo conferma, che l’industria essenziale in un sistema economico complesso come la Sicilia. Siamo i primi a sostenere che non si possa piu’ pensare a modelli antiquati ma che vadano sostenuti e incentivati impianti ecosostenibili e a bassissimo impatto ambientale”. Il segretario generale della Cisl Sicilia annuncia che il sindacato sta lanciando una serie di iniziative nei territori per accendere i riflettori sulla necessita’ di un rilancio dell’industria.

“Chiediamo al governo regionale di confrontarsi con i sindacati sul futuro di questo comparto – chiosa Cappuccio – ci dica chiaramente se intende rilanciarlo o se vuole destinarlo a morte certa”. Per il segretario generale della Femca nazionale, Nora Garofalo, “la politica deve smettere di considerare la Sicilia solo come una passerella elettorale, come territorio di scorribande prima di ogni appuntamento con le urne, un territorio utile solo per raccogliere voti. Le legittime istanze dei siciliani devono diventare la priorita’ nell’agenda politica, e bene ha fatto la Cisl a lanciare iniziative in grado di riportare la Sicilia e tutto il mezzogiorno all’attenzione di chi ci governa”. E sulle accuse di inquinamento rivolte all’industria: “La storia recente ci dimostra che il binomio lavoro-ambiente e’ assolutamente percorribile. La sostenibilita’ ambientale coniugata alla produzione industriale – conclude Garofalo – e’ sempre stata un nostro cavallo di battaglia, e il tema sara’ al centro dell’assemblea organizzativa della nostra categoria e della Cisl”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com