Crisi Cmc: Musumeci “Pronti ad anticipare 70 mln allo Stato

La Regione Siciliana, si legge in una nota, “e’ pronta ad anticipare al Governo nazionale settanta milioni di euro per venire incontro alle difficolta’ della Cmc, gruppo ravennate di costruzioni, al centro di una grave crisi che rischia di portare al licenziamento di 700 lavoratori nell’Isola”. Il presidente Nello Musumeci, prosegue la nota, ha cosi’ scritto una lettera al ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, e al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, spiegando come “il gia’ fragile sistema socio economico siciliano e’ stato ulteriormente provato dalla gravissima situazione di crisi finanziaria in cui versa l’impresa Cmc, che ha comportato il licenziamento di oltre 700 lavoratori e un debito verso le imprese subappaltatrici e fornitrici che ammontano a circa 70 milioni di euro”.

“Questa Amministrazione – si legge nella missiva inviata dal governatore siciliano – fin dal profilarsi della crisi ha promosso numerosi incontri con Anas, Fce e l’impresa, finalizzati a sbloccare una situazione divenuta davvero insopportabile, sia per la mortificazione a cui i territori sono costretti che per il danno economico causato alle imprese locali. Nonostante le rassicurazioni del Governo nazionale e la recente convocazione presso il Ministero delle Infrastrutture di un tavolo di crisi, i lavori sulle infrastrutture viarie e ferroviarie gia’ in carico alla Cmc non sono, di fatto, ancora ripresi e non sono state individuate misure realmente in grado di fronteggiare la gravissima esposizione delle imprese subappaltatrici e fornitrici”. Il presidente della Regione Siciliana ritiene quindi che “solo misure straordinarie possano risolvere la situazione determinata dalla crisi di Cmc, per evitare un ulteriore aggravamento delle condizioni dell’economia siciliana. Occorre, in altri termini, un ‘Salva Imprese’, cioe’ una misura che ricalchi, per certi versi, il precedente “Salva Banche”, rivolto tuttavia non al salvataggio della Cmc quanto, piuttosto, di quelle imprese che hanno reso lavori, forniture e servizi per conto della stessa Impresa appaltatrice, senza ricevere quanto di loro spettanza”.

La lettera prosegue poi con la proposta del Governatore per il quale “questa Amministrazione e’ pronta ad anticipare 70 milioni di euro dei fondi Fsc assegnati alla Regione e ancora non impegnati, per assicurare la immediata copertura finanziaria di un intervento normativo volto a soddisfare i crediti di tutte le imprese che hanno, a vario titolo, svolto attivita’ di lavoro, servizi o fornitura per conto della Cmc nei cantieri siciliani. Tale disponibilita’ finanziaria – prosegue Musumeci -, da reintegrare da parte dello Stato in sede di future assegnazioni di fondi, consentirebbe di coprire sino al 70% i crediti delle imprese siciliane, in considerazione del fatto che il restante 30% sara’ corrisposto dalla stessa Cmc in ragione del concordato cui e’ sottoposta. La misura proposta richiede un intervento normativo nazionale, che potrebbe essere inserito nel decreto ‘Sblocca Cantieri'”. Nella lettera inviata ai due dicasteri, il presidente della Regione propone anche il possibile testo per la norma nazionale che auspica possa essere approvata. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com