Incontro tra Fiom e assessore regionale Pierobon per maggior tutela lavoratori eolico

Sono ormai centinaia i lavoratori metalmeccanici che
operano nei parchi eolici in provincia di Palermo, per conto di aziende
multinazionali e nazionali, con un’altissima specializzazione ma con pochissime
tutele. Di questo e dei piani della Regione per il rilancio di questo settore
strategico per l’economia sostenibile si è parlato in un incontro svolto questa
mattina all’assessorato alle Energie, tra l’assessore Alberto Pierobon e la Fiom di
Palermo. Erano presenti i segretari Angela Biondi e Francesco Foti, i
rappresentanti sindacali di due aziende del settore eolico, Benedetto Giuda, della
Senvion srl, e Antonio Mazzola della Ges spa, e Calogero Giambrone, responsabile
per la Cgil della Camera del Lavoro di Caltavuturo, comune in cui si trova il più
grande sito eolico dell’Enel.

“Sono lavoratori altamente specializzati, che operano in condizioni critiche,
ad alta quota e in spazi angusti. Nei cambi appalto si ritrovano senza alcuna
clausola che protegga la loro professionalità e sono costretti ad accettare, nel
migliore dei casi condizioni, contrattuali al ribasso – dichiarano Biondi e Foti
della Fiom di Palermo – Abbiamo chiesto all’assessore la sottoscrizione di un
accordo di programma per la tutela delle professionalità dei lavoratori coinvolti.
Un accordo che impegna i proprietari dei parchi a inserire clausole di salvaguardia
per i cambi di appalto per le manutenzioni”.
All’incontro si è discusso dei progetti e degli investimenti che ha in corso
la Regione per l’installazione di nuovi parchi, del refitting degli attuali
impianti, dello sviluppo dell’off shore, delle piattaforme a mare che rappresentano
una nuova frontiera per l’installazione di nuovi impianti. A Taranto, per fare uh
esempio, la Senvion Italia installerà il primo impianto eolico off shore del
Mediterraneo che sarà operativo tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020. .
Altro argomento le royalties, gli incentivi riconosciuti ai comuni su cui
insistono i parchi. “Sono risorse che consentono ai comuni di fornire servizi ai
cittadini. In questi anni sono stati introiti non indifferenti per i bilanci dei
Comuni e sono stati indispensabili per evitare i dissesti – dichiara Calogero
Giambrone della Camera del Lavoro di Caltavuturo- Dopo venti anni i contratti sono
in scadenza e in assenza di rinnovo tanti comuni non riusciranno più a garantire i
servizi ai cittadini”
Il sindacato ha anche sollecitato lo sblocco dei fondi di gara del
fotovoltaico, fermi dall’autunno scorso, la ripresa degli incentivi finalizzati
alla riduzione dei consumi energetici e all’installazione di impianti di produzione
di energia da fonti rinnovabili delle imprese. Lo stop sta causando il fermo di
tante aziende che si occupano di installazione di impianti fotovoltaici, costrette
a fare ricorso alla cassa integrazione per i propri dipendenti.
“L’assessore all’Energia si dimostrato molto sensibile alle problematiche
sollevate dal sindacato dei metalmeccanici. Ci ha informati che è in atto una
discussione presso l’Ars per la ripresa degli investimenti nel settore, sia per i
nuovi impianti sia per il refitting, e che è sua intenzione intervenire per
garantire la continuità lavorativa alle numerose maestranze altamente
professionalizzate oggi impiegate in questo settore”.
Per quanto riguarda gli incentivi per il fotovoltaico, è in corso
l’approvazione della proroga dei termini per la presentazione delle istanze per
l’ottenimento delle fondi previsti dal programma di ripartizione delle risorse
destinate ai Comuni per la realizzazione del Piano di Azione per l’Energia
Sostenibile e per il Clima (PAESC).
Il confronto con i sindacati proseguirà la prossima settimana.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com