Regione: Barone (Uil) “Nessuna emergenza risolta, bilancio fallimentare”

“Il governo Musumeci in un anno non ha risolto nessuno dei problemi e delle emergenze che attanagliano la nostra regione. Bilancio fallimentare. Constatiamo che, suonata con i violini o con i tromboni, la musica non e’ comunque cambiata rispetto ai precedenti governi. Il confronto con questo sindacato e’ stato nei fatti inesistente e i lavoratori si trovano, ancora una volta, sommersi di annunci e promesse ma con un pugno di mosche in mano”. Lo dice Claudio Barone, segretario generale della Uil Sicilia, che aggiunge: “Nella manovra non ci sono soldi per gli stipendi dei lavoratori delle ex Province e non e’ accettabile che continui lo scaricabarile con il governo nazionale. Sul riassetto delle Partecipate e’ caos piu’ totale e anche per i precari degli Enti locali nessuna stabilizzazione ma solo l’ennesima proroga a fronte di un’epidemia di dissesti che sta colpendo i comuni siciliani. La riforma della macchina amministrativa – continua Barone – non viene affrontata, non si parla piu’ del rinnovo dei contratti e rimane l’incapacita’ di spendere i Fondi europei mentre la condizione delle nostre infrastrutture e la sicurezza del territorio sono al minimo storico”.

“La telenovela della fusione Anas-Cas e’ giunta all’ennesima puntata e non se ne intravede la fine. Anche per le Zes, strumento importante per lo sviluppo, non si e’ deciso nulla. Centomila edili rimangono disoccupati e di fronte alla crisi dei Poli industriali – conclude Barone – c’e’ la piu’ totale latitanza alla faccia della valorizzazione del lavoro produttivo e delle imprese. Il governo Musumeci sembra convinto che non facendo nulla non sbaglia, ma cosi’ la Sicilia muore. Prendiamo atto che non c’e’ nessuna volonta’ di aprire un confronto con il sindacato. Ne trarremo le debite conseguenze”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com