Il Credem chiude il 2018 con oltre 360 mln di finanziamenti alle pmi siciliane

Credem, in linea con gli obiettivi di sviluppo e di crescita del Gruppo, prosegue con decisione la strategia di sostegno al tessuto economico italiano ed in particolare alle aziende che investono per crescere e concretizzare i loro progetti d’impresa.

In particolare, sono oltre 360 i milioni di euro di finanziamenti che sono stati complessivamente stanziati per le piccole e medie imprese clienti e potenziali nuovi clienti della Sicilia nel corso del 2018 e disponibili fino alla fine dell’anno. Il plafond ha riguardato un bacino complessivo di 6.400 piccole e medie imprese, artigiani, agricoltori e liberi professionisti, che abbiano tra l’altro l’obiettivo di gestire le esigenze di liquidità, generalmente accentuate verso fine anno, per il pagamento di tredicesime, acconti per imposte di fine novembre, anticipi Iva, oltre ad altre necessità finanziarie quali il finanziamento del magazzino o il pagamento anticipato dei fornitori.

A livello nazionale sono 9 i miliardi di euro complessivamente stanziati nel corso del 2018 per 100 mila Pmi sia clienti sia potenziali nuovi clienti.

Il Gruppo Credem a fine settembre 2018 ha aumentato i prestiti alla clientela del 2,6% a/a rispetto al sistema che segna +1,55% nello stesso periodo(*), raggiungendo 24 miliardi di euro. Il Gruppo ha mantenuto inoltre la qualità dell’attivo ai vertici del sistema bancario con sofferenze nette su impieghi netti a 1,05 % (dato a fine settembre), dato significativamente inferiore alla media di sistema pari a 2,32%(*).

I risultati del Gruppo ed il contesto economico ci hanno spinto a puntare sulle piccole e medie imprese con decisione”, ha dichiarato Gabriele Decò, responsabile commerciale small business di Credem, “incrementando il plafond a loro favore che è salito a 9 miliardi di euro. Nel 2017 abbiamo creato una rete dedicata alle Pmi con 60 centri small business supportati da un’importante squadra di professionisti focalizzati sullo sviluppo della nuova clientela”

 

 

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com