Fondo beneficienza Banca Intesa: 9 mln per interventi di inclusione sociale di cui 1,6 per Sud e isole

 

“Come rafforzare attraverso partnership di valore le organizzazioni non profit attive sul territorio”. Questo il tema del workshop tenutosi oggi a Palermo nella Sala Conferenze di Via Giacomo Cusmano. Ai lavori hanno preso parte Carlo Borgomeo, Presidente della Fondazione CON IL SUD, Giuseppe Mattina, Assessore Cittadinanza Solidale, Diritto e Dignità dell’Abitare, Beni Comuni di Palermo, Gaetano Giunta, Segretario Generale della Fondazione di Comunità di Messina, Mario Sedia, Vice Direttore di Caritas Diocesana di Palermo, e Giovanna Paladino, responsabile della Segreteria Tecnica di Presidenza di Intesa Sanpaolo. L’incontro è stato anche l’occasione per conoscere il funzionamento del Fondo di Beneficenza di Intesa Sanpaolo.

Nel 2017 il Fondo di Beneficenza di Intesa Sanpaolo ha erogato circa 9,5 milioni di euro per sostenere progetti realizzati da enti non profit di cui € 1.600.000 per il Sud e le Isole, € 451.000 in Sicilia. Le risorse sono state destinate al sostegno dell’occupazione e della disabilità, al contrasto del disagio abitativo e della povertà sanitaria, alla lotta contro la dispersione scolastica e la violenza, alla prevenzione delle malattie, all’assistenza ai malati e all’inclusione sociale. Oltre l’85% degli interventi sono andati a favore di interventi realizzati sul territorio nazionale, confermando l’attenzione del Gruppo per le comunità locali. Con un pensiero costante rivolto ai giovani, alla loro crescita professionale e al loro benessere personale, in coerenza con l’impegno del Gruppo verso i suoi clienti e i suoi dipendenti. È continuato il sostegno alle popolazioni del Centro Italia colpite dal sisma per garantire agli studenti la normale frequenza scolastica, la fruizione dei corsi universitari, supporto psicologico alle famiglie e attività di ricostruzione del senso di comunità.

Nel corso del 2017 il Fondo ha inoltre investito in modo significativo per l’inclusione sociale ed economica dei migranti e degli immigrati presenti nel nostro Paese, in particolare dei minori non accompagnati, selezionando progetti destinati a favorire l’integrazione nelle scuole, lo studio dell’italiano e la formazione professionale. La Sicilia, in particolare, rappresenta insieme la principale destinazione d’arrivo e la principale Regione di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati (oltre il 40% del totale). A tale scopo il Fondo ha sostenuto il progetto “Hope – Costruisci il tuo futuro” per favorire l’inserimento sociale ed economico di questi soggetti.

In ambito internazionale il Fondo ha dato continuità alle iniziative pluriennali sostenute in Africa, in Asia e nei paesi dell’Est Europa orientate allo sviluppo locale, al miglioramento delle condizioni di salute dei soggetti più fragili e alla difesa dei diritti delle donne.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com