Regione: infrastrutture: entro fine anno bando Anas per SS Licodia-Eubea-Libertina e Bronte-Adrano

“Entro fine anno l’Anas bandira’ le gare d’appalto per la realizzazione del secondo stralcio della strada statale Licodia Eubea-Libertinia e per l’ammodernamento della Bronte-Adrano. Due opere infrastrutturali importanti per l’Isola del valore di circa 180 milioni di euro. L’impegno e’ stato assunto dai vertici della societa’ durante un incontro a Roma con il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci”. E’ quanto si legge in una nota della Presidenza della Regione siciliana. Alla riunione con l’amministratore delegato Gianni Vittorio Armani, il direttore regionale Manlio Mele e il responsabile delle progettazioni Ugo Dibennardo, durata oltre due ore, era presente anche l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone. “Ammontano a un miliardo e mezzo di euro – evidenzia il governatore Musumeci – le opere infrastrutturali prossime alla gara e in fase di progettazione. Un impegno consistente che l’Anas ha assicurato di onorare in tempi stretti. Tocchera’ alla Regione vigilare, affinche’ si recuperino anni di arretrato”

L’Ente nazionale per le strade, prosegue la nota, ha assicurato, inoltre, “la definizione entro i prossimi sei mesi delle progettazioni esecutive relative alla costruzione e all’ammodernamento di diverse arterie autostradali dell’Isola e in particolare di: tre lotti della Palermo-Agrigento (importo lavori di circa cinquecento milioni di euro); circonvallazione di Gela (trecento milioni); terzo stralcio della statale 683 Licodia Eubea-Libertinia (duecento milioni); variante di Vittoria (centocinquanta milioni); Catania-Gela (cento milioni)”. Nel corso dell’incontro, sottolinea la nota, “e’ stato affrontato anche il tema della sicurezza stradale. Il presidente Musumeci ha, infatti, ribadito la richiesta di avvio di un monitoraggio su ponti, viadotti e gallerie di strade statali e provinciali dell’Isola, attraverso un imponente impiego di risorse professionali. Infine, sono stati definiti il percorso e il cronoprogramma relativi alla fusione tra il Consorzio autostrade siciliane e l’Anas”.

“Abbiamo chiesto – spiega l’assessore Falcone – impegni precisi: dal completamento delle opere in corso (Agrigento-Palermo e Agrigento-Caltanissetta, prima fra tutte) all’accelerazione delle progettazioni in itinere da mandare in gara. Dalla concretizzazione degli impegni assunti dall’Anas dipendera’, nei prossimi anni,un’imponente politica di infrastrutturazione viaria di almeno trecento milioni all’anno per il prossimo quinquennio”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com