Primi 6 mesi entrate tributarie -3,1%

Nel periodo gennaio-giugno 2018, le entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica ammontano a 198.515 milioni, segnando un decremento di 6.406 milioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (-3,1%). La diminuzione del gettito – si legge in una nota del Mef – è stata influenzato dallo slittamento al mese di luglio del versamento delle imposte in autoliquidazione e dallo spostamento (dal mese di maggio al mese di novembre) del versamento dell’acconto dell’imposta sulle assicurazioni. Al netto dei suddetti fattori, le entrate tributarie erariali mostrano un incremento del 2,6%.

Il gettito delle imposte dirette risulta pari a 102.950 milioni, con una diminuzione di 7.676 milioni (6,9%) rispetto al primo semestre del 2017. Nel periodo mostra un incremento significativo il gettito dell’imposta sostitutiva sui redditi da capitale e sulle plusvalenze (+54%), per effetto del versamento nel mese di febbraio dell’imposta sui risultati della gestione individuale di portafoglio in regime di risparmio gestito, che riflette la performance positiva dei mercati nel corso del 2017.
L’andamento dell’Ires registra una diminuzione del 67,8% per effetto dello slittamento al mese di luglio del versamento dell’imposta.

Il gettito delle imposte indirette, che ammonta a 95.565 milioni, registra una crescita di 1.270 milioni (+1,3%). Il risultato è legato all’andamento del gettito dell’Iva (+1.151milioni, +2%) e, in particolare, della componente sugli scambi interni che aumenta di 952 milioni. Tra le imposte indirette, mostrano un significativo incremento le entrate dell’imposta di registro (+13,7%, pari a 306 milioni), i versamenti del canone di abbonamento radio e TV (+7,6%, pari a 58 milioni) e dell’imposta di bollo (+9,7%, pari a 321 milioni). Le entrate dei giochi, nei primi sei mesi del 2018, ammontano a 7.352 milioni con una variazione positiva di 501 milioni (+7,3%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Le entrate tributarie derivanti dalle attività di accertamento e controllo si sono attestate a 4.586 milioni (+224 milioni, pari a +5,1%) di cui: 2.340 milioni (-332 milioni, -12,4%) sono affluiti dalle imposte dirette e 2.246 milioni (+556 milioni, +32,9%) dalle imposte indirette.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com