Mezzogiorno: Barbagallo “E’ scomparso dall’agenda politica”

“Per molti anni dall’agenda politica e’ scomparso il Mezzogiorno, Catania era la Milano del Sud, oggi forse e’ il Sud del Sud quindi bisogna recuperare il tempo perso”. Lo ha detto il segretario nazionale della Uil, Carmelo Barbagallo, a Catania, sottolineando quanto sia “importante” per il Paese avere un nuovo Governo. “Ho rispolverato uno studio che diceva che quando c’e’ stato l’intervento della Cassa del Mezzogiorno – ha aggiunto il leader della Uil – la distanza tra il Sud e il Nord si e’ attenuata. E’ stato l’unico periodo in cui la forbice e’ diminuita. Poi ci hanno spiegato che la Cassa del Mezzogiorno aveva innescato un meccanismo corruttivo e si e’ eliminato lo strumento, ma la corruzione ha continuato ad aumentare. Se non recupera il Mezzogiorno nemmeno il Nord ne usufruira’. Se non rimettiamo in sesto il Mezzogiorno, con lo sviluppo economico che dagli ultimi dati dell’Fmi ci ha fatto ripassare all’ultimo posto e anche la Grecia ci ha superati, significa che dobbiamo fare qualcosa di piu’ anche noi come sindacato”. “Da un’indagine del Cnel e’ emerso che i nostri iscritti hanno votato il 33% Centrodestra, il 33% Centrosinistra e il 33% Movimento 5 Stelle. Noi siamo unitari, noi vogliamo confrontarci nel merito. Finita la propaganda elettorale, vediamo di stare con i piedi per terra e vediamo cio’ che va fatto per rilanciare economia, occupazione e sviluppo nel nostro Paese”. Lo ha detto il segretario nazionale della Uil, Carmelo Barbagallo, a Catania, dove ha partecipato al 17esimo congresso territoriale del sindacato.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com