Musumeci: “Entro il 2018 movimenteremo risorse per 1 mld”

Un capitolo che sembrava chiuso e’ quello del digitale, su cui questo Governo ha deciso di investire poco meno di 400 milioni di euro. Scommettiamo su questo progetto”. Lo ha detto il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, incontrando i giornalisti a Palazzo d’Orleans, a Palermo, per illustrare l’attivita’ dell’Esecutivo nei primi 100 giorni di vita. Alla presenza degli assessori Grasso, Turano, Cordaro, Razza, Falcone e del nuovo responsabile all’Energia Pierobon, Musumeci ha snocciolato altre azioni di questi primi tre mesi, annunciando che “entro l’anno movimenteremo risorse per un miliardo”. “Abbiamo rinnovato i vertici burocratici, qualcuno lo ha dimenticato, abbiamo un nuovo segretario generale, 16 nuovi direttori generali su 30 e non era mai accaduto alla Regione, abbiamo provveduto anche alla rotazione di altri 10 direttori su 14. Inoltre – ha aggiunto – abbiamo avviato la rinegoziazione degli accordi finanziari con lo Stato, visto che quelli precedenti erano fortemente penalizzanti per la Regione; varato in tempi record il Documento di economia e finanza regionale 2018/20; approvato il piano per la ristrutturazione degli ospedali e disposto l’acquisto di attrezzatura per 224 milioni; abbiamo avviato le procedure di stabilizzazione del personale precario in campo sanitario, riguarda 3807 unita’; abbiamo disposto la distribuzione gratuita a tremila bambini, affetti da diabete, di apparecchiature all’avanguardia per il monitoraggio costante della glicemia, destinando 1,5 milioni di euro”.

E ancora: “Abbiamo reperito le risorse per gli interventi ferroviari, per l’edilizia economica-popolare, abbiamo pubblicato l’Avviso per la formazione professionale di disoccupati, in cerca di prima occupazione e di persone in esecuzione di pena”, ha sottolineato Musumeci. Serrato confronto con l’Anas: “Stiamo lavorando per creare il catasto delle strade siciliane”, ha spiegato il Governatore sottolineando poi che “dobbiamo tornare al trasporto ferroviario, senza penalizzare il gommato, che serve da intermodalita’”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com