Immobili: per quelli di pregio domanda in aumento in Sicilia

In Sicilia, nel 2016, dopo gli anni della crisi economica, si sono intensificati i segnali di recupero del mercato immobiliare residenziale, con una crescita delle compravendite del 12,4%. Il primo semestre del 2017 ha registrato un incremento del 6,5%. Con riferimento ai prezzi degli immobili di lusso, l’eterogeneita’ del territorio comporta performance differenti. Le quotazioni sono in crescita a Siracusa e Ragusa, stabili a Mondello e Taormina e in leggera flessione a Catania e Trapani. Ad eccezione di Taormina, localita’ di fama internazionale, il mercato sia nei capoluoghi sia nelle localita’ di mare, e’ trainato dalla domanda locale. Per il 2018, nell’isola, e’ previsto un aumento del numero di compravendite, associato a una stazionarieta’ generalizzata dei prezzi. E’ quanto emerge dal Market Report Sicilia 2017 -2018 realizzato in partnership da Engel & Volkers, Gruppo immobiliare leader nel mercato del pregio presente in oltre 30 Paesi e 4 continenti, e la Societa’ di studi economici Nomisma. “In generale in Italia la ripresa dell’economia e una maggiore apertura del sistema bancario stanno sostenendo l’acquisto di immobili residenziali, soprattutto per la prima casa, ma anche per l’acquisto a scopo investimento.

Anche in Sicilia si conferma tale dinamica, dove peraltro in alcune localita’ di particolare pregio, il mercato e’ trainato anche dall’interesse degli investitori esteri”, ha dichiarato Luca Dondi, Managing Director Nomisma “Il mercato immobiliare della Sicilia ha registrato un aumento delle compravendite e della domanda confermato anche per il segmento del pregio”, ha dichiarato Alberto Cogliati, Direttore Commerciale Engel & Volkers Italia. A Palermo le zone di maggior pregio per l’acquisto della prima casa sono Piazza Verdi e Piazza Politeama, Liberta’-Sammartino, Giardino Inglese, Sciuti-Notarbartolo e Villa Sperlinga; Mondello, invece, rappresenta la zona piu’ ricercata per l’acquisto della seconda casa. Gli acquirenti sono principalmente famiglie, con componenti tra i 40 e 55 anni, e per il 90% la clientela e’ nazionale. Nel 20% dei casi la domanda italiana ricorre a un finanziamento bancario, mentre la clientela straniera affronta l’acquisto con la liquidita’ necessaria. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com