Arrestato neo deputato Cateno De Luca. Nota di Udc

La Guardia di Finanza ed i Carabinieri di Messina hanno sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari il neo deputato regionale Cateno De Luca ed il presidente della Fenapi – Federazione piccoli imprenditori, Carmelo Satta, in qualita’ di promotori di un’associazione a delinquere finalizzata alla realizzazione di una rilevante evasione fiscale di circa 1.750.000 euro. Il provvedimento cautelare e’ stato emesso dal gip del Tribunale di Messina, su richiesta della locale Procura. Cateno De Luca e’ stato appena eletto nell’Udc con 5.418 voti, nel collegio di Messina, tornando a Sala d’Ercole, dopo qualche anno di pausa.

Gli investigatori hanno individuato un complesso reticolo societario facente capo alla Federazione Nazionale Autonoma Piccoli Imprenditori ed alla societa’ Caf Fenapi srl, riconducibile, direttamente o indirettamente, al neo deputato regionale De Luca ed a Satta, utilizzato, nel corso del tempo, per porre in essere un sofisticato sistema di fatturazioni fittizie finalizzate all’evasione delle imposte dirette e indirette. Lo schema evasivo emerso, fanno sapere gli investigatori, prevedeva l’imputazione di costi inesistenti, da parte della Federazione Nazionale a vantaggio del Caf Fenapi srl, individuato quale principale centro degli interessi economici del sodalizio criminale. La frode si sarebbe sviluppata basandosi sul trasferimento di materia imponibile dal Caf alla Federazione Nazionale, in virtu’ del regime fiscale di favore applicato a quest’ultima, che ha determinato un notevole risparmio di imposta. Al termine dell’attivita’ investigativa e’ stato individuato un indebito risparmio di imposta pari a circa 1.750.000 euro, sia ai fini Iva che delle Imposte sui redditi delle societa’. Oltre ai due indagati, sottoposti agli arresti domiciliari, sono state denunciate altre otto persone. Contestualmente e’ stata disposta l’esecuzione del sequestro preventivo per equivalente fino all’ammontare dell’indebito risparmio di imposta, sia nei confronti degli arrestati che nei confronti della societa’ Caf Fenapi srl, nei cui confronti e’ stata applicata la normativa in materia di responsabilita’ amministrativa degli enti.

“L’Udc ha appreso dalla stampa la notizia dell’arresto di De Luca. L’Udc ha avuto la massima diligenza nella formazione delle liste elettorali a tutela del partito e dei cittadini-elettori. Abbiamo chiesto a tutti i candidati dell’Udc e dei movimenti ad esso associati, tra cui anche Sicilia Vera, il certificato del casellario giudiziario e quello dei carichi pendenti a tutela dei cittadini e della onorabilita’ del Partito”. E’ quanto si legge in una nota diffusa dall’Ufficio stampa nazionale Udc, in merito all’arresto del neo deputato Cateno De Luca, eletto due giorni fa all’Assemblea Regionale Siciliana. “Abbiamo fiducia nella magistratura che siamo certi portera’ all’accertamento della verita’ e siamo convinti che De Luca sara’ in grado di chiarire i fatti e di dimostrare la sua innocenza”, conclude la nota.  (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com