Aeroporto di Comiso, necessaria immissione di liquidità

“Serve una immissione di liquidità per operare nell’immediato futuro”, lo ha dichiarato al Giornale di Sicilia Giorgio Cappello, amministratore delegato della Soaco, la società di gestione aeroportuale dell’aeroporto di Comiso. Una necessaria immissione di liquidità per l’attuazione del piano industriale della società ma anche per la copertura delle perdite degli anni scorsi, ben 9,3 milioni di euro, a cui è da ggiungere anche la perdita dell’esercizio 2016 pari a 2,9 mln di euro. “Un quadro drammatico”, denuncia il deputato regionale Giorgio Assenza il quale svela anche la richiesta da parte dell’Enav di chiarimenti relativamente ai costi per i controllori di volo pari a circa un milione di euro. Non migliorerà la situazione anche per il 2017 dato che è lo stesso piano industriale a prevedere una ulteriore perdita. Nessun incremento di voli vi è stato finora e i costi fissi  sono rimasti invariati. Il pino industriale prevede un incremento di passeggeri del 20% l’anno per portarsi, ma nel 2020, a 875.000 passeggeri.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com