Gabriele Urzì (First Cisl Unicredit) – chiusura  operatività di cassa per 20 agenzie in Sicilia in agosto incomprensibile

I Sindacati non ci stanno. Unicredit continua a denunciare esuberi, e  le adesioni agli esodi hanno raggiunto i numeri previsti nel piano industriale pari a 3.900 unità in tutto il territorio nazionale. Di queste circa 350 sono in Sicilia che registra il dato di adesione piu’ basso d’Italia rispetto alla platea potenziale.

Ma per Gabriele Urzì Segretario Nazionale del Gruppo Unicredit della FIRST CISL ci sono incomprensibili incongruenze. “Da un lato – afferma Urzì – si denunciano esuberi e centinaia di lavoratori hanno lasciato anticipatamente per prepensionamento il lavoro negli ultimi anni. Dall’altro ci è stata comunicata la sospensione dell’attività di sportello, nelle due settimane centrali del mese di agosto (dal 7 al 20) in una regione, la Sicilia, dove, nei mesi estivi, si riscontra, grazie all’afflusso massiccio di turisti, un consistente aumento delle presenze sommate alla circostanza che – da anni ormai – le città non si svuotano più come avveniva in passato”.

Le 20 filiali interessate sono: Agrigento Imera, Caltanissetta, Catania Etnea~B, Catania Viale Vittorio Veneto, Messina Cavour, Messina Crispi, ~Palermo Sciuti, ~Palermo Terrasanta, ~Palermo Vittorio Emanuele, ~Palermo Ausonia, ~Palermo Regione Siciliana, ~Palermo Viale Strasburgo ~B, Palermo Corso ~Calatafimi ~B, ~Palermo Facolta’ D’ingegneria, ~Modica Regina Margherita, ~Vittoria Complesso Il Girasole, ~Augusta Viale Italia,  Alcamo Viale Italia, Trapani ~Regione Siciliana,  Trapani Via Palermo.

“Non solo: in Sicilia sono stati assegnati soltanto 5 – leggasi cinque – lavoratori stagionali, nemmeno uno per provincia. E’ assolutamente opportuno – conclude il Sindacalista – che, al fine di garantire la normale operatività della banca, nonché un positivo turn over del personale, si proceda all’effettuazione di una congrua quota parte delle 1.300 assunzioni previste dal piano industriale nell’Isola. Inoltre nei prossimi giorni si dovrà procedere ad un attento esame dell’impatto delle uscite sul territorio, di quanti colleghi dei circa 350 lasceranno la rete e quanti le strutture di direzione, con quale distribuzione temporale di qui al 2019 e come saranno calendarizzate le assunzioni previste nel piano industriale. “

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com