Banche, a marzo prestiti +1%

A marzo i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dell’1 per cento su base annua (0,8 per cento a febbraio). Lo rende noto la Banca d’Italia nella pubblicazione “Banche e moneta: serie nazionali”.

I prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,4 per cento (2,2 per cento nel mese precedente), quelli alle società non finanziarie dello 0,3 per cento (0,1 per cento in febbraio). I depositi del settore privato sono aumentati del 4,1 per cento su base annua (4,0 per cento in febbraio); la raccolta obbligazionaria è diminuita del 15,7 per cento. Il tasso di crescita delle sofferenze è stato pari al 7,1 per cento su base annua (7,5 per cento nel mese precedente); quando si corregge tale tasso di crescita per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari risulta pari all’11,2 per cento (11,7 per cento nel mese precedente).

I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,54 per cento (2,47 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,13 per cento. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono risultati pari all’1,66 per cento (1,52 in febbraio); quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari al 2,16 per cento, quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,22 per cento. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono rimasti stabili allo 0,41 per cento.

(ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com