Cereali: coldiretti, in Sicilia persi 270 ha di superficie

“Con un chilo di grano pagato pochi centesimi gli agricoltori siciliani hanno limitato la semina e l’Isola rischia di essere invasa ancora di piu’ dal prodotto che arriva da altre parti del mondo”. Lo afferma Coldiretti Sicilia con riferimento ai dati emersi da uno studio dell’organizzazione nazionale secondo cui “il calo delle semine supera il -7 per cento e rischia di far abbandonare terreni aggravando la gia’ precaria situazione delle aree interne dove si concentra la produzione cerealicola regionale”. “Il grano siciliano – aggiunge Coldiretti – rappresenta la produzione piu’ importante per il settore e preoccupa il calo della produzione, gia’ significativo nel 2016 sul 2015, rilevato dall’Istat. Due anni fa la produzione di grano duro aveva superato gli otto milioni e cento quintali, lo scorso anno si e’ attestata a poco piu’ di 7 milioni e 600 quintali. Se nel 2015 la superfice coltivata era 286.798 ettari, nel 2016 sono stati seminati 284.005 ettari e il calo registrato fa prevedere una ulteriore perdita di produzione. Il quadro cerealicolo regionale rischia di peggiorare – denuncia ancora Coldiretti Sicilia – a causa dall’approvazione da parte dell’Europarlamento del Ceta (Comprehensive Economic and Trade Agreement) con il Canada che rappresenta il primo esportatore di grano duro in Italia. Un accordo che dovra’ essere ratificato dal Parlamento nazionale contro il quale rischia di scatenarsi una nuova guerra del grano. Occorre accelerare sul percorso di ratifica ed entrata in vigore dell’etichettatura di origine obbligatoria per il grano usato per produrre la pasta”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com