Pmi: cartolarizzazioni, 1,2 mld per Sud Italia, Sicilia e Sardegna

 

Un miliardo e 200 milioni di nuove risorse finanziarie per le PMI localizzate nell’Italia del Sud e nelle isole. E’ il risultato della “Iniziativa PMI” lanciata oggi a Roma da MISE, Commissione europea e Gruppo BEI. L’Italia e’ il primo tra gli Stati Membri dell’Unione europea a concretizzare il nuovo programma di accesso al credito previsto dalla programmazione 2014-2020 dell’Unione europea utilizzando lo strumento della cartolarizzazione. A presentare l’Iniziativa PMI, presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico di via Molise (MISE), sono stati Carlo Sappino, DG Incentivi alle imprese del MISE, Dario Scannapieco, Vice-Presidente BEI e Presidente FEI, Pier Luigi Gilibert, AD del FEI, e, per la Commissione UE, Rudolf Niessler, DG REGIO per i programmi dei Paesi dell’Europa meridionale e Ciprian Cristea, Capo unita’ DG GROW con responsabilita’ sugli strumenti finanziari del programma COSME. Iniziativa PMI rappresenta uno strumento finanziario innovativo previsto dalla nuova regolamentazione sui Fondi Strutturali e di Investimento Europei (Fondi SIE) che permette di combinare i fondi gestiti a livello nazionale (o regionale) con risorse del programma europeo COSME (Programme for the Competitiveness of Enterprises and Small and Medium-sized Enterprises) e risorse del Gruppo BEI.

L’Italia ha messo a disposizione di questo progetto 100 milioni di Fondi strutturali FESR, a cui il Governo ha aggiunto altri 102,5 milioni: 202,5 milioni in tutto di contributo statale. Grazie all’innovativita’ dello strumento finanziario Iniziativa PMI, basato sulla tecnica della cartolarizzazione di crediti esistenti e grazie all’intervento di BEI e FEI, circa 1,2 miliardi di nuovi prestiti a tassi favorevoli sara’ erogato a PMI operanti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. “Nel panorama dell’economia italiana le piccole e medie imprese sono le piu’ colpite dal credit crunch: per molte di esse l’accesso al credito e’ problematico da anni, specialmente per quelle del Mezzogiorno. Con l’iniziativa che annunciamo oggi, il governo si attiva per ovviare a queste difficolta’: mettiamo a disposizione 200 milioni di risorse per generare, grazie all’intervento del gruppo BEI, uno stock complessivo di 1,2 miliardi di euro di nuovo credito. E’ una cifra importante, che avra’ effetti positivi per migliaia di Pmi del Sud e per le persone che vi lavorano”, sottolinea il Ministro Carlo Calenda. “La SME initiative annunciata oggi sosterra’ start-up e piccole e medie imprese nel Sud Italia. Permettera’ loro di accedere a quelle risorse finanziarie di cui hanno un elevato bisogno e aumentera’ la competitivita’ dell’economia regionale. Colgo l’occasione per ribadire l’auspicio che altri Paesi aderiscano a questa iniziativa innovativa”, ha commentato Corina Cretu, Commissaria per le Politiche regionali della Commissione dell’Unione europea.
“Crediamo nel successo dell’Iniziativa PMI, un’iniziativa coerente con il Piano Juncker, che utilizza l’effetto leva dei Fondi strutturali e di investimento europei erogati mediante strumenti finanziari innovativi per attivare credito verso le PMI italiane, che costituiscono il 99% delle imprese nel sistema economico nazionale”, ha sottolineato il Vice-Presidente BEI e Presidente FEI Dario Scannapieco, “la sfida e’ quella di agevolare il piu’ possibile gli investimenti di questo segmento di imprese, recuperando cosi’ competitivita’, e fornendo quindi un forte stimolo alla crescita e all’occupazione”. Nel dettaglio, Iniziativa PMI adottata dall’Italia si basa sullo strumento finanziario della cartolarizzazione di crediti esistenti per liberare risorse di banche e altri intermediari finanziari per la concessione di nuovi prestiti alle piccole e medie imprese. Gli intermediari selezionati dal Fondo europeo per investimenti avranno la possibilita’ di cartolarizzare tali portafogli, cioe’ cederli a una societa’ veicolo, che si finanziera’ tramite l’emissione di obbligazioni (ABS, asset backed securities). A sottoscrivere le obbligazioni saranno la BEI (tranche senior) ed il FEI (tranche mezzanine). (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com