Assicurazioni, a Catania il Comitato centrale Sna

Il Sindacato Nazionale degli Agenti  di assicurazione ha scelto la città di Catania per convocare oggi e domani, 14 e 15 aprile,  all’International Airport Hotel ( via San Giuseppe La Rena, Catania) la 80^ sessione del Comitato Centrale SNA, il più importante organismo dopo il Congresso nazionale. Una due giorni, che comincerà questo pomeriggio alle 15 e proseguirà domani a partire dalle 9,  e che accoglierà circa 150 delegati provenienti da tutta Italia, fra presidenti provinciali,  coordinatori regionali e componenti dell’esecutivo nazionale. Saranno presenti, tra gli altri,  il presidente nazionale SNA, Claudio Demozzi, e il presidente provinciale Sna Catania, Salvo Lisi.

“Sono molto contento che i vertici nazionali abbiano scelto Catania per riunire i propri rappresentanti – dichiara il presidente Lisi – lo considero un importante riconoscimento per il lavoro che stiamo provando a portare avanti, tenuto conto della trasformazione in atto del ruolo dell’agente sul territorio e del rapporto con il cliente, ma anche del diverso approccio alle nuove tecnologie, dal contrassegno elettronico, l’invio telematico dell’attestato di rischio, il monitoraggio incrociato  tra i database dei diversi organi di controllo, dalla motorizzazione all’istituto di vigilanza IVASS”.

All’ordine del giorno dell’appuntamento di metà mandato, ci saranno i  temi legati allo statuto: la relazione annuale,  bilancio ed elezione del nuovo presidente e vice presidente, “ma non c’è dubbio  – prosegue Lisi – che l’incontro sarà occasione di dibattito su questioni assai più attuali e di interesse pubblico, a cominciare dal Decreto Concorrenza che il Senato non ha ancora esitato e che potrebbe subire ulteriori sostanziali modifiche tali da snaturarne la portata”.

Proprio a Catania lo scorso febbraio si è tenuto il focus con i vertici nazionali Ivass, Ania, Sna e compagnie assicurative sul tanto atteso provvedimento, il cui iter, avviato  l’anno scorso con l’approvazione del Consiglio dei Ministri prima e della Camera poi,  seppur con centinaia di emendamenti, non si è ancora completato e che anzi in Senato potrebbe subire lo stralcio della norma forse più attesa, la cosiddetta “Tariffa Italia”, illustrata in quell’occasione dal suo relatore, il deputato campano Leonardo Impegno, componente della Commissione Attività Produttive alla Camera.

Sulla questione il sindacato Sna ha assunto una precisa posizione a favore dell’art. 7 sul riequilibrio del tariffario tra nord e del sud, che premia i consumatori virtuosi indipendentemente dalla residenza, prevedendo invece maggiorazioni e sanzioni per i furbi  che non pagano il premio o simulano sinistri inesistenti, o danni biologici .

La norma introduce anche un pacchetto di misure per la comparabilità delle offerte sulla Rc Auto con l’obbligo da parte delle assicurazioni di praticare sconti se il cliente accetta alcune clausole, come l’istallazione della scatola nera o il controllo preventivo dei veicoli.

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com