Protocollo di intesa Anci-Confcommercio

“Le attività progettuali previste dall’accordo tra Anci e Confcommercio,  hanno indicato alcune città italiane (e in particolare grandi città come, Torino e Palermo) per una sperimentazione volta ad intrecciare vivibilità, mobilità, sicurezza, pianificazione urbana, inclusione sociale, innovazione con e nelle attività economiche. È necessario, pertanto, perseguire (come avviene da alcuni anni a Palermo ) uno sviluppo urbano sostenibile in sintonia e sinergia con operatori economici, come auspicato nell’accordo tra Anci e Confcommercio, in alternativa  al dissennato aumento  di cubatura e di consumo di suolo e allo sfrenato trasporto e traffico urbano privato”.

Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente dell’AnciSicilia e delegato Anci alle Politiche Comunitarie, che ha presieduto, questo pomeriggio a Roma, la presentazione ufficiale delle attività progettuali previste nel protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso anno tra l’Associazione Nazionale dei Comuni e Confcommercio Imprese per l’Italia.

“Nel caso di Palermo tale percorso – ha concluso Orlando – oggi in sede nazionale considerato virtuoso,  è frutto di una precisa scelta dell’Amministrazione Comunale che ha trovato concreta conferma negli atti del nuovo PRG e nell’ampiezza di azioni nel settore della mobilità sostenibile, dal tram alle pedonalizzazioni, dal car  e bike sharing al potenziamento di mezzi e servizi Amat”.

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com