Trapani. Immobili, prezzi stabili

Prezzi stabili a Trapani nella prima parte del 2015.

Attivo il mercato immobiliare nell’area centrale della città dove la domanda di abitazioni proviene in particolare da famiglie in cerca dell’abitazione migliorativa oppure al primo acquisto. Questo tipo di richieste si focalizzano su soluzioni indipendenti oppure su abitazioni ubicate in contesti condominiali con poche unità abitative dal valore medio di 90-100 mila €. Da segnalare anche investitori interessati al Centro storico della città. Si tratta in genere di risparmiatori che acquistano per i figli, oppure in cerca di soluzioni da trasformare in B&B o da immettere sul mercato degli affitti. In questo caso la spesa media è compresa tra 30 e 70 mila €. Il Centro Storico di Trapani è caratterizzato dalla presenza di abitazioni padronali sorte prima del 1940 ed apprezzate anche da stranieri e da acquirenti in arrivo dal nord Italia in cerca della casa vacanza o della tipologia per investimento. In questo contesto un’abitazione da ristrutturare ha un valore compreso tra 400 e 500 € al mq, mentre per tipologie già ristrutturate la spesa sale a 800-900 € al mq. Il Centro della città si è sviluppato a partire dagli anni ’60 in poi. Per acquistare un appartamento ristrutturato in palazzine ante ’67 bisogna mettere in conto una spesa di 900-1000 € al mq, mentre per tipologie degli anni ’90 situate in un buon contesto abitativo la spesa media si attesta su 1000-1100 € al mq. Zona Archi è una delle parti più commerciali e servite della città ed è composta da tipologie eterogenee: si trovano infatti case padronali, soluzioni residenziali e ville indipendenti. Il quartiere si è sviluppato a partire dai primi anni ’40 per arrivare fino ai giorni nostri, non mancano infatti tipologie di nuova costruzione sorte grazie alla demolizione di vecchie abitazioni. In zona Archi l’usato in buono stato di manutenzione si vende a 750-850 € al mq, mentre per il nuovo si spendono mediamente 1000-1100 € al mq. Fuori dal Centro si trovano le Borgate che si sviluppano a ridosso della zona costiera come ad esempio Bonagia, Pizzolungo e Cornino. In queste zone si possono acquistare ville e villette degli anni ’80 oppure di recente costruzione. A Bonagia una villetta da ristrutturare costa tra 500 e700 € al mq, una villetta ristrutturata vale tra 1000 e 1100 € al mq, mentre nelle aree di Pizzolungo e Cornino, più decentrate, le quotazioni scendono del 10-15% rispetto a quelle appena descritte. Da segnalare che nell’area di Bonagia e di Cornino sono attivi alcuni cantieri per la riqualificazione della passeggiata sul lungomare. Per quanto riguarda il mercato delle locazioni si registrano canoni in leggero aumento, infatti la richiesta da parte di turisti per affitti estivi trascina verso l’alto anche le locazioni residenziali. La domanda arriva soprattutto da famiglie, coppie e single, il canone di un monolocale arredato è di 200-250 € al mese, mentre quello di bilocali e trilocali arredati oscilla tra 300 e 450 € al mese. I contratti più utilizzati sono quelli a canone libero, anche se si segnala qualche contratto a canone concordato con cedolare secca agevolata. In particolare in Centro, utilizzando un contratto a canone concordato, si possono affittare 4 locali  in discrete condizioni a 350-400 € al mese.

Sostanzialmente stabili le quotazioni immobiliari nell’area di Erice Casa Santa nella prima parte del 2015. Il mercato appare ancora rallentato, le compravendite infatti si concludono solo quando i proprietari ribassano i prezzi andando incontro all’attuale disponibilità di spesa dei potenziali clienti. A cercare casa sono soprattutto famiglie e la tipologia più richiesta è il quattro locali. Da segnalare qualche sporadica richiesta da parte di piccoli costruttori in cerca di abitazioni dal valore di 20-30 mila € da ristrutturare e poi rivendere. Via Guglielmo Marconi, importante arteria che attraversa la parte più nuova della città ed unisce Erice e Trapani, è caratterizzata per un primo tratto da edifici costruiti tra gli anni ’20 e gli anni ’50 e per i rimanenti tratti da edifici sempre più recenti quanto più ci si allontana dal centro, fino ad arrivare ad immobili realizzati fino agli anni 2000 e oltre (alcune costruiti anche in cooperative). In questa zona, comprendendo anche le vie limitrofe di entrambi i Comuni, un buon usato vale 750-800 € al mq, con punte di 900 € al mq per immobili con caratteristiche peculiari come ad esempio ampi terrazzi o giardini. In questa area della città è possibile acquistare inoltre appartamenti nuovi in piccoli contesti condominiali a 1250-1400 € al mq. Il quartiere di Villa Mokarta è un’area di Erice Casa Santa, molto residenziale, dove sono presenti piccoli condomini padronali o abitazioni indipendenti con giardino, costruiti dopo il 1965. Un appartamento usato e in buone condizioni si compravende a 750-900 € al mq, mentre per una villa a schiera di circa 150 mq e disposta su tre livelli si spendono 1500-1600 € al mq. Nella parte periferica a sud-est si trova il quartiere di Villa Rosina, vecchia area agricola della città attualmente in espansione, dove si possono acquistare tipologie nuove a 1100-1350 € al mq. Sostanzialmente stabile anche il mercato delle locazioni nell’area di Erice Casa Santa, dove la richiesta proviene soprattutto da famiglie in cerca di appartamenti ampi non arredati. Le coppie preferiscono trilocali il cui canone si attesta su 300-320 € al mese, mentre le famiglie affittano quattro locali con canoni compresi tra 400 e 450 € al mese. Il contratto utilizzato è quello a canone libero, anche se, grazie all’introduzione della cedolare secca agevolata, si registra un certo interesse per i contratti a canone concordato.

 

 

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com