Vino: 5 storiche aziende  italiane  si alleano per fare sistema nel mondo. Per la Sicilia c’è Planeta

È nata la «Italian Signature Wines Academy-ISWA», società consortile di eccellenza. Cinque delle più prestigiose aziende vinicole italiane, sparse in altrettante regioni da nord a sud del Paese, con vini di elevata qualità, consolidata tradizione, ben presenti all’estero, una produzione globale di oltre 33,2 milioni di bottiglie ed un fatturato complessivo che supera i 200 milioni di euro l’anno, hanno  dato vita ad una alleanza strategica per fare sistema e ampliare la loro presenza nel mondo. Si chiama «Italian Signature Wines Academy» la società consortile appena costituita dalle aziende Allegrini (Veneto), Feudi di San Gregorio (Campania), Fontanfredda (Piemonte), Marchesi de’ Frescobaldi (Toscana) e Planeta (Sicilia), con sede a Roma.

«Il nostro Paese deve fare sistema e la forza della nostra società consiste proprio nel mettere assieme le più importanti presenze vinicole italiane all’estero, degli autentici plus portabandiera del Made in Italy nei cinque continenti in un settore che ha spazi enormi di crescita, soprattutto nei nuovi mercati», ha spiegato la neopresidente Marilisa Allegrini, proprietaria dell’Azienda Agricola Allegrini, precisando che «agiremo non solo nei principali mercati, ma anche in quelli emergenti attraverso progetti mirati e sinergie strategiche, basate sulle nostre solide esperienze e conoscenze, per aumentare la presenza italiana nel mondo».

Sull’unicità di questa alleanza strategica ha insistito Francesca Planeta, proprietaria di Planeta: «Questa società consortile fra le cinque maggiori firme italiane conferma la capacità che nel nostro Paese è possibile fare sistema anche tra aziende diverse, di regioni differenti, perché tutti noi crediamo fortemente che il Made in Italy sia forza di penetrazione e di sviluppo anche e soprattutto sui nuovi mercati puntando ad una ottimizzazione degli sforzi».

Attraverso le rispettive forti analogie e affinità, la «Italian Signature Wines Academy» mira  ad esplorare e a sfruttare ogni possibile sinergia nella promozione e nello sviluppo commerciale sui mercati internazionali, anche elaborando progetti  su canali di vendita nuovi e difficili da penetrare dalle singole aziende, per rafforzare ed estendere la presenza del Made in Italy.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com