Legalita’: lotta all’evasione, accordo Comune Siracusa-Guardia di Finanza

Comune di Siracusa e Guardia di Finanza insieme per contrastare l’evasione fiscale. I dettagli di questa collaborazione sono contenuti in un protocollo d’intesa approvato dalla Giunta e che, nei prossimi giorni, sara’ firmato dal sindaco, Giancarlo Garozzo, e dal Comandante provinciale delle Fiamme gialle, colonnello Antonino Spampinato. Elemento centrale dell’accordo e’ lo scambio di informazioni tra le due istituzioni. Il Comune fornira’ ai finanzieri i dati in suo possesso per favorire gli accertamenti e il Comando di via Epicarmo disporra’ i servizi necessari. I controlli riguarderanno le tasse sui rifiuti e sulla casa, nelle varie forme registrate negli anni, la tassa di soggiorno, le imposte sulla pubblicita’ e sull’occupazione del suolo pubblico. L’intesa si occupa anche degli sconti sui servizi concessi in base al reddito (come nel caso delle rette per gli asili nido e per la refezione scolastica): il Comune fornira’ alla Guardia di Finanza gli elenchi delle persone sulle quali c’e’ il dubbio che abbiano denunciato proventi inferiori a quelli reali e e le relative documentazioni; le Fiamme Gialle, compiuti gli accertamenti, forniranno al Comune le informazioni per la determinazione della corretta base imponibile ai fini delle tasse e delle imposte.

Per il sindaco Garozzo si tratta di un “protocollo importante perche’ introduce elementi di legalita’ e di giustizia sociale nei rapporti tra Ente e cittadino e consente di recuperare una parte dell’evasione e dell’elusione tributaria. Il Comune – prosegue il sindaco Garozzo – fa i conti con problemi di liquidita’ dovuti anche al fatto che incassa meno di quanto dovrebbe a causa dei troppi furbi. Tutto questo deve finire, non perche’ vogliamo avere un atteggiamento persecutorio ma perche’ non e’ giusto che siano le persone oneste a pagare anche per gli altri, impedendo all’Amministrazione di abbassare il carico tributario delle famiglie”. Per la Guardia di Finanza, il colonnello Spampinato ha precisato che “l’iniziativa istituzionale si inserisce nell’ambito di un piu’ ampio progetto del Corpo teso ad intensificare le attivita’ di Polizia Economico Finanziaria a sostegno, non solo del bilancio dell’Unione Europea e dello Stato ma anche delle finanze degli Enti locali”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com