Palermo. Chiusura del Bar Mazzara e crisi del Gruppo Randazzo. La Cidec: “tutti i settori in crisi, ristorazione al collasso”

“Nessun fondo pubblico statale o regionale per le attività commerciali e le imprese in difficoltà: come si suol  dire, mentre il medico studia, il malato muore”: è l’amaro  commento del presidente provinciale della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Salvatore Bivona in merito alle sconfortanti notizie riguardanti la chiusura dello storico bar “Mazzara” e il licenziamento di 40 dipendenti del gruppo Randazzo, “insegna” altrettanto storica per Palermo e non solo.
“Complessivamente – spiega Bivona – in città perderanno il lavoro circa 70 unità: un’ ulteriore emorragia occupazionale che nessuno ha saputo frenare, malgrado sindacati e associazioni di categoria denuncino ormai da troppo tempo il collasso delle attività commerciali”.
Nello specifico, il presidente della Confederazione sottolinea, riferendosi alla pasticceria Mazzara, “la crisi irreversibile, in città, delle attività legate alla ristorazione, un tempo volano dell’economia locale”.
Nell’agosto 2013, la CIDEC aveva denunciato attraverso un comunicato ufficiale, la chiusura quotidiana, in Sicilia, di dieci imprese del settore ristorazione, “a causa di politiche fiscali oppressive e del calo generale dei consumi legato alla crisi”.
“Appare davvero paradossale – conclude in una nota Bivona – che, in un momento produttivo talmente drammatico, ci si interroghi ancora sul regolamento dei dehors , il cui ritardo ha di certo contribuito a dare il colpo di grazia a tanti esercizi già in affanno”.

“Nessun fondo pubblico statale o regionale per le attività commerciali e le imprese in difficoltà: come si suol  dire, mentre il medico studia, il malato muore”: è l’amaro  commento del presidente provinciale della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Salvatore Bivona in merito alle sconfortanti notizie riguardanti la chiusura dello storico bar “Mazzara” e il licenziamento di 40 dipendenti del gruppo Randazzo, “insegna” altrettanto storica per Palermo e non solo. “Complessivamente – spiega Bivona – in città perderanno il lavoro circa 70 unità: un’ ulteriore emorragia occupazionale che nessuno ha saputo frenare, malgrado sindacati e associazioni di categoria denuncino ormai da troppo tempo il collasso delle attività commerciali”. Nello specifico, il presidente della Confederazione sottolinea, riferendosi alla pasticceria Mazzara, “la crisi irreversibile, in città, delle attività legate alla ristorazione, un tempo volano dell’economia locale”. Nell’agosto 2013, la CIDEC aveva denunciato attraverso un comunicato ufficiale, la chiusura quotidiana, in Sicilia, di dieci imprese del settore ristorazione, “a causa di politiche fiscali oppressive e del calo generale dei consumi legato alla crisi”. “Appare davvero paradossale – conclude in una nota Bivona – che, in un momento produttivo talmente drammatico, ci si interroghi ancora sul regolamento dei dehors , il cui ritardo ha di certo contribuito a dare il colpo di grazia a tanti esercizi già in affanno”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com