StartApi. Riemergere dalla crisi, Confapi Sicilia e Camera di Siracusa mettono sul tavolo le loro strategie

Si sono appena concluse le tre giornate organizzate da Confapi Sicilia e Camera di Commercio dedicate alla “ricerca, all’analisi e allo sviluppo di nuove strategie per riemergere dalla crisi”.

L’avvio dei lavori è  stato dato dal Presidente di Confapi Sicilia, Nello Lentini e Giorgia Butera, responsabile della comunicazione di Confapi, con la presentazione del nuovo portale. Un restyling per una consultazione più snella e di facile accesso. www.confapisicilia.it, avrà la funzione di servizio diretto alle imprese e ai curiosi naviganti che vorranno reperire informazioni, e di “Start-Api”, progetto Confapi che prevede la creazione in provincia di Siracusa di info-point a disposizione di tutti coloro che vogliono tradurre in realtà un’idea imprenditoriale. Il momento successivo è stata una tavola rotonda istituzionale; il tema dello stallo economico affrontato in chiave ottimistica perché dal salone di Confapi Siracusa si è posto l’accento sulle possibili vie d’uscita e sull’individuazione degli strumenti di una ripresa possibile. Presenti gli Assessori del Comune di Siracusa Francesco Italia e Fabio Moschella; il vicepresidente della Camera di Commercio di Siracusa, Pippo Gianninoto; il presidente di Confagricoltura Siracusa, Massimo Franco.

Ad aprire i lavori, il presidente di Confapi Sicilia, Nello Lentini. «A distanza di un anno ci ritroviamo a parlare ancora di accesso al credito per le imprese e di internazionalizzazione perché  i problemi non sono ancora risolti mentre le imprese scompaiono ogni giorno – ha detto nel corso della conferenza stampa -. Abbiamo deciso di organizzare una tavola rotonda con diverse personalità  istituzionali all’interno di una tre giorni di confronto perché  vogliamo sentire quali sono i progetti di sviluppo e sostegno all’imprenditoria compresa quella giovanile. Vogliamo stimolare tutti gli attori coinvolti perché si compia quel passaggio indispensabile dall’austerity alla produttività. Il governo Crocetta continua a prendere del tempo mentre aspettiamo con ansia lo sblocco dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni e la riforma organica (da spreco a investimento) del sistema della Formazione». Economia del territorio e sviluppo d’impresa quali elementi obbligatori da portare al centro dei tavoli politici e istituzionali per far si che benessere sociale e opportunità siano i reali obiettivi di politiche mirate e attente al costo del lavoro, all’attrazione degli investitori, all’agevolazione della libera iniziativa in un contesto di collaborazione tra attori principali (amministrazioni a vari livelli, associazioni di categoria, imprenditori e istituti di credito).

«In un momento terribile parliamo di start up d’impresa e giovani – ha spiegato Paolo Lentini, presidente di Confapi Siracusa, – semplicemente perché vogliamo essere controtendenza stimolando il tessuto imprenditoriale giovanile. Creare una nuova impresa significa pensare e pesare un’idea, mettere in piedi un business plan, individuare le risorse necessarie ma spetta poi alle istituzioni creare le condizioni perché questa idea si possa tradurre in realtà. Ecco perché non si può prescindere dal fare sistema con gli attori coinvolti». Le seconde giornate si sono svolte a Noto, in sala “Gagliardi”. Insieme al presidente regionale Confapi, Nello Lentini, anche il presidente della Camera di Commercio di Siracusa, Ivanhoe Lo Bello e i sindaci di Noto, Avola, Pachino, Rosolini e Portopalo Capo Passero. Ci si è confrontati su temi riguardi l’internazionalizzazione e, l’opportunità di creare un marchio unico Sicilia. I protagonisti della terza giornata sono stati giovani imprenditori, i quali hanno presentato nuove idee di startapi. Da Confapi Sicilia, il massimo sostegno alle imprese per una crescita socio-economica del territorio, in un processo di sviluppo non soltanto locale, ma anche internazionale.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com