Istat: nel secondo trimestre export +0,4%, cala Sud cresce Nord Est

Nel secondo trimestre del 2013, secondo i dati Istat, la crescita congiunturale del complesso delle esportazioni dell’Italia (+0,4%) e’ la sintesi di dinamiche territoriali significativamente differenziate: le esportazioni fanno registrare una diminuzione congiunturale sensibile nelle regioni meridionali e insulari (-3,2%), piu’ contenuta per l’Italia nord-occidentale (-1%) e centrale (-0,9%); per contro, nell’Italia nord-orientale le esportazioni crescono (+3,6%). La dinamica tendenziale dell’export nazionale nei primi sei mesi dell’anno (-0,4%) e’ la sintesi del calo delle vendite per le regioni dell’Italia insulare (-13,8%), meridionale (-6%) e nord-occidentale (-0,2%) e del risultato positivo conseguito dall’Italia centrale (+2,8%) e nord-orientale (+0,8%). Le regioni che contribuiscono maggiormente alla flessione dell’export nel primo semestre 2013 sono Sicilia (-17,9%), Puglia (-17%), Liguria (-13,4%), Toscana (-1,9%) e Friuli-Venezia Giulia (-3,3%). Tra le regioni in espansione si segnalano come particolarmente dinamiche: Lazio (+7,9%), Marche (+12,7%) e Provincia Autonoma di Bolzano (+5,5%). Nei primi sei mesi del 2013 le esportazioni di coke e prodotti petroliferi raffinati da Sicilia e Lazio, di metalli di base e prodotti in metallo, esclusi macchine e impianti da Toscana e Puglia e di mezzi di trasporto, esclusi autoveicoli dalla Liguria risultano in forte diminuzione.  Nello stesso periodo, l’aumento delle esportazioni di articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici da Lazio e Marche, di autoveicoli dal Piemonte e di macchinari e apparecchi n.c.a dalla Toscana contribuisce a ridurre la flessione dell’export. Nel primo semestre, si segnalano tra le province con il piu’ elevato contributo alla diminuzione dell’export nazionale: Siracusa, Taranto, Arezzo, Genova, Caltanissetta, Frosinone e Terni. Latina, Firenze e Ascoli Piceno contrastano, invece, in misura rilevante il rallentamento delle vendite all’estero. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com