Fondi Ue: Grasso “Sicilia affonda e governo impegnato in nomine”

Bernadette Grasso, vicecapogruppo all’Ars di Grande Sud-Pid, torna a puntare l’attenzione sui fondi strutturali europei non spesi, sollecitando un’audizione urgente, in commissione legislativa Bilancio e Programmazione, dell’assessore regionale per l’Economia, Luca Bianchi, e del dirigente generale del dipartimento della Programmazione, Vincenzo Falgares, perche’ producano una relazione sull’avanzamento della spesa dei fondi comunitari. Nella sua richiesta, il deputato regionale chiede di discutere e votare la risoluzione presentata “Interventi in ordine al compimento del Programma attuativo regionale (Par) Fas 2007/2013” (modificato dalla giunta regionale a giugno 2012), in cui sono state stabilite priorita’, obiettivi e interventi, con un impegno di spesa di 3.684.406 di euro. “Risorse – spiega Grasso – impegnate e spese solo una parte e che rappresentano, insieme a quelle strutturali, l’unica fonte finanziaria per attuare una seria politica di sviluppo”. Nella risoluzione si chiede “quali siano gli interventi gia’ conclusi e quelli in corso di realizzazione; quanti progetti cantierabili sono disponibili e immediatamente finanziabili, tra quelli che rispondono alle priorita’ della delibera; nel caso risultassero insufficienti, in che modo il governo intende reperirli negli enti territoriali”. Il vicecapogruppo di Grande Sud ricorda al presidente Crocetta e ai dirigenti generali dei dipartimenti che “ogni giorno la Sicilia perde decine di milioni di euro indispensabili a far ripartire l’economia e scongiurare la chiusura di altre aziende”. “Ed invece di dare una sterzata agli investimenti, il presidente Crocetta continua a mantenere baraccopoli inutili, declinando tutto il suo tempo a nomine clientalari, dimenticando che la Sicilia affonda”, rimarca il deputato regionale. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com