Ragusa. La Cna ha incontrato il sindaco di Comiso : “Con Spataro pronti ad avviare una collaborazione sulle questioni più impellenti per il futuro della città”

Hanno preso il via le visite istituzionali portate avanti dalla Cna tese a instaurare rapporti con le nuove Amministrazioni comunali dopo le recenti elezioni. Il primo appuntamento di questo nuovo percorso è quello tenutosi a Comiso dove, negli uffici di palazzo di Città, una delegazione dell’associazione di categoria, formata dal presidente provinciale Giuseppe Massari, e dal presidente territoriale Giovanni Calogero, assieme a Michele Arabito e ad Andrea Distefano, ha incontrato il neo sindaco Filippo Spataro. “Oltre a rivolgere al primo cittadino gli auguri di buon lavoro – afferma il presidente Massari – la Cna ha subito precisato che obiettivo dell’organizzazione di categoria è quello di collaborare il più possibile con le varie Amministrazioni locali nell’interesse della cittadinanza e delle piccole e medie imprese in particolare. Vogliamo interagire con il sindaco per fare crescere la città e per intraprendere un nuovo percorso al fine di affrontare le questioni più impellenti”.

Il presidente Calogero aggiunge: “Comiso è una città dalle numerose potenzialità. Abbiamo chiesto innanzitutto di riprendere la questione della zona artigianale non dimenticando che, a suo tempo, avevamo in corso una collaborazione per la gestione del Centro direzionale, iter che poi è stato abbandonato. Abbiamo chiesto, altresì, di concretizzare tutte quelle opere che possono rendersi necessarie per garantire la dovuta accessibilità al sito in questione. Abbiamo manifestato al sindaco, inoltre, la nostra disponibilità a contribuire al maggior decoro possibile della città in un periodo in cui sappiamo che l’ente non può sostenere spese di tal genere, così come abbiamo chiesto un forte impegno sul fronte della raccolta differenziata”.

Sul tappeto del confronto anche la necessità di riavviare le procedure per quanto concerne il Piano regolatore generale, che risulta essere bloccato da un bel po’ di anni. “Abbiamo auspicato – dice ancora Calogero – l’approvazione dei Piani particolareggiati soprattutto per quanto riguarda il centro storico. In generale è nostra intenzione portare avanti un’ampia collaborazione con l’Amministrazione che ci ha assicurato che non muoverà un passo se non sentirà prima le associazioni di categoria, la nostra in modo specifico, essendo la più rappresentativa del territorio. Ciò ci lascia ben sperare in quanto potrebbe essere l’inizio di un percorso nuovo e molto proficuo. E’ chiaro che vigileremo affinché alle parole possano seguire i fatti”. Sono state affrontate anche le problematiche riguardanti Imu e Tares. La Cna ha chiesto di rimodulare in una certa maniera gli importi sottoposti a tassazione, affinché si possa venire incontro alle esigenze delle piccole e medie imprese. “Siamo consapevoli delle difficoltà finanziarie in cui versa il Comune – conclude Massari – ma quello che ci interessa, in questa fase, è che siano arrivati segnali di disponibilità dal palazzo di Città ed in questo senso quanto ci è stato detto è risultato essere parecchio incoraggiante”.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com