Fondi Ue: Trigilia “da domani gruppo di lavoro misto con la Sicilia”

“Ci sono i presupposti” per accelerare e migliorare la qualita’ della spesa dei fondi comunitari in Sicilia. Lo ha detto il ministro per la Coesione Carlo Trigilia, dopo un incontro a Palazzo d’Orleans, a Palermo, con il presidente della Regione Siciliana, Rosario Crocetta. Trigilia si e’ detto “soddisfatto dell’incontro” ma ha sottolineato anche la necessita’ di “un cambiamento”, soprattutto per quanto riguarda il modo in cui “i fondi sono stati utilizzati fino ad oggi”, bisogna “fare meglio”, evitando di concentrarsi su “troppe misure come accaduto fin qui”. “Dobbiamo impegnarci – ha sottolineato Trigilia – perche’ non si ripresentino le disfunzioni del passato”. “Agiremo sulla base di un programma di spesa preciso”, ha aggiunto Crocetta. “L’obiettivo e’ quello di raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati”.

“E’ stato un incontro molto costruttivo alla luce della necessita’ di migliorare l’efficienza e l’efficacia dell’uso dei fondi europei. E’ un problema che riguarda sia l’amministrazione regionale che quella nazionale”. Questo il commento del Ministro per la Coesione territoriale Carlo Trigilia al termine dell’incontro avvenuto oggi a palazzo d’Orleans a Palermo con il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta. “Sono stati fatti notevoli passi avanti nel rapporto di collaborazione con la Sicilia, gia’ positivamente avviato nei mesi scorsi, anche in vista della programmazione del nuovo ciclo 2014- 2020 – ha proseguito il Ministro – Da domani un gruppo di lavoro misto, composto da rappresentanti della Regione e del Governo, comincera’ un’attivita’ di verifica con cui entro il 31 luglio dovranno essere calcolate le risorse che possono essere impegnate e quelle che dovranno essere rimodulate, per evitare il rischio di disimpegno dei fondi”. Il Ministro ha ribadito, inoltre, “l’impegno costante a far si che tutti i fondi del ciclo 2007-2013 vengano spesi efficacemente”, ma anche per “migliorare il governo complessivo del nuovo ciclo 2014-2020. Il tutto per non perdere un solo centesimo”. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com