Confindustria: Trapani, tavolo congiunto banche-imprese

Tavolo congiunto Banca-Impresa, stamattina, nella sede di Confindustria Trapani, per affrontare la problematica del credito. L’iniziativa, promossa dall’Associazione degli Industriali, d’intesa con la Banca d’Italia, ha visto la partecipazione dei rappresentanti di Unicredit, Intesa Sanpaolo, Credito Siciliano, BCC Don Rizzo, Banca di Credito Cooperativo di Paceco, Banca Nuova e Banca Carige. Presenti anche la Camera di Commercio e il Consorzio Fidi di Trapani. E’ emerso, in tutta la sua gravita’ e complessita’, il perdurare di una crisi sistemica che sembra offrire pochi spazi alla ripresa dell’economia provinciale in assenza di forti azioni di rilancio in materia di sviluppo e di sostegno alle imprese da parte della politica.

“Malgrado cio’ – sottolinea il presidente di Confindustria Gregory Bongiorno – nel piu’ ristretto ambito territoriale si puo’, intanto, lavorare per migliorare il clima di fiducia e di attenzione verso le iniziative imprenditoriali supportando adeguatamente le progettualita’ valide e meritevoli. In questo senso e’ emerso il concreto impegno del sistema bancario ad assicurare maggiore vicinanza ed assistenza alle imprese con l’obiettivo, ampiamente condiviso, di rafforzare il sistema delle PMI locali. Infatti ,oggi, a subire l’effetto della ‘accresciuta capacita’ selettiva’ delle banche sono soprattutto le imprese piu’ piccole, che a causa della crisi prolungata, si trovano in posizione di fragilita’ con troppi debiti bancari, poco capitale e rating indicativi di maggiore rischio. Al fine di migliorare il dialogo e ridurre il gap informativo tra banche e imprese, saranno avviate prossimamente alcune iniziative congiunte (workshop e seminari) allo scopo di contribuire ad accrescere le competenze finanziarie degli imprenditori in modo da poter meglio gestire i rapporti e le relazioni con gli istituti di credito”. Il tavolo congiunto Banche-Confindustria sara’ riaggiornato con cadenza periodica per una verifica della situazione del credito in provincia di Trapani. (ITALPRESS).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com