Legalità: intesa prefettura, raffineria Milazzo e Confindustria

Un protocollo di Legalita’ sottoscritto nel pomeriggio di ieri (lunedì) dalla Prefettura di Messina, da Confindustria Sicilia e Messina, e dalla Raffineria di Milazzo. La firma è stata apposta, alle 17, presso la sede della prefettura. Presenti il prefetto Stefano Trotta, il vice presidente regionale di Confidustria Ivo Blandina che fara’ le veci del presidente Antonello Montante, e l’Ad di Ram Alessandro Gilotti. La sottoscrizione del documento e’ stata voluta da Confindustria Sicilia e dal suo presidente Antonello Montante, che nel 2012 ha sottoscritto con il Ministro dell’Interno, Anna Maria Cancellieri, un protocollo di Legalita’ il cui scopo e’ rafforzare le condizioni di sicurezza e di legalita’ delle attivita’ economiche e contrastare le infiltrazioni criminali. “Il protocollo – spiega Montante – e’ espressione di una intensa collaborazione tra il Ministero dell’Interno e Confindustria e si indirizza a tutte le aziende italiane che vogliono aderire a principi di condotta rigorosi e collaborare sul territorio con le autorita’ pubbliche al fine di migliorare i controlli sulle attivita’ economiche e rendere le imprese piu’ competitive nel libero mercato”. (

Con la firma di ieri la Raffineria di Milazzo si impegna, come si legge in una nota, a contrastare tutte quelle forme di illegalita’ che inquinano il modus operandi di un’azienda che dichiara apertamente la sua voglia di una sana cultura d’impresa, a rescindere il contratto con quelle aziende aggiudicatrici di appalti all’interno dell’area industriale la cui informativa antimafia, rilasciata dalla prefettura sulla base dei dati rilasciati, dovesse risultare positiva. Sara’ ancora suo il compito di mantenere aggiornata una banca dati delle imprese che si aggiudicano sia gli appalti che i subappalti. La rescissione del contratto e’ prevista anche in caso in cui le imprese non denuncino eventuali richieste di estorsione. “La firma di questo documento – dice Montante – e’ un ulteriore passo verso la legalita’ che sara’ anche di impulso alla nostra economia, permettendo alle aziende sane che osservano le leggi di lavorare liberamente e senza condizionamenti criminosi e criminali”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com