Palermo. Domani (20 novembre) all’Orto Botanico di Palermo si parlerà di dieta Mediterranea

Tra convegni, workshop, laboratori didattici il Gal Isc Madonie promuove, dal 19 al 25 novembre, la settimana dell’Unesco 2012 dedicata al tema: “Vivi la dieta del Mediterraneo – Alimentazione e sviluppo locale integrato e sostenibile”. L’iniziativa, sotto il coordinamento della commissione nazionale italiana per l’Unesco, coinvolge una ventina di enti in tutta la regione e vuole presentare un possibile percorso di sviluppo del territorio attraverso la corretta, sostenibile e partecipata gestione del patrimonio e delle risorse agroalimentari, ambientali e socio-culturali. Una riscoperta delle proprie origini e radici storiche e culturali, partendo dalle vocazioni agroalimentari antiche, per programmare piani di sviluppo integrati che interpretino in maniera nuova e condivisa il territorio.

“La settimana dell’Unesco, centrata sul tema dell’alimentazione – ha dichiarato il presidente del Gal Madonie, Bartolo Vienna – rappresenta un’occasione d’incontro e confronto sullo sviluppo Sostenibile, grazie alle diverse competenze che i soggetti istituzionali, le scuole, le associazioni, gli enti di ricerca, i consorzi, le università, le imprese hanno maturato e sviluppato nel corso delle loro attività  nei territori. Il legame con il territorio è assicurato dal ruolo istituzionale che l’agenzia Sosvima svolge nel territorio Madonita e il raccordo con i diversi GAL (Gruppi di Azione Locale) che hanno già sottoscritto un protocollo d’intenti per il progetto “Sicilia … è dieta del Mediterraneo”.

Tra i temi selezionati intorno ai quali si svilupperanno le diverse iniziative: Agricoltura come fonte di scoperta dei sapori e delle tradizioni culturali locali; Educazione all’alimentazione consapevole; Alimentazione e salute; Alimentazione e dieta del Mediterraneo; Agricoltura responsabile a favore di coltivazioni stagionali al fine di garantire una maggiore freschezza e qualità dei prodotti.

La prima giornata di lavoro si svolgerà, domani martedì 20 novembre, alle ore dieci, all’orto botanico di Palermo. Durante la prima sessione, promossa dal Gal Madonie, Sosvima e l’Università degli studi di Palermo sul tema: “Biodiversità e strategie di sviluppo integrate e sostenibili: cultura, salute, alimentazione e agricoltura” dopo l’introduzione di Alessandro Ficile, presidente di Sosvima, il saluto delle autorità con l’avvio dei lavori da parte del presidente del Gal Madonie Bartolo Vienna, interverranno Francesco Maria Raimondo, direttore del dipartimento di biologia dell’università di Palermo, Rosario Schicchi, università di Palermo, Michele Macaluso, Soat Petralia Sottana, Marcello Cerasola, società Agronica, Domenico Targia, associazione Arebba Sicilia, Mauro Leva, presidente associazione Isola Verde Salina, Rocco Di Lorenzo “Tutti in rete”, Linda Pasta dirigente medico “Villa Sofia-Cervello” Leonardo Mesa Suero, mediatore culturale, Antonio Gerbino, direttore civita Sicilia e Roberto Albergoni, associazione Herimed. La prima sessione sarà chiusa con un buffet con prodotti tipici del comprensorio Madonita. Nel pomeriggio la seconda sessione, a cura di I.Di.Med. (Istituto per la promozione e la valorizzazione della dieta del Mediterraneo), su: “Il recupero delle tradizioni della più radicata cultura enogastronomica siciliana (Dieta Mediterranea) per un modello esportabile di salute e di sviluppo”, vari gli interventi programmati tra i quali quelli di Giuseppe Carruba responsabile per la ricerca e l’internazionalizzazione, ARNAS-Civico e presidente I.Di.Med e di Biagio Agostara primario di oncologia medica.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com