Ambiente: Clini lancia progetto sostenibilità vitivinicoltura

“Non di solo acciaio vive il ministro per l’Ambiente, ma come vedete anche di vino”. Con una battuta il titolare del dicastero per le politiche ambientali, Corrado Clini, ha presentato lunedi’ scorso a Palermo lo stato di avanzamento di un progetto pilota sulla sostenibilita’ del sistema vitivinicolo in Italia. Un progetto ambizioso che mira a ridurre le emissioni di carbonio e rendere piu’ ecologico il vino made in Italy, in tutte le fasi di produzione, dalla gestione del vigneto alla vendemmia, fino all’imbottigliamento e alla distribuzione. Tra i partner dell’iniziativa, nove cantine che rappresentano un campione significativo delle piccole, medie e grandi realta’ che lungo lo Stivale si occupano di viticoltura. Castello di Monte Vibiano Vecchio, Gancia, Masi Agricoltura, Marchesi Antinori, Mastrobernardino, Michele Chiarlo, Planeta, Tasca d’Almerita e Venica & Venica: queste le realta’ imprenditoriali che hanno aderito al progetto, in partenariato con il Ministero per l’Ambiente e tre Atenei italiani. Coniugare impresa e ricerca: ecco lo strumento individuato per raggiungere l’obiettivo della sostenibilita’. “Mi auguro di riuscire a presentare il prodotto entro la fine della legislatura” ha detto Clini. “L’obiettivo, oltre al rispetto per l’ambiente – ha proseguito -, e’ anche quello di imporre il buon made in Italy nei mercati internazionali dove sempre piu’ spesso, soprattutto tra i mercati emergenti come l’India, viene richiesta la certificazione di qualita’ ambientale. Martedi’ scorso abbiamo firmato un accordo analogo con Gucci, che vuole avere questo marchio per ottenere appunto un vantaggio di competitivita’ sui mercati. Stessa cosa si e’ fatta con Illy caffe’ o con alcune acque in bottiglia. Insomma – ha concluso Clini – l’elenco sarebbe lungo. Questi sono tutti progetti pilota che servono ad indicare una metodologia che vogliamo fare diventare punto di riferimento e standard per le imprese”. (ITALPRESS)

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com