Economia: vicenda Nomura, la precisazione della Regione

In merito alle notizie giornalistiche, sull’azione che sarebbe stata proposta da Nomura presso l’alta Corte di Londra contro la Regione siciliana, apparse oggi su “Il Sole-24Ore”, l’assessorato dell’Economia precisa: a) Nessun atto di proposizione di giudizio per danni risulta ad oggi essere stato notificato alla Regione in merito al contratto, risalente al 26/6/2006 e con scadenza al 31/12/2021, che, come comunicato da ultimo (30/8/2012) dalla stessa banca internazionale, ha un valore di 133,597,418,45 euro.

b) L’assessorato ha da tempo avviato la revisione delle condizioni dei contratti di derivati stipulati negli anni passati dalle Regione, sulla base di atto di indirizzo assessoriale del 19 settembre 2011, nell’ambito delle attivita’ di trasparenza sul fabbisogno finanziario che hanno dato luogo alla pubblicazione periodica del Bollettino sul fabbisogno finanziario, sin da ottobre 2011.

A tal fine sono stati avviati una serie di incontri di confronto con tutte le banche controparti delle operazioni in essere nell’ottica della semplificazione delle clausole contrattuali e del perseguimento del massimo risparmio, anche attraverso forme di rinegoziazione che consentano di realizzare un risparmio per il pubblico erario.

E cio’ sulla base dei piu’ recenti orientamenti della giurisprudenza amministrativa (T.A.R. Toscana-Firenze, n. 154 del 27 gennaio 2011; Consiglio di Stato, Sezione Quinta, n. 5032 del 7 settembre 2011), che hanno consentito il superamento di clausole particolarmente sfavorevoli per le amministrazioni contraenti e di quanto rilevato dalla stessa Corte dei conti in materia di derivati in linea con la tendenza generalizzata all’estinzione delle operazioni in derivati. I dirigenti dell’assessorato, con questo obiettivo, hanno avuto alcuni incontri (l’ultimo il 13 marzo scorso) anche con i responsabili Italia ed Europa di Nomura che ha dovuto prendere atto delle determinazioni della Regione; c) Avuto riguardo alla genesi dei rapporti contrattuali tra la Regione e Nomura, che sono stati oggetto di approfondite inchieste giornalistiche della stessa testata e delle indagini delle Procure della Repubblica di Milano e di Palermo, l’assessorato ha avviato una commissione d’inchiesta (nomi nata con decreto assessoriale del 13 agosto 2012) che sta approfondendo gli atti di gara e le relazioni contrattuali con la Banca d’affari.

d) Nessuna anticipazione finanziaria, come invece riporta l’articolo del quotidiano economico, e’ stata concessa quest’anno dallo Stato alla Regione, semmai il primo ha provveduto a versare – e con notevole ritardo – (parte delle) somme anticipate dalla Regione per finanziamenti statali.

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com