Sherbeth festival a Cefalù, un mare di gelato, un mare di gente

Grandi numeri a Cefalù per lo Sherbeth Festival. In occasione della sesta edizione, ricca di novità, un folto pubblico ha affollato la cittadina madonita. Dal lungomare al molo nello Sherbeth Village due nuove aree hanno accolto i turisti con gelati, spettacoli e concerti: il molo con gli stand e il circolo dei golosi, dove degustare tranquillamente tutti i gelati in riva al mare, e piazza Cristoforo Colombo, dove oltre a stand e intrattenimento venerdi e sabato la disco music di Mirko Coppola con le ragazze del Billioner di Porto Cervo hanno animato le serate dello Sherbeth. E ogni sera tre palchi nello Sherbeth Village dal 6 al 9 settembre: Tony Carbone (Cabaret), Piepaolo Petta Entojazz Trio, Roberta Gulisano quartet, Frequenze Retrò, Synacria Symphony, Nkantu D’aziz, Bossa Nova quartet, Giovanni Cangialosi (Cabaret), Duo Jazz (Nicolas Vella & Volker Stegmann), Akkura, Manfredi di Liberto (Cabaret), Gaia Biondo Trio, Serio Sisters, Debora Rizzo Trio, Kaiorda, Neon Flux, Lasciate libero lo scarrozzo e Chiara Minaldi quartet.

Ottimo il bilancio della sesta edizione: “è una grande soddisfazione per Iris Communication e tutto lo staff che lavora con noi, vedere Sherbeth crescere sempre più. Quest’anno abbiamo avuto un picco di presenze per oltre 90 mila kg di gelato prodotto, 300 mila coni, 300 mila palettine, 200 mila coppette nei quattro giorni di evento” ha detto Davide Alamia, organizzatore del Festival Internazionale del Gelato Artigianale.

Oltre 40 gusti allo Sherbeth Festival. Tra questi anche quelli per celiaci della gelateria Azzura di Palermo, quello al parmigiano delle terre terremotate della gelateria Gaia Gelato Ecobiologico dell’Emilia Romagna e quello al miele di Libera Terra prodotto in terre confiscate alla mafia.

E con Libera Terra, in occasione del ventennale delle stragi di Falcone e Borsellino, si è parlato di consumo critico, turismo enogastronomico, sviluppo e legalità, alla presenza dei candidati alla presidenza della Regione Sicilia: Rosario Crocetta, Claudio Fava, Gianfranco Miccichè,Nello Musumeci, Massimo Ferro, Davide Giacalone e Giancarlo Cancelleri. A introdurre il dibattito, il maestro gelatiere Antonio Cappadonia, direttore tecnico di Sherbeth che ha sottolineato l’importanza e la qualità dei nostri prodotti, dello sviluppo e della legalità e ha presentato il gelato “miele, gusto della legalità” prodotto con miele coltivato in terre confiscate alla mafia. A precedere il dibattito sono stati gli interventi di Valentina Fiore di Libera Terra e di Lucio Guarino del Consorzio Sviluppo e Legalità con i saluti del Sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina.

Mezzo di destagionalizzazione turistica e meltingpot di varie culture, Sherbeth, si pone, al centro del Mediterraneo, come luogo e momento di celebrazione del Gelato Artigianale e offre a professionisti e curiosi una occasione di confronto e di formazione sulle tematiche del gusto, passando dall’economia al turismo e dalla legislazione alla medicina, coinvolgendo grandi icone del settore e confermandosi Festival di rinomata notorietà nel settore e uno dei Festival più attesi in Sicilia.

Argentina, Canada, Giappone, Germania, Israele, Italia, Marocco e Portogallo con ben 40 gelatieri tra cui i 3 vincitori della selezione popolare effettuata dal 31 agosto al 2 settembre in occasione di Sherbeth Talent Show sul lungomare di Cefalù. Susine di Monreale, pesca di Leonforte e mandorla pizzuta di Avola sono i 3 gusti vincitori che troverete in piazza Duomo nell’I Sherbeth, preparati rispettivamente dai talent di Carpigiani Gelato University Francesca Silvestrini, Pierluigi d’Ambrosio e Giorgio Barassi, vincitori ex equo.

A far da cornice all’evento, artisti e artigiani che hanno esibito il loro talento nel villaggio del gelato e, per la prima volta, aree ludiche per bambini al lungomare e nella villa comunale con artisti di strada e concorsi di disegno.

Oltre 3 mila corsisti ai laboratori di Carpigiani Gelato University sul lungomare che hanno fatto vivere al pubblico un giorno da gelatieri scoprendo gli ingredienti che stanno dentro al gelato artigianale, le sane e saporite proprietà dei sorbetti, le origini e l’evoluzione del “dolce ghiacciato” e le nozioni base per una bilanciatura, mantecazione e conservazione di successo. E sempre sul lungomare, tutto esaurito per i laboratori IFI che ha spiegato agli interessati come aprire una strat up del gelato, segreti e normative per una nuova gelateria di successo.

Domenica il concorso Internazionale Gelato del Mediterraneo “Procopio de’ Coltelli”, giunto alla quarta edizione ha premiato il campano Raffaele Del Verme, Gelateria Di Matteo da Torchiara (SA) con il gusto fichi al cioccolato che ha ottenuto 245 punti. Secondo Santo Musumeci della gelateria Musumeci da Randazzo (CT) con il gusto viva la nonna, la crostata fatta gelato, per 236 punti e terzo Alberto Marchetti da Torino con nocciola del Piemonte che ha ottenuto 232 punti.

Il concorso, dedicato a Francesco Procopio Cutò, maestro gelatiere palermitano che esportò il gelato in Francia aprendo il Cafè Le Procope, conta su una giuria d’eccezione composta da grandi firme e professionisti del settore: Faith Willinger (La Cunina USA), Gina Marques (Rede Globo, Brasile), Silvia Donini (TiGuido, Italia), Emanuela Balestrino (Il gelatiere, Italia), Francesca Ciancio (Gambero Rosso), Sergio Colalucci (campione del mondo della gelateria), Nino Aiello (I Love Sicilia).

Autore: Economia Sicilia

Condividi questo articolo su
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com